Master class: riparazione di muri sulla loggia

Sezioni dell’articolo



Qual è la peculiarità di gestire una loggia di un edificio a più piani? Quali materiali sono meglio utilizzati per la lavorazione delle pareti della loggia? Come posare la rete elettrica in questa stanza? Quali materiali scegliere per le finiture decorative? Troverai le risposte a queste domande in questo articolo..

Un balcone o loggia è un compagno costante di singoli appartamenti. In grattacieli di costruzione sovietica, hanno spesso dimensioni impressionanti, che influiscono sulla stima durante la loro riparazione. In questo caso, le pareti hanno la superficie maggiore. Hanno anche il maggior numero di problemi associati a tali fattori:

  1. Mancanza di ventilazione Ciò porta alla formazione di condensa. Spesso, il fungo è già presente sulle pareti prima della riparazione.
  2. Congelamento invernale, calo di temperatura, punto di rugiada. Anche la causa della condensa, specialmente sul vetro (se presente) e sul muro tra la stanza e la loggia.
  3. Usura degli elementi strutturali della casa. Se la loggia non era vetrata, è possibile che si verifichino danni, fino alla distruzione meccanica della piastra.
  4. Deformazioni dinamiche. Distorsioni e fessurazioni alle giunture dei pannelli, blocchi delle pareti derivanti dal restringimento della casa e dal montaggio di scarsa qualità del telaio. Questo è un segno di case a pannelli e blocchi. Sui telai monolitici, praticamente non succede (semmai c’è una crepa).
  5. L’eredità di precedenti riparazioni sotto forma di intonaco con malta di altissima qualità senza competenze o imbiancature con colla PVA.

Considereremo il processo di riparazione, lavorazione e decorazione delle pareti della loggia usando l’esempio di una stanza che ha tutti i segni sopra descritti.

Prima dell’inizio dei lavori, la stanza era già vetrata con un’unità standard in vetro per balcone e sembrava così:

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

Stadio zero

Eliminare tutto ciò che è superfluo, smantellare tutto ciò che è inchiodato e imbullonato. Sigillare le superfici di finitura di finestre e porte con nastro adesivo. Si consiglia di proteggere Windows.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

Un problema comune delle pareti che non sono state riparate da molto tempo è il rivestimento con una vernice bianca a base di PVA di altissima qualità, che richiederebbe molto tempo e sarebbe polverosa da pulire completamente. In questo caso, non è necessario esporre il muro al cemento. È sufficiente applicare una tacca profonda e ruvida, nei solchi di cui penetrerà il primer e quindi negli strati successivi. Per fare questo, è necessario un trapano con un pennello a forma di scodella..

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

Come risultato dello stripping, i punti deboli del bianco sono stati rimossi. Quelle aree che tengono bene serviranno come ulteriore adesione degli strati successivi al calcestruzzo. Di conseguenza, il muro pulito appare così:

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

Inoltre, va notato che abbiamo a che fare con il vecchio calcestruzzo di fabbrica, che è molto riluttante a entrare in contatto con qualsiasi cosa. Pertanto, deve essere trattato con cura con adesivi..

Nel nostro caso, abbiamo scelto un primer AKRIMAX-LUX a penetrazione profonda con proprietà antifungine e la composizione “Adesivo a contatto con il calcestruzzo Optimist G109” con un riempitivo al quarzo. Di norma, i primer per calcestruzzo hanno un indicatore di colore, al fine di distinguere la superficie trattata.

Dopo l’elaborazione da parte di “Optimist”, i muri appaiono così:

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

versante

Nel migliore dei casi sono gravemente logori, nel peggiore dei casi vengono parzialmente distrutti durante l’installazione di finestre e porte. Anche i pendii ben conservati sembrano tutt’altro che perfetti, e nel 100% dei casi devono essere formati di nuovo. Troverai informazioni complete su come realizzare piste in gesso nell’articolo “Piste in gesso fai-da-te”.

Prima di installare l’angolo di verniciatura e applicare la miscela, pulire accuratamente le superfici, le crepe dalla schiuma di poliuretano e le inclusioni sciolte.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

Quindi installiamo l’angolo di pittura con una griglia sulla soluzione e lo livelliamo. Dopo che la soluzione si è asciugata e l’angolo è stato fissato, applichiamo la soluzione alla pendenza e alla parte del muro.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

Per la formazione di pendii è stato utilizzato uno stucco di base universale antiritiro e antiritiro “Prospector”.

Cavi elettrici

Per illuminare la loggia, sono state scelte lampade a diodi economiche che consumano 3,5 W di elettricità, così come un applique con una lampada a incandescenza da 40 W. Sul muro: un blocco accoppiato da una presa con interruttori. Poiché si suppone che la loggia non sia riscaldata, i dispositivi di riscaldamento (più potenti di 0,5 kW) non saranno collegati. Ciò consente di selezionare fili di piccola sezione – 1 mm. Tutta l’installazione elettrica viene eseguita con filo di rame PVS 2×1.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti Schema di elettrificazione: 1 – uscita dei fili dall’appartamento; 2 – morsettiera WAGO 2273-245 (è consentito l’uso di WAGO 773-xxx); 3 – lampade a diodi a soffitto; 4 – lampada da parete

Procedura operativa

1. Contrassegnare con una matita o un pennarello la posizione del cavo, cercando di sfruttare al massimo le fessure e le cavità esistenti. Contrassegnare le posizioni di installazione per il quadro elettrico.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

2. Tagliare con una smerigliatrice, una fresa per inseguire o semplicemente sfondare le scanalature (scanalature) della profondità richiesta con uno scalpello per posare i fili in esse.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

3. Utilizzo dell’ugello “punta diamantata per calcestruzzo 55 mm”:

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

approfondire i sedili per prese di plastica:

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

4. Elaborazione di scanalature e sedi con “Optimist”.

5. Posare i fili e installare le prese su schiuma, alabastro, sigillante.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

6. Seguire i passaggi dopo aver terminato le pareti.

Decorazione murale

Quindi l’intera superficie viene nuovamente innescata (AKRIMAX-LUX) e stucco (stucco “Prospettori”).

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

Dopo la copertura, il riempitivo deve essere pulito con una rete abrasiva per appianare eventuali irregolarità dalla cazzuola. Per l’adesione più affidabile dello strato decorativo di finitura a quello di base, viene utilizzato un altro tipo di primer: BETON-KONTAKT con un riempitivo al quarzo di KBS. Ha un indicatore rosso e serve per una migliore connessione degli strati di finitura.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

Rivestimento decorativo. Si consiglia di utilizzare una miscela pronta per l’uso ModellierPutz dell’azienda tedesca Dufa come strato di finitura..

Procedura operativa

1. Trasferire la miscela in un vassoio per la pittura.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

2. Applicare uno strato di 1–5 mm con una spatola.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

3. Livellare lo strato stendendo la miscela con un rullo.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

4. Utilizzando un rullo strutturale con un motivo, applicare la trama sulla miscela grezza.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

Il colore del rivestimento di finitura viene selezionato in base al design generale (tenendo conto dei colori del soffitto e del pavimento). Nel nostro caso è stato utilizzato il composto per vetri Sollasurro di SOLEX Premium, che conferisce una tonalità scintillante dorata, allo stesso tempo essendo un rivestimento protettivo.

Dopo che la composizione del vetro si è asciugata, completiamo l’installazione dei componenti elettrici. Colleghiamo i fili secondo lo schema.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

Installiamo la presa e accendiamo i sedili.

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

Quindi inseriamo una cornice decorativa e le chiavi. L’aspetto finale delle pareti è molto interessante:

Master class: revisione di una loggia non ventilata. Parte 1. Pareti

La cosa principale in questa riparazione è che tutte le regole per l’applicazione e la sequenza di strati sono osservate. Vengono prese tutte le misure necessarie per un funzionamento spensierato.

Stima dei costi per materiali e lavori (6×1 m, altezza 2,4 m) *:

NomeConfezionePrezzo, rub,
Primer AKRIMAX-LUXContenitore 3 l180
Primer “Optimist betonkontakt G109” con carica al quarzo.Secchio da 3 kg300
Putty “Prospettori”Sacco da 20 kg300
BETON-KONTAKT di KBSSecchio da 5 kg220
Miscela Dufa ModellierPutzSecchio 15 kg850
SOLEX Premium SollasurroSecchio da 3 kg450
Altre spese (rulli, vassoio, nastro adesivo)500
Materiale totale2800
Lavoro2500
Materiale e lavoro totali5300

* – nonostante la quadratura molto piccola delle pareti, il materiale dovrà essere acquistato in pacchetti interi

La stima non include i costi dei lavori elettrici. Durante il funzionamento, si consiglia di ventilare periodicamente la loggia..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy