Radiatori di riscaldamento in ghisa

Sezioni dell’articolo



In questo articolo: una storia di radiatori in ghisa caratteristiche positive e negative dei radiatori di riscaldamento in ghisa; perché gli svantaggi della ghisa per la maggior parte sono i loro vantaggi; secolo non è un periodo o come le batterie in ghisa competono con successo con batterie bimetalliche e in alluminio; meravigliosi radiatori in stile retrò.

Radiatori di riscaldamento in ghisa

Il freddo arriva nelle nostre case con l’inizio dell’autunno e rimane in esse fino alla tarda primavera. Per combattere il freddo, le persone usavano pelli di animali e fiamme libere di falò, stufe e sistemi di alimentazione di aria calda ramificata, ma non potevano creare il riscaldamento completo dell’abitazione. La soluzione al problema del freddo invernale fu trovata con l’invenzione del riscaldamento dell’acqua e dei radiatori, i migliori dei quali erano realizzati in ghisa. Vediamo se i radiatori per riscaldamento in ghisa sono davvero obsoleti oggi, come affermano i produttori di dispositivi di riscaldamento in alluminio e bimetallici.

Radiatori in ghisa – storia

Singoli sistemi di riscaldamento dell’acqua, in cui circolava acqua calda, riscaldata in caldaie, esistevano più di duemila anni fa nell’antica Roma – uno di questi sistemi fu scoperto dagli archeologi durante gli scavi della città di Efeso. Dopo un migliaio e mezzo di anni, il riscaldamento dell’acqua fu reinventato in Europa, alla fine del 17 ° secolo, le serre e le serre furono riscaldate con esso..

Due secoli fa, i sistemi di riscaldamento, in cui l’acqua che si muoveva attraverso i tubi serviva da portatore di calore, erano percepiti in misura maggiore dai contemporanei: l’efficienza del riscaldamento dell’acqua in assenza di radiatori era piuttosto bassa. Hanno usato bobine di tubi, simili al design di portasciugamani riscaldati, che sono ancora installati nei bagni fino ad oggi..

Il primo radiatore di riscaldamento a pieno titolo nel 1857 fu inventato da Franz Karlovich San Galli, gettandolo dalla ghisa dopo una serie di esperimenti falliti che durarono due anni. Franz San Galli, all’età di 19 anni, si trasferì dalla Polonia alla Russia e si stabilì a San Pietroburgo, dove ebbe presto la fortuna di trovare lavoro presso lo stabilimento di ingegneria dell’ingegnere scozzese Charles Byrd. Dopo aver studiato la complessità della fusione di ferro, Franz decide di acquisire il suo laboratorio, che apre nel 1853 su Ligovsky Prospect. Il laboratorio aveva un negozio che vendeva letti metallici, lavabi e caminetti, nonché tubi per l’acqua in ghisa e bronzo prodotti nel laboratorio di San Galli..

Radiatori di riscaldamento in ghisa Franz Karlovich San Galli al lavoro nel suo ufficio di fabbrica

Tuttavia, l’attività dell’ingegnere intraprendente non andò avanti, la sua attività non fu redditizia. Franz Karlovich è alla ricerca di una via d’uscita da una difficile situazione finanziaria, dedica tutta la sua energia e capacità allo sviluppo di miglioramenti nel campo dei sistemi di riscaldamento dell’acqua calda. E quattro anni dopo aver iniziato la propria attività, crea il primo radiatore riscaldante in ghisa, che chiamò Heizkorper (tradotto in russo – hot box). L’invenzione di San Galli non era come i moderni radiatori in ghisa: era un tubo di grande diametro con sporgenze a forma di disco in cui entrava l’acqua calda. Oltre al design originale, simile ai moderni radiatori per riscaldamento – a proposito, questo nome è stato inventato anche da Franz Karlovich – le sue “scatole calde” non facevano parte dei tubi del sistema di riscaldamento, vale a dire. collegato a loro nei siti di installazione. L’inventore delle batterie di riscaldamento San Galli non ha tenuto segreta la tecnologia della loro produzione e, al contrario, ha condiviso apertamente le informazioni con gli industriali in Europa e negli Stati Uniti.

Radiatori di riscaldamento in ghisa Batteria di riscaldamento nelle serre del palazzo di Tsarskoye Selo

Un fatto interessante: i radiatori in ghisa RETRO, prodotti nella fabbrica Franz Karlovich San Galli all’inizio del XX secolo e sottoposti a numerosi restauri, continuano ora a funzionare correttamente, riscaldando le sale della Cappella della Corte Imperiale, situata a San Pietroburgo.

Pro e contro dei radiatori in ghisa

L’uso massiccio di radiatori per riscaldamento in ghisa dura da oltre 100 anni. A prima vista, le batterie in ghisa avrebbero dovuto diventare obsolete molto tempo fa, ma per qualche motivo ciò non accade. Consideriamo in dettaglio le loro caratteristiche al fine di comprendere le ragioni della costante popolarità..

Qualità del liquido di raffreddamento. Il riscaldamento dell’acqua, che svolge il ruolo di refrigerante nei sistemi di riscaldamento centralizzato, viene effettuato presso il CHP, da dove l’acqua calda viene indirizzata agli oggetti riscaldati lungo molti chilometri di rete di riscaldamento e attraverso i tubi incorporati in essi entra nelle case. Durante l’intero percorso di movimento, la qualità del refrigerante si deteriora solo, non solo viene fornita acqua calda ai dispositivi di riscaldamento, ma un mezzo chimicamente aggressivo che corrode attivamente questi dispositivi dall’interno. Sui radiatori di riscaldamento in ghisa, le caratteristiche del liquido di raffreddamento, nonché il drenaggio stagionale dell’acqua dal sistema, non agiscono in alcun modo: non sono soggetti a corrosione, mentre tutti gli altri tipi di batterie di riscaldamento si arrugginiranno gradualmente dall’interno, creando “sorprese” inaspettate per i proprietari di case all’inizio del riscaldamento le stagioni.

Radiatori di riscaldamento in ghisa

La capacità di trattenere il calore – inerzia. Rispetto alle batterie fatte di altri metalli, quelle in ghisa impiegano più tempo a riscaldarsi, pur avendo la possibilità di emettere calore dopo aver spento la caldaia per un certo periodo di tempo. Tutti gli altri tipi di radiatori per riscaldamento si raffreddano nel giro di pochi minuti dopo l’arresto della circolazione del refrigerante caldo.

Lunga durata. Con la manutenzione periodica, che consiste nel lavaggio dei radiatori in ghisa e, possibilmente, nella sostituzione delle guarnizioni tra le sezioni, dureranno almeno 50 anni.

Tra gli svantaggi dei radiatori in ghisa si trovano spesso la tecnologia obsoleta, l’inerzia termica, il riscaldamento lento della stanza, i requisiti significativi per il volume del liquido di raffreddamento, il peso significativo, l’aspetto poco attraente.

Per quanto riguarda la “tecnologia obsoleta” – nonostante i cambiamenti nei metodi di riscaldamento del refrigerante nel corso dell’ultimo secolo, le sue caratteristiche non sono migliorate, ma solo peggiorate. E dall’ultimo mezzo secolo, i radiatori in ghisa ci hanno servito abbastanza bene, sarebbe sbagliato accusarli di “obsolescenza”. L’unica cosa in cui le batterie in ghisa sono probabilmente obsolete è l’impossibilità di installarle in sistemi di riscaldamento con termostati automatici, perché non sarà possibile raffreddare rapidamente la ghisa. Tuttavia, negli inverni russi molto freddi, le famiglie sono più interessate ad un aumento della temperatura nei locali, e non del tutto al suo abbassamento..

L’inerzia termica delle batterie in ghisa è davvero inerente, ma perché si chiama svantaggio? Nelle case con radiatori bimetallici o in acciaio, la temperatura negli ambienti diminuirà in modo significativo non appena la temperatura del refrigerante diminuisce e la ghisa continuerà a riscaldarsi ulteriormente, il che darà alle famiglie più tempo per risolvere il problema con il refrigerante.

Riscaldamento della stanza lento. Il trasferimento di calore di una sezione di un radiatore in ghisa è di circa 110 W e il trasferimento di calore di una sezione di radiatori in alluminio e bimetallici con le stesse dimensioni e un minore consumo di refrigerante è almeno una volta e mezza maggiore. Tutto è corretto, tuttavia, la differenza nei metodi di riscaldamento dei locali non viene presa in considerazione: aria di convezione per radiatori in alluminio e bimetallici, radiazione per batterie di riscaldamento in ghisa e acciaio. Il fatto è che i radiatori in alluminio e bimetallici non hanno un contatto diretto con la superficie: il refrigerante circola al loro interno e all’esterno sono coperti da un involucro di piastre in alluminio che si riscaldano piuttosto debolmente. Nel frattempo, la radiazione di calore radiante riscalda non molto meglio l’aria, ma oggetti e pareti all’interno della stanza riscaldata, trasformandoli in una sorta di emettitori di calore secondari. Di conseguenza, il riscaldamento lento della stanza, caratteristico dei radiatori in ghisa, è più efficiente del rapido riscaldamento a convezione d’aria dei suoi concorrenti in un involucro di alluminio..

Requisiti per una quantità significativa di liquido di raffreddamento.In effetti, il riempimento di una sezione di una batteria in ghisa richiede circa 0,9 litri di acqua e la capacità di una sezione del radiatore in alluminio è di circa 0,4 litri. Tuttavia, va tenuto presente che le dimensioni dei radiatori di riscaldamento in alluminio sono molto più piccole della ghisa: la differenza nel volume consumato del liquido di raffreddamento è spiegata da questo.

Peso considerevole dei radiatori in ghisa. Una sezione di tale radiatore pesa circa 5-6 kg quando è vuota, ad es. la batteria a sei celle peserà già 30-36 kg. Per il proprietario della casa, il peso significativo delle batterie in ghisa non ha importanza, perché non spetta a lui trasportarle e installarle – soprattutto, la ghisa pesante non è attraente per gli installatori di impianti idraulici.

Splendido radiatore riscaldante in ghisa

Le batterie in ghisa, che sono ben note a ognuno di noi sin dai tempi sovietici, hanno uno, in nessun modo risolvibile, uno svantaggio: sembrano orribili e non si può discutere. Durante importanti riparazioni, accompagnate dalla progettazione di appartamenti e case, i loro proprietari hanno cercato in tutti i modi di nascondere lo squallore in ghisa in nicchie dietro schermi reticolari che riducevano l’efficienza del riscaldamento radiante, perché l’hanno bloccato. L’apparizione sul mercato interno dei radiatori in alluminio e bimetallici importati ha fatto colpo: sembravano semplicemente fantastici e completamente nuovi! E i proprietari di case si precipitarono a cambiare in fretta i loro brutti radiatori riscaldanti …

Radiatori di riscaldamento in ghisa

Quali sono le ragioni per l’aspetto poco attraente dei radiatori domestici in ghisa? Il compito principale per i produttori sovietici di batterie per riscaldamento era molto semplice: creare un dispositivo di riscaldamento economico ed efficiente, senza fronzoli. In realtà, è così che sono comparsi i noti dispositivi di riscaldamento in ghisa, in grado di introdurre dissonanza nel design di qualsiasi stanza. Ma tutti i modelli di radiatori in ghisa sembrano spaventosi?

Più di un secolo fa, l’industriale russo e inventore dei dispositivi di riscaldamento in ghisa Franz Karlovich San Galli ha creato diversi tipi di radiatori e alcuni di loro sembravano un vero capolavoro: non erano solo belli, erano fantastici! E se i moderni radiatori in alluminio sono adatti solo per alcuni stili di design vicini al moderno, i radiatori di riscaldamento in stile retrò adorneranno le stanze decorate in stile classico.

Radiatori di riscaldamento in ghisa

La ghisa artistica ti consente di formare un meraviglioso ornamento sulle superfici dei dispositivi di riscaldamento, mantenuto in un certo tono: può essere barocco, retrò, moderno (art nouveau), classici, motivi orientali in stile giapponese e cinese. Non c’è assolutamente bisogno di nascondere tanta bellezza dietro gli schermi degli schermi, e in termini di caratteristiche operative, come abbiamo scoperto in precedenza, i radiatori in ghisa sono abbastanza in grado di bypassare i moderni dispositivi di riscaldamento.

Radiatori di riscaldamento in ghisa

Il costo dei radiatori in ghisa, sostenuti in un certo stile, ornati e dipinti con vernici di alta qualità, che è abbastanza naturale, non è economico: un’unità a sei sezioni avrà un costo di circa 20.000 rubli. Sul mercato russo ci sono radiatori stilizzati in ghisa con un ornamento convesso in ghisa realizzato in Germania, Francia, Inghilterra, Turchia e Cina, non ci sono produttori nazionali.

A proposito, la pittura professionale e la decorazione di radiatori per riscaldamento in stile RETRO contribuiranno ad aumentare il valore artistico dei normali radiatori in ghisa..

Forse un giorno apparirà un produttore in Russia che padroneggerà la tecnica della fusione di ghisa decorativa e sarà in grado di fornire al mercato domestico radiatori di riscaldamento che non differiscono in termini di estetica e funzionalità dalle loro controparti occidentali …

Valuta questo articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Radiatori di riscaldamento in ghisa
Una casa con le tue mani: come costruire correttamente in inverno