Vigneto intelligente: le basi delle basi

Sezioni dell’articolo



La vite cresce vicino all’abitazione umana fin dai tempi antichi. L’importanza e i benefici di questa pianta difficilmente possono essere sopravvalutati. L’uva piace a una persona con una succosa bacca sana in estate, rafforza la forza e l’immunità con l’uva passa in inverno, riscalda l’anima e il corpo con un bicchiere di vino in qualsiasi momento dell’anno. La produzione di vini e cognac oggi è il principale punto di rifornimento del bilancio di alcuni paesi. In questo articolo parleremo della storia dello sviluppo della viticoltura, considereremo i concetti di base di un “vigneto intelligente”, parleremo in dettaglio della corretta scelta delle varietà, scopriremo quali sono i portinnesti e a cosa servono.

Vigneto intelligente: le basi delle basi

Insieme all’oliva, alla palma da dattero, all’orzo e al grano, l’uva è tra le culture più antiche, che l’uomo ha iniziato a coltivare all’alba della sua origine: persone primitive impegnate nella raccolta l’hanno già piantata vicino alle loro case, come raccontano antichi manufatti con disegni e riferimenti a questa pianta … Gli scienziati ritengono che la tecnologia agricola della coltivazione dell’uva provenga dall’Asia (il territorio dell’Afghanistan moderno e dell’Iran), dove, durante gli scavi, gli archeologi hanno trovato i semi di questa cultura tra i resti di piatti antichi. Ciò indica che circa 4-6 mila anni fa, le uve erano già coltivate in Asia centrale e Mesopotamia.

Nell’antico Egitto, allo stesso tempo, hanno già imparato a fare l’uvetta e produrre vari vini – questo è dimostrato dagli antichi geroglifici egiziani per vino e grappoli, nonché uva passa e viti. Gli storici sono riusciti a trovare disegni di dispositivi speciali per spremere succo e monete, che raffigurano l’uva. L’antica cultura della coltivazione di questa pianta era presente in Palestina, come si possono trovare molte conferme nella Bibbia (Antico Testamento).

Gli scavi archeologici confermano che la viticoltura era ben sviluppata sul territorio della moderna Armenia, dove gli scienziati sono riusciti a trovare antiche attrezzature per la vinificazione e i resti dei canali di irrigazione. In Italia e in Sicilia, le uve hanno iniziato a crescere 100 secoli fa – ci sono reperti risalenti all’era minoica (più di tremila anni). E durante le guerre di conquista dell’Impero romano, la viticoltura raggiunse la sua piena fioritura – fu in quel momento che furono inventati strumenti speciali, tecnologie e nacquero varie varietà. Vino e uva passa furono venduti in altri paesi. Quindi, dopo l’invasione dei barbari, la viticoltura cadde in completo declino e fu rianimata in Italia solo nel 14 ° secolo d.C..

Vigneto intelligente: le basi delle basi

Semi di uva culturali risalenti al terzo millennio a.C. furono trovati nel territorio dell’Azerbaigian. Gli scienziati hanno immediatamente scoperto contenitori di pietra per la fermentazione e la conservazione del vino, nonché pietre per spremere le bacche. Più o meno nello stesso periodo, le uve iniziarono a essere coltivate in Grecia, Cina e nel territorio del moderno Kazakistan e Kirghizistan..

L’antica cultura dell’uva in Russia (oltre 2 mila anni fa) fu scoperta nel territorio del Daghestan meridionale e in altre regioni del Caucaso e della regione del Basso Volga, i primi vigneti apparvero solo nei secoli 17-18.

La produzione mondiale di uva fresca, uva passa, vino e altri prodotti della sua lavorazione sta crescendo rapidamente di anno in anno. Tuttavia, questo raccolto viene coltivato oggi non solo su scala industriale. È impossibile immaginare un solo cottage estivo senza vite; questa pianta è molto popolare tra i giardinieri. Scopriamo come organizzare correttamente un vigneto in modo che possa esistere con un intervento umano minimo..

Che cos’è un vigneto intelligente

Nelle nostre dacie, nella maggior parte dei casi, ci sono due estremi. Il primo e più comune è che la vite cresce da sola, come un albero, non è stata potata da anni. Le uve guidano ciglia di dieci metri, vanno sotto il tetto e intrecciano alberi, quindi spesso si trovano all’ombra. In tali condizioni, solo alcuni pennelli possono normalmente maturare, un piccolo numero di germogli rimane fino alla primavera.

L’altro estremo è che il giardiniere ha afferrato saldamente quanto segue: più tagli, meglio è. E interrompe quasi tutto ciò che è cresciuto durante l’estate, ringiovanendo un cespuglio già giovane, che si salva la maggior parte del raccolto l’anno prossimo..

Vigneto intelligente: le basi delle basi

Certo, alcune persone hanno imparato le linee guida classiche ed evitano gli estremi di cui sopra. Hanno buoni raccolti, ma la manutenzione dei vigneti richiede troppo tempo e fatica. Dopotutto, gli anni possono rivelarsi troppo bagnati o troppo secchi e le varietà sono spesso instabili a varie malattie. Con una mancanza di cura e attenzione, la vite si ammala e smette di dare frutti.

È chiaro che il vigneto non dovrebbe presentare nessuno dei suddetti svantaggi. Al fine di ottenere rese elevate con un investimento minimo di tempo e fatica, è necessario organizzarlo inizialmente correttamente, cioè organizzare tutto in modo che i cespugli possano fare a meno dell’intervento umano per lungo tempo.

La regola principale di un vignaiolo di successo è: “Un vigneto intelligente dovrebbe essere facile da formare, facile da lavorare e, soprattutto, dovrebbe essere ben compreso da te”. Scopriamo i principi di base su cui si basa l’organizzazione di un vigneto intelligente:

  1. Le varietà correttamente selezionate sono la base per un buon vigneto. Se la maggior parte degli alberi da frutto, nonostante alcuni svantaggi, ci soddisfa ancora, allora la vendemmia è troppo preziosa e piccola per trascurare l’attenzione attenta alla scelta della giusta varietà. Se non hai l’opportunità di dedicare molto tempo ai cespugli, dovresti scegliere varietà resistenti al gelo resistenti alle malattie e non ce ne sono più di dieci o quindici. Se vuoi “dedicare la tua vita all’uva”, allora benvenuti a visitare i famosi viticoltori di Kuban – Karasev e Radchevsky, da cui puoi scegliere l’uva per tutti i gusti. Parleremo più in dettaglio della scelta di una varietà un po ‘più tardi..
  2. È importante notare che il mercato è un brutto posto per acquistare piantine varietali. Sono principalmente i commercianti che commerciano qui, che non comprendono la situazione e non sanno cosa stanno vendendo. Le talee e le piantine dovrebbero essere acquistate solo da persone che coltivano l’uva da sole. Non solo ti venderanno materiale vegetale di alta qualità, ma ti daranno anche volentieri alcuni consigli utili su come prendersi cura di una particolare varietà..
  3. Le uve devono essere piantate in modo tale da fornire loro nutrizione, umidità e luce al massimo e non richiedere molta attenzione in futuro. In realtà, questo è il processo che richiede più tempo quando si pianta un vigneto. Tuttavia, una volta sistemato correttamente un buco o una trincea e organizzato un traliccio “intelligente”, e per 8-10 anni non avrai problemi con la potenza dei cespugli e la loro formazione. Parleremo di come farlo nei seguenti articoli..
  4. Lo scavo costante di terra sotto l’uva influisce negativamente sulla fertilità del suolo. Per mantenere l’ordine e la pulizia nel vigneto, il terreno vicino ai cespugli è meglio “gassato” o pacciamato e trasforma lo spazio libero in stretti letti di verdure. Quali piante saranno meglio piantate vicino all’uva, discuteremo più avanti..
  5. Un cespuglio adeguatamente formato è la chiave per un alto rendimento e una buona salute della vite. Allo stesso tempo, molti giardinieri considerano la potatura come il momento più difficile e incomprensibile. In futuro, forniremo informazioni così semplici e dettagliate su questo argomento che dimenticherete questo problema per sempre..
  6. Per ottenere il risultato desiderato, anche le varietà più resistenti devono essere spruzzate e nutrite 2-3 volte a stagione. I seguenti articoli riveleranno in dettaglio la tecnologia di alimentazione “intelligente” e forniranno tutte le informazioni necessarie sulla medicina dell’uva..
  7. L’uva è una pianta piuttosto termofila, quindi necessita di un riparo per l’inverno. Dopo aver studiato la fisiologia del cespuglio, puoi scegliere l’opzione più ottimale per proteggere la vite dal gelo. Fino ad oggi, i viticoltori esperti hanno sviluppato varietà resistenti al freddo e sono stati sviluppati vari metodi per aumentare la resistenza al gelo delle uve, di cui parleremo nel prossimo futuro..

Realtà varietale

Quindi, hai deciso di piantare diversi cespugli d’uva sul terreno del tuo giardino. Cosa è necessario affinché la vite possa farti piacere con un raccolto decente di anno in anno? Prima di tutto, devi scegliere le varietà giuste che sono più adatte alle condizioni climatiche della tua zona. Quando scegli una varietà, dovresti assolutamente capire a cosa serve, in effetti. Se hai intenzione di coltivare uva in vendita, questa è una cosa, ma se per le esigenze della tua famiglia, allora è completamente diverso..

Le persone che coltivano uva distinguono professionalmente le varietà per l’anima, cioè per il consumo domestico e le varietà in vendita. Le uve del mercato si distinguono per la loro bellezza e per i grandi grappoli e bacche. Queste varietà maturano al momento giusto, ma non sono resistenti alle malattie più pericolose. Prendersi cura di questi cespugli include un trattamento frequente con pesticidi, quindi un vignaiolo esperto non mangerà mai tali bacche da solo. Partirà per la sua famiglia, anche se non così attraente nell’aspetto, non così fruttuoso, ma profumato e gruppi ecologici. Le varietà di uva per il consumo domestico sono abbastanza resistenti al gelo e alle malattie, possono essere coltivate senza usare la chimica, ma usando i rimedi biologici, di cui parleremo più dettagliatamente la prossima volta.

Vigneto intelligente: le basi delle basi

Le varietà più popolari in vendita sono:

  • presto: Kodryanka, Gift to Ukraine, Arcadia, Delight, Kesha-1, Augustine;
  • al centro: Nadezhda AOZS, Gift to Zaporozhye, Demeter;
  • in ritardo: Moldavia, Cenerentola, Zarevo, Fenicottero e Zagrava.

I viticoltori esperti si distinguono come varietà “per l’anima”:

  • presto: Chisinau Dawns, Victoria, Summer Muscat, Church Bells, Raisin, Glenora Sidlis;
  • mezzo: Liana, Perle di Moldavia, Kuban, Ananas;
  • in ritardo: Novocherkassky, Biruintsa, Lydia.

Abbiamo già toccato la questione che le piantine e le talee di uva non dovrebbero essere acquistate al bazar in ogni caso, poiché qui, sotto le spoglie di vivai e fattorie statali, sono principalmente i commercianti che commerciano. Hanno tutto per attirare un cliente: etichette, lastre, fotografie e persino pennelli pronti per la visualizzazione. Tuttavia, nessuno può garantire che acquisterai qui esattamente ciò che hai visto. E in questo caso, sarà un peccato non tanto denaro quanto tempo sprecato, poiché le piantine daranno il primo raccolto non prima di 2-3 anni. Certo, qualcosa crescerà, ma a volte non è quello che volevi.

Vigneto intelligente: le basi delle basi

Va notato che quando si sceglie l’uva, non si dovrebbe prestare attenzione alle bacche di grandi dimensioni, le dimensioni di un uovo di quaglia. Tali spazzole sono coltivate appositamente per la pubblicità con l’uso di fertilizzanti e prodotti chimici dannosi..

Dove puoi davvero comprare una varietà? La risposta a questa domanda è una – tra le persone che coltivano l’uva e sono impegnate nella sua coltivazione. Per fare questo, devi visitare i loro vigneti, dove non solo puoi acquistare beni reali, ma anche ottenere i consigli necessari sulla selezione e la cura delle uve di una particolare varietà. Inoltre, è altamente desiderabile trovare viticoltori che praticano nella tua zona, poiché alcuni vitigni richiedono una certa temperatura e umidità, una certa composizione del suolo e così via..

Le uve si differenziano per la loro resistenza al gelo. Esistono varietà speciali per i gazebo che non richiedono protezione antigelo (Muromets, Kutuzovsky, Kishmish Zaporozhsky, Dekabrsky). E c’è una vite che deve essere ben coperta per l’inverno, tali uve non tollerano le basse temperature e possono morire completamente con forti gelate. Quando si prepara l’uva per l’inverno, è necessario osservare la regola principale: qualsiasi uva scoperta non può essere tagliata in autunno – per questo motivo perde la resistenza al gelo.

Oggi esiste un numero enorme di vitigni che differiscono nelle loro caratteristiche, quindi, nell’ambito di un articolo, non è possibile fornire tutte le informazioni necessarie su ciascuno di essi. Esistono molti libri di consultazione con descrizioni di tutte le varietà esistenti e, per scegliere quella più adatta alle proprie condizioni, è meglio chiedere aiuto a professionisti esperti..

Varietà tecniche (vino)

A chi viticoltore non piace il buon vino fatto in casa! Tuttavia, non tutte le uve sono adatte alla produzione. La maggior parte delle persone associa la vinificazione a varietà come Lydia o Isabella, ma gli esperti affermano che il loro uso è tutt’altro che la migliore opzione per questi scopi. La resa del succo di Lidia e Isabella è ridotta e contiene molto muco. Inoltre, l’Associazione europea degli enologi ha vietato queste varietà a causa della presenza nella loro composizione di sostanze dannose per il corpo umano che influiscono negativamente sul funzionamento del fegato. Un altro grave svantaggio di queste varietà è che Lydia e Isabella sono accumulatori di fillossera fogliare, che danneggia la vite di un’altra varietà..

Vigneto intelligente: le basi delle basi

Per produrre vino fatto in casa, è meglio usare uve delle seguenti varietà: Suruchensky bianco, Kristall, Muscat Pridonsky, Platonovsky e Rosinka. Molti coltivatori, come i migliori, distinguono la varietà Druzhba, tuttavia è caratterizzata da una bassa resistenza al gelo e richiede buoni rifugi per l’inverno..

Cosa sono i portinnesti e a cosa servono

Nelle dacie e nelle aree domestiche si trovano spesso “uva selvatica”, potenti cespugli che guidano ciglia di dieci metri e intrecciano tutto intorno. Le bacche di una tale vite sono di colore nero piccolo e hanno un sapore piuttosto disgustoso, succede che non lo sono affatto. Se hai un tale “miracolo” in crescita sul tuo sito, sappi che questo è uno dei portinnesti vigorosi dell’uva su cui puoi innestare qualsiasi varietà. Se ci sono bacche su uve selvatiche, allora questo è un portainnesto 5BB o Kober 5BB, se non ci sono bacche, quindi 4B o CO4. Le uve selvatiche hanno un forte apparato radicale resistente al gelo e alla fillossera, tali portainnesti tollerano un eccesso di calce nel terreno.

Oggi, c’è un costante dibattito tra i viticoltori professionisti sul fatto che sia necessario piantare cultivar o se sia meglio usare piantagioni proprie. Questo problema deve essere affrontato attentamente..

Vigneto intelligente: le basi delle basi

I cespugli sui portainnesti sono sempre più potenti e in grado di produrre il doppio, tuttavia, un portinnesto forte su terreni fertili nutrienti può far ingrassare il cespuglio, ritardare la maturazione e l’accumulo di zucchero. Pertanto, è consigliabile piantare uva su un terreno alcalino povero di nutrienti..

Se la tua vigna è al centro di una forte infestazione da fillossera, non dovresti coltivare sulle tue radici le varietà più sensibili all’influenza negativa di questo parassita. È meglio consultare i viticoltori locali su questo argomento..

È meglio piantare varietà di medie dimensioni, poiché un cespuglio innestato vigoroso può occupare molto spazio. Se hai intenzione di coltivare uva su un traliccio, allora è meglio usare piantine auto-radicate e se vuoi piantare una vite vicino al gazebo, allora i cespugli innestati sono più adatti.

Vigneto intelligente: le basi delle basi

Come puoi vedere, chiunque abbia un desiderio e un po ‘di tempo libero può fare la viticoltura. Per fare questo, è necessario organizzare inizialmente correttamente la semina, in modo che in futuro i cespugli possano fare a meno della tua attenzione per lungo tempo e allo stesso tempo ottenere un raccolto decente stabile. Nei seguenti articoli, affronteremo le questioni relative al radicamento delle piantine e alla loro corretta semina, forniremo informazioni complete sulla formazione di un cespuglio, condivideremo l’esperienza dell’alimentazione senza l’uso di chimica e considereremo i punti principali della medicina dell’uva. Continua…

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy