Organizzazione dell’illuminazione a LED dell’area di lavoro della cucina

L’organizzazione dell’illuminazione tramite dispositivi a LED consente non solo di risparmiare sul pagamento delle bollette elettriche, ma anche di risolvere una serie di altri problemi che non possono essere risolti con i metodi tradizionali. Questo articolo discuterà come realizzare la propria illuminazione a LED dell’area di lavoro in cucina..

Il numero di elettrodomestici in ogni casa oggi è molto grande. TV, microonde, lavatrici, ferri da stiro e bollitori elettrici si sommano a enormi bollette dell’elettricità. Un modo per risparmiare sull’elettricità è ridurre il loro numero. Tuttavia, come immaginare la vita, ad esempio, senza una TV. Si scopre che questa opzione è tutt’altro che la migliore, o addirittura generalmente inaccettabile, ma è del tutto possibile ridurre il consumo di elettricità usando tecnologie di risparmio energetico per l’illuminazione. Di recente, le tecnologie a LED stanno guadagnando popolarità: dispositivi di illuminazione basati su LED. Rispetto alle tradizionali lampade a incandescenza, i LED consumano circa dieci volte meno elettricità con la stessa emissione luminosa. In uno degli articoli “Master class sulla produzione di lampadari a LED” abbiamo parlato di una delle opzioni per l’utilizzo dei LED nei dispositivi di illuminazione domestica. Questo articolo discuterà dell’organizzazione dell’illuminazione a LED dell’area di lavoro della cucina.

Abbiamo una cucina standard con un set installato. Inizialmente, l’illuminazione dell’area di lavoro non è fornita.

Organizzazione dell'illuminazione a LED dell'area di lavoro della cucina

Qualsiasi soluzione standard, oltre alla sua impraticabilità economica, è anche piuttosto ingombrante, dal momento che qualsiasi lampada, comprese quelle fluorescenti, ha dimensioni tangibili. Di conseguenza, l’organizzazione dell’illuminazione con il loro uso richiede la fabbricazione di un qualche tipo di scatole, dove si nascondono le lampade stesse o, quando si installano le lampade all’interno degli armadi, riduce il volume utile degli scaffali. Le strisce LED non presentano questi problemi, poiché sono praticamente piatte. Inoltre, i LED sul nastro sono distribuiti uniformemente su tutta la lunghezza, quindi l’illuminazione a LED è completamente uniforme, senza aree scure e sovraesposte..

Materiali e strumenti richiesti

1. È chiaro che la striscia LED sarà il materiale principale per la produzione di retroilluminazione. È venduto a metri e dovrebbe essere acquistato completamente per l’intera lunghezza dell’area illuminata. Poiché è la retroilluminazione organizzata, che non ha il compito di illuminare l’intera stanza, è necessario acquistare un nastro con una potenza non superiore a 5 W / m. Tale nastro costa circa 60 rubli / m. Dove sarà necessario lavare le superfici con nastro adesivo applicato, è opportuno utilizzare opzioni impermeabili. Il loro prezzo è di circa 130 rubli / m.

Organizzazione dell'illuminazione a LED dell'area di lavoro della cucina

2. Alimentazione 12 W. La potenza dovrebbe essere più che sufficiente per alimentare la striscia LED della lunghezza richiesta. Il prezzo per un alimentatore simile è di circa 300 rubli.

Organizzazione dell'illuminazione a LED dell'area di lavoro della cucina

Organizzazione dell'illuminazione a LED dell'area di lavoro della cucina

3. Cavo flessibile a due conduttori con una sezione trasversale di 0,75 mm2.

4. Interruttore o bicchiere.

5. Staffe di cablaggio o canaline per cavi con una sezione di 10×10 mm.

6. Guaina termorestringente o nastro isolante.

7. Saldatore con saldatura.

Realizzare l’illuminazione a LED

1. Prepara le superfici su cui posizioneremo i nastri. Per fare questo, li sgrassiamo, ad esempio, con l’alcol..

2. Tagliare il nastro alla lunghezza desiderata. Può essere tagliato in tutti i pezzi che ti piacciono. Devi tagliare come mostrato nella foto.

Organizzazione dell'illuminazione a LED dell'area di lavoro della cucina

3. Serviamo le estremità dei fili e dei contatti sul nastro.

Organizzazione dell'illuminazione a LED dell'area di lavoro della cucina

Saldare i pin RGB insieme, questo sarà un contatto negativo. Il secondo, positivo, lasciamo così com’è.

Organizzazione dell'illuminazione a LED dell'area di lavoro della cucina

4. Saldiamo i fili.

Organizzazione dell'illuminazione a LED dell'area di lavoro della cucina

5. Isolare con tubo termorestringente o nastro isolante.

Organizzazione dell'illuminazione a LED dell'area di lavoro della cucina

Organizzazione dell'illuminazione a LED dell'area di lavoro della cucina

6. Preparare tutti gli altri nastri allo stesso modo..

7. Incollare i nastri sulla superficie degli armadietti.

Organizzazione dell'illuminazione a LED dell'area di lavoro della cucina

Organizzazione dell'illuminazione a LED dell'area di lavoro della cucina

8. Praticare fori per i fili.

Organizzazione dell'illuminazione a LED dell'area di lavoro della cucina

9. Allunghiamo i fili all’interno degli armadietti. Ripariamo con staffe di cablaggio o fissiamo i condotti dei cavi lungo la parete posteriore e disponiamo i fili in essi.

10. Portiamo i cavi nel punto in cui è installato l’alimentatore, ad esempio nell’armadio sopra la cappa. Colleghiamo tutti i fili in parallelo, senza dimenticare la polarità – più a più, meno a meno. Colleghiamo le connessioni risultanti all’uscita a dodici volt dell’alimentatore.

11. Installa l’interruttore in un posto conveniente per te. Nel nostro caso, questo è un interruttore a levetta sul lato del cofano. Facciamo un foro per l’interruttore a levetta, allunghiamo i fili in modo che quando accesi forniamo l’alimentazione elettrica.

Organizzazione dell'illuminazione a LED dell'area di lavoro della cucina

Organizzazione dell'illuminazione a LED dell'area di lavoro della cucina

12. Installare l’interruttore a levetta sul cofano.

Organizzazione dell'illuminazione a LED dell'area di lavoro della cucina

13. Resta da collegare il cavo di alimentazione alla fonte di alimentazione e la retroilluminazione è pronta.

Organizzazione dell'illuminazione a LED dell'area di lavoro della cucina

Usando varie strisce di LED, ad esempio cambiando colore, non solo puoi illuminare l’area di lavoro della cucina, ma anche decorarla con l’illuminazione del colore desiderato. Ciò sarà particolarmente vero nelle grandi cucine, dove è possibile evidenziare aree separate con colori diversi..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy