Isolamento di un tetto piano

Sezioni dell’articolo



Nell’edilizia, l’opinione viene sempre più rafforzata sul fatto che un tetto piano e sfruttato è l’unico modo in cui dovrebbe essere. Molti sono confusi dalla complessità della sua struttura tecnica, ma le lacune nella conoscenza vengono facilmente eliminate. Diamo un’occhiata ai principi fondamentali dell’isolamento del tetto piano.

Isolamento di un tetto piano

Quali sono i requisiti per l’isolamento termico dei tetti piani

Un tetto piano è quasi sempre installato in assenza di una soffitta calda. C’è solo una partizione piuttosto sottile tra la zona abitabile e la strada, che non può vantare una buona resistenza al trasferimento di calore.

Il problema, come nella maggior parte dei casi, viene risolto aggiungendo uno strato di materiale che non conduce bene il calore. Semplice a prima vista, ma nella realizzazione pratica di tali progetti, sorgono molte domande: esattamente dove posare l’isolamento, quanto e cosa, come garantirne la protezione e la lunga durata?

Portano le loro specifiche e le caratteristiche individuali del tetto stesso, perché spesso viene sfruttato e talvolta ha anche una struttura di massa e un proprio paesaggio. Concordo sul fatto che uno strato di 30 cm di argilla espansa o terreno in sé funga da isolante termico piuttosto buono, il che significa che è possibile evitare di aumentare lo spessore di un isolamento più costoso.

Isolamento di un tetto piano

Non dobbiamo dimenticare il fatto che le condizioni per l’utilizzo dell’isolamento su un tetto piano sono radicalmente diverse da tutti gli altri sistemi di isolamento. Se, in generale, l’isolamento, che si tratti di lana minerale o polistirene, rimane bloccato in uno strato protetto e completamente immobilizzato, quindi sul tetto operato l’influenza dei carichi dinamici è molto pronunciata. Ma la maggior parte dei riscaldatori sono materiali porosi leggeri che non tollerano molto bene lo stress meccanico per lungo tempo..

Dispositivo per torta isolante

Inoltre, non possiamo non notare che la tendenza al miglioramento tecnologico delle costruzioni ci costringe a cercare materiali e sistemi la cui durata di servizio è paragonabile all’intervallo tra le principali revisioni dell’edificio. E anche se il materiale stesso sembra abbastanza resistente nelle sue proprietà fisico-chimiche, le condizioni sbagliate del suo posizionamento annulleranno tutti questi vantaggi. Questo è il motivo per cui mettere insieme una torta sul tetto piano è una delle considerazioni chiave di progettazione..

Nel caso classico, un tetto piano e sfruttato è disposto su una solida base in cemento armato. Vale la pena prestare attenzione qui: il tetto pedonale lungo la lamiera di acciaio profilato sembra solo essere in uso, infatti il ​​passaggio è possibile solo a scopo di manutenzione. Il motivo principale di un dispositivo così complesso è il requisito di posizionare uno strato di isolamento termico all’esterno..

Torta sul tetto piano 1 – solaio; 2 – barriera al vapore; 3 – isolamento; 4 – impermeabilizzazione; 5 – massetto rinforzato; 6 – impermeabilizzazione; 7 – tessere; 8 – argilla espansa; 9 – aeratore; 10 – imbuto sul tetto

La base in cemento è incollata con materiali isolanti per lastre – dalla schiuma alla lana di basalto con una densità di 80-100 kg / m3. I fori di ventilazione rimangono nei parapetti e un deflettore della ventola viene fatto emergere sulla superficie principale ogni 60-100 m2 superficie. Sulla parte superiore dell’isolante, viene versato un altro strato di cemento sabbia rinforzato con una rete d’acciaio, che conferisce al tetto un’elevata stabilità operativa. Ancora più alto è uno strato di impermeabilizzazione e, infine, un rivestimento idrofobo sfruttabile, che forma una ciotola sigillata con uscite del sistema di drenaggio nei punti più bassi.

Sistema abbastanza semplice, no? Tuttavia, il concetto di tetti piani cambia radicalmente quando si considerano i sistemi di copertura a inversione. Il fatto è che i rivestimenti “frontali” per tetti piani trattengono perfettamente l’umidità, ma non tollerano i cambiamenti di temperatura e l’esposizione durante tutto l’anno ai raggi UV. Alla luce di quanto sopra, sembra una soluzione interessante per invertire (invertire) gli strati della torta in ordine inverso..

Tetto a inversione piana 1 – solaio; 2 – ghiaia; 3 – impermeabilizzazione; 4 – isolamento lastra; 5 – materiale di drenaggio; 6 – ghiaia; 7 – geotessile; 8 – erba con prato inglese

Sopra c’è un letto di ghiaia e pavimentazione, sotto c’è un sistema di drenaggio (membrana a nido d’ape, per esempio) e un isolamento della lastra, che è caratterizzato da un assorbimento d’acqua vicino allo zero. E già sotto di loro c’è uno strato impermeabile con elementi del sistema delle acque piovane e lettiera di ghiaia preparatoria, grazie alla quale si ottiene la corretta “pendenza” della sovrapposizione assolutamente piatta del piano superiore.

Isolamento di un tetto piano

Il sistema di copertura a inversione può essere giustamente definito il detentore del record per la durabilità tra altri tipi di tetti, compresi quelli inclinati. L’unico inconveniente è la massima complessità nota del dispositivo:

  • sono richiesti solo materiali di alta qualità e certificati;
  • tutte le giunzioni verticali e le porte dello strato impermeabile devono essere protette da influenze esterne;
  • è richiesta la consegna al tetto di una notevole quantità di materiali da costruzione;
  • bassa manutenibilità: il tetto viene eseguito una volta e per molto tempo, è molto difficile smontare ed eliminare i difetti di installazione.

Protezione dei materiali di isolamento termico

Il dispositivo descritto è troppo idealizzato: è abbastanza costoso utilizzare materiali resistenti alla bagnatura, e non tutti sono pronti per tali investimenti, nonostante il multiplo ritorno di tali progetti. Che cosa succede se si utilizza la normale lana minerale per l’isolamento?

Sopra, abbiamo menzionato il metodo più importante per proteggere tali materiali. La ventilazione con temperatura esterna dell’aria impedisce la formazione di condensa, l’abbattimento del batuffolo di cotone e la perdita delle sue proprietà di isolamento termico.

Isolamento di un tetto piano

Gli autori dei sistemi di copertura piana offrono implementazioni uniche per ogni soluzione: il tipo di sistema di ventilazione, il numero di prese d’aria e deflettori sono determinati individualmente, a seconda delle proprietà dell’isolamento, dell’inclinazione del tetto, della sua area e dello spessore della protezione termica. Ma in tutti i casi, la posizione della barriera al vapore rimane invariata: si stende direttamente sopra la base in cemento e trattiene i resti di umidità che filtra dall’edificio insieme all’aria calda.

Tetto piano operato

Un’adeguata protezione contro le sollecitazioni meccaniche si ottiene fornendo uno strato duro intermedio davanti al rivestimento idrofobo frontale. E sì: un tetto con isolamento con materiali imbottiti, per definizione, non può essere inversione, solo massa. A proposito, lo spessore del massetto intermedio può essere significativamente ridotto combinando lana di cotone e materiali di cartone incomprimibili. Se posati sopra l’isolamento più lento, creeranno un piano di supporto piuttosto piatto e fungeranno da cassaforma per tutta la durata della posa del calcestruzzo di sabbia.

Le migliori soluzioni moderne per l’isolamento del tetto piano

La buona notizia è che non devi quasi mai progettare tu stesso un tetto piano. Le aziende che forniscono un arsenale completo di materiali per i sistemi di copertura, secondo la buona tradizione, assumono tutti gli oneri calcolati del cliente. E a volte offrono soluzioni davvero insolite.

Una delle opzioni originali è l’esecuzione di un tetto piano con lastre strutturalmente isolate. Il poliuretano al suo interno ha eccellenti proprietà di isolamento termico, mentre esso stesso è protetto in modo affidabile da una guaina metallica, che insieme offre una buona resistenza ai carichi operativi con peso ridotto. Il bello è che tali sistemi possono essere disposti senza una base monolitica in cemento armato – le travi a T o le capriate saranno abbastanza.

Isolamento di un tetto piano

Anche i materiali isolanti stessi sono tecnicamente perfetti oggi. Il poliuretano espanso, noto a molti, così come il suo analogo più rilevante: le piastre PIR, offrono una prestazione quasi impeccabile dell’isolamento termico del tetto piano nel rispetto di tutte le normative tecniche, ambientali e, soprattutto, antincendio. Oltre al vetro espanso – nell’isolamento del tetto si mostra solo nel modo migliore.

Isolamento di un tetto piano

Dettagli tecnici di costruzione

Ma non è necessario presumere che il poliuretano o il poliisocianurato resistenti all’umidità e agli agenti chimici costituiranno una panacea e che possano essere utilizzati come e ovunque. Tutti i materiali hanno punti deboli, è solo che sono più specifici per i riscaldatori perfetti.

Violazione della tecnologia del lavoro, uso di elementi di fissaggio e prodotti chimici per l’edilizia diversi da quelli di progettazione, sostituzione di materiali isolanti con analoghi più economici: questi sono solo alcuni dei motivi per cui progetti audaci e moderni si rivelano non realizzabili e, piuttosto, screditano la tecnologia piuttosto che svilupparla.

Isolamento di un tetto piano

In conclusione, ti consigliamo di comunicare più da vicino con i fornitori di materiali e di prestare molta attenzione ai progetti tipici offerti da loro. L’esecuzione di tali soluzioni con assoluta precisione tecnica è sia una garanzia a lungo termine del produttore che una fiducia nel funzionamento a lungo termine e senza problemi del tetto..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy