Pavimenti autolivellanti: caratteristiche, calcolo e consumo di materiali

Sezioni dell’articolo



Il principale aiuto nella preparazione di una base perfettamente piana per la posa di pavimenti è il composto autolivellante. Per eseguire autonomamente il getto, è necessario studiare in dettaglio le caratteristiche della miscela e calcolare correttamente il consumo di materiale.

Pavimenti autolivellanti: caratteristiche, calcolo e consumo di materiali

E se la superficie del pavimento fosse irregolare? Oggi, la soluzione più ottimale a questo problema è utilizzare una miscela autolivellante. Questo metodo ha guadagnato popolarità grazie alla sua disponibilità, relativa semplicità nel dispositivo e alta resistenza della superficie risultante. Inoltre, dopo il getto, non ci sono cuciture tecnologiche sul pavimento: la superficie è perfettamente piatta, anche se il lavoro viene eseguito in più stanze adiacenti contemporaneamente.

Cos’è una miscela autolivellante

Il concetto di una miscela autolivellante dovrebbe essere inteso come una composizione speciale della miscela di costruzione, che viene applicata al pavimento con uno strato di un certo spessore sotto forma di soluzione liquida. Questo materiale è una moderna alternativa alle tradizionali soluzioni spesse, che sono difficili da distribuire uniformemente e quindi strofinare uniformemente a mano. Ho mescolato il composto con acqua, l’ho versato sul pavimento – e il gioco è fatto! Ma non dimenticare: il composto autolivellante non può essere utilizzato come finitura decorativa di finitura..

Pavimenti autolivellanti: caratteristiche, calcolo e consumo di materiali

Tipi e caratteristiche delle composizioni

È necessario scegliere una o l’altra miscela per livellare il pavimento dopo un esame approfondito dei difetti della superficie, misurando le differenze di altezza e tenendo conto dello scopo della stanza stessa. La composizione di ogni tipo di miscela differisce nelle sue caratteristiche tecniche e formula chimica. È consuetudine distinguere due tipi di base.

Cemento– sono miscele universali, in quanto possono essere utilizzate per versare pavimenti in quasi tutti i locali per lo scopo previsto. In questo caso, lo spessore dello strato di cemento può variare da 0,2 a 5 cm, ma non di più. I vantaggi di questa miscela includono asciugatura rapida (fino a 5 ore), elevata resistenza e capacità di resistere a qualsiasi danno meccanico. Svantaggio: questo materiale è piuttosto costoso.

Pavimenti autolivellanti: caratteristiche, calcolo e consumo di materiali

Gesso(anidro) – Questo materiale può essere utilizzato solo in ambienti asciutti, quindi non è raccomandato per l’uso in bagni, servizi igienici, lavanderie e cucine. Il fatto è che, sotto l’influenza dell’umidità, la miscela è in grado di aumentare di volume, quindi perderà non solo la sua forza, ma anche il suo aspetto. Lo spessore massimo consentito dello strato di livellamento per questo materiale è di 10 cm, quindi ci vorrà molto più tempo affinché il pavimento si asciughi completamente rispetto a una miscela di cemento.

Pavimenti autolivellanti: caratteristiche, calcolo e consumo di materiali

Oltre ai tipi di cui sopra, ci sono altri due tipi di composizioni che differiscono per lo scopo previsto: sono ruvidi e di finitura. Come si può immaginare dai nomi, la miscela ruvida è progettata per eliminare gravi difetti (crepe profonde, smussi, differenze di altezza e altri difetti, calcolati in centimetri) e la miscela di finitura è progettata per creare una base perfettamente liscia. Queste miscele sono utilizzate rigorosamente per lo scopo previsto, pertanto è impossibile livellare il pavimento con una grande smussatura usando la miscela di finitura, mentre si applica uno spesso strato di malta.

Suggerimenti per la scelta di un materiale

1. Oltre al componente principale, la miscela include additivi modificanti che forniscono al materiale proprietà aggiuntive. Quindi, aggiungendo speciali additivi plastificanti, la miscela ottiene una maggiore elasticità e conduttività termica, che gli consente di essere utilizzata come miscela autolivellante per un pavimento caldo di una casa o appartamento. E per aumentare l’adesione, i produttori aggiungono sabbia di quarzo alla miscela, che funge da aggregato. Pertanto, quando si sceglie un livellatore per il pavimento, è necessario leggere attentamente la sua composizione, prestando attenzione agli additivi.

2. Prima di scegliere la composizione desiderata, è necessario determinare il grado di irregolarità della superficie del pavimento. Ciò è necessario per determinare correttamente lo spessore dello strato di malta. Ricorda che se scegli lo spessore sbagliato, questo può influire negativamente sul risultato finale..

Pavimenti autolivellanti: caratteristiche, calcolo e consumo di materiali

3. Una buona adesione è fondamentale quando si lavora con pavimenti autolivellanti. Pertanto, indipendentemente dal materiale scelto, è necessario adescare con cura la superficie. Se la miscela verrà versata in più strati, anche ogni strato deve essere trattato con un primer..

4. Se è stata scelta una composizione cementizia, tenere presente che la malta preparata potrebbe fissarsi durante il funzionamento. Per evitarlo, lavora a un ritmo veloce, aggiungendo un po ‘d’acqua alla soluzione se necessario – questo consentirà alla miscela di mantenere le sue proprietà e prevenire il successivo cracking..

Pavimenti autolivellanti: caratteristiche, calcolo e consumo di materiali

5. Non dimenticare di leggere le istruzioni! Inoltre, è importante farlo prima di iniziare a pensare a cosa e cosa mescolare. I produttori indicano il rapporto esatto tra acqua e miscela in modo da ottenere una soluzione di consistenza sufficiente, che puoi facilmente far fronte al versamento del pavimento..

Come calcolare il consumo della miscela

I calcoli dovrebbero iniziare con la determinazione dell’area della base di sgrossatura da livellare. Determinata l’area, ora studia attentamente la superficie – ci sono profonde crepe su di essa, quanto gravi sono i cambiamenti di elevazione, ci sono dei pozzi. Pertanto, è possibile determinare con precisione lo spessore dello strato della soluzione futura..

Il calcolo del volume richiesto della miscela si basa anche sullo scopo che dovrebbe soddisfare. Ad esempio, se è necessario creare una base per il successivo getto di un pavimento 3D, è necessaria una piccola quantità di malta con la quale è possibile riempire tutte le crepe e le buche. Se il tuo obiettivo è formare una base ruvida, che sarà quindi coperta con uno strato di finitura, avrai bisogno di più malta, poiché l’intera area sarà coperta con uno strato con uno spessore pre-calcolato.

Pavimenti autolivellanti: caratteristiche, calcolo e consumo di materiali

Quindi, tutte le sfumature sono state prese in considerazione: puoi procedere ai calcoli. Calcolare la quantità immediata di materiale non è così difficile..

Per riempire 1 m2 uno strato di 1 mm di spessore, è necessario preparare 1 litro di soluzione. Quindi, per versare 1 m2 piano con uno strato di 5 mm sono necessari 5 litri di malta pronta.

Ora calcola la quantità di soluzione finita per la tua stanza. Ad esempio, se la superficie è di 10 m2, e lo strato di riempimento richiesto è di 10 mm, quindi sono necessari 100 litri di miscela.

Ma questa non è ancora la cifra finale. Ora è necessario regolare la portata della miscela in base alla sua densità. Il produttore indica sempre la densità del materiale sulla confezione. Ad esempio, la densità indicata è 1,30 kg / litro, quindi è necessario preparare 100 x 1,3 = 130 litri di soluzione.

Pavimenti autolivellanti: caratteristiche, calcolo e consumo di materiali

Per quanto riguarda lo spessore del livello di riempimento, è anche facile calcolarlo. Trova il punto più alto sul tuo pavimento. È molto più facile farlo con un livello laser, ma in caso contrario usa un righello. Ora determina il punto più basso del pavimento. Il valore medio tra questi due valori più l’indicatore minimo dello spessore del rivestimento sarà lo spessore dell’intero strato.

Importante! Lo spessore dello strato del massetto non deve essere inferiore all’indicatore minimo fornito dal produttore della miscela selezionata. I limiti di spessore dello strato sono sempre indicati sulla confezione..

Riempire il pavimento: lavoro passo-passo

Quando acquisti una miscela, non dimenticare di acquistare l’attrezzatura necessaria. Per lavorare avrai bisogno di:

  • il contenitore in cui mescolerai la miscela secca con acqua (questo può essere un secchio fino a 20 litri);
  • trapano;
  • ugello speciale (miscelatore di costruzione);
  • spatola larga, di solito o raschietto;
  • rullo dell’ago con una maniglia lunga, che rimuove le bolle d’aria dalla superficie di colata;
  • primer per pavimenti (è meglio se è anche antifungino).

Pavimenti autolivellanti: caratteristiche, calcolo e consumo di materiali

È improbabile che sarai in grado di eseguire tutto il lavoro sul riempimento del pavimento con alta qualità e rapidamente da solo, quindi è meglio se uno o due assistenti ti aiuteranno in questa faccenda. Il fatto è che la miscela tende ad asciugarsi, quindi il lavoro deve essere eseguito rapidamente e in una volta sola.

La qualità del risultato finale è influenzata dalla cura con cui si prepara la superficie del pavimento. Prima di tutto, è necessario rimuovere tutti i detriti grandi e piccoli. È meglio se usi un aspirapolvere da costruzione per questo scopo, poiché può estrarre detriti anche da fessure profonde. Quindi ispeziona attentamente il pavimento: se ci sono macchie di vernice su di esso, dovrebbero anche essere rimosse..

Pavimenti autolivellanti: caratteristiche, calcolo e consumo di materiali

Successivamente, la superficie dovrebbe essere ben preparata. Il primer non solo aumenterà l’adesione della miscela alla base in calcestruzzo, ma formerà anche un film protettivo polimerico. Dopo aver atteso il tempo durante il quale lo strato di terreno si asciuga completamente, puoi iniziare a versare il pavimento.

Pavimenti autolivellanti: caratteristiche, calcolo e consumo di materiali

Il processo di colata consiste in tre fasi di lavoro: preparazione della miscela, applicazione della soluzione, livellamento con un rullo. La cosa principale è che il processo è continuo e veloce, poiché la miscela inizia a solidificarsi dopo 30-40 minuti. Pertanto, l’opzione migliore sarebbe se ciascuna delle fasi è eseguita da una persona separata..

1. La preparazione della soluzione, sebbene sembri una cosa semplice, ma qui devi tenere conto della sfumatura: la miscela secca deve essere versata nell’acqua e non viceversa. Altrimenti, si formeranno grumi nella soluzione, impedendo alla miscela di diffondersi uniformemente..

Pavimenti autolivellanti: caratteristiche, calcolo e consumo di materiali

2. La malta preparata viene versata sul pavimento e distribuita rapidamente con una spatola e un rullo.

Pavimenti autolivellanti: caratteristiche, calcolo e consumo di materiali

3. Quindi utilizzare anche un rullo dell’ago per rimuovere tutta l’aria dalla miscela per ottenere una superficie liscia e resistente. E ancora tutto dall’inizio: preparato, applicato, livellato.

Pavimenti autolivellanti: caratteristiche, calcolo e consumo di materiali

Dopo che l’intera stanza è stata allagata, è necessario monitorare il regime di temperatura, evitando che il rivestimento si asciughi. La finitura finale del pavimento dovrebbe essere iniziata rigorosamente dopo che lo strato è completamente asciutto. A seconda della miscela scelta, questa volta può variare da alcune ore a diverse settimane..

conclusioni

Se hai già deciso di utilizzare miscele autolivellanti per il pavimento, fallo nel modo giusto. Non essere pigro per studiare le istruzioni in dettaglio, preparare con cura la superficie e chiedere ai tuoi amici di aiutarti – in questo caso il tuo lavoro non sarà invano e, di conseguenza, otterrai pavimenti perfettamente piani che dureranno per molti anni.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy