Febbraio 2011: immobili in Egitto e Tunisia nel mezzo della crisi politica

La domanda di immobili residenziali in Egitto e Tunisia ha suscitato un forte interesse degli investitori russi negli ultimi 10-20 anni. Gli investimenti nell’immobiliare all’estero, in particolare nelle abitazioni nelle località costiere del Mediterraneo, sono condizionati e dettati da ragioni oggettive, condizioni favorevoli.

Parliamo di investimenti in immobili residenziali ordinari, poiché il mercato immobiliare d’élite su qualsiasi costa si sviluppa secondo le proprie leggi. L’attrattiva degli alloggi d’oltremare nelle località dei paesi nordafricani per l’acquisto con entrate successive è determinata dai seguenti parametri:

  • Prezzi degli immobili convenienti (bassi).
  • Profitto annuale dal 15% e oltre.
  • Area del resort: vicinanza al mare / oceano, spiagge confortevoli, clima caldo.
  • Costi di manutenzione ragionevoli
  • Elevato (relativamente) tenore di vita a basso costo.
  • Stabilità politica nel paese.

Esistono altri prerequisiti per l’acquisto di alloggi in Egitto o Tunisia, sono associati a condizioni e procedure favorevoli per l’acquisizione di beni immobili per gli stranieri in ciascun paese. Stabilità economica e politica a lungo termine, basso costo di un metro quadrato di spazio abitativo in appartamenti / case finiti e in nuovi edifici, la capacità di affittare in modo redditizio gli alloggi acquistati o di abitarvi, spendendo piccole quantità in manutenzione, e tutto questo sullo sfondo della lussureggiante natura circostante ha permesso di considerare interessanti e affidabili gli investimenti immobiliari in Egitto e Tunisia.

Egitto

Tuttavia, dal 25 gennaio 2011, iniziano le rivolte di massa in Egitto, si svolgono numerose manifestazioni e proteste contro il dominio trentennale dell’attuale presidente Hosni Mubarak. Il paese, in cui decine di migliaia di turisti provenienti da diversi paesi del mondo si riposavano ogni giorno, era sull’orlo di una guerra civile. Naturalmente, queste circostanze hanno portato al fatto che la maggior parte dei vacanzieri ha lasciato i resort più popolari e le agenzie di viaggio hanno sospeso la vendita di buoni..

La situazione politica nel paese si riflette in tutti gli aspetti della vita, il mercato immobiliare in Egitto sta subendo l’influenza della crisi politica ed economica. La maggior parte degli investitori russi ed europei ha deciso di rinviare gli acquisti pianificati di abitazioni e terreni. Secondo i dati stimati, la riduzione della domanda di acquisto di abitazioni può variare dal 30 al 50%, in particolare per gli immobili al Cairo e nelle località di Hurghada e Sharm el-Sheikh.

Prima degli eventi di gennaio, il costo medio per metro quadrato di spazio vitale al Cairo era di $ 600, in resort popolari – di $ 1000. Nei giorni della crisi e delle rivolte, i prezzi delle case sono diminuiti e sui siti Web ufficiali di sviluppatori, società di costruzioni e agenzie immobiliari, è possibile trovare offerte con una riduzione del valore degli immobili fino al 30%. Ma ciò non significa affatto che tutti i venditori siano pronti a ridurre il prezzo degli alloggi precedentemente richiesti nelle aree turistiche. Ci vorranno almeno due o tre mesi, durante i quali i principali sviluppatori e venditori di immobili nel mercato egiziano determineranno la loro posizione e stabiliranno nuovi prezzi o torneranno a quelli precedenti..

Esperti: il mercato immobiliare egiziano si “abbasserà” al minimo e il costo delle abitazioni diminuirà del 70-80%.

Secondo dati affidabili, gli investitori più audaci o intraprendenti stanno acquistando abitazioni nelle aree turistiche e attualmente, sfruttando la situazione e l’instabilità del mercato immobiliare in Egitto. Va sottolineato che, di norma, la domanda e i prezzi di appartamenti e case si stanno riprendendo lentamente, il che significa che il mercato immobiliare tornerà alle posizioni all’inizio del 2011 solo tra pochi mesi. Alcuni esperti suggeriscono che il mercato immobiliare egiziano si “abbasserà” al minimo e il costo delle abitazioni diminuirà del 70-80%. Ma per essere convinti della validità di questo presupposto o smentirlo completamente, gli investitori e coloro che desiderano diventare proprietari di case saranno in grado di farlo solo in poche settimane o mesi..

Tunisia

Il mercato immobiliare in Tunisia può essere definito giovane e promettente per gli investitori stranieri, perché fino al 2009 il governo ha limitato l’afflusso di acquirenti stranieri, cercando principalmente di fornire alloggi alla popolazione locale. Il costo per metro quadrato di spazio vitale in Tunisia, che è di interesse per gli stranieri, è determinato dalla regione del paese, dalla distanza dalla costa e dagli aeroporti e dalla vicinanza delle grandi città. Naturalmente, il tipo di alloggio influisce sul prezzo: una villa a due piani sulla costa con una spiaggia privata e un giardino differirà da un appartamento in un edificio residenziale vicino al mare che costa un metro quadrato.

Secondo Real Estate Abroad, un attico in un nuovo complesso residenziale d’élite a 25 metri dal mare costerà al nuovo proprietario € 2000 / 1mq, e gli appartamenti con una camera da letto in una nuova casa a schiera a 35 metri dalla spiaggia sono venduti per € 700/1 mq Il prezzo medio per terra è compreso tra € 100-400 per 1 mq. m. a seconda della distanza dalla costa. A volte nel mercato immobiliare della Tunisia, le isole del mare caldo, con le loro spiagge e i loro edifici, sono messe in vendita. Le ragioni principali per attirare capitali privati ​​verso gli immobili in Tunisia sono nascoste a prezzi ragionevoli, in un regime senza visti per i cittadini russi, volo veloce (i voli diretti dalle capitali russe impiegano 4-5 ore), infrastrutture sviluppate, clima mite, sicurezza, basso tasso di criminalità, buone cure mediche servizio e un livello di vita relativamente elevato.

Rivolte di massa e rivolte in Tunisia a dicembre / gennaio 2011, il rovesciamento del presidente Zine Abidine Ben Ali ha influenzato lo sviluppo del mercato immobiliare nel paese.

Molti grandi investitori stranieri hanno lasciato il paese, i grandi progetti di costruzione sono stati “congelati” e le transazioni di acquisto e vendita sono state sospese. Tuttavia, nel febbraio 2011, la situazione nel paese si è stabilizzata, le città e le località sono state messe in ordine, gli aeroporti e le stazioni ferroviarie funzionavano come al solito. Nel prossimo futuro, il governo tunisino promette di abolire il “coprifuoco” e garantire la completa sicurezza per gli stranieri nel paese rinnovata dopo gli eventi rivoluzionari.

La Tunisia e l’Egitto sono due paesi africani che intrattengono relazioni amichevoli con la Russia e sono interessati a continuare i legami tra i paesi sotto tutti gli aspetti. Lo sviluppo del mercato immobiliare di questi paesi è impossibile senza la partecipazione di partner stranieri e investimenti privati.

Sulla base di quanto sopra, possiamo concludere che investire in immobili in Tunisia ed Egitto si trasformerà necessariamente in un profitto redditizio o nell’opportunità di rilassarsi nella propria “casa” sulla riva del mare caldo. È importante scegliere il posto giusto sulla mappa di questi paesi e il momento in cui investire in immobili nelle località del Mediterraneo..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy