Agricoltura biologica: impianto intensivo

Sezioni dell’articolo



Il rifiuto dalla profonda coltivazione della terra, dall’uso di fertilizzanti minerali e pesticidi a volte provoca un sorriso scettico sui volti di alcuni giardinieri. In effetti, è facile stigmatizzare una pala e un aratro, rifiutare i servizi chimici. Ma dove sono le garanzie che i buoni frutti cresceranno in giardino e i parassiti condivideranno il raccolto con noi?.

Agricoltura biologica: impianto intensivo

Negli articoli precedenti “L’agricoltura biologica: le caratteristiche principali”, “La falciatrice anziché un coltivatore”, “Smetti di distruggere la terra scavando e diserbando”, abbiamo scoperto che i principi fondamentali dell’agricoltura naturale sono: un rifiuto completo della lavorazione profonda e il rispetto per la terra, nonché il rifiuto dall’uso di sostanze chimiche durante la coltivazione di frutta e verdura. Oggi parleremo di impianto intensivo, che molti agronomi considerano il principio più importante e fondamentale dell’agricoltura biologica..

Se provi a costruire una fila dei principali nemici del giardino, l’aratura, la terra nuda e la monocoltura saranno i primi posti. E se l’agricoltore sa in prima persona cos’è una piantagione intensiva di piante, allora sia la pala che la chimica possono essere abbandonate senza dubbio.

Nella maggior parte dei casi, una particolare coltura affitta un letto da giardino per l’intera stagione e, prima della semina e dopo la raccolta, la terra rimane scoperta. Tuttavia, come abbiamo già scoperto, ciò influisce negativamente sulla fertilità del suolo, quindi la “staffetta” nel coltivare piante diverse sullo stesso letto suggerisce se stessa. Ad esempio, all’inizio della primavera, puoi piantare qualsiasi raccolto resistente al gelo, quindi un raccolto amante del calore al suo posto e, dopo la raccolta, il letto del giardino può essere preso per qualcosa di precoce o tecnologico. Pertanto, la terra sarà coperta per tutta la stagione e la vita degli abitanti del suolo diventerà più confortevole. Ciò contribuirà ad aumentare lo strato di humus e quindi a migliorare la salute del suolo e aumentarne la fertilità..

Agricoltura biologica: impianto intensivo

È meglio rendere proattivo il passaggio del testimone. Cioè, la coltura media deve essere piantata quando la coltura precoce non è ancora stata completamente raccolta e la coltura tardiva deve essere seminata quando la coltura media sta ancora dando frutti. Ad esempio, cipolle su verdure, peperoni e ravanelli vanno d’accordo sullo stesso letto. Le cipolle possono essere lasciate nel terreno fino a quando il pepe non è sopravvissuto allo stress del reimpianto e il ravanello può essere un meraviglioso sottopelo per un pepe fruttifero. Esistono moltissime combinazioni del genere, ma non tutte le piante vanno d’accordo l’una con l’altra. La semina intensiva deve essere affrontata attentamente e seguita da diversi principi di base che garantiranno raccolti elevati..

Regole di base per la semina intensiva

Prima di tutto, devi assicurarti che le zone di nutrizione delle piante siano separate. Ciò può essere ottenuto se le colture con radici di diversa profondità sono vicine nel giardino. Un esempio lampante di tale convivenza sono le carote con un nucleo profondo e le cipolle con una piccola radice fibrosa..

La luce è un altro fattore importante per la semina intensiva. È necessario combinare piante di diverse altezze in modo che ognuna di esse abbia l’opportunità di ricevere una quantità sufficiente di luce solare. Qui, ad esempio, puoi dare una combinazione di cetrioli con cosmo. Le ciglia di cetriolo in questo caso ricevono un buon supporto e una leggera sfumatura utile per loro..

Agricoltura biologica: impianto intensivo

Quando si scelgono i vicini nel giardino, è necessario tenere conto dei metodi agrotecnici speciali quando si coltiva una determinata coltura. Puoi piantare carote e cipolle accanto a loro, cresceranno alla grande insieme, ma è tempo di raccogliere. Le cipolle vengono scavate molto prima, il che può portare a notevoli inconvenienti. Il cavolo si sente bene accanto alle cipolle, ma trarrà beneficio dall’astenersi dall’irrigazione, che è utile prima di raccogliere le cipolle.

Un altro punto importante che deve essere preso in considerazione quando si piantano intensamente le piante è il concetto di allelopatia, di cui vorrei parlare separatamente..

Allelopatia: compatibilità delle colture in giardino

Per tutta la vita (dallo sviluppo del seme alla formazione di residui in decomposizione), ogni pianta rilascia costantemente varie sostanze biologicamente attive nell’ambiente, creando una sfera biochimica protettiva attorno a sé.

Agricoltura biologica: impianto intensivo

I giardinieri, che sono premurosi e attenti al processo di crescita, notano spesso che colture diverse che crescono nelle vicinanze si influenzano a vicenda in modi diversi. Una pianta può opprimerne un’altra, o viceversa, avere un effetto benefico e contribuire alla crescita e alla maturazione dei frutti. Gli scienziati si sono interessati a questo fenomeno e nel processo di ricerca scientifica si è scoperto che le culture si influenzano a vicenda in diversi modi:

  • attraverso le secrezioni radicali;
  • diffusione di varie sostanze fisiologicamente attive da foglie o steli;
  • formando tossine durante la decomposizione dei residui vegetali.

Sulla base di questi studi, una tale sottosezione nello studio delle piante appariva allelopatia. Nella scienza agrotecnica, questo termine è inteso come l’effetto di una pianta su un’altra da parte di ciascuna di esse che rilascia sostanze speciali (antibiotici, coline, fitoncidi, altri enzimi) che influenzano la vita del giardino. Le sostanze secrete dalle piante possono colpire i vicini in qualsiasi fase dello sviluppo, che si tratti di germinazione dei semi, fioritura o fruttificazione.

In natura, non vi sono praticamente piante nelle secrezioni di cui non vi sarebbero sostanze tossiche e un terzo di tutte le specie è in grado di produrre tossine sufficientemente forti. Tuttavia, va notato che in molti casi l’allelopatia non è negativa, ma positiva, il che contribuisce a una migliore crescita della cultura vicina. Alcune sostanze secrete dalle piante sono in grado di proteggere i “coinquilini” da malattie e parassiti, aumentare i raccolti e migliorare il gusto dei frutti. Ed è proprio su queste proprietà allelopatiche delle colture che si basa la semina intensiva di piante nell’agricoltura biologica.

Agricoltura biologica: impianto intensivo

Sfortunatamente, non esistono regole rigide e veloci per valutare quanto bene vivono le diverse culture. In questo caso, l’atteggiamento premuroso e l’esperienza di vita possono aiutare. Ad esempio, è stato a lungo notato che la zucca va d’accordo con mais, cipolle con carote, cetrioli con fagioli e piselli, pomodori con ravanelli, aglio e barbabietole e così via. La compatibilità della maggior parte delle colture è descritta in modo molto accurato e dettagliato nei libri di tali famosi agronomi che aderiscono ai principi dell’agricoltura biologica, come Nikolai Kurdyumov, Natalya Zhirmunskaya, Boris Bublik.

Prima di sistemare piante di diverse specie sullo stesso letto del giardino, è necessario capire quale effetto avranno l’uno sull’altro. Quando si creano comunità vegetali, è necessario combinare culture che si aiutano a vicenda ed evitare di piantare oppressori insieme.

Principali vantaggi della semina intensiva

In natura, non ci sono grandi macchie piantate con un solo raccolto, come i campi di patate. Nei nostri giardini, nella maggior parte dei casi, invece della lussureggiante diversità naturale, c’è un predominio di patch e strisce monoculturali. E quindi, secondo la maggior parte dei giardinieri-organisti, e tutti i nostri problemi, che possono essere risolti piantando intensamente piante. Scopriamo quali bonus riceveranno gli agricoltori applicando questo principio di base nella pratica..

Autodifesa delle piante

Come sapete, i parassiti trovano principalmente il loro cibo dall’olfatto. Una pallina di cavolo, ad esempio, vola sempre per l’odore dell’olio di senape prodotto dalle colture crocifere. In una piantagione di piante abbinabile, ci sono alcuni modi efficaci per proteggere dagli insetti dannosi, il principale dei quali è la repulsione degli odori. Nelle cipolle con carote, questo accade su base reciproca, in altre piante vicine – unilateralmente. Il profumo di un pomodoro non può essere tollerato dalla mosca del cavolo e l’aroma del basilico non è affatto gradito al verme cornuto, che ama così tanto mangiare pomodori e mais. Alcune piante possono fornire eccellenti mimetismi e confondere i parassiti. Ad esempio, le calendule proteggono con successo il cavolo dai bruchi.

Agricoltura biologica: impianto intensivo

A volte le piante fungono da trappole. Le calendule e la segale attirano i nematodi, ma non possono riprodursi nelle loro radici. Molte piante attirano insetti predatori benefici nel giardino, che mangiano parassiti, riducendo il loro numero.

La piantagione intensiva di piante è in grado di simulare la diversità e l’equilibrio ecologico che esiste in natura. Allo stesso tempo, i vicini nel giardino si proteggono dalle malattie e dai parassiti, tutto è incluso nel lavoro: fiori, erbe, colture tecnologiche e persino erbacce.

Materiale composto da biomassa e pacciame

Il principio dell’agricoltura biologica, come la piantagione intensiva di piante, consente all’agricoltore di abbandonare quasi completamente l ‘”importazione” di fertilizzanti. Grazie alla piantagione intensiva, tutti i componenti necessari per la preparazione del compost possono essere coltivati ​​direttamente nel giardino, che, come sai, è un fertilizzante prezioso che migliora la struttura e la fertilità del terreno, protegge le piante dalle malattie.

Il metodo di impianto intensivo fornirà anche al giardiniere la parte del leone di materiali organici per pacciamatura. I vantaggi sono evidenti. Il pacciame importato deve essere falciato, trasferito o trasportato e distribuito sui letti. E per questo, vedi, ci vuole tempo e fatica..

Agricoltura biologica: impianto intensivo

Cresciuto proprio nel giardino, il pacciame non ha bisogno di falciare, trasportare o stendere – realizzerà in modo completamente indipendente la sua missione di strutturare il terreno e aumentare lo strato di humus. Il “pacciame vivo” creato a seguito di una piantagione intensiva libera una persona non solo dalla seccatura di essa, ma anche da molte preoccupazioni per le colture che crescono sotto la sua protezione.

Alternativa all’irrigazione

La piantagione intensiva di piante riduce drasticamente la necessità di annaffiare e in alcuni casi ti consente di abbandonarli completamente. Ciò può essere spiegato dal fatto che il suolo ricco di organici trattiene molta più umidità rispetto al terreno pulito e nudo. Il pacciame vivo riduce l’evaporazione e favorisce un’intensa formazione di rugiada. Con la semina intensiva, l’umidità richiesta nella zona della radice può essere mantenuta per settimane senza irrigazione.

Non è un segreto che l’irrigazione richiede molto tempo, sforzi e denaro, per non parlare di una costante fonte d’acqua. La piantagione intensiva di piante, anche nel periodo più secco, mantiene sufficiente umidità del suolo, proteggendola dal surriscaldamento e dall’essiccazione.

Miglioramento della struttura del suolo e del controllo delle infestanti

Le radici di tutte le piante che vivono nel giardino, nel processo della vita, allentano costantemente il terreno. E questa importantissima funzione del principio della semina intensiva consente di abbandonare completamente la lavorazione del terreno..

Più abbondante è la vegetazione, più morbido e arioso diventa il terreno. Durante la decomposizione, numerose radici arricchiscono la terra di materia organica, lasciando dietro di sé molti canali attraverso i quali l’aria e l’umidità penetrano in profondità nel terreno. I resti di radici sono un alimento eccellente per tutti gli abitanti del suolo, il che contribuisce ad aumentare la loro popolazione e, di conseguenza, porta ad un aumento della fertilità del tuo sito.

Agricoltura biologica: impianto intensivo

La piantagione intensiva di piante consente in alcuni casi di controllare le erbe infestanti. Probabilmente, molti hanno prestato attenzione a quanto sia pulita la terra dopo che la segale è cresciuta su di essa. Questa pianta avvelena tutti i vicini con le sue secrezioni radicali. La senape bianca, l’avena, il grano saraceno e l’orzo sono anche buoni per pulire il terreno..

Un letto intensamente piantato crea sempre competizione tra le piante, a causa della quale anche le erbacce possono soffrire. In questo caso, stiamo parlando della loro oppressione e la piantagione intensiva di piante svolge qui un ruolo che non è affatto episodico..

Prendersi cura dell’ambiente

Il rispetto della terra, la conservazione e la valorizzazione della sua fertilità sono in prima linea in tutti i principi dell’agricoltura biologica. La semina intensiva aiuta a mantenere il terreno dall’erosione e dalle tempeste di polvere. Riparata tutto l’anno e legata dalle radici, la terra è protetta dagli agenti atmosferici e dal dilavamento, non ha paura del gelo in inverno e del sole cocente in estate. In una tale terra pullula semplicemente di vari organismi utili che la rendono “viva” e fertile. La piantagione intensiva aiuta a ripristinare l’equilibrio ecologico, che aiuta a proteggere il tuo giardino da parassiti e malattie.

Nelle aree in cui viene applicato il principio della semina intensiva, non vedrai mai un’immagine noiosa di buca nera. I letti qui, sia in primavera che in autunno, luccicano con tutte le sfumature del verde; non grigie macchie scongelate, ma piantine di smeraldo di segale e grano, sbirciano dalle finestre di febbraio-marzo da sotto la neve. Non è necessario parlare dell’estate. In questo momento, sostituendosi a vicenda, tutti i tipi di fiori decorano il sito. Tale bellezza migliora l’umore, aggiunge energia e salute. Avendo padroneggiato il principio della piantagione intensiva di piante, non solo puoi migliorare la fertilità e la struttura del sito, non solo coltivare un raccolto ricco ecologicamente pulito, ma anche risparmiare significativamente tempo ed energia e ottenere un piacere incomparabile lavorando nel giardino.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy