Controllo dell’illuminazione con un radiocomando: tipi, schemi di collegamento

Sezioni dell’articolo



L’autoinstallazione di un semplice sistema di controllo dell’illuminazione wireless con un radiocomando è semplice e richiede una conoscenza minima dell’ingegneria elettrica. Comprenderemo le varietà, i dettagli e i principi di connessione degli interruttori remoti che operano su un canale radio.

Controllo dell'illuminazione con un radiocomando: tipi, schemi di collegamento

In un sistema di controllo dell’illuminazione wireless che utilizza un radiocomando, vengono utilizzati due dispositivi principali:

  1. Dispositivo di comando – console portatile o fissa.
  2. Modulo esecutivo: unità di potenza (relè radio, dimmer radio) o controller RGB.

Controllo dell'illuminazione con un radiocomando: tipi, schemi di collegamento Controllo remoto dell’illuminazione: 1 – ricevitore radio; 2 – lampada da soffitto; 3 – radio hercon; 4 – applique; 5 – pannello a parete; 6 – sensore radio luce / movimento; 7 – telecomando portatile

Varietà e capacità dei radiocomandi

I trasmettitori radio portatili sono simili a quelli di un telecomando TV o di un portachiavi. Quest’ultimo può essere in tasca o appeso nel corridoio e spegnere l’illuminazione in tutto l’appartamento.

Controllo dell'illuminazione con un radiocomando: tipi, schemi di collegamento

I trasmettitori radio montati a parete sono disponibili in tre versioni:

  1. Pannello con pulsanti a sfioramento (tasti) per montaggio su superficie, simile a un interruttore convenzionale. È incollato con nastro biadesivo o fissato con viti autofilettanti in qualsiasi luogo asciutto – dove è conveniente, senza pensare a posare i fili.
  2. Scheda di inserimento per sensore pulsante compatibile. “Tablet” è installato all’interno di una scatola da incasso o in un alloggiamento dell’interruttore montato in superficie.
  3. Trasmettitore radio universale per l’ammodernamento dello schema di illuminazione esistente. Posizionato in una scatola di montaggio profonda e funziona da un interruttore standard.

Controllo dell'illuminazione con un radiocomando: tipi, schemi di collegamento

Oltre all’aspetto, i radiocomandi si differenziano per portata (fino a 100 m) e funzionalità. I modelli più semplici sono monocanale, accendono e spengono un singolo apparecchio, a volte possono controllare un dimmer radio. Le console multicanale funzionano con diverse zone di illuminazione e sono configurate in base a scenari individuali per ciascun modulo di potenza.

Controllo dell'illuminazione con un radiocomando: tipi, schemi di collegamento

Puoi controllare la sorgente luminosa da diversi punti installando un radiocomando vicino alla porta e l’altro alla testata del letto. L’unica limitazione sono le superfici metalliche che indeboliscono il raggio d’azione, quindi non si dovrebbe montare il dispositivo sul frigorifero. Quando si posizionano dispositivi di comando ed esecutivi in ​​stanze diverse, viene presa in considerazione la diminuzione della potenza del segnale radio quando si attraversano pareti e soffitti, se necessario vengono utilizzati ripetitori.

Tavolo. Perdita del segnale radio

MaterialeAttenuazione del segnale,%
Cartongesso, legnodieci
Mattone, truciolaretrenta
Cemento armato70
Metallo, griglia metallicafino a 90

Come scegliere un blocco esecutivo

La comunicazione tra dispositivi di varie modifiche può essere effettuata utilizzando protocolli diversi. Il funzionamento congiunto dell’interruttore radio e del telecomando è possibile solo se compatibili, a seconda del produttore e della serie di prodotti.

Controllo dell'illuminazione con un radiocomando: tipi, schemi di collegamento

Caricare

La selezione dell’unità di potenza viene effettuata in base alla natura del carico. La potenza del dispositivo, indicata come massima, corrisponde al carico delle lampadine a incandescenza e alogene a 220 V. Per le sorgenti luminose collegate tramite un trasformatore, viene utilizzato un fattore di riduzione:

  • 0.7 – per “alogeno” a bassa tensione;
  • 0,5 – per lampade fluorescenti.

È più difficile determinare il carico reale dalle lampade a risparmio energetico, a causa della loro elevata corrente di avviamento. Un metodo semplice, che non esclude il sovraccarico e la cottura dei contatti, consiste nel creare una tripla riserva di carica. Un modo garantito per proteggersi dai problemi è l’uso di un modulo speciale progettato per funzionare con LED e lampade a risparmio energetico o con la possibilità di collegare un relè di potenza esterno.

Alloggio

La potenza di commutazione consentita delle unità è correlata alle loro dimensioni. Un relè radio per un carico di 200-300 W si adatta liberamente a molti apparecchi di illuminazione – non è più grande di una scatola di fiammiferi di dimensioni. I moduli progettati per 3-5 kW sono dotati di radiatori di raffreddamento e hanno dimensioni molto maggiori, ma hanno una disposizione piatta e sono facilmente nascosti nello spazio dietro i pannelli.

Controllo dell'illuminazione con un radiocomando: tipi, schemi di collegamento

Vengono prodotte serie separate di dispositivi in ​​custodie REG per il montaggio su guide DIN con un possibile collegamento di un’antenna esterna. Le unità riceventi con protezione aumentata (IP65) sono progettate per lavorare in condizioni di umidità.

Oltre ai comandi dei telecomandi, i moduli di potenza sono in grado di funzionare da segnali provenienti da sensori di luce e movimento dotati di un canale radio. I produttori di apparecchiature per il controllo remoto della luce offrono anche kit già pronti con soluzioni standard che semplificano la selezione dei dispositivi adatti. L’opzione più elementare è un adattatore radio plug-in che non richiede alcuna installazione.

Controllo dell'illuminazione con un radiocomando: tipi, schemi di collegamento

Come collegare l’alimentatore

Il principio di connessione del modulo esecutivo entry-level è di facile comprensione: la fase e lo zero della rete esterna vengono inviati all’ingresso del dispositivo e il carico è collegato all’uscita. Un filo dell’antenna attorcigliato a spirale viene posizionato senza piegature, una linea retta non è avvolta attorno al corpo, ma cercano di raddrizzarlo il più possibile e non danneggiare l’isolamento.

Controllo dell'illuminazione con un radiocomando: tipi, schemi di collegamento

Attenzione! I lavori elettrici vengono eseguiti dopo aver scollegato la rete di alimentazione, collegando i cavi in ​​modo efficiente e corretto.

Alcuni tipi di carichi, come driver della lampada, convertitori di impulsi, ecc., Sono in grado di generare interferenze ad alta frequenza che interferiscono con il corretto funzionamento dei dispositivi. Le lampade possono lampeggiare o non spegnersi, il malfunzionamento viene eliminato includendo un reattore nel circuito del reattore – un condensatore di soppressione del rumore di 0,47 μF / 275 V.

Controllo dell'illuminazione con un radiocomando: tipi, schemi di collegamento Collegamento dei dispositivi direzionali: 1 – lampada; 2 – alimentatore; 3 – unità di potenza per un canale; 4 – dimmer radio a funzione singola

Consigli.Per evitare problemi con la comunicazione radio, i dispositivi sono posizionati ad almeno 50 cm dagli elettrodomestici e ad oltre 100 cm l’uno dall’altro.

Lievi difficoltà di connessione sono associate alla mancanza di un unico standard per la codifica a colori dei fili, che è risolto da un attento studio delle istruzioni.

Controllo dell'illuminazione con un radiocomando: tipi, schemi di collegamento Schema di collegamento delle unità di potenza: 1 – Radio relè DeLUMO; 2 – interruttore radio a due canali GIRA-mini; 3 – lampada; 4 – carico del 1 ° canale; 5 – caricamento del 2o canale

È possibile modernizzare l’illuminazione esistente e lasciare gli interruttori standard installando sia un trasmettitore radio che un dispositivo di ricezione che, su un segnale dal telecomando, fornirà tensione al cablaggio elettrico esistente.

Controllo dell'illuminazione con un radiocomando: tipi, schemi di collegamento Collegamento di unità integrate: 1 – lampade; Interruttori a 2 fili; 3 – ricevitore radio ROP-02; 4 – Relè wireless RFSAI-61B; 5 – interruttore esterno

Il circuito di controllo remoto per strisce LED è calcolato e assemblato allo stesso modo di un cavo, l’unica differenza è nel controller dotato di un modulo radio.

Controllo dell'illuminazione con un radiocomando: tipi, schemi di collegamento Schema: 1 – alimentatore; 2 – Controller RGB; 3 – nastro tricolore

Controllo dell'illuminazione con un radiocomando: tipi, schemi di collegamento Un dimmer di piccole dimensioni è adatto per modificare la luminosità delle strisce LED monocromatiche: 1 – alimentatore; 2 – amplificatore di segnale; 3 – dimmer a canale singolo; 4 – nastro monocolore

Dopo aver collegato l’apparecchiatura, i radiocomandi vengono “legati” ai blocchi di potenza e creano gli scenari desiderati per i dispositivi di illuminazione. In alcuni modelli, le modalità sono commutate dai jumper, oltre all’impostazione del software.

Dopo aver provato la versione più semplice, composta solo da un ricevitore e un trasmettitore, è possibile testare la comodità del sistema domestico “intelligente” e continuare l’espansione del complesso, aggiungendo gradualmente nuovi dispositivi domestici.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy