Pavimenti autolivellanti. Materiali e tecnologia

Sezioni dell’articolo



In questo articolo: una storia di pavimenti autolivellanti; pavimenti autolivellanti polimerici; miscele secche per pavimenti autolivellanti; raccomandazioni per il lavoro; produttori, marchi di pavimenti autolivellanti e il loro costo.

Pavimenti autolivellanti. Panoramica

Un piano uniforme del pavimento senza alcuno, anche i difetti più insignificanti sotto forma di crepe e scanalature, su cui puoi posare in sicurezza materiali di finitura e non aver paura che formino colline e incavi, così caratteristici delle isole britanniche e assolutamente indesiderabili nelle nostre case. Sfortunatamente, i gloriosi costruttori delle nostre case erano molto poco interessati alle esigenze dei futuri inquilini, quindi il piano del pavimento nei nostri appartamenti e case può avere differenze molto gravi in ​​altezza, fino a 100-120 mm. Il pavimento deve essere livellato, il che richiede un massetto asciutto, il cui nome più comune è pavimenti autolivellanti.

Storia e tipi di pavimenti autolivellanti

I pavimenti autolivellanti devono il loro nome alla società americana “Ardex Inc”, che ha sviluppato la tecnologia per la produzione e l’uso di pavimenti autolivellanti a base di cemento nel 1978. La composizione dei primi rivestimenti polimerici del pavimento era basata sull’emulsione PVA, ma il suo uso è stato rapidamente abbandonato, perché i pavimenti basati su di esso erano debolmente resistenti ai danni meccanici e all’umidità. Il vantaggio principale dei moderni pavimenti autolivellanti è che la loro resistenza alla compressione è significativamente superiore a quella dei tradizionali massetti in cemento-sabbia, perché durante la miscelazione, i pavimenti autolivellanti contenenti cemento richiedono meno acqua.

Pavimenti autolivellanti. Panoramica

Inizialmente, i pavimenti autolivellanti a base di cemento, intonaco e polimero sono stati sviluppati per locali industriali e pubblici, poiché il loro rivestimento è resistente e pratico, con una lunga durata, non presenta cuciture ed è in grado di resistere a danni meccanici, temperature estreme, elevata umidità e sostanze chimiche. Nel tempo, le loro prestazioni sono state valutate da società di costruzioni nel settore residenziale e oggi i materiali da costruzione per la costruzione e il rinnovamento delle nostre case e appartamenti includono pavimenti autolivellanti su polimeri, nonché su basi in cemento e gesso..

Pavimenti autolivellanti polimerici

Questo tipo di pavimentazione è classificata in poliuretano, resina epossidica, poliestere e acrilico..

Pavimenti autolivellanti in poliuretanoSono resistenti alle influenze chimiche e meccaniche, la superficie da loro formata non è scivolosa, non crea condizioni per l’attività vitale di funghi e batteri. Sono utilizzati in edifici industriali, pubblici e residenziali. Contengono due o tre componenti: modificatori, oligomeri reattivi e indurenti.

Pavimenti autolivellanti epossidicicaratterizzato da resistenza meccanica, adesione di alta qualità al supporto, maggiore resistenza agli agenti chimici. Progettata per la formazione di rivestimenti per pavimenti in locali industriali, la resistenza alle sollecitazioni meccaniche consente ai camion caricati e ai carrelli elevatori di spostarsi lungo di essi. I pavimenti epossidici sono formati da due componenti: indurente e resina epossidica.

Pavimenti autolivellanti. Panoramica

Pavimenti autolivellanti in poliesteresono realizzati in resina poliestere e indurente. La polimerizzazione completa della superficie di tali pavimenti richiede solo alcune ore, ad es. dopo una notte, puoi camminare e muoverti liberamente. Comunemente utilizzato in edifici industriali.

I pavimenti autolivellanti contenenti indurente e resine acriliche sono intesi come pavimenti extra resistenti da 10 mm per edifici industriali, parcheggi, ponti, ecc. I pavimenti autolivellanti acrilici di spessore più sottile sono utilizzati nelle industrie, nei magazzini e nei laboratori dell’industria alimentare.

Per aumentare la rugosità dei pavimenti autolivellanti polimerici, viene introdotto un riempitivo nella loro composizione: sabbia di quarzo a grana fine. Lo scopo principale dei pavimenti polimerici con un riempitivo di sabbia è la formazione di un rivestimento per pavimenti di finitura in ambienti con elevata umidità, aree di officine industriali con un elevato carico meccanico sul pavimento, ad esempio l’area attorno a rampe e rampe.

A seconda dello spessore e del contenuto del riempitivo, i pavimenti polimerici possono essere a strato sottile (vernice), autolivellanti e altamente riempiti.

Pavimenti polimerici a strato sottilecontengono una piccola quantità di riempitivo di sabbia, il loro spessore non supera 1 mm. Il compito di un tale rivestimento è quello di proteggere la base in calcestruzzo da influenze meccaniche e chimiche, prevenire la diffusione della polvere e formare un rivestimento decorativo sulla superficie del pavimento. I rivestimenti a strato sottile non durano più di 4 anni, non sono in grado di resistere a forti sollecitazioni meccaniche e frequenti bagnature con agenti chimici.

Pavimenti autolivellanti. Panoramica

Pavimenti polimerici autolivellanti (autolivellanti), con una carica del 50% in peso e uno spessore massimo di 5 mm, resistono abbastanza bene a sollecitazioni meccaniche elevate a medio e breve termine. Sono resistenti agli attacchi chimici, alle vibrazioni e ai carichi d’urto e hanno un bell’aspetto decorativo. Progettati per scopi industriali interni, pubblici e domestici, la loro durata sarà di 25 anni.

Pavimenti polimerici altamente riempitihanno uno spessore di 8-10 mm e un contenuto di riempitivo di sabbia dell’85%. Hanno le massime caratteristiche in termini di resistenza a qualsiasi carico meccanico e d’urto, nonché usura abrasiva. Il contenuto di una quantità significativa di riempitivo rende le loro caratteristiche per molti aspetti simili ai calcestruzzi polimerici. Applicazioni – locali industriali con sollecitazioni meccaniche permanentemente elevate sul pavimento.

Il costo medio di un pavimento polimerico autolivellante fino a 2 mm di spessore è di 1000 rubli. per m2, fino a 5 mm di spessore – 1.500 rubli. per m2.

Pavimenti autolivellanti a base cementizia

I pavimenti autolivellanti contenenti cemento (ci sono anche pavimenti autolivellanti su legante per calce) sono costituiti da cemento, plastificante, calce e sabbia fine. Sono utilizzati sia per livellare pavimenti con dislivelli di 200 mm, sia per dislivelli autolivellanti di 2-10 mm. Tali pavimenti non possono essere una finitura: creano una base per un pavimento autolivellante polimerico, linoleum, laminato, moquette, parquet, ecc..

Pavimenti autolivellanti. Panoramica

L’indubbio vantaggio dei pavimenti autolivellanti a base di cemento o calce è che tutti possono acquistarli in forma asciutta, mentre i componenti dei pavimenti polimerici e la loro installazione sono forniti ed eseguiti esclusivamente da società di costruzioni specializzate, ad es. la produzione indipendente di lavoro è completamente esclusa.

I pavimenti autolivellanti a base di cemento possono essere utilizzati sia per interni che per esterni, a base di intonaco – solo per interni. Secondo il metodo di livellamento, le miscele di costruzione per il pavimento sono divise in composizioni per:

  • livellamento profondo del pavimento. Sono applicati con uno spesso strato di 80-100 mm, consentendo di livellare le differenze e le quote del pavimento, senza creare deformazioni da ritiro, fessurazioni e sfaldature, soggette alla tecnologia di applicazione;
  • livellamento finale del pavimento. Lo strato di finitura viene applicato in uno strato sottile di 1-2 mm, livellando tutti i difetti dello strato grossolano. Prima di applicare lo strato di finitura, potrebbe essere necessario carteggiare lo strato di finitura per livellarlo. I materiali per la sua creazione sono in grado di regolare in modo indipendente il livello orizzontale del pavimento, se necessario, è consentito l’allineamento manuale. Il tempo durante il quale è possibile influenzare la formazione dello strato di finitura livellante non supera i 30 minuti, a condizione che non vi siano bozze. Il set completo di resistenza dei pavimenti autolivellanti su un legante di cemento si verifica in una o due settimane, a seconda della stagione.

I lavori di livellamento del piano del pavimento possono essere eseguiti a temperature da un minimo di +10 a un massimo di +25 ° C, mentre non dovrebbero esserci correnti d’aria. La tecnologia per la posa di un pavimento autolivellante è descritta in questo articolo e ora considereremo alcune delle sfumature di questi lavori.

Prima di applicare il massetto autolivellante per livellare approssimativamente il pavimento, tutti i fori e le crepe devono essere riparati, il calcestruzzo incrinato deve essere completamente eliminato e tutti i fori nel pavimento devono essere riparati o tappati in modo sicuro, specialmente attorno ai tubi di riscaldamento, altrimenti la malta perderà attraverso di essi. Non ci dovrebbero essere polvere e detriti sulla base del pavimento – pulire a fondo il pavimento con un aspirapolvere, rimuovere eventuali gocce di vernice e di resina, se presenti. Quindi la base pulita del pavimento viene coperta con uno strato di primer, se necessario, questa operazione viene eseguita due volte – questa operazione è obbligatoria, perché eviterà completamente la formazione di polvere sulla base e migliorerà significativamente l’adesione del pavimento autolivellante.

Quando si compone una miscela autolivellante del pavimento, un sovradosaggio di acqua peggiorerà gravemente le caratteristiche di resistenza del pavimento, tuttavia una quantità insufficiente non consentirà alla miscela di espandersi e livellarsi. Puoi verificare sperimentalmente il corretto dosaggio dell’acqua – usando un tappo di plastica da qualsiasi bomboletta spray, con un diametro di 50 mm e un’altezza di circa 45 mm. Ritaglia con attenzione il fondo del tappo, senza ridurre l’altezza delle pareti, posizionalo al centro di una lastra di vetro con dimensioni di 200×200 mm o più. Quindi riempire il tappo con la soluzione preparata verso l’alto e sollevarlo: la soluzione si diffonderà uniformemente in tutte le direzioni sul vetro. Dopo aver aspettato da due a tre minuti, misurare il diametro della soluzione di diffusione – se il suo valore è compreso tra 160 e 180 mm, la soluzione è pronta per l’uso. Se il diametro è più piccolo, aumenta leggermente il contenuto d’acqua al suo interno, se è maggiore, aggiungi la miscela secca.

Pavimenti autolivellanti. Panoramica

Quando si prepara la parte principale della soluzione per il pavimento autolivellante, è necessario farlo: raccogliere l’acqua nel contenitore e in una quantità leggermente inferiore a quella necessaria, quindi versare gradualmente la miscela asciutta, mescolando accuratamente. Se fai il contrario, ad es. versando acqua in una miscela asciutta, sarà estremamente difficile eliminare i grumi. L’agitazione della soluzione deve essere eseguita con attenzione – è necessario distribuire gli additivi modificanti presenti nella miscela secca in tutto il volume, altrimenti la soluzione non si diffonderà bene e si delaminerà. Controllare la qualità della soluzione preparata nel modo sopra descritto, se necessario, ripetere il test più volte e, al raggiungimento della qualità richiesta della miscela, ricordare la proporzione di acqua e miscela secca – non tentare di elaborare una soluzione a occhio, misurare ogni porzione introdotta di acqua e miscela secca.

Nei mercati di costruzione della Russia, i pavimenti autolivellanti a base di gesso e legante per cemento sono più che ampiamente rappresentati. I loro prodotti sono offerti da produttori stranieri – Kiilto (Finlandia), Saint-Gobain Weber (Francia), Kreisel (Germania), Litokol (Italia), ecc. – e società russe – LLC Umix (con lo stesso nome marchio), OOO TD Stroymontazh MS (marchio Osnovit), servizio OOO Knauf (marchio Knauf), OOO Maxit (marchio Vetonit), ZAO PP KREPS (marchio Kreps) ecc. Il catalogo dei piani autolivellanti aiuterà a scegliere il marchio e le caratteristiche ottimali di una miscela autolivellante a secco Le miscele secche domestiche per pavimenti autolivellanti costano in media 500 rubli. per 25 kg, importato – 900 rubli. per 25 kg, imballaggio – sacchetto di carta kraft.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy