Piastrelle in ceramica per il bagno e oltre

Sezioni dell’articolo



In questo articolo: The History of Ceramic Cladding perché le migliori piastrelle sono realizzate in Spagna e in Italia; selezione di piastrelle ceramiche in base alle loro caratteristiche esterne; il significato della marcatura di piastrelle certificate secondo la norma UNI EN.

Piastrelle in ceramica per il bagno e oltre

Tra tutti i materiali di finitura, questo prodotto è stato ineguagliato per diverse migliaia di anni: il suo fascino esterno insieme all’elevata resistenza e ai dati ambientali lo hanno posto al primo posto tra gli altri. In effetti, chi di noi non ha familiarità con le piastrelle di ceramica tradizionalmente utilizzate nella decorazione di bagni, cucine e servizi igienici? Il mercato ci offre una vasta gamma di piastrelle – qualsiasi colore, modello, dimensione e trama, una vasta selezione di produttori, sia stranieri che nazionali. Infine, le piastrelle di ceramica possono essere acquistate presso il negozio di ferramenta più vicino, il mercato per la casa, lo showroom specializzato o visitando un negozio di piastrelle online sul World Wide Web. Non c’è nessun problema a trovare una tessera, ma ecco come selezionarla?

Storia delle piastrelle di ceramica

I primi campioni di piastrelle ceramiche sono stati creati in Mesopotamia circa 5.000 anni fa, tuttavia, queste piastrelle erano piuttosto mattoni di argilla smaltata, lo strato di smalto su cui era di circa 10 mm, garantendo un’elevata resistenza del prodotto. Ogni piastrella è stata decorata con motivi semplici e complessi, molti dei quali sono sopravvissuti fino ad oggi, anche se il loro significato è stato ampiamente perso. Gli antichi costruttori utilizzavano piastrelle in ceramica nella decorazione esterna ed interna di templi e palazzi, nella costruzione di bassorilievi intricati.

Dopo 3000 anni, gli stati della Mesopotamia persero la loro grandezza e gradualmente scomparvero, e la produzione di piastrelle di ceramica si spostò nel territorio dell’antica Persia, i cui sovrani erano stati precedentemente costretti a importare mattoni smaltati dalla Mesopotamia. Furono i maestri persiani verso il V secolo a.C. e. ha creato piastrelle in ceramica simili alle controparti moderne – spessore 10 mm, dimensioni 150 x 150 mm.

Piastrelle in ceramica per il bagno e oltre

Nell’Europa medievale, le piastrelle di ceramica e le loro tecnologie di produzione furono portate dai Mori, che conquistarono la Spagna nell’VIII secolo. Vari territori della Spagna furono sotto il dominio delle dinastie arabe fino alla fine del 15 ° secolo, dopo la completa liberazione del paese, iniziò lo sviluppo di nuovi tipi di piastrelle di ceramica, il che fu facilitato dalla sua richiesta tra i monarchi d’Europa e i principi della Chiesa cattolica.

Oggi, così come secoli fa, vengono prodotte piastrelle ceramiche di alta qualità nelle fabbriche in Spagna e Italia. Nel caso del primo paese, questo è spiegato dal lungo dominio dei Mori, nel caso del secondo, dalla popolarità dei mosaici ceramici tra papi e cardinali, che si occuparono di addestrare i maestri italiani nell’arte della creazione di piastrelle in ceramica..

Come scegliere le piastrelle di ceramica

A seconda della tecnologia di produzione e delle materie prime, le piastrelle di ceramica sono divise in diversi tipi principali – vedere la loro descrizione qui.

Il primo criterio di selezione è il fascino estetico, incluso il formato delle piastrelle, il colore e il motivo sul lato anteriore. Il numero e la densità dei giunti tra le piastre dopo che sono stati posati sulle superfici da rifinire dipendono dalle dimensioni delle piastrelle: più piccolo è il formato delle piastrelle, più giunti e con un formato più grande, ci saranno meno giunti tra piastrelle, rispettivamente, non saranno molto evidenti. I produttori globali producono non solo piastrelle quadrate o rettangolari, ma anche poligonali (le più popolari sono esagoni e ottagoni), nonché formati più complessi, ad esempio moresco e provenzale. Tuttavia, la semplice forma geometrica della piastrella non si limita alle soluzioni tipiche per la sua applicazione. Modificando la posizione delle giunzioni vuote spostando ciascuna piastrella rispetto a quella adiacente o orientando le giunture verso gli assi delle superfici che sono rivolte (cuciture parallele, diagonali e loro combinazioni), è possibile effettuare una varietà significativa nel rivestimento con lo stesso formato di piastrelle ceramiche.

Piastrelle in ceramica per il bagno e oltre

Oltre alle piastrelle stesse, i produttori producono una varietà di elementi decorativi che animano la monotonia del rivestimento delle piastrelle..

La tavolozza dei colori delle piastrelle in ceramica smaltata è molto più ampia di quella delle piastrelle non smaltate – tali piastrelle possono essere verniciate in qualsiasi tonalità di colore, non ci sono limiti tecnici a questo. Inoltre, le piastrelle smaltate dello stesso colore possono avere tre tipi di superficie: lucida, opaca o abrasiva (antiscivolo), all’interno dello strato di smalto possono esserci vari inserti che ne aumentano le proprietà decorative. Il colore della piastrella non smaltata dipende dal colore della base – la sua base. Tuttavia, queste restrizioni, al contrario, aumentano solo le caratteristiche estetiche di questo tipo di piastrella, conferendole una speciale unicità e riconoscimento (ad esempio, il colore “cotto”, caratteristico solo con lo stesso nome di piastrelle non smaltate).

Per affrontare piccoli ambienti e di solito vengono utilizzati rivestimenti ceramici nella loro decorazione, sono adatte piastrelle di colori chiari. Le piastrelle di colori scuri possono essere utilizzate come contrasto, ma la loro area non deve superare il 15-20% dell’area totale del rivestimento piastrellato, altrimenti la stanza avrà un’atmosfera piuttosto cupa.

La superficie vetrata della piastrella è piuttosto debolmente resistente alle sollecitazioni meccaniche, soggetta a danni come crepe e scheggiature, quindi le piastrelle smaltate vengono utilizzate principalmente per il rivestimento di superfici verticali o come rivestimento per pavimenti in ambienti a basso carico, ad esempio come piastrelle per un bagno o un bagno … Smalto su piastrelle di ceramica a mosaico, le cui lastre hanno dimensioni da 20 a 50 mm e sono collegate in blocchi con lati da 300 a 500 mm, a causa delle piccole dimensioni delle piastrelle, ha una maggiore resistenza alle influenze meccaniche.

Sulla superficie delle piastrelle smaltate, è possibile applicare un motivo di quasi tutte le complessità utilizzando il metodo di stampa serigrafica: può essere un ornamento o un’immagine fotografica. Inoltre, i modelli vengono applicati nel processo di speciali metodi tecnologici per applicare lo strato vetrato, così come sopra lo smalto ricotto, seguito da una cottura per la terza volta. Di solito, una serie di piastrelle in ceramica è ricoperta da un identico motivo su ciascuna, così come un ornamento su larga scala, i cui frammenti vengono applicati a diversi gruppi di piastrelle come i puzzle, formando un’immagine di una vasta area sotto forma di affresco o dipinto di fronte..

Piastrelle in ceramica per il bagno e oltre

Di norma, il modello non viene applicato alle piastrelle non smaltate: l’unica eccezione è il gres porcellanato, il suo tipo moderno.

Quando si sceglie un motivo su una piastrella di ceramica, prestare attenzione al suo orientamento: un ornamento o un’immagine orientati verticalmente è adatto per stanze con soffitti bassi, ingrandendoli visivamente, l’ornamento di orientamento orizzontale, di conseguenza, starà bene in stanze con soffitti alti.

La scelta delle piastrelle di ceramica in base alle loro caratteristiche esterne sarà corretta non basandosi sull’attrattiva di una lastra esposta presso lo stand espositivo nel punto vendita, ma sul rapporto di una serie di dati iniziali: l’illuminazione della stanza in cui si suppone debba essere piastrellata, il grado del suo carico con apparecchi idraulici, mobili ed elettrodomestici elettrodomestici, design dell’appartamento (casa) situato vicino ai locali.

Il significato dell’etichettatura del produttore sull’imballaggio delle piastrelle di ceramica

Secondo le norme UNI EN, le piastrelle di produzione europea certificate secondo questa norma devono avere le seguenti marcature: tipo di piastrella; pittogrammi che caratterizzano le superfici per il rivestimento; diverse combinazioni di lettere numeriche dietro le caratteristiche prestazionali delle piastrelle.

Piastrelle in ceramica per il bagno e oltre

Secondo il grado, le piastrelle di ceramica sono suddivise da 1 a 3 e commerciali:

  • la marcatura rossa indica che all’interno della confezione è presente una piastrella di 1 ° grado, la difettosità non è superiore al 5%. Coloro. per ogni 100 piastrelle ci possono essere solo 5 con difetti – tenendo conto del fatto che il rivestimento in piastrelle di ceramica non viene eseguito senza tagliare alcuni di essi, la presenza di un numero così piccolo di prodotti difettosi in un lotto non è critica;
  • Il colore blu della marcatura indica che la confezione contiene piastrelle di 2 ° grado con una difettosità fino al 25% nel lotto. I difetti qui non saranno nella dimensione della piastrella, ma nel suo aspetto (disegno, colore, smalto);
  • marcatura verde – 3 ° grado, la difettosità delle piastrelle è superiore al 25%. Le piastrelle di qualità più bassa sotto tutti gli aspetti sono utilizzate per il rivestimento di locali tecnici dove non è richiesta un’elevata estetica;
  • la varietà commerciale non ha un codice colore e la percentuale di difetti del lotto supera il 25%. Le piastrelle di ceramica ad esso correlate hanno un colore semplice, il loro principale vantaggio è la loro elevata resistenza all’usura meccanica.

Va notato che i valori di codifica a colori sono corretti solo se il produttore di questa piastrella in ceramica è stato certificato secondo la norma UNI EN, che deve essere indicato dalla corrispondente iscrizione sulla confezione. Se non lo ha superato, la marcatura può essere qualsiasi cosa e non significa nulla – assicurarsi che sulla confezione siano presenti informazioni sulla presenza di questo certificato, altrimenti non prestare attenzione al colore della marcatura.

I pittogrammi hanno lo scopo di facilitare la ricerca di tessere con le caratteristiche richieste, le immagini su di esse sono semplici e sempre accompagnate dalla firma appropriata. Ad esempio, l’immagine di un palmo su uno sfondo scuro significa che questo tipo di piastrella è destinato al rivestimento della parete e l’immagine della suola di uno stivale: la piastrella è progettata per il rivestimento del pavimento. L’immagine di diversi pittogrammi identici indica che la qualità di questo prodotto secondo questo criterio è particolarmente elevata.

Combinazioni di lettere e numeri indicano la resistenza delle piastrelle a basse temperature, usura fisica e sostanze chimiche. Queste combinazioni sono costituite da lettere latine e numeri romani e nella stessa gradazione possono esserci due designazioni di lettere numeriche: la lettera latina indica il grado di porosità della piastrella (“A” è la meno porosa) e il numero romano parla del gruppo di assorbimento d’acqua (“I “- assorbimento d’acqua minimo).

La resistenza al gelo è indicata da un pittogramma a fiocco di neve e dalle seguenti combinazioni di numeri e lettere:

  • A I e B I – elevata resistenza alle basse temperature, le piastrelle sono adatte per rivestimenti esterni;
  • A II e B II – resistenza al gelo media;
  • le piastrelle contrassegnate con A III e B III sono adatte solo per la piastrellatura interna.

Piastrelle in ceramica per il bagno e oltre

La resistenza del rivestimento orizzontale all’usura fisica è divisa in cinque gruppi:

  • PEI I – la minima resistenza all’usura, tali piastrelle sono adatte, forse, per i bagni;
  • PEI II: i prodotti con questo marchio possono essere utilizzati in ambienti in cui le famiglie non indossano scarpe da esterno, ad es. per rivestire un bagno o un bagno;
  • PEI III – per ambienti di uso medio. Le piastrelle per la cucina e il corridoio hanno questo marchio;
  • PEI IV – per superfici con forti sollecitazioni (gradini, pavimenti in uffici);
  • PEI V – le piastrelle di ceramica sono progettate per pavimenti ad alto traffico (stazioni ferroviarie, supermercati, impianti industriali, ecc.).

La resistenza di questo tipo di piastrelle di ceramica all’attacco chimico è indicata da una o due lettere latine: AA – i prodotti chimici non possono danneggiare; A – la resistenza ai prodotti chimici è inferiore; AB – resistenza inferiore rispetto al gruppo “AA”. Le lettere dalla A alla D sono incluse nella gradazione in termini di resistenza chimica, rispettivamente, la marcatura “DD” indica l’incapacità della piastrella di resistere alle influenze chimiche, ad es. una piastrella come un pavimento non solo in cucina, ma anche in bagno non è adatta in alcun modo.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy