Finitura GKL: livellamento delle pareti con cartongesso

Sezioni dell’articolo



Esistono diversi modi per allineare i muri. Uno di questi è il livellamento delle pareti con il muro a secco, in cui i fogli di cartongesso sono incollati al muro o fissati al telaio. Diamo un’occhiata alle caratteristiche del muro a secco come materiale di finitura e parliamo del corretto livellamento delle pareti con fogli di cartongesso.

Finitura GKL: livellamento delle pareti con cartongesso

Abbastanza spesso ci sono recensioni di muro a secco come materiale inaffidabile e di breve durata. Tuttavia, la semplicità e l’alta velocità di lavoro con le strutture in cartongesso non sono il loro unico vantaggio, con un’installazione corretta e tecnologica, il muro a secco serve per decenni.

Quali sono le caratteristiche di GCR

È improbabile che qualcuno sostenga che in un numero abbastanza elevato di progetti non esiste alternativa al muro a secco. Di norma, questo vale per gli edifici a più piani, dove esiste una lotta per ogni tonnellata di carico sull’edificio e di tutti i metodi di decorazione interna solo quelli relativi alla riparazione “a secco”..

Uno dei vantaggi di GCR è che sono assolutamente ecologici e ipoallergenici. Contiene solo gesso, materiale naturale e un involucro di carta. Potrebbe esserci della colla sugli involucri finali, ma è così piccola nella massa che può essere trascurata. Ciò non si applica alle schede resistenti al fuoco e all’umidità, le cui proprietà speciali sono date da speciali additivi: idrorepellenti e fibra di vetro.

Finitura GKL: livellamento delle pareti con cartongesso

Un fatto altrettanto importante: il muro a secco aiuta a mantenere un livello ottimale di umidità nella stanza. Le pareti, come si suol dire, respirano assorbendo l’umidità in eccesso e dandole via se necessario.

Tipi di rivestimento

La decorazione murale in cartongesso può essere eseguita in due modi. Chiamiamoli condizionalmente cornice e incolla. I nomi parlano da soli, i criteri per scegliere tra questi due metodi sono meno chiari.

Il sistema di finitura del telaio è davvero universale, è grazie ad esso che all’interno sono presenti rilievi decorativi e geometria sottile delle pareti, soffitti a più livelli, tutti i tipi di nicchie e aperture. Il vantaggio del metodo è che hai una chiara idea della forma del rivestimento anche prima dell’installazione dei fogli, inoltre, i metodi di fissaggio meccanico ispirano maggiore sicurezza. Tra le carenze, forse, possiamo menzionare il costo leggermente superiore dei materiali per il lavoro.

Finitura GKL: livellamento delle pareti con cartongesso

L’incollaggio delle pareti con cartongesso viene utilizzato quando il rinculo lungo l’allineamento delle pareti non supera i 25-30 mm e questo valore può variare a seconda del tipo di colla (i produttori indicano lo spessore massimo della giuntura sulla confezione). Il metodo è buono perché “ruba” molto meno spazio per il rivestimento, perché quando si monta il telaio, anche nel punto zero, il muro a secco consumerà almeno 40 mm.

Finitura GKL: livellamento delle pareti con cartongesso

L’incollaggio non è privo di inconvenienti: la colla di gesso delle catene non è su alcuna superficie e il processo di installazione stesso richiede alcune abilità. Infine, a differenza del metodo wireframe, il rivestimento non può più essere smontato e rifatto, la massima attenzione dovrebbe essere prestata alla posa delle comunicazioni e all’approvazione finale del progetto.

Preparazione al lavoro

Prima di tutto, una stanza destinata alla decorazione è completamente liberata da mobili, materiali da costruzione e oggetti inutili. L’eccezione sono le stanze spaziose con pareti di almeno 8-10 metri, dove ha senso spostare oggetti in un angolo, finendo due pareti in un solo passaggio.

Il secondo punto è la purezza. Le pareti, il soffitto e il pavimento sono accuratamente spazzati, inoltre le pareti sono inumidite con un primer diluito con 10 parti di acqua. Questo è importante perché seguono i segni, che vengono applicati una sola volta. Non dovrebbe essere usurato o indistinto, mentre la linea di taglio stampa bene solo su superfici pulite.

Finitura GKL: livellamento delle pareti con cartongesso

Le linee di base sono tracciate sul pavimento attorno al perimetro della stanza con il rientro desiderato dalle pareti. Nella maggior parte dei casi, si forma un rettangolo, le sue diagonali devono essere allineate. Nelle stanze di una configurazione più complessa, la figura ottenuta nel piano deve essere scomposta in elementi geometrici più semplici e regolata separatamente.

Resta solo da fare scorta degli strumenti e degli accessori necessari.

Per incollare avrai bisogno di:

  1. Scala. Abbastanza alto da toccare il soffitto con il gomito.
  2. Tavolo e piattaforma (“capra”) alti 90-120 cm.
  3. Coppia di secchi di plastica puliti.
  4. Martello perforatore o miscelatore con una frusta di dimensioni adeguate.
  5. Spatole 40, 120, 300 e 450 mm.
  6. Livello rack (metro) e barra-regola (200 mm).

E per la guaina sul telaio:

  1. Stepladder, tavolo, livello.
  2. Martello perforatore con trapano 6 mm.
  3. Cacciavite con PH-3 bit.
  4. Forbici metalliche.
  5. Cutter. Opzionale, ma altamente raccomandato.
  6. Chiodi per tasselli 6×50.

Di fronte al telaio

La linea di marcatura viene rimbalzata con un offset dal punto zero pari alla larghezza del profilo guida (UD, UW, PN, 30 o 50 mm). Usando un filo a piombo o un livello laser, i segni vengono trasferiti al soffitto, quindi le guide pre-tagliate su misura vengono fissate lungo il perimetro superiore e inferiore. Al fine di sigillare il moncone alla parete, il profilo viene pre-incollato con nastro in schiuma di polietilene. Fissaggio con tasselli con un diametro di 6 mm.

Finitura GKL: livellamento delle pareti con cartongesso

Quindi, dal profilo CD, CW o PS, a seconda della marca di guide, è necessario ritagliare i rack, la cui lunghezza dovrebbe essere di 5 mm inferiore alla distanza tra i ripiani interni dei profili fissi. I rack sono inseriti nelle scanalature con un passo di 40 cm e sono fissati con una taglierina (almeno 2 punti) o viti autofilettanti LM11.

Finitura GKL: livellamento delle pareti con cartongesso

Con un passo di 60 cm e con un motivo a scacchiera, le piastre a forma di U sono inchiodate al muro. Sono piegati, fissati agli scaffali laterali del profilo e piegati all’indietro.

Finitura GKL: livellamento delle pareti con cartongesso

Successivamente, i fogli per cartongesso possono essere tagliati e fissati al telaio finito. Sono montati su viti autofilettanti nere lunghe 25 o 35 mm con un passo di 15-20 cm La maggior parte dei progetti prevede un rivestimento murale a due strati, il secondo strato è fissato con viti autofilettanti più lunghe. Per semplificare, segna il pavimento e il soffitto in cui sono installati i montanti del telaio verticale.

Finitura GKL: livellamento delle pareti con cartongesso

Incollare pareti con cartongesso

Un adesivo deve essere selezionato separatamente per ogni tipo di muro. Il muro è innescato fino a quando non smette di assorbire l’umidità. I consigli sul metodo di miscelazione della colla sono meglio specificati sulla confezione, ma un paio di regole rimangono le stesse:

  1. In primo luogo, versare acqua nel secchio, quindi aggiungere la miscela.
  2. Dopo la miscelazione, la composizione deve essere lasciata riposare per 3-5 minuti, quindi mescolare nuovamente.
  3. La densità della miscela deve essere portata in modo tale da non drenare dal muro da sola sotto il suo stesso peso. Successivamente è necessario aggiungere altri 100-150 ml di acqua e mescolare.

Finitura GKL: livellamento delle pareti con cartongesso

La colla viene applicata alla parete in modo puntuale, a scacchiera con un gradino orizzontale e verticale di 60 cm. Lo spessore dei dossi della colla dovrebbe essere 2–2,5 volte lo strato previsto, quindi la colla verrà schiacciata in un ampio “tacco” e aderirà meglio alle superfici.

Finitura GKL: livellamento delle pareti con cartongesso

Devi solo applicare la colla per un foglio alla volta, attendere 5-7 minuti per iniziare l’attivazione, quindi collegare il foglio, allineandolo con la linea sul pavimento. Il foglio viene premuto contro la colla applicata e fortemente premuto verso il basso dal binario o livello. Innanzitutto, il muro a secco è allineato lungo la linea di marcatura, quindi su un piano verticale e solo successivamente rispetto ad altri fogli. Dopo aver installato il foglio, rimangono circa 15 minuti per allineare il foglio, quindi una parete deve essere finita continuamente.

Finitura GKL: livellamento delle pareti con cartongesso

In conclusione, puoi dare una preziosa raccomandazione: inizia a finire con la stanza più piccola, fai pratica, confronta il comportamento della colla in ogni lotto e impara come prepararla correttamente. Aumentando gradualmente la scala del lavoro, riempirai sicuramente la tua mano e rivelerai il pieno potenziale di livellare le pareti con il muro a secco.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy