Suggerimenti per l’organizzazione dell’illuminazione della cucina

All’inizio della conversazione sull’illuminazione della cucina, dovresti dichiarare un “NO” categorico alla posizione della prima lampada nel centro geometrico del soffitto. Indipendentemente dal concetto di pianificazione della cucina nella struttura generale dell’appartamento, dovresti considerare attentamente il numero e l’aspetto degli apparecchi di illuminazione, nonché l’unico posto giusto per ciascuno di essi..

Al giorno d’oggi, è piuttosto difficile trovare una via di mezzo tra le lampade di massa: o sono troppo decorative o puramente funzionali. Tutti sono stanchi delle lampade che emettono un raggio di luce ruvido e direzionale. È solo che gli apparecchi di illuminazione sono noiosi, la lampada dovrebbe essere un oggetto autosufficiente. È tempo di fare belle cose alla moda, ma allo stesso tempo non dovrebbero uscire dal contesto degli interni.

Per quanto riguarda la luce sul tavolo da pranzo, il pasto è un’azione piuttosto intima. Dovrebbe esserci una luce molto buona, che evidenzi la trama del tavolo e dei piatti su di essa, ma non interferisca in alcun modo con la comunicazione, o una lampada decorativa molto leggera che non dà quasi luce, ma è una specie di decorazione.

Victor Freudenberg, artista

Se la cucina è piccola, la luce generale può essere formata direttamente da fonti destinate a varie aree funzionali – questo sarà discusso più avanti. Ma la stanza di una cucina abbastanza spaziosa dovrebbe essere dotata di speciali lampade per uso generale. Per l’illuminazione generale, la luce superiore, uniformemente distribuita, che si riversa abbondantemente e delicatamente dal soffitto, è ottimale. Diverse categorie di apparecchi vengono utilizzate per creare tale luce. Prima di tutto, si tratta di tutti i tipi di sorgenti puntiformi, sia fisse che mobili, che ruotano liberamente in diverse direzioni..

Il compito principale dell’illuminazione ambientale è mantenere un’atmosfera luminosa in cucina la sera.. Inoltre, se la cucina in un appartamento a pianta aperta non ha una finestra, la luce ambientale serve come sostituto completo dell’illuminazione di orientamento alla luce del giorno. In tali cucine con lampade costantemente accese, è difficile prevedere la quantità di luce richiesta. Di norma, i riflettori non sono sufficienti o la loro luce è troppo invadente. Puoi uscire da una situazione difficile in diversi modi, creando, ad esempio, l’illusione di una finestra tagliata sul soffitto. Per questo, vengono utilizzate strutture sospese, modellate da materiali traslucidi e che trasmettono la luce. Allo stesso tempo, lampade sufficientemente distribuite uniformemente potenti sono posizionate tra il soffitto e il piano del soffitto. È preferibile utilizzare sorgenti luminose lineari allungate in tale situazione. Se la cucina si trova direttamente sotto il tetto di un edificio, la soluzione migliore è utilizzare la luce naturale proveniente dal soffitto. In questo caso, le “lanterne” di varie configurazioni sono disposte utilizzando speciali finestre sul tetto..

L’illuminazione generale può essere creata con più plafoniere, fornendo luce uniformemente distribuita nello spazio della cucina. Tuttavia, ciò richiede spesso troppe fonti. Pertanto, a volte è meglio non inondare uniformemente la cucina di luce generale, ma concentrare le fonti del soffitto sulle sue principali aree funzionali: il fronte di lavoro, il tavolo da pranzo e il bar, se disponibili.

Per illuminare il fronte di lavoro, sono efficaci due tipi di apparecchi: un numero di singoli, fissati al soffitto, e quelli a punta, integrati nella cornice sopra il bordo superiore dei pensili. Più alto è il soffitto, più lunghe possono essere le corde di luce. Ma non dovresti metterli sotto il bordo superiore degli scaffali della cucina, altrimenti le lampade interferiranno con l’apertura delle porte..

È meglio non sovraccaricare i soffitti bassi con forme di illuminazione. Una cornice ordinata, che fa parte dei mobili della cucina, è un luogo eccellente per il montaggio di fonti miniaturizzate di luce di orientamento. A proposito, i faretti con lampade alogene hanno oggi le dimensioni più ridotte. Tuttavia, questo tipo di illuminazione è diventata troppo diffusa e ha già perso la sua originalità. Di recente, la luce puntiforme è stata sostituita con successo da lampade allungate, anch’esse integrate nella parte sporgente dei pensili.

Gli apparecchi possono essere posizionati su staffe flessibili o mobili sopra i pensili senza cornice. Tale illuminazione consente di regolare la direzione del flusso luminoso. Questo è sempre conveniente, in quanto crea le condizioni per la “regolazione” individuale della luce.

Spesso, questi tipi di illuminazione generale vengono chiamati casualmente “retroilluminazione” e sono considerati un eccesso decorativo. In realtà, la luce, correttamente installata lungo il cornicione superiore dei mobili da cucina, svolge un ruolo di primo piano nella suddivisione in zone del frontale di lavoro..

Lavoro leggero

L’illuminazione ambientale da sola non è sempre sufficiente per una cucina confortevole e piacevoli cene a un tavolo apparecchiato con cura. Poiché la cucina è principalmente uno spazio funzionale, uno dei ruoli principali è dato all’illuminazione di lavoro. La luce ambientale a volte non è nemmeno necessaria, integra solo vari tipi di funzionalità.

L’illuminazione del lavoro in cucina è generata da fonti di luce locali. In questo caso, la lampada aiuterà la causa solo se si trova in un luogo strettamente definito, al livello richiesto, perché il piano del tavolo deve essere sufficientemente ben illuminato. Inoltre, la luce incidente dovrebbe coprire il più possibile l’area del tavolo di lavoro, del lavandino e della stufa. A volte l’illuminazione integrata nella cappa è sufficiente, per la quale viene utilizzata un’ampia varietà di lampade. Se la luce della cappa è integrata da altre lampade, al fine di evitare incoerenze cromatiche e luminose, il che è molto spiacevole per gli occhi, è meglio scegliere fonti spettralmente vicine.

Tuttavia, l’opzione più mobile per la luce di lavoro in cucina sono le mollette. Nessuna responsabilità: riattaccato – non si adatta – rimosso. Ingegnoso!

Molto spesso, l’illuminazione dell’area di lavoro viene creata utilizzando lampade integrate negli scaffali. L’opzione migliore sono le lampade allungate, che forniscono una distribuzione uniforme della luce lungo il piano di lavoro, soprattutto se la cucina ha un lungo frontale. Tali lampade sono compatte e quindi quasi invisibili, sono buone da usare quando si installa l’illuminazione indiretta..

Se questo tipo di illuminazione viene fornito nei mobili della cucina, potrebbe essere sufficiente rimuovere il filo dalla parete a un livello appena sopra il bordo inferiore dei pensili. Se gli apparecchi sono installati in modo indipendente, richiedono prese separate. Nel caso in cui apparecchi di illuminazione autonomi siano dotati di un interruttore separato, è sufficiente portare il filo nel modo sopra.

Lo spazio sopra il piano di lavoro è spesso pieno di tutti i tipi di oggetti per la casa e utensili da cucina. In questo caso, le fonti di luce nascoste non creeranno o miglioreranno l’impressione del caos. Ma, ad esempio, il design della cucina è volutamente laconico. Quindi la parte anteriore deserta e quasi incolore sarà efficacemente enfatizzata da diverse lampade di design dalle forme caratteristiche..

Le lampade da terra sono un’ottima soluzione per una cucina senza pensili. (Beh, se non lungo l’intero fronte, quindi, ad esempio, lungo la parete della finestra.) Quasi tutti i modelli di lampade da parete sono adatti per questo, la cosa principale è che si adattano allo stile della cucina. A proposito, qui puoi anche usare lampade da tavolo, perché no? E, naturalmente, tutti i tipi di lampade su bracci flessibili e leve a pantografo, grazie alle quali è possibile regolare facilmente forma e posizione del punto luminoso.

Aggiunte leggere

Un’insolita aggiunta all’illuminazione principale della cucina è la luce all’interno degli armadi con porte traslucide. Da un lato, tale illuminazione ha uno scopo puramente funzionale: evidenziare lo spazio interno e il contenuto di ampi ripiani. Certo, puoi fare a meno di una lampadina nello scaffale, ma devi provarlo solo una volta, ed è già impossibile immaginare l’armadio come scuro e scomodo. Questo è lo stesso di un frigorifero, che diventa completamente poco attraente quando una lampadina si brucia al suo interno. Inoltre, la luce che penetra attraverso le porte luminose crea un alone morbido di comfort unico in cucina..

Lontano dalle mura

Le cucine moderne sono caratterizzate da un approccio abbastanza libero alla pianificazione. Il fronte di lavoro non deve essere esteso lungo le pareti, può essere posizionato, ad esempio, al centro della stanza. In questo modo, è possibile creare molte opzioni di layout, da un tavolo alto e stretto per mangiare “in movimento” e portare tutte le attrezzature al centro della cucina. Una tale disposizione richiede un certo approccio all’illuminazione, dal momento che semplicemente non c’è altro posto per posizionare le lampade, tranne il soffitto..

Se una stufa viene posizionata al centro della cucina, è consigliabile dotare l’area di lavoro di una solida cappa con potenti lampade integrate. Insieme all’illuminazione generale superiore, saranno abbastanza per tutti gli affari di cucina..

Quando non è presente una cappa aspirante sopra la parte anteriore autonoma, è possibile creare un’illuminazione confortevole utilizzando una varietà di lampade con cavi allungati. Gli assi degli apparecchi non devono andare oltre il contorno della superficie di lavoro, ed è meglio se si intersecano con l’asse del piano del tavolo. La luce delle lampade a sospensione non dovrebbe colpire gli occhi, quindi diffondere i paralumi “lattiginosi” in questo caso è la soluzione migliore. Il numero e la potenza delle fonti sono appositamente selezionati in ogni singolo caso.

Un’opzione di illuminazione comune per un frontale indipendente è un design speciale con faretti. Sfortunatamente, nella maggior parte dei casi, una struttura del genere sembra troppo dura e banale, anche se il suo costo è paragonabile al costo di diverse lampade da soffitto..

Sul tavolo da pranzo

La luce nella sala da pranzo dovrebbe essere prestata particolare attenzione. Creando l’atmosfera per un pasto, è impossibile avere a che fare solo con l’illuminazione generale..

Il posizionamento della lampada nella zona pranzo dipende direttamente dalla posizione del tavolo. Esistono due opzioni principali: il tavolo si trova nella stanza liberamente o confina con il muro. Nel primo caso, una singola lampada è spesso sospesa al soffitto sopra il tavolo. La sua altezza è liberamente selezionabile, a seconda delle esigenze specifiche. È sempre conveniente se è regolabile: una lampada posizionata in alto rende il tavolo più solenne, uno basso – “angusto” e accogliente. L’aspetto della lampada sopra il tavolo può essere complesso e altamente pretenzioso. La cosa principale è che la superficie del tavolo è coperta da un punto luminoso. Quindi il requisito principale per un paralume sopra il tavolo è fornire una luce intensa diretta verso il piano del tavolo. Il resto della stanza può rimanere, a seconda del design della parte superiore del paralume, immerso nell’oscurità, in ombra parziale, o abbagliare con modelli di luce contrastanti che battono attraverso le fessure di un cappuccio denso.

Lo spazio sopra il grande tavolo da pranzo può essere delineato con un gruppo di piccole lampade su basi lunghe. Possono essere disposti in un ordine geometrico e arbitrariamente, variare la lunghezza della barra e creare così composizioni molto originali..

Spesso durante il funzionamento, la posizione del tavolo da pranzo è leggermente regolata, mentre la lampada rimane nello stesso posto. Se tali permutazioni sono la norma per te, allora è meglio non fare buchi nel soffitto inizialmente, ma posizionare una lampada da terra con un’alta “gamba” ad arco vicino al tavolo, la luce da cui sarà diretta direttamente al piano del tavolo.

Un tavolo in piedi contro un muro può essere illuminato con uno o due applique fissati ad un’altezza di circa un metro dal livello del tavolo. È meglio se le applique hanno staffe lunghe e il flusso luminoso è diretto verso il basso. A proposito, le lampade con un pantografo occupano con successo un posto sul muro. E sul tavolo da pranzo, una lampada da tavolo alta con un’ombra densa è fantastica. Decora il tavolo ed è un’aggiunta funzionale ai raduni di mezzanotte.

La sala da pranzo, di regola, in quasi tutte le case ha un aspetto senza pretese, molto standard: un tavolo e sedie, beh, a volte anche un vaso con frutta o fiori. È in una situazione tale che l’enfasi può essere posta sulla forma arguta di una lampada di design, che prenderà immediatamente un posto di primo piano non solo di sera, ma anche di giorno..

In conclusione, è necessario dire sui principali indicatori tecnici delle sorgenti luminose in cucina. Nell’area di lavoro, una cottura di alta qualità richiede un’intensa illuminazione del piano di lavoro e si preferisce uno spettro di luce neutro che non distorca l’aspetto naturale del cibo. A tavola, l’illuminazione dovrebbe essere tale che il piatto sia gradevole e appetitoso. La luce morbida e discreta crea un’atmosfera favorevole sia per i silenziosi pasti quotidiani che festivi.

Olga Prudnikova

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy