Master class: finitura del soffitto della loggia

Sezioni dell’articolo



Come realizzare un soffitto da pannelli di plastica su una loggia con le tue mani? Cosa devi sapere sulla costruzione di case? Quale materiale scegliere per riparare il soffitto della loggia? Come installare gli apparecchi di illuminazione? Le sfumature dell’installazione di un profilo metallico. Lo imparerai dal nostro articolo..

Se ci sono tracce di movimento di elementi strutturali sulla loggia di un edificio residenziale di oltre 20 anni, è molto probabile che la deformazione della struttura continui. Ciò significa che quando si finisce, non si deve legare rigidamente agli elementi. Ciò riguarda la connessione del soffitto e del pavimento alle pareti. “Secco” (con elementi di fissaggio) o “bagnato” (con strati di finitura) la rilegatura si romperà alle più piccole deformazioni stagionali, che si verificheranno comunque. Pertanto, la struttura del soffitto dovrebbe essere resa indipendente dalle pareti..

Ciò può essere ottenuto in modo semplice, collegando uno speciale zoccolo al telaio del soffitto. Prenderemo in considerazione istruzioni dettagliate per tutto il lavoro..

Installazione del telaio

“Stadio zero”. Puliamo tutto ciò che può sgretolarsi, chiudere crepe, crepe, buchi.

1. Trattiamo la lastra del controsoffitto in calcestruzzo con composti antifungini a penetrazione profonda per calcestruzzo – primer AKRIMAX-LUX e Optimist concretecontact G109 con riempitivo al quarzo.

2. Contrassegniamo l’orizzonte del soffitto usando il livello idraulico. La struttura sospesa è montata dal profilo CD zincato su ganci a U. Questo dovrebbe essere preso in considerazione durante la marcatura.

3. Trova la sezione più bassa della piastra del soffitto e metti da parte 30 mm (spessore del profilo del CD) più 10 mm (margine). Disegniamo una linea di livello dell’orizzonte della cornice. Anche sulla parete opposta.

4. Mettere da parte 200 mm da ogni parete, mettere segni all’orizzonte.

5. Eseguiamo fori da 6 mm nel mirino per il tassello “installazione rapida” (BM).

6. Installare il BM nei fori.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 2. Soffitto

7. Allunghiamo le corde tra il BM opposto. Abbiamo un piano virtuale all’orizzonte.

8. Contrassegnare il massimale per le sospensioni a P. BI ganci (e quindi il profilo) che rivestono la parete stretta devono trovarsi a 20-30 mm da esso. RContrassegniamo il soffitto per sospensioni interne con un passo di 600 mm, a partire dalle misure estreme. Fissaggio – 2 punti. PPoiché i pannelli di plastica devono essere installati con un giunto di 3 m, un elemento del telaio deve essere installato a 3 m da una parete stretta.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 2. Soffitto

9. Eseguiamo fori di 6 mm di profondità 50 mm sotto il BM.

10. Montiamo i ganci P su BM nei fori.

11. Usando le forbici per metallo, tagliare un profilo CD della dimensione della larghezza del soffitto meno 20 mm (10 su ciascun lato).

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 2. Soffitto

12. Installare il profilo CD tagliato su misura nei ganci, adattandolo al cavo teso. E riparalo con “pulci” autofilettanti.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 2. Soffitto

Attenzione! Controllare la posizione del cavo il più spesso possibile per evitare strappi e distorsioni e successivamente deviare dall’orizzonte..

13. Piegare una parte del nastro di montaggio dei ganci estremi e fissarlo da una posizione accessibile.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 2. Soffitto

Il telaio finito è simile al seguente:

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 2. Soffitto

Di solito, quando si installa un soffitto costituito da pannelli o pannelli di gesso, un profilo UD viene montato lungo il perimetro dell’orizzonte e il CD viene inserito al suo interno. Questo facilita l’allineamento, ma lega le pareti al soffitto, cosa inaccettabile nel nostro caso..

Posa elettrica

Si presume che nelle fasi precedenti i cavi siano collegati secondo lo schema:

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 2. Soffitto Schema di elettrificazione: 1 – uscita dei fili dall’appartamento; 2 – morsettiera WAGO 2273-245 (è consentito l’uso di WAGO 773-xxx); 3 – lampade a diodi a soffitto; 4 – lampada da parete

Dobbiamo occuparci solo del cavo lead-in e del suo ulteriore cablaggio attraverso gli apparecchi. Per fare ciò, è necessaria una morsettiera WAGO 2273–245 o analogica.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 2. Soffitto

Domanda.È possibile fare a meno di morsettiere o aderenze e semplicemente torcere i fili?

Risposta.Può. In questo caso, il rischio di corto circuito aumenta di 7-10 volte. Considerando che le connessioni sono nascoste e il soffitto sarà realizzato in plastica infiammabile, questo può portare a tristi conseguenze (incendio).

Nel nostro caso, le morsettiere svolgono la funzione di instradamento dei cavi. Mettiamo morsettiere su ciascun nucleo del cavo di ingresso.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 2. Soffitto

Colleghiamo i fili delle lampade alla morsettiera secondo lo schema.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 2. Soffitto

Distribuiamo i fili nello spazio sotto il soffitto approssimativamente in base alla posizione delle lampade.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 2. Soffitto

Installazione di plastica

Come già notato, utilizziamo un profilo speciale per i pannelli.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 2. Soffitto

Per questo vengono acquistati tappi angolari decorativi..

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 2. Soffitto

Ciò renderà l’aspetto del soffitto quasi impeccabile alle articolazioni, mantenendo l’indipendenza dell’intera struttura. Successivamente, montiamo il profilo decorativo con tasselli attorno al perimetro del soffitto, fissandolo con viti autofilettanti al profilo del CD.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 2. Soffitto

In questa fase, dovresti determinare chiaramente la posizione delle lampade e mettere segni sul telaio. Montiamo i pannelli sul telaio, fissandoli su viti autofilettanti “pulci”.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 2. Soffitto

Nei punti segnati facciamo dei buchi per le lampade.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 2. Soffitto

Dopo aver installato un pannello con un numero di apparecchi, questi devono essere installati, collegati e testati. In caso contrario, se si riscontrano problemi dopo l’installazione dei pannelli, sarà necessario ripetere tutto il lavoro.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 2. Soffitto

Alla giunzione dei pannelli, dovrebbe essere applicato un profilo ad H.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 2. Soffitto

L’ultimo pannello dell’aereo viene solitamente tagliato e nascosto nel profilo.

Attenzione! Quando si rifila l’ultimo pannello, ricordare la sede del profilo: è 15-20 mm. La larghezza dell’ultimo pannello dovrebbe essere molto più grande rispetto alla dimensione “netta” della sua parte visibile.

Il costo di finitura del soffitto della loggia con dimensioni di 6×1 m:

NomeUnità rev.QuantitàPrezzo unitario, rub.Costo, sfregamento.
Profilo CD 60x27x0,45m1220240
Sospensione a U.PCS.24370
Tassello “installazione rapida”PCS.50150
Viti autofilettanti “pulci”PCS.cento0.3trenta
Zoccolo decorativo a soffittocorrere. mquattordici50700
Pannelli di plasticamq. m6150900
Illuminazione a soffittoPCS.4200800
Altro (primer, cavo, morsettiere, ecc.)200
Materiale totale3000
Lavoro1500
Materiale e lavoro totali4500

Qualunque sia il materiale scelto, fatte salve le regole per l’organizzazione di un piano indipendente, la finitura del soffitto ti servirà per molto tempo. Questa meravigliosa regola vale anche per i pavimenti di balconi e logge..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy