Radiatori di riscaldamento moderni: alluminio o bimetallico?

Ci preoccupiamo tutti del nostro comfort. “Freddo” e “caldo” in un appartamento non sono concetti astratti per noi, ma una domanda di vita quotidiana. E la soluzione a questo problema dipende non da ultimo dal tipo di radiatori di riscaldamento o semplicemente “batterie” installati nel nostro appartamento. Il mercato odierno del radiatore si distingue per un’ampia varietà di modelli. Questo articolo ha lo scopo di aiutare il consumatore a capire quale radiatore di riscaldamento scegliere.

Quando si sceglie un radiatore, prima di tutto, dobbiamo essere sicuri della sua affidabilità e durata. La batteria è accesa per più di un anno ed è importante per noi sapere che un giorno non perderà e causerà inondazioni dei vicini dal basso. Ma è altrettanto importante capire come questo dispositivo ti servirà. La caratteristica principale di un radiatore è la sua dissipazione del calore. Più alto è questo parametro, migliore sarà il riscaldamento della stanza da parte del dispositivo. I seguenti parametri non influiscono sul funzionamento del dispositivo, ma sono comunque importanti per l’acquisto e l’installazione. È design, peso e prezzo. Il design determina quanto armoniosamente il radiatore si adatterà al tuo interno. Il peso del dispositivo è importante durante il trasporto e l’installazione. E, naturalmente, il prezzo gioca un ruolo importante – tra le altre qualità uguali, dovrai concentrarti su di esso..

Le batterie in ghisa e acciaio sono “economiche e allegre”. Questo è il motivo per cui di solito li mettiamo insieme all’appartamento, il che è spiegato dal loro prezzo basso, che è attraente per lo sviluppatore di alloggi. Tuttavia, le loro carenze, tra cui il trasferimento di calore ridotto, la breve durata e il design imperfetto, hanno portato al fatto che oggi queste batterie sono massicciamente sostituite da dispositivi di nuova generazione.

I radiatori a pannelli in acciaio sono installati principalmente in cottage con sistemi di riscaldamento autonomi. Questi divisori hanno poca forza e l’interazione con il sistema di riscaldamento centralizzato di edifici a più piani è controindicata per loro.
Quando si sceglie tra radiatori in alluminio e bimetallici, è necessario sapere che ognuno di essi ha i suoi vantaggi. Il vantaggio principale dei radiatori in alluminio è il loro elevato trasferimento di calore. Il radiatore in alluminio è realizzato in una speciale lega di alluminio, che ha un’eccellente conducibilità termica e consente di gettare qualsiasi parte complessa.

I radiatori bimetallici sono fatti di due metalli. Al centro di questi dispositivi c’è un telaio fatto di tubi d’acciaio, nascosto da un guscio di alluminio, ed è attraverso questi tubi che “scorre” l’acqua del sistema di riscaldamento.

Il vantaggio dei radiatori bimetallici rispetto a quelli in alluminio è la loro forza. La pressione di esercizio dei radiatori bimetallici raggiunge i 40 atm, mentre la maggior parte dei modelli in alluminio opera a una pressione di 16 atm. Tuttavia, va notato che la pressione nelle reti di riscaldamento urbano non supera gli 8-10 atm. Tenendo conto della loro instabilità, la maggior parte degli esperti concorda sulla necessità di un certo margine di sicurezza per i dispositivi di riscaldamento. La garanzia di un funzionamento affidabile in edifici a più piani è la pressione di esercizio di 14-16 atm..
Tuttavia, i produttori di radiatori hanno recentemente lanciato una “guerra per le atmosfere” sul mercato russo. Poiché le caratteristiche principali dei radiatori in alluminio sono simili, il produttore cerca di dichiarare che il suo radiatore è “il più resistente” e può sopportare una pressione di esercizio più elevata. Su questa ondata, i produttori si sono ricordati del “vecchio dimenticato” – della tecnologia di produzione dei radiatori bimetallici. A rigor di termini, i radiatori bimetallici hanno iniziato a essere prodotti in Europa 60 anni fa. Ma quando fu padroneggiata la tecnologia della saldatura affidabile e semplice della lega di alluminio, che ha dato origine alla produzione di massa e tecnologica di radiatori in alluminio, la produzione di radiatori bimetallici cessò. Oggi, i radiatori bimetallici non sono venduti sul mercato europeo; non possono essere trovati in nessuna fiera dell’Europa occidentale. Ma per il mercato russo “affamato di aria”, i produttori hanno ripreso le consegne di questi radiatori.

Le proprietà negative dei radiatori bimetallici derivano dal loro design – dopo tutto, si basano su un “sandwich” eterogeneo di diversi metalli. L’acciaio e la lega di alluminio hanno diversi coefficienti di dilatazione termica, quindi, quando le temperature cambiano, cambiano le loro dimensioni in modi diversi. E questo nel tempo può portare alla distruzione del legame “alluminio-acciaio” che, oltre a ridurre la resistenza in quest’area, provoca squittimenti durante le fluttuazioni di temperatura. Inoltre, in tali aree di scarso contatto tra il tubo di acciaio e lo strato di alluminio, può verificarsi un surriscaldamento locale, che influisce negativamente anche sulla durata e l’affidabilità del dispositivo. Un altro aspetto è che il contatto di acciaio e alluminio favorisce il verificarsi di corrosione elettrochimica, che accelera la lenta “ruggine” dei tubi di acciaio.

Un altro svantaggio dei radiatori bimetallici è dovuto all’uso di un nucleo in acciaio, che riduce le eccellenti proprietà di conducibilità termica dell’alluminio. Di conseguenza, il trasferimento di calore dei radiatori bimetallici è inferiore fino al 20% rispetto a quello delle controparti in alluminio delle stesse dimensioni. Inoltre, rispetto ai modelli in alluminio, questi tubi hanno un diametro molto più piccolo, il che significa che sono più sensibili alla “crescita eccessiva” e si intasano rapidamente nei sistemi di riscaldamento “sporchi” domestici. La necessità di un “telaio” in acciaio limita i produttori nella progettazione di radiatori e una tecnologia di produzione relativamente complessa porta ad un aumento significativo dei loro costi rispetto ai modelli in alluminio.

E tutto questo è un pagamento per le atmosfere “addizionalmente dichiarate” alla pressione operativa, vale a dire per la riassicurazione, tenendo conto delle reali condizioni operative. Eppure, solo l’esperienza operativa in condizioni russe può aiutare a rispondere alla domanda su quanto sia affidabile un radiatore. A questo proposito, il radiatore Calidor Super prodotto dall’azienda italiana Fondital è il leader indiscusso. L’importatore esclusivo di questi radiatori, il gruppo di società Teploimport, ha iniziato a fornire radiatori Calidor alla CSI e ai paesi baltici 10 anni fa, diventando la prima azienda sul mercato dei radiatori in alluminio. Alcuni anni dopo, il modello Calidor Super modernizzato e rafforzato iniziò ad essere fornito alla Russia e ad altri paesi dell’ex Unione Sovietica. In 10 anni, diversi milioni di questi radiatori sono stati installati in Russia e il loro funzionamento quotidiano impeccabile è la migliore conferma della loro affidabilità..

Un aspetto importante è la reputazione e l’esperienza del produttore. La preoccupazione di Fondital è la più grande produzione mondiale di radiatori in alluminio, che produce un terzo del volume mondiale di questi dispositivi. Trent’anni di esperienza nella produzione di radiatori in alluminio, combinati con le tecnologie più avanzate, hanno creato una produzione di efficienza e qualità uniche. Il processo di fusione delle sezioni del radiatore di Fondital è stato perfezionato per decenni.

La composizione della lega di alluminio è il “know-how” degli specialisti Fondital. Grazie all’uso di una varietà di additivi, è stata raggiunta una resistenza alla corrosione unica. Test condotti nei laboratori domestici hanno dimostrato che i radiatori Calidor Super possono essere utilizzati con una durezza compresa tra 6,5 ​​e 8,5, fattore particolarmente importante per le nostre reti. Altri produttori raccomandano generalmente di attenersi a un valore pH di 7-8. La finitura e l’assemblaggio di sezioni in batterie già pronte viene effettuata su linee completamente automatiche, eliminando il famigerato “fattore umano”. Inoltre, tutti i radiatori Calidor Super sono controllati al 100% dalla qualità. Completa il processo di produzione dipingendo in 2 fasi, che garantiscono un rivestimento duraturo che dura per decenni.

I radiatori Calidor Super offrono prestazioni eccellenti per le reti di riscaldamento domestico. Sezione di trasferimento di calore – 194 W – una delle più alte sul mercato. La pressione di lavoro è di 16 atm e la pressione di prova (alla quale il sistema può essere oppresso) è di 24 atm. garantire un funzionamento affidabile in qualsiasi rete di riscaldamento domestica. I test hanno dimostrato che la pressione alla quale il dispositivo viene distrutto è di 50 atm! I radiatori Calidor Super sono dotati di una garanzia di 10 anni e qualsiasi danno in caso di reclamo in garanzia è coperto da assicurazione. Fornire agli acquirenti tali condizioni conferma la fiducia di Fondital e Teploimport nella qualità dei radiatori Calidor Super. Tutti gli altri vantaggi dei radiatori in alluminio, ovviamente, sono caratteristici di Calidor Super, perché questo marchio è stato un modello e un punto di riferimento per molti altri produttori per molti anni. Design superiore, prestazioni eccellenti, affidabilità e recensioni favorevoli da parte dei consumatori ordinari hanno costituito un’immagine positiva dei radiatori Calidor Super, consentendo loro di rimanere il radiatore in alluminio più popolare sul mercato per molti anni.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy