Pavimenti autolivellanti 3D: una fiaba ai tuoi piedi

Sezioni dell’articolo



In questo articolo: pavimenti polimerici in aree tecniche e residenziali; Pavimenti 3D: come viene creata un’illusione ottica; Tecnologia 3D per pavimenti autolivellanti; Creazione di pavimenti 3D – sfumature; cura del pavimento polimerico autolivellante.

Pavimenti autolivellanti 3D: una fiaba ai tuoi piedi

Quando si prepara l’imminente rinnovo di un appartamento, una casa o un ufficio, per qualche motivo viene prestata la massima attenzione alla decorazione delle pareti e del soffitto e la scelta del pavimento è linoleum, laminato o qualche tipo di tappeto. Nel frattempo, sono i materiali di finitura del pavimento a subire le maggiori sollecitazioni durante il funzionamento, che portano a una riduzione del loro aspetto visivo. Varie scheggiature, in alcuni punti che si gonfiano sulla superficie del rivestimento del pavimento, ci sono diventate così familiari da essere percepite come un male inevitabile, che non può essere completamente sconfitto. Eppure ci sono rivestimenti per pavimenti che possono non solo mantenere il loro aspetto a lungo e in modo affidabile, ma contengono anche un’immagine 3D: i pavimenti polimerici.

Progressi dei pavimenti polimerici autolivellanti

Questi rivestimenti per pavimenti hanno fatto molta strada prima di essere utilizzati come pavimenti per abitazioni, poiché sono stati progettati esclusivamente per pavimenti industriali. Ed è per questo che i pavimenti polimerici sono in grado di resistere a ripetute esposizioni a sostanze chimiche, forti sollecitazioni meccaniche, incl. il movimento di carrelli elevatori e veicoli a ruote carichi. Dagli anni ’80, tali pavimenti si trovano nelle industrie alimentari e chimiche, nelle aziende agricole, nelle officine e in varie sale commerciali ed espositive, istituzioni mediche ed educative..

Pavimenti autolivellanti 3D: una fiaba ai tuoi piedi

Nel corso degli anni, la composizione chimica dei pavimenti polimerici ha subito una serie di miglioramenti che hanno reso il rivestimento del pavimento finito non solo affidabile, ma anche bello: la precedente torbidità è stata rimossa, rendendo trasparente il rivestimento polimerico. Cosa c’entra la bellezza con essa – chiedi? I rivestimenti del primo piano in materiali polimerici contenevano uno stucco, spesso sabbioso, che permetteva loro di sopportare carichi meccanici particolarmente elevati – i pavimenti industriali contengono ancora stucco. Ma per i locali residenziali sono stati offerti rivestimenti colorati, colorati alla rinfusa, ad es. lo strato polimerico aveva un colore uniforme in tutto il volume. Con l’avvento dei pavimenti autolivellanti polimerici veramente trasparenti che non si appannano sotto l’influenza dei raggi ultravioletti, è diventato possibile creare uno straordinario rivestimento chiamato pavimenti autolivellanti 3D..

Cosa sono i pavimenti 3D

Prima di passare al dispositivo di pavimenti 3D polimerici, diamo un’occhiata alla storia delle immagini grafiche 3D. Il creatore della tecnologia dell’immagine 3D è lo scienziato americano Adelbert Ames, che ha studiato l’effetto naturale dell’illusione ottica più di 70 anni fa, che si manifesta ovunque in diverse parti del nostro pianeta. Quindi, periodicamente pubblicato dai rapporti della stampa mondiale, foto e video su sorprendenti fenomeni naturali, che presumibilmente confutano le leggi fisiche – ad esempio, un flusso scorre in salita, e non al di sotto di esso – in realtà non rappresentano alcun fenomeno, solo un’illusione ottica. A conferma della sua teoria, lo scienziato ha creato la “stanza di Ames” – se guardi dentro questa stanza, allora visivamente ha una forma cubica, pareti perpendicolari l’una all’altra e angoli retti, ma in realtà la forma della stanza è trapezoidale e le sue pareti non sono parallele, ma si trovano sotto diversi angoli. Come risultato di un’illusione ottica, due persone della stessa altezza, che si trovano all’interno di una tale stanza, sembrano all’osservatore un gigante e un nano, sebbene il primo sia solo nell’angolo aperto sviluppato dalle pareti e il secondo nell’angolo acuto. L’illusione ottica sia negli esperimenti di Ames che nelle immagini 3D si basa su una linea di orizzonte immaginaria dove non ce n’è..

Quindi, per creare pavimenti 3D, sono necessari due elementi principali: l’immagine 3D stessa e un rivestimento trasparente che non perde la trasparenza nel corso degli anni e protegge in modo affidabile il materiale con l’immagine applicata da qualsiasi danno che violi l’illusione ottica.

Pavimenti autolivellanti 3D: una fiaba ai tuoi piedi

In linea di principio, un artista può disegnare un disegno 3D che ha familiarità con la tecnologia di costruzione di un’illusione grafica: vengono utilizzati solo polimeri o vernici acriliche resistenti allo sbiadimento del sole e il lavoro finito è ricoperto da uno strato di vernice trasparente. Tuttavia, è più facile ed economico ordinare la creazione di un’immagine con la sua successiva stampa termica su raso opaco in un’agenzia di design.

Il materiale con l’immagine finita deve essere incollato usando la dispersione di PVA sulla superficie del pavimento nella stanza in cui viene creato il pavimento 3D. Poiché è impossibile ottenere una superficie perfettamente piana da un massetto di cemento, la sua superficie viene dedotta prima di incollare il modello e coperta con un pavimento polimerico autolivellante, che funge da strato sottostante di uno spessore di un millimetro (il suo spessore effettivo dipende da quanto è liscia la base di cemento). Quando l’immagine è pronta, uno strato di polimero di finitura con uno spessore di 1-2 mm viene formato su di esso, dopo di che la superficie viene coperta con uno strato di vernice trasparente bicomponente e il lavoro sulla creazione di un pavimento 3D viene completato..

Sfumature nella creazione di pavimenti 3D polimerici

Scopriamo quali materiali devono essere utilizzati durante la creazione di pavimenti 3D e perché:

  • i pavimenti autolivellanti possono essere installati solo su una base di cemento. Il motivo è semplice: la miscela polimerica liquida passerà attraverso le più piccole fessure nei pavimenti in legno, quindi eventuali fori nel pavimento in cemento devono essere ben sigillati prima di versare;
  • è necessario utilizzare solo un pavimento autolivellante su una base in poliuretano, poiché un rivestimento in poliuretano è più elastico rispetto, ad esempio, all’acrilico, ad es. resiste meglio allo stress meccanico. Inoltre, la pavimentazione epossidica diventa gialla quando esposta alla luce ultravioletta; dopo l’indurimento, si formano più cavità sulla sua superficie, che sono difficili da eliminare completamente;
  • quando si crea un pavimento 3D, è necessario che il banner con l’immagine sia più piccolo dell’area del pavimento nella stanza. Quando si applica il rivestimento polimerico di finitura, è necessario eliminare le bolle d’aria con un rullo dell’ago, spostandosi nella stanza con le scarpe con speciali suole di aghi – il banner può essere forato;
  • il risparmio sul materiale polimerico e la posa di uno strato polimerico di spessore inferiore a un millimetro non sono redditizi, perché un tale rivestimento durerà meno di quanto si vorrebbe. Più spesso è il suo strato, maggiori sono le caratteristiche prestazionali..

Pavimenti autolivellanti 3D: una fiaba ai tuoi piedi

Quando si crea un tale rivestimento, è ragionevole utilizzare i prodotti dei più grandi marchi occidentali: per un pavimento autolivellante di alta qualità, il prezzo è determinato dalle caratteristiche dei componenti spesi per la sua creazione e non sono affatto economici. Solo i rivestimenti per pavimenti liquidi di alta qualità consentono di creare un pavimento 3D di una vasta area, poiché i componenti nella loro composizione sono in grado di eliminare in modo indipendente le bolle d’aria che sono penetrate nel materiale durante la miscelazione e il versamento, ad es. la probabilità di danneggiamento del disegno da parte di un rullo dell’ago, generalmente utilizzato per eliminare l’aria durante la formazione del rivestimento del pavimento, è completamente eliminata.

Alla fine

Le immagini 3D sono incorporate nel pavimento polimerico al centro della stanza non solo a causa delle difficoltà derivanti dall’eliminazione dell’aria: semplicemente non saranno visibili quando chiuse con i mobili. Parlando di mobili, in particolare di sedie, è meglio proteggere le gambe con morbidi cuscinetti di feltro, altrimenti la superficie del pavimento autolivellante, specialmente in materiali relativamente economici, coprirà i graffi, che possono essere eliminati solo applicando un nuovo strato di polimero.

La cura di un pavimento polimerico autolivellante consiste nella pulizia periodica a umido con acqua calda e detergenti liquidi: non è possibile utilizzare detergenti contenenti particelle abrasive. Una volta al mese, il pavimento in resina dovrebbe essere coperto con cera e mastice, applicato con un panno morbido e pulito.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy