Installazione fai-da-te e installazione di radiatori per riscaldamento

Sezioni dell’articolo



La necessità di installare nuovi radiatori può sorgere non solo durante una grande revisione. La sostituzione delle batterie e l’installazione di tubazioni moderne aumenteranno l’efficienza di riscaldamento anche in un sistema di riscaldamento centralizzato. E puoi installare e collegare il radiatore con le tue mani.

Installazione fai-da-te e installazione di radiatori per riscaldamento

Marcatura per fissaggio

La posizione standard per il radiatore è la parete sotto l’apertura della finestra. Secondo SNiP 3.05.01–85 (p. 3.23), la batteria sul lato del montante non dovrebbe andare oltre il bordo dell’apertura della finestra e la coincidenza dei loro assi non è necessaria. Ma affinché la batteria appaia armoniosa all’interno, deve essere posizionata simmetricamente rispetto all’asse verticale dell’apertura. Pertanto, in primo luogo, questo asse viene eliminato per livello..

Il secondo passo è battere il livello orizzontale della posizione della batteria e garantire l’allineamento quando si collegano i collegamenti ai manicotti.

Installazione fai-da-te e installazione di radiatori per riscaldamento

Ma c’è una caratteristica: i canali orizzontali del radiatore devono essere orientati rigorosamente in base al livello e i tubi del flusso diretto e di ritorno devono avere una leggera pendenza rispetto al flusso del refrigerante. Questi angoli sono necessari per ridurre la forza di resistenza al flusso e per ridurre il rischio di aerare la batteria. Il valore della pendenza è molto piccolo: 5-10 mm per una lunghezza del rivestimento superiore a 50 cm (SNiP 3.05.01–85 p. 3.18) e i tubi del rivestimento in acciaio di lunghezza inferiore a 1,5 m non sono fissati al muro. E se la batteria viene sostituita con riferimento a un cablaggio esistente, ad esempio per un sistema a un tubo con un montante, uno spostamento verso l’alto (o verso il basso) nella posizione può livellare la pendenza dell’alimentazione in avanti (o inversa).

Posizionamento del radiatore di riscaldamento

La stessa posizione dei radiatori deve garantire il rispetto delle seguenti condizioni:

  • distanza dal pavimento – più di 6 cm;
  • distanza dal davanzale della finestra – più di 5 cm;
  • distanza dal muro – più di 2,5 cm.

Caratteristiche dei radiatori di montaggio

I più esigenti per la forza del fissaggio e della base sono i radiatori in ghisa. Oltre al peso del prodotto stesso, ha un ruolo anche il volume interno della sezione. Se il volume della popolare serie di radiatori in ghisa MC-140 può raggiungere quasi 1,5 litri, quindi per un radiatore in alluminio non è superiore a 0,5 litri e per i radiatori bimetallici è ancora inferiore.

Nel calcolare il numero di parentesi, sono guidate dalle disposizioni della clausola 3.25 di SNiP 3.05.01–85 – una parentesi per 1 sq. m della zona di riscaldamento della batteria in ghisa (ma dovrebbero essercene almeno tre). L’area di riscaldamento di una sezione dipende dal suo tipo. Ad esempio, per l’M-140, è di 0,254 sq. m, e per una batteria di 12 sezioni, sono già necessarie quattro staffe.

Montare il radiatore sulla parete

Se la batteria è montata su tre staffe, il modello di montaggio è simile al seguente: due punti in basso, uno al centro in alto. Le quattro staffe sono installate in coppie una sopra l’altra. E la curva della staffa dovrebbe avvolgere intorno al collo del radiatore (la giunzione di due sezioni adiacenti).

Il fissaggio dei radiatori bimetallici e in alluminio segue lo stesso schema della ghisa. E il motivo non è più nel peso della batteria e del liquido di raffreddamento, ma nelle pareti sottili delle guaine in acciaio dei prodotti bimetallici, nella bassa resistenza alle sollecitazioni meccaniche dell’alluminio e nella debole resistenza delle connessioni filettate delle singole sezioni di entrambi i tipi di radiatori. Pertanto, hanno anche bisogno di almeno tre punti di supporto..

Montare il radiatore sulla parete

I radiatori in ghisa sono installati su staffe con tasselli fissati in cemento e pareti in mattoni. Per i radiatori bimetallici e in alluminio, le staffe possono anche essere fissate a pareti in legno.

In altri casi, per l’installazione, è necessario utilizzare due supporti da pavimento con fissaggio alla parete della parte superiore del radiatore. Se il numero di sezioni è superiore a dieci, sono necessari tre supporti.

Supporto per radiatore a pavimento

Tubazioni del radiatore

Lo stesso radiatore sezionale è un “prodotto semilavorato” che non può essere collegato al sistema. Soprattutto se si considera che ha una filettatura destrorsa da un lato e una filettatura sinistrorsa dall’altro. Questa funzione è dettata dal metodo di collegamento di singole sezioni in una batteria attraverso un nipplo, che ha due sezioni con filettature multidirezionali e una guarnizione tra di loro.

Per collegare la batteria al sistema, sono necessari raccordi (manicotti) e spine speciali.

Il set minimo di elementi aggiuntivi per il collegamento di una batteria in ghisa comprende due raccordi e due spine. A seconda delle caratteristiche del sistema di riscaldamento e del lato da cui sono collegati i collegamenti, la filettatura esterna delle spine e dei raccordi può essere sinistra o destra. E il filo interno del futorok ha sempre ragione.

Tappo e piede per radiatore in ghisa

Se la batteria in ghisa deve essere dotata di una gru Mayevsky o di uno sfiato automatico del radiatore, quindi al posto del tappo superiore, viene avvitato un altro cappuccio.

Per i radiatori in alluminio e bimetallici, vengono venduti kit pronti, che consistono di quattro manicotti (in coppia con filettature esterne sinistra e destra), una presa per le dimensioni della filettatura interna del piede e un rubinetto Mayevsky (più una chiave per esso).

Accessori per radiatori in alluminio

Naturalmente, un rubinetto Mayevsky o una presa d’aria automatica sono opzionali, ma consentono di sgonfiare la camera d’aria formata nella batteria.

Un altro elemento di tubazioni raccomandato per la batteria del sistema di riscaldamento centrale sono le valvole a sfera per l’alimentazione e il ritorno. Consentono di riparare o sostituire la batteria senza arrestare il sistema quando appare una perdita al suo interno, nonché di aumentare il numero di sezioni in caso di mancanza di energia termica per riscaldare l’ambiente..

Radiatore in ghisa con valvole a sfera

Per un sistema di riscaldamento autonomo, invece di una valvola a sfera per l’alimentazione, è meglio installare un termostato manuale o automatico.

Rubinetti e termostati sono collegati alla batteria tramite “American” e il modo in cui sono collegati alle tubazioni dipende dal materiale del tubo.

Valvola a sfera con americano

Connessione di rete

Per l’auto-connessione ai tubi di propilene, è necessario disporre di un saldatore speciale.

Esistono due opzioni di connessione:

1. Se la valvola del radiatore è in propilene, il suo tubo di plastica viene collegato saldando direttamente al rivestimento. Quindi l’estremità metallica dell ‘”American” viene avvitata dal rubinetto e avvitata nel piede del radiatore usando un avvolgimento in pasta di lino o un nastro FUM per la tenuta della connessione. Quindi “l’americano” viene nuovamente assemblato e il dado a risvolto viene serrato con una chiave inglese.

Collegamento di un radiatore a un tubo di polipropilene

2. Se la valvola del radiatore è in metallo, viene utilizzato un raccordo rimovibile combinato con una filettatura interna per il collegamento al raccordo in plastica. Secondo il principio di connessione, un simile accoppiamento è simile a un “americano” in metallo, ma il dado a risvolto si trova su un interruttore di estremità in plastica per la saldatura. La parte in plastica del giunto è saldata al tubo di alimentazione attraverso il raccordo di collegamento. La frizione viene smontata, la parte metallica reciproca viene avvitata sul corpo della valvola con un avvolgimento e quindi rimontata, serrando il dado a risvolto con una chiave.

Collegamento di un radiatore a un tubo di polipropilene 1 – “americano”; 2 – valvola a sfera; 3 – accoppiamento diviso combinato; 4 – manicotto di collegamento in polipropilene; 5 – fodera in polipropilene

Quando si effettua il collegamento a una connessione metallica, è necessario innanzitutto collegare una valvola a sfera o un termostato al tubo. Non è necessaria la conoscenza delle capacità di saldatura: la connessione delle valvole al tubo può essere effettuata utilizzando una connessione filettata. Per fare ciò, è necessario tagliare un filo sulla parte tagliata del rivestimento. Questo viene fatto con un klupp. Una serie di teste e mandrini con una o due impugnature è piuttosto costosa, ma è possibile acquistare solo una testa dello stampo di dimensioni specifiche e utilizzare una normale chiave a gas come mandrino con impugnatura. La sequenza di lavoro sarà simile a questa:

  • i tubi del rivestimento vengono tagliati con una smerigliatrice della dimensione desiderata, cercando di garantire che il piano del taglio sia perpendicolare all’asse del tubo;
  • pulire l’estremità del tubo dalla ruggine e fare un piccolo smusso con una lima;
  • il lubrificante viene applicato alla sezione di lavoro del tubo e alle frese klupp;
  • spingere la testa sullo smusso;
  • centrarlo rispetto all’asse del tubo;
  • tenendo la testa con la mano, con l’aiuto di una chiave a gas, inizia a ruotarla in senso orario.

Filettatura del tubo di riscaldamento

Di conseguenza, è necessario ottenere una sezione con una filettatura con una dimensione approssimativamente uguale alla parte lunga di un tergipavimento standard (ad esempio, per un tubo da 3/4 – 45 mm).

Quindi un dado di bloccaggio viene avvitato su questa sezione (per D 3/4 il suo spessore è 9 mm) e un giunto (per DDo 3/4 la sua lunghezza è 36 mm). L’ingresso della valvola a sfera è combinato con la camicia e l’accoppiamento viene spostato dalla camicia alla filettatura del corpo della valvola (ovviamente, usando un avvolgimento di lino o nastro FUM). Quindi un avvolgimento viene avvitato sulla filettatura accanto al giunto e il controdado viene distillato.

Collegamento del radiatore all'impianto di riscaldamento 1 – “americano”; 2 – valvola; 3 – frizione; 4 – controdado; Liner a 5 fili

Importante! La maniglia del rubinetto deve essere sollevata o sporgente dal muro per un facile utilizzo.

Dopo che la valvola di intercettazione (o termostato) è collegata rigidamente ed ermeticamente al rivestimento, viene collegata attraverso “American” all’alloggiamento del radiatore.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy