Isolamento acustico di pareti e pareti in cartongesso

Sezioni dell’articolo



Sebbene le pareti divisorie in cartongesso offrano la massima libertà nella pianificazione dei locali, presentano un importante svantaggio: impediscono scarsamente la propagazione dei suoni. Per eliminare tale difetto, ci rivolgiamo agli album di soluzioni tecniche e studiamo come costruire correttamente partizioni non capitali con un buon isolamento acustico..

Isolamento acustico di pareti e pareti in cartongesso

Quali tipi di partizioni esistono

Non ci sono così tanti produttori di sistemi di cartongesso al mondo, almeno di dimensioni come Knauf e Gyproc, così come Lafarge e USG, che sono poco conosciuti dai consumatori domestici, sebbene abbiano conquistato il mercato nordamericano del muro a secco. Tutti questi giganti del settore edile possono essere giustamente considerati portatori di tecnologia autentica che sono riusciti a mantenere i suoi punti di forza e offrire nuovi vantaggi. In particolare, una tale malattia infantile delle pareti divisorie del muro a secco come l’elevata permeabilità al rumore è quasi completamente guarita..

Pareti e pareti divisorie in cartongesso

Nella classificazione delle partizioni, le caratteristiche principali sono la larghezza del profilo del cuscinetto, la sua fila e densità, lo spessore e il numero di strati di guaina, nonché la presenza di speciali strati protettivi, divisori e vari tipi di riempitivi. Dal punto di vista dell’isolamento acustico, si possono distinguere due tipi di differenze tra le partizioni: quelle previste dal progetto e quelle derivanti dalla tecnologia del lavoro.

Tra le sfumature puramente strutturali, si possono distinguere due principali: la configurazione del telaio di supporto e la composizione della torta di rivestimento. Anche il tipo di stucco utilizzato, l’ordine di posa dei fogli, il layout degli elementi di fissaggio e, in generale, tutto ciò che viene visualizzato sugli schizzi degli album tecnici svolgono un ruolo. Quasi tutti i produttori forniscono una serie di documenti di lavoro in cui sono raccomandati diversi tipi di pareti divisorie e rivestimenti, compresi quelli progettati per un efficace smorzamento del rumore. Le soluzioni utilizzate più frequentemente sono il posizionamento remoto a doppia fila di profili, due o tre strati di guaina, l’uso di fascette flessibili in giunti critici o profili termici nella cassa, il dispositivo di strati di smorzamento e guarnizioni.

Nastro autoadesivo insonorizzanteNastro autoadesivo insonorizzante

Dal punto di vista del processo di installazione, le differenze sono meno evidenti, ma determinano anche la trasmissione del suono delle partizioni. Parliamo qui in generale delle qualifiche professionali e del rispetto delle norme per la fase di fissaggio, degli schemi di legatura per le piastre, del metodo di fissaggio del telaio di supporto alle basi. In particolare, un installatore esperto provvederà sempre alla posa di una striscia di tenuta tra il profilo e la parete, assicurandosi che l’isolamento sia posato saldamente e uniformemente. Durante l’installazione, viene prestata particolare attenzione alla sigillatura dei giunti, alla formazione di aperture e al rispetto di tutte le lacune tecnologiche previste nelle istruzioni di montaggio.

Le sfumature del montaggio del telaio di supporto

L’assorbimento del rumore strutturale e in parte dovuto all’aria dipende dalla corretta configurazione e assemblaggio del telaio. I metodi che contribuiscono alla loro eliminazione seguono il principio generale di prevenzione della propagazione delle vibrazioni e della loro trasmissione alle parti adiacenti della struttura. Un ruolo importante è svolto dallo spessore complessivo e dalla voluminosità della partizione.

Sospensione vibrante per muro a seccoSospensione vibrante per muro a secco

Ad esempio, se si fa riferimento alla documentazione di Knauf, nella loro classificazione, le singole serie di partizioni con un coefficiente di assorbimento del rumore superiore a 55 dB hanno le qualità richieste, il che è abbastanza per la maggior parte dei locali residenziali. Secondo la tabella 10 dell’album “KNAUF complete systems. Partizioni … “si tratta di campioni della serie C112 con un maggiore spessore dell’isolamento, nonché dell’intera serie di C113, C115 e C116. Per le prime due versioni del design, la protezione dal rumore viene realizzata mediante l’uso di un profilo più grande e un aumento dello strato di riempimento, in altre versioni vengono offerti sistemi di telaio con una disposizione a due file di profili, fissati:

  • direttamente tra loro attraverso la guarnizione;
  • ponticelli da cartongesso;
  • utilizzando collegamenti flessibili.

Rondelle antivibrantiUtilizzo di rondelle antivibranti per il fissaggio del profilo

USG ha un intero catalogo dedicato al tema delle barriere acustiche chiamato USG Acoustical Assembly. Offre una gamma più ampia di tecniche, ad esempio l’inclusione di strati di smorzamento, profili intermedi speciali, rivestimenti scanalati e una vasta gamma di altri accessori nel rivestimento. Sfortunatamente, è impossibile implementare la maggior parte delle soluzioni proposte nelle realtà locali a causa della mancanza dei materiali necessari in vendita; tuttavia, alcuni aspetti tecnici possono essere adottati. Quindi, tecniche abbastanza reali possono essere l’uso di rondelle ammortizzanti quando si collega il profilo guida, la divisione acustica del telaio in un sistema di supporto a due file, un aumento del passo dei montanti e il corretto posizionamento delle aperture.

Selezione e installazione del riempitivo

Tradizionalmente, la lana minerale viene utilizzata come riempitivo per le partizioni non capitali. Questo materiale soddisfa pienamente i requisiti, fornisce la suddivisione in zone climatiche, ma soprattutto, funge da assorbitore di vibrazioni meccaniche grazie alla sua struttura sciolta ed elastica..

Lastre minerali

In generale, ci sono alcuni trucchi per l’utilizzo della lana minerale. Prima di tutto, devi decidere quale densità dovrebbe essere il riempitivo. Negli album tecnici, questo indicatore non è regolato direttamente, tuttavia, si possono trarre alcune conclusioni dal fatto che la maggior parte dei produttori posiziona lana di cotone con una densità di 15 kg / m come riempitivo per pareti non capitali3. In pratica, questo chiaramente non è abbastanza, l’isolamento con una densità di 40-60 kg / m è adatto per il normale isolamento acustico3. È importante effettuare una prenotazione qui: ciò che conta è la densità finale del batuffolo di cotone, ovvero il grado di compattazione a cui rimarrà dopo il completamento dell’installazione.

Il riempimento della partizione svolge normalmente la funzione di assorbimento acustico solo quando è compresso. Ciò gli consente di riempire l’intero spazio all’interno del telaio, entrare in contatto con i suoi elementi e il rivestimento il più strettamente possibile al fine di assorbire efficacemente le vibrazioni meccaniche e dissiparle. In questo caso, un batuffolo di cotone eccessivamente denso assorbirà le vibrazioni, trasferendole agli elementi strutturali più vicini. Quindi, in questa materia, la comprensione della media aurea è particolarmente importante..

Pareti in cartongesso insonorizzate con lana minerale

L’isolamento viene posato dopo che un lato della partizione è rivestito e le comunicazioni sono state posate. L’isolamento deve essere installato in un distanziatore, ovvero il passo delle partizioni deve essere regolato in anticipo in modo che la distanza tra i montanti sia inferiore di 1,5–2 cm rispetto alla larghezza del rotolo. Questo è un compito abbastanza semplice, dato che le tolleranze necessarie sono spesso stabilite nelle dimensioni dell’isolamento, è sufficiente accertarsene. Prima di posare l’isolante, viene allungato un po ‘sul piano del tappetino o arrotolato per fluffarlo, quindi viene inserito nella cavità di un profilo e tirato un po’, premendolo contro il ripiano esterno di quello opposto. Tutti gli spazi negli angoli e le cuciture devono essere riempiti di scarti, ma senza fanatismo, cioè non sigillare eccessivamente la lana di cotone. Successivamente, un film isolante viene incollato al profilo, impedendo il soffiaggio di particelle di riempitivo nella stanza, quindi l’installazione dell’involucro è completata.

Applicazione di smorzatori e materiali riflettenti

I professionisti hanno un atteggiamento ambivalente nei confronti di tutti i tipi di materiali che fungono da barriera acustica. Alcuni maestri hanno imparato ad applicarli correttamente e appropriatamente, altri li trascurano completamente o, al contrario, attribuiscono proprietà troppo eccezionali. Per comprendere la funzione degli strati di separazione, è necessario fare una piccola escursione nella fisica delle vibrazioni meccaniche..

In generale, la propagazione del rumore tra due stanze separate da una partizione sigillata si verifica per due motivi. Da un lato, la copertura della partizione rivolta verso la sorgente sonora può rifletterla male, cioè assorbe la maggior parte dell’energia di vibrazione, trasferendola ulteriormente nelle profondità della torta. D’altra parte, l’isolamento acustico può essere deteriorato dal fatto che la partizione stessa è troppo densa, cioè quando la vibrazione viene trasmessa tra gli elementi, non viene smorzata e diffusa. Come molti hanno già intuito, la lana minerale funge anche da separatore acustico, ma questo è l’ostacolo principale alla propagazione del suono, mentre potrebbero essercene altri:

  1. Cartone ondulato multistrato. La sua struttura cellulare è buona per smorzare le vibrazioni, mentre il materiale è piuttosto denso e ti consente di alternare uniformemente tra gli strati della pelle e la serranda.
  2. Gomma espansa e schiuma di polietilene. Questi materiali sono caratterizzati da porosità e resilienza, contribuiscono anche a smorzare il rumore aereo, ma di solito vengono utilizzati sotto lo strato esterno del muro a secco.
  3. Tutti i tipi di membrane acustiche, pellicole e tele non tessute. Principalmente vengono utilizzati al confine di materiali diversi o per ridurre l’area di contatto. Quando si installano le partizioni, ha senso posare nastri e membrane non tessuti tra il profilo e la pelle..
  4. Piastre di diffusione con una caratteristica geometria della superficie frastagliata. Questi materiali impediscono a una barriera densa che ha assorbito il rumore di diffonderlo dalla parte posteriore. Tali materiali possono essere utilizzati in combinazione con uno stucco a bassa densità, sono incollati al lato sciccoso della guaina negli intervalli tra i montanti.

Utilizzo di una membrana acustica per l'insonorizzazione di una parete in cartongessoUn esempio dell’uso di una membrana acustica per l’insonorizzazione di una parete in cartongesso

In generale, il funzionamento degli strati acustici è abbastanza trasparente. Grazie alla loro inclusione nella pelle, si ottiene un tale effetto che lo strato esterno riflette bene il rumore, trasmettendo un minimo di vibrazioni all’interno della partizione, che possono essere efficacemente assorbite dal riempitivo e dal retro della pelle. Per fare ciò, è necessario seguire l’ordine di installazione e utilizzare lo schema di montaggio corretto..

Regole di placcatura

Quando si formano partizioni insonorizzate, vengono utilizzati due tipi di muro a secco. Il primo è un foglio standard con uno spessore di 16 mm, il materiale principale per la costruzione di piani verticali non capitali. Il secondo tipo è il muro a secco acustico, che ha una rete di punti in rilievo o perforazione. L’essenza del lavoro di un tale materiale è quella di creare un ambiente disomogeneo in cui le vibrazioni meccaniche si propagano peggio, nonché di ridurre l’area di contatto tra gli strati della pelle.

Muro a secco acustico (perforato)Muro a secco acustico (perforato)

Si ritiene che la guaina delle pareti divisorie in cartongesso con un buon isolamento acustico debba essere necessariamente multistrato. Tuttavia, questa regola non riflette l’essenza, perché semplicemente aumentare lo spessore del guscio non è sufficiente per prevenire la penetrazione del rumore. Condivideremo una ricetta universale che ha mostrato buoni risultati in pratica..

Insonorizzazione di un muro in un appartamento

Il primo strato di muro a secco viene cucito ai profili con un gradino di circa 20 cm, mentre la guaina deve essere separata dal telaio con un nastro elastico, ad esempio in polietilene espanso. Successivamente, uno strato di gommapiuma fino a 10 mm di spessore viene fissato al piano formato con colla PVA. I giunti tra le tele del separatore devono essere posizionati orizzontalmente o lungo la linea dei profili. Il secondo strato di cartongesso è cucito in modo che non sia attaccato al sistema di supporto, ma allo strato interno del muro a secco nello spazio tra i rack. Tipicamente, il supporto è costituito da due file verticali di viti autofilettanti a scacchiera a una distanza di 15-20 cm l’una dall’altra. È importante osservare due regole: la quantità totale di elementi di fissaggio per il secondo strato deve essere doppia rispetto a quando si collega lo strato interno al telaio, la distanza degli elementi di fissaggio del secondo strato dai profili del rack deve essere mantenuta almeno 150 mm.

Rivestimento in cartongesso multistrato

Se lo si desidera, il concetto può essere sviluppato placcando in tre strati di materiale base con due distanziatori. Qui, è meglio usare il cartone ondulato come smorzatore sotto lo strato esterno: è più denso e riflette meglio il rumore. Altrimenti, le regole per eseguire la placcatura sono all’ordine del giorno: mantenere una forza di serraggio uguale, viti autofilettanti incassate con cura e corretta sigillatura delle cuciture per garantire la tenuta, che eliminerà i percorsi dell’aria di propagazione del suono.

Raccomandazioni generali

Le misure descritte non dovrebbero mai essere ridondanti. L’isolamento dai suoni estranei negli alloggi è molto importante per una vita confortevole, ma se esageri su questo problema, puoi condannarti a costi irragionevoli e alla perdita di spazio utilizzabile. Pertanto, è necessario comprendere che sulla parete divisoria tra cucina e soggiorno sono imposti requisiti diversi rispetto alla parete divisoria che separa il bagno o la stanza dei bambini..

Il problema dell’isolamento acustico di alta qualità non è solo tecnico, molto dipende dal layout corretto, prevedendo i carichi di rumore determinando le fonti e i percorsi dei suoni estranei. Molto dipende anche dai materiali di finitura. Per le pareti divisorie in cartongesso, realizzate secondo schemi di album tecnici, si consiglia la pittura e la carta da parati, mentre il rivestimento con piastrelle forza l’uso di elementi di fissaggio a cerniera, aumenta il numero di strati e utilizza le capacità dei materiali smorzatori.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy