Piastrelle in ceramica nel bagno. Come evitare l’umidità

Cominciamo dal fatto che il bagno è una stanza umida. Ciò significa che possibile fungo su pareti e tubi. Certo, è necessario combattere il fungo non solo con agenti edili e chimici. Quindi, è necessario riparare tempestivamente tutti gli impianti idraulici attuali: è lei che, di regola, diventa la principale causa della comparsa di funghi nel bagno. Controllare e pulire la ventilazione e la cappa aspirante. Installa una potente ventola se è debole. Ciò è particolarmente vero per l’ora legale, quando l’alimentazione di riscaldamento ai portasciugamani riscaldati viene disattivata o nel momento in cui viene disattivata l’acqua calda. Prima di posare le piastrelle sul muro, si consiglia di mettere l’impermeabilizzazione sul pavimento e trattare le pareti con rivestimenti antifungini. Se una delle pareti è esterna, ha senso isolarla. I riscaldatori sono di due tipi: a base di fibra di vetro e schiuma di polistirene estruso. Il polistirolo è migliore, ma più costoso.

Immagine

L’isolamento viene posato tra i telai metallici, su cui può quindi essere fissato un muro a secco resistente all’umidità, livellando così la parete allo stesso tempo. Sul muro a secco, è possibile reinserire separatamente e in aggiunta l’impermeabilizzazione, quindi adescare la superficie e posare le piastrelle.
L’adesivo per piastrelle differisce anche in base alle condizioni e per ciò che verrà utilizzato. In particolare, ci sono adesivi: resistenti al gelo, ad asciugatura rapida, per esterni, gres porcellanato, piastrelle in ceramica, ecc. La colla può essere asciutta, che richiede dissoluzione o pronta per l’uso. Caratterizziamo i principali adesivi.

Le malte cementizie con additivi, di norma, si riferiscono agli adesivi a secco, che producono miscele adesive a strato sottile con elevata adesione e resistenza alla compressione. Particolarmente indicato per la posa di piastrelle per pavimenti.

Le miscele di lattice e acrilico hanno anche un’elevata capacità legante, inoltre questi adesivi sono più elastici del cemento convenzionale.
Gli adesivi con additivi polimerici sono più resistenti all’umidità, ma non completamente impermeabili, questo dovrebbe essere ricordato.
Liquido, ad es. gli adesivi pronti all’uso comprendono mastici organici di varie composizioni a base di lattice o rifiuti dell’industria petrolifera. Sono economici, ma l’adesione dei mastici è molto peggiore e l’elasticità è inferiore. Usali per la posa su cartongesso o compensato.
Infine, resta da prestare attenzione alle piastrelle. Prova a scegliere le tessere più alte possibili. Sarebbe l’ideale se si tengono le piastrelle che si desidera acquistare in condizioni di elevata umidità per almeno un mese. Ciò consentirà di comprendere la qualità del rivestimento vetrato, che, sotto l’influenza di umidità, acqua e temperatura, si rompe e si sbriciola..

Vale la pena prestare attenzione alla marcatura delle piastrelle. La mano indica la destinazione per le pareti e il piede per il pavimento. La presenza di un fiocco di neve indica la resistenza al gelo e un piede su uno sfondo ombreggiato indica una maggiore capacità di abrasione e, infine, un’icona di fiamma con i numeri 1 o 2 indica il numero di tiri di piastrelle. La doppia cottura comporta una maggiore rigidità e fragilità, sebbene tale rivestimento non si pieghi o si deformi.

Come evitare l’umidità in bagno

Mentre decoriamo i bagni con piastrelle di ceramica, non tutti sappiamo che prima o poi questo metodo di impermeabilizzazione “si spezzerà” e un problema di umidità apparirà in casa..

Anche se la piastrella è impermeabile, l’umidità può penetrare nel pavimento o nella struttura della parete attraverso i giunti tra le piastrelle, attraverso vari spazi attorno ai tubi, piatto doccia o vasca. Quando l’umidità raggiunge gli strati profondi del pavimento, l’umidità inizia a danneggiare la struttura del pavimento e il vapore che si accumula sulle pareti può causare tutti i tipi di funghi e muffe che, a loro volta, possono penetrare attraverso il muro e in un’altra stanza. Ecco perché è necessario prendersi cura di impermeabilizzazione aggiuntiva..

Prima di tutto, devi ricordare del primer. È sufficiente utilizzare un primer universale, a condizione che le pareti e il pavimento del bagno siano accuratamente preparati per la finitura. Questa preparazione riduce significativamente l’assorbenza del substrato e legherà anche la polvere residua che rimane dopo aver pulito la superficie. Ma se non c’è fiducia nella qualità del massetto, dell’intonaco o della guaina del muro a secco, è necessario utilizzare il primer che rafforzerà ulteriormente la superficie. Prima di posare le piastrelle sul pavimento, è necessario livellare la superficie del pavimento con preparazioni speciali a base di malta cementizia o gesso..
Un modo per evitare l’umidità è con una membrana impermeabilizzante che viene applicata sotto le piastrelle di ceramica. Questa membrana è costituita da una sospensione di cemento riempita di minerali modificata con una resina sintetica. La colla, a sua volta, aderisce meglio alla membrana che al film o al feltro del tetto.

Dovresti essere consapevole che la composizione della membrana dopo l’agitazione deve essere usata entro due ore. Trascorso questo tempo, inizia a indurirsi, quindi è meglio prendere alcuni dei componenti dalla confezione, osservando le proporzioni indicate dal produttore al fine di evitare un consumo eccessivo del farmaco.

Per gli angoli e i fori dei tubi viene utilizzato il nastro sigillante in tessuto di poliestere rivestito in gomma.
Pareti e pavimenti, nonché le aree protette con nastro sigillante, devono essere coperti con due o tre strati di composto impermeabilizzante. In totale, l’intero spessore di questa massa è di 0,8 mm.

Un altro modo per evitare l’umidità è con l’adesivo per piastrelle impermeabile con resina aggiunta. Innanzitutto, il mulino viene lubrificato con colla (utilizzando una spatola con tacche di 3-8 mm, a seconda delle dimensioni della piastrella), quindi (dopo 6 ore) la piastrella viene incollata. Dopo un giorno, puoi iniziare a stuccare e dopo 3 giorni – sul pavimento. Quindi è necessario riempire gli spazi vuoti con sigillante nei punti degli impianti idraulici.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy