Protezione del legno dalla decomposizione

Il legno come materiale di origine organica è un terreno fertile per funghi e insetti. Il danno da quest’ultimo è significativo, ma incommensurabile con il danno causato dai funghi – i principali “imputati” per i processi di decomposizione del legno che causano molti problemi.

La decomposizione del legno può verificarsi solo quando vengono create determinate condizioni: temperatura – da 0 a 50 gradi. C, accesso all’ossigeno, umidità dell’aria – 80–100%, contenuto di umidità del legno stesso – almeno 15-20%. Il disclaimer quando si parla di temperatura non è casuale: ci sono funghi che non smettono di crescere anche a pochi gradi sotto lo zero..

Idealmente, la lotta contro la possibile decomposizione del legno inizia nella fase di produzione e stoccaggio del legname. Il contenuto di umidità del legno appena tagliato varia da stagione a stagione, ma in media è del 60–80%, quindi deve essere asciugato. L’opzione più economica è l’essiccazione naturale, che significa non meno di un anno di invecchiamento.

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alle misure costruttive che impediscono l’effetto congiunto di eccessiva umidità e congelamento delle strutture in legno, bruschi cambiamenti di temperatura, condensa e insufficiente circolazione dell’aria. La protezione del legno dall’umidità atmosferica è garantita da un tetto impermeabile e da una pittura con pitture e vernici impermeabili, dall’umidità capillare, mediante un’adeguata impermeabilizzazione. L’umidificazione da condensa può essere evitata posizionando correttamente gli strati isolanti di calore e vapore (il primo è più vicino all’esterno, cioè la superficie fredda, il secondo, al contrario, più vicino all’interno, cioè caldo).

Naturalmente, le strutture in legno devono poggiare su fondamenta e situarsi al di sopra del livello del suolo. Non dimenticare il drenaggio delle acque sotterranee (drenaggio) e l’installazione di un’area cieca. Una buona ventilazione del legno contribuisce all’aumento della biostabilità, che garantisce la sua naturale essiccazione durante il funzionamento. Pertanto, è consigliabile che i grandi alberi non crescano vicino alla casa, creando ombre e prevenendo l’aerazione. Un contributo significativo alla prevenzione delle lesioni putrefattive delle pareti in legno può essere fornito coprendole con pannelli. Soprattutto dalle estremità, poiché il taglio finale è il “punto più debole” e la penetrazione dell’umidità si verifica qui molto più velocemente e in profondità.

Ispezioni annuali approfondite delle strutture in legno contribuiscono al rilevamento tempestivo del decadimento. Il momento ottimale per questo è la primavera. I segni che determinano l’inizio dell’attività distruttiva dei funghi sono: un cambiamento nell’aspetto del legno, l’aspetto di un odore caratteristico e una deformazione dell’edificio. Se viene rilevato un decadimento, è necessario prelevare campioni di legno danneggiato per scoprirne il contenuto di umidità e la densità, nonché il tipo di fungo-distruttore.

A causa del decadimento, le caratteristiche fisiche e meccaniche del legno cambiano notevolmente. Con un’umidità del 15%, la densità del legno marcio è 2-3 volte inferiore e la sua durezza è 20-30 volte inferiore a quella del legno sano. La densità dipende dalla capacità degli elementi in legno di far fronte al ruolo delle strutture portanti. E se i fuochi di decadimento si trovano sui cerchioni e allo stesso tempo ci sono distorsioni delle aperture di finestre e porte o movimenti delle pareti esterne e interne, significa che questi cerchioni non svolgono più le loro funzioni..

A seconda delle dimensioni e del grado di danno al legno, viene presa la decisione di effettuare una sostituzione completa delle strutture danneggiate o di localizzare le aree danneggiate al fine di prevenire un’ulteriore diffusione dell ‘”infezione”.

Localizzazione significa:

  • strutture di apertura, se rivestite con materiali di finitura;
  • rimozione della parte distrutta del legno mediante carrello, raschietto o seghetto (tutto il legno marcio viene accuratamente raccolto e bruciato);
  • trattamento antisettico.
  • I seguenti metodi antisettici sono disponibili a casa:

  • diffusione (rivestimento con paste);
  • soluzioni superficiali, cioè antisettiche applicate a pennello o a spruzzo.
  • Le paste antisettiche sono costituite da un antisettico, una colla e un riempitivo che fornisce la consistenza richiesta della pasta. Quindi, la pasta bituminosa si ottiene aggiungendo olio verde, fluoruro di sodio e polvere di torba a bitume fuso. La pasta di silicato è una miscela di silicofluoruro di sodio, bicchiere d’acqua e olio di carbone. Vengono anche usati estratti e paste di estratto di argilla a base di fluoruro di sodio o fluorosilicato. Quando il contenuto di umidità del legno è superiore al 40%, l’antisettico incluso nella pasta si dissolve e penetra intensamente (si diffonde) nel legno. Quando l’umidità diminuisce, la diffusione si interrompe.

    Per il trattamento antisettico di legno sano, viene spesso utilizzata una soluzione al 5% di bicromato di potassio in acido solforico al 5%. Si consiglia di lavorare non solo il legno, ma anche il terreno fino a una profondità di 0,5 metri. Un mezzo efficace per impregnare travi e cerchioni inferiori è una soluzione acquosa di bicromato di potassio. L’ossido di cromo risultante protegge in modo affidabile il legno non solo dalla decomposizione, ma anche dai danni causati dalle larve di insetti.

    Inoltre, sul mercato sono disponibili numerosi preparati pronti all’uso. Il marchio Senezh è noto, ad esempio, Senezh Bio e Senezh Ognebio. Quest’ultimo è un biopirene, cioè agisce in modo complesso, fornendo protezione sia dal danno biologico che dal fuoco. Gli antisettici ignifughi Antibiokor-S, VIM-1, Pirilaks hanno le stesse qualità. Biodecor, Kram, Biosept, Biotonex, Tecotex, Novotex, Biocron, Quintol, Actitox, VAK-48D, una miscela di esteri borici Aquabor, analogo del famoso Pinotex – Novotex, prevengono anche l’insorgenza di processi putrefattivi. Nell’arsenale dello stesso Pinotex – una serie di antisettici: primer PINOTEX BASE, conservante per legno a base di legante alchidico PINOTEX CLASSIC, antisettico acquoso per interni ed esterni PINOTEX AQVA PLUS.

    Valuta l'articolo
    ( Ancora nessuna valutazione )
    Condividi con gli amici
    Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
    Aggiungi un commento

    Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy