La crisi dell’architettura moderna

Spesso il concetto di “architettura” è menzionato in connessione con l’aspetto esterno di un edificio o, in generale, in relazione al paesaggio di un insediamento, ad esempio “l’architettura della città di N. lasciava molto a desiderare”, ma inizialmente la parola “architettura” significava solo il processo di progettazione e costruzione di edifici, e implicava la presenza di una componente estetica.

La crisi dell'architettura moderna
Stuart Davis. Composizione 1863 (Factory by the Sea). 1932

L’influenza dell’architettura sulla formazione dell’aspetto delle città e dei paesi del pianeta, così come la coltivazione del gusto e persino lo sviluppo spirituale dell’umanità non devono essere sottovalutati in ogni caso, poiché sono le creazioni delle nostre stesse mani – edifici residenziali, edifici industriali – che ci circondano sempre e ovunque.

Arrivando in una città sconosciuta, prestiamo innanzitutto attenzione alla sua architettura e da essa giudichiamo il livello culturale del paese nel suo insieme, facciamo conoscenza con le usanze, le tradizioni e le usanze dei residenti locali. E, devi essere d’accordo, è molto più piacevole ammirare colonne sottili e facciate originali rispetto ai pannelli grigi standard di un tipico microdistretto!

L’architettura è vera arte, l’arte di creare edifici secondo le leggi della bellezza, la formazione di un ambiente attraente.

Una bella casa può rallegrarti e persino migliorare il tuo benessere, e molti edifici diventano veri e propri simboli della loro epoca e il principale, spesso l’unica decorazione della città..

Nel frattempo, l’architettura moderna solleva molte lamentele non solo dagli specialisti, ma soprattutto dai cittadini comuni, lamentandosi della monotonia degli edifici, della pianificazione scomoda, del desiderio di semplificare il più possibile o, al contrario, di “esagerare” i vantaggi inesistenti di qualsiasi edificio ultramoderno.

Qual è la ragione dell’emergere del fenomeno chiamato “crisi dell’architettura moderna”?

Stili architettonici – Dall’antica Grecia al XX secolo

Prima di provare a scoprire cosa sta succedendo nella fase attuale dello sviluppo dell’architettura, vale la pena toccare lo sviluppo dei principali e più famosi stili dei secoli passati, perché è sulla base, sotto la loro influenza, che ha luogo la formazione del paesaggio urbano di oggi (o, almeno, dovrebbe avvenire).

Architettura antica– nato nel 1 ° millennio a.C., si distingueva per forme precise, chiare e simmetriche, le tecniche più comuni sono ordine e colonne. ?

Partenone, Acropoli, Atene
Partenone, Acropoli, Atene

Stile romano– laconico, attaccato all’ambiente, si diffuse in Europa nel X-XII secolo.

Cappella dei peccatori penitenti a Beaulieu-sur-Dordogne
Cappella dei peccatori penitenti a Beaulieu-sur-Dordogne

Stile gotico– sviluppato dal 13 ° al 16 ° secolo, caratterizzato come “Spaventosamente maestoso”.

Cattedrale di Chartres o Cattedrale di Notre Dame di Chartres
Cattedrale di Chartres o Cattedrale di Notre Dame di Chartres

Architettura rinascimentale– nel periodo tra il XV e il XVII secolo, c’erano stili “personalizzati” di maestri famosi, presi molto dall’antichità.

Basilica di San Pietro a Roma
Basilica di San Pietro a Roma

Barocco– “capriccioso, strano”, caratterizzato da un gran numero di dettagli, decoratività e gioco di forme e contrasti.

Palazzo Reale di Madrid
Palazzo Reale di Madrid

Parlando dello stile barocco, non si può non menzionare la sua influenza sull’aspetto di Mosca e San Pietroburgo, evidenziare direzioni come “ornamenti russi” – la pretenziosità europea delle facciate in qualche modo adattata alle tradizioni dell’architettura russa, “Petrine Baroque” – lo stile di costruzione della capitale settentrionale approvata da Pietro il Grande, così come il “maturo barocco russo” durante il regno di Elisabetta.

Kunstkamera, San Pietroburgo
Kunstkamera, San Pietroburgo

Rococò– le sue caratteristiche principali: capitelli civettuoli, balaustre e colonnine, quasi completa assenza di linee rette, era chiamato “barocco artistico”.

Amalienburg vicino a Monaco
Amalienburg vicino a Monaco

Classicismo– un ritorno alle origini – architettura antica, austera e sobria, nata in alternativa al barocco e al rococò troppo stravaganti. Fondatore di questo stile fu il maestro veneziano Palladio, il classicismo divenne popolare in tutto il mondo e rimase la tendenza dominante in architettura fino all’inizio del XIX secolo.

Teatro Bolshoi, Mosca
Teatro Bolshoi, Mosca

Il classicismo si sviluppò in direzioni come l’Impero – stile imperiale, conobbe una rinascita negli anni ’30 nell’Unione Sovietica, dove fu chiamato “classicismo stalinista”. Fu in questo stile che furono costruiti i “grattacieli stalinisti” che adornano il paesaggio di Mosca fino ai giorni nostri.

In linea di principio, il classicismo stalinista può essere definito l’ultimo stile di architettura apparso in Russia. Successivamente, le nostre città “sopravviveranno” all’invasione di “Krusciov”, “Breznev” e ai prestiti moderni dalle tendenze dell’architettura occidentale.

Casa sulla piazza Kudrinskaya, la costruzione iniziò nel 1948
Casa sulla piazza Kudrinskaya, la costruzione iniziò nel 1948

Eclettismo– una miscela di stili, popolare tra la metà e la fine del XIX secolo.

La casa di Sevastyanov
La casa Sevastyanov o la casa dei sindacati di Ekaterinburg, un misto di classicismo e neogotico italiano

Moderno– in questo stile, i materiali che non erano stati precedentemente utilizzati in architettura – metallo e vetro – hanno trovato la loro applicazione, i costruttori hanno iniziato a usare il cemento. Questo stile, spesso chiamato Art Nouveau, è caratterizzato dal rifiuto di linee rette, un ritorno a forme naturali e naturali. L’influenza dell’Art Nouveau è evidente nella formazione dell’aspetto sia di San Pietroburgo che di Mosca. Ad esempio, la stazione ferroviaria Yaroslavsky e l’hotel Metropol di Mosca sono stati costruiti in questo stile..

House of the Singer company a San Pietroburgo
House of the Singer company a San Pietroburgo, 1904

Tendenze architettoniche moderne

Già in Art Nouveau, il cui nome è tradotto come “nuovo”, “moderno”, sono apparse caratteristiche che sono diventate tipiche del tempo presente: semplificazione delle forme, un approccio razionale e funzionale alla pianificazione interna dell’edificio, l’uso di soli materiali moderni, la cosiddetta “lotta contro eccessi “.

Tutti gli stili di architettura successivi, che si diffusero nel XX secolo, continuarono la tradizione di questa propensione verso il razionalismo, l’uso più efficiente dello spazio e il rifiuto della decoratività e degli ornamenti a favore della convenienza. Inoltre, spesso anche la sicurezza degli edifici è stata considerata un eccesso: perché costruire qualcosa di affidabile, se puoi risparmiare denaro e rendere le pareti più sottili e il soffitto è più basso?

Probabilmente, solo i nostri discendenti saranno in grado di valutare obiettivamente i vantaggi e gli svantaggi degli stili moderni, che dovranno conoscere il patrimonio, come noi, studiando monumenti architettonici. Possiamo solo provare ad evidenziare alcune tendenze moderne, buone o brutte dell’architettura.

Modernismo. Dall’inizio del 20 ° secolo agli anni ’80 del secolo scorso, lo stile più comune era proprio il modernismo, è anche razionalismo e costruttivismo. Questa direzione di progettazione e costruzione di edifici è caratterizzata dall’uso di materiali moderni – acciaio, vetro resistente, cemento, plastica – in combinazione con pietra tradizionale e legno.

È interessante notare che questo stile è di natura internazionale: gli edifici emergenti a più piani a Parigi, Londra e New York sono molto simili. Il modernismo è caratterizzato al meglio dall’espressione “prismi di vetro e cemento”, edifici ultramoderni, privi di tali attributi dell’architettura di un tempo come colonne, ordini e altri elementi di design esterno.

Edificio Bauhaus a Dessau
Edificio Bauhaus a Dessau, Germania, 1926, dopo la ristrutturazione completata nel 2006

Costruttivismo. In URSS, la tendenza più diffusa del modernismo è il costruttivismo. Fu in questo stile che la maggior parte degli edifici pubblici furono eretti negli anni ’30 e ’40 del secolo scorso: Palazzi dei Pionieri, Case della Cultura, Club dei lavoratori. Questa è la cosiddetta direzione “proletaria” dell’architettura, progettata per servire non per decorare la città, ma per la pianificazione razionale dello spazio.

La base del costruttivismo è una struttura in cemento armato, forme chiare e rigorose, una pianificazione razionale.

Il costruttivismo tardivo o maturo, che non possiede le forme monolitiche del suo predecessore, è solitamente chiamato funzionalismo, che si diffuse in Europa, mentre il costruttivismo rimase la prerogativa della Russia sovietica.

Derzhprom, Kharkov
Derzhprom, Kharkov, 1928

minimalismo.Negli anni ’40 del 20 ° secolo, fu sviluppata una direzione ancora più limitata nell’architettura – il minimalismo, il cui motto era – “niente di più”.

Forme semplici e geometria di linee chiare, evitamento di abbellimenti e il minimo accenno di arredamento – tutto questo è minimalismo. Si ritiene che le radici di questo stile risalgano alla tradizione degli interni giapponesi: un minimo di dettagli, un’abbondanza di luce, enormi finestre su tutta la parete e un layout razionale. Le case minimaliste sono generalmente neutre, spesso costruite con materiali naturali, ma acciaio e vetro rimangono i preferiti..

Il minimalismo ha fornito molti esempi di design di successo, se gli architetti seguono il principio dell’architetto americano-tedesco Ludwig Mies van der Rohe – “less is more”, ovvero rifiutano dettagli inutili a favore di materiali di alta qualità e forme ponderate, gli edifici risultano insoliti, funzionali e allo stesso tempo abbastanza economico.

Un buon esempio di minimalismo è l’interno giapponese, ci sono progetti originali di edifici privati ​​in questo stile che si adattano perfettamente al paesaggio circostante, riflessivo, rigoroso e allo stesso tempo bello.

Casa privata in stile minimalista
Casa privata in stile minimalista, Kiev

Tuttavia, quando il minimalismo diventa particolarmente austero, quando un edificio si trasforma semplicemente in una scatola senza alcuna individualità, sembra almeno strano, e più spesso è semplicemente orribile..

Casa nello stile del minimalismo rigoroso
Casa nello stile del minimalismo rigoroso, Tokyo

Se proviamo a definire lo stile dei nostri “Krusciov”, allora il minimalismo ha chiaramente avuto la sua influenza sulla progettazione di edifici così semplificati. Sebbene gli esperti riferiscano “Krusciov” a una tipica architettura funzionale, ma un completo rifiuto della decorazione e “la lotta contro gli eccessi”, così pronunciati nella disposizione e nell’aspetto degli edifici costruiti a metà del XX secolo, riecheggia chiaramente con il minimalismo.

In effetti, quando il costruttivismo degli anni ’30 e gli edifici monumentali stalinisti furono sostituiti, il cosiddetto “classicismo stalinista” fu sostituito dalla forma più semplice e senza volto di edifici a cinque piani della fine degli anni ’50, diversamente dal desiderio di portare un edificio residenziale allo stato – quattro pareti e un tetto – chiamarlo era impossibile. Questo minimalismo non è in azione? Tuttavia, il secondo slogan dei minimalisti – “less is better” – non ci consente ancora di chiamare con fiducia i rappresentanti di “Krusciov” di questa tendenza.

High Tech. Il motto di questo stile di alta tecnologia era il principio: “la casa è un’auto per vivere”. Metallo e vetro, design ascetico, strutture ultramoderne, industriali, grandi forme monolitiche: queste sono le caratteristiche principali dello stile high-tech..

L’high-tech è anche caratterizzata dall’idealizzazione della tecnologia, dal desiderio di trasformare la casa nella struttura più razionale e, in futuro, autonoma, a risparmio energetico. L’high-tech industriale spicca: “whatnots”, edifici in cui elementi solitamente nascosti all’interno, come scale o ascensori, vengono portati sulla facciata. La tecnologia hi-tech geometrica è un sistema a telaio complesso che utilizza elementi strutturali all’avanguardia, ad esempio è collegato a un sistema a telaio complesso che utilizza gli ultimi elementi strutturali, ad esempio strutture pneumatiche supportate dall’aria o supportate dall’aria. Oltre all’alta tecnologia bionica: l’uso di forme di natura vivente, come membrane, fili di acciaio flessibili, strutture sospese in architettura.

Quartier generale di Fuji TV
Sede centrale di Fuji TV, Giappone

Biotecnologia o bionica alta tecnologia– la direzione più moderna di questo stile, una tecnologia che cerca di “vivere in armonia” con la natura. Fu in questa direzione che vennero creati gli edifici di maggior successo (dal mio punto di vista), ad esempio il Milwaukee Art Museum, architetto Santiago Calatrava.

Museo d'arte di Milwaukee
Museo d’arte di Milwaukee, 2001

decostruttivismo. Forme spezzate, aggressività, desiderio di opporsi al paesaggio circostante sono caratteristiche tipiche del decostruttivismo, che è apparso in opposizione al costruttivismo sovietico.

Fortunatamente, questo stile, che è apparso negli anni ’80, non si è diffuso, ma ha lasciato diversi edifici molto luminosi.

Data center MIT
Data center MIT

Museo Guggenheim nel centro di Bilbao, 1997
Museo Guggenheim nel centro di Bilbao, 1997

Brutalism. Un altro stile di architettura che sostiene un completo rifiuto della decorazione, rivelando la forma di materiali e strutture. Non sorprende che questa direzione abbia ricevuto un nome così “parlante” – dall’inglese “brutale”, cioè “grezzo”.

Il materiale predominante degli edifici nello stile del brutalismo è il cemento armato e non elaborato, il cosiddetto “materiale onesto”. Questa tendenza conobbe un periodo di popolarità abbastanza breve nel 20 ° secolo e alla fine del secolo divenne un simbolo di un approccio senza successo alla progettazione di edifici urbani..

Municipio di Boston
Municipio di Boston, Boston, Massachusetts, USA, 1981

A proposito, nell’URSS si possono trovare edifici nello stile del brutalismo, in particolare l’architetto Igor Vinogradsky ha lavorato in questo stile, che ha progettato la costruzione del centro stampa per le Olimpiadi del 1980..

kitsch. Tradotto dal tedesco, il kitsch è hack, “economico”, cattivo gusto. Spesso gli architetti deliberatamente vanno alla “sporgenza” di alcune caratteristiche dell’edificio, creando capolavori come “Egg House” o “Upside Down House”. Famosi designer e architetti spesso ghignano della cultura moderna in questo modo, dimostrando quanto lo splendore ostentato e l’uso dello stucco o della cartapesta siano ben lontani dalla vera arte..

Tuttavia, spesso i creatori di un edificio o di un interno non si rendono nemmeno conto che la loro casa, progettata per essere costruita nello stile del classicismo o del barocco russo, è diventata un vero kitsch.

A proposito, il kitsch ha già sperimentato diversi alti e bassi: è sempre a portata di mano quando la vecchia direzione generalmente accettata è già stanca e non è stato ancora inventato nulla di nuovo. In URSS, ad esempio, il kitsch è apparso negli anni del dopoguerra come contrappeso alla monumentalità e alla severità sovietica..

Al giorno d’oggi, gli edifici del cosiddetto “periodo di Lugovsk” sono spesso caratterizzati da “kitsch”, caratterizzato da una vasta gamma di stili e tentativi (di solito senza successo) di far rivivere romanticismo, classicismo o “modello russo”.

In generale, il kitsch è un concetto poliedrico che cattura la maggior parte della cultura di massa e non si riferisce solo all’architettura. Come si suol dire, lo stile è una questione di gusti e l’edificio, che alcuni chiameranno un classico e un capolavoro, sembrerà ad altri un vero esempio di kitsch “appariscente”.

Come puoi vedere, tutti gli stili architettonici moderni hanno seguito il percorso della semplificazione, del rifiuto di dettagli “non necessari”, eppure esiste un’intera scienza chiamata “videoecologia” torri a più piani o lo scintillio dei grattacieli di vetro, ciò influisce negativamente sul benessere di una persona.

I videoecologi hanno definito un gran numero di elementi ripetitivi un ambiente aggressivo, confermando che l’espressione “abbagliato” ha in realtà non solo un significato figurativo, ma anche diretto. Tra gli edifici, le strade e le piazze più aggressive di Mosca, gli esperti hanno attribuito gli edifici del Consiglio della Federazione, che evoca la sensazione di un “giubbotto” con i suoi identici motivi rustici, Novy Arbat e Oktyabrskaya Square.

Piazza Oktyabrskaya a Mosca
Piazza Oktyabrskaya a Mosca

Qual è la ragione di un tale “stupore” architettonico, la mancanza di idee nuove e attraenti che potrebbero cambiare l’aspetto delle città?

In primo luogo, l’interruzione, la separazione di due processi che in precedenza erano indissolubilmente collegati – progettazione e costruzione, ha avuto un grande impatto. Ora un architetto non è un creatore, ma solo un normale esecutore a cui è stato ordinato di progettare un edificio con tale e tale area, tale e tale numero di stanze, e così via. Allo stesso tempo, durante la creazione di un progetto per una casa futura, l’architetto è guidato da regole, norme, standard che tengono conto di qualsiasi cosa: illuminazione, ventilazione, sicurezza, ma non l’attrattiva dell’edificio..

In secondo luogo, anche diverse persone possono partecipare alla creazione del progetto stesso. Ad esempio, un architetto e costruttore, un architetto e un designer. Una persona non sente più che questo particolare edificio diventa la sua creazione, non si sente responsabile di ciò che ha creato.

In terzo luogo, ora la struttura dell’edificio spesso non è combinata con il suo “corredo”, non si adatta a nessuno stile architettonico.

In quarto luogo, e, a quanto pare, questo è uno dei motivi principali, un nuovo edificio moderno, con rare eccezioni, non è una casa, è un “oggetto di costruzione”, “un oggetto di design tecnico”, un piccolo enigma nel quadro generale di un paesaggio urbano, uno dei tanti, niente edifici non importanti.

Riassumendo, vorrei ammettere tristemente che per molti aspetti dobbiamo incolpare questo stato piuttosto deplorevole delle nostre città. Gli acquirenti di case ordinarie semplicemente non hanno abbastanza soldi per pagare un architetto di talento che è in grado di offrire una soluzione originale, mentre altri semplicemente non possono decidere esattamente come dovrebbe apparire una casa ideale, che richiede solo “più spazioso” o “bene, come qui nella rivista”.

Forse il ritmo stesso della vita moderna, l’incertezza sul futuro e l’instabilità formano il concetto di abitazione come qualcosa di temporaneo?

I nostri antenati hanno davvero costruito per secoli, senza dubbio che le loro creazioni sopravviveranno a loro e serviranno le generazioni di discendenti. I nuovi edifici moderni, tuttavia, inizialmente hanno un limite di utilizzo prestabilito. E, sebbene, come dice il proverbio, “non c’è niente di più permanente che temporaneo”, che è già stato dimostrato dai “Krusciov”, che sono stati costruiti con un massimo di 20 anni in mente e si sono fermati con fiducia 3 volte di più, ma un simile atteggiamento nei confronti dell’architettura non poteva che influenzare l’esterno l’aspetto degli edifici. E la situazione sempre più diffusa quando una famiglia non vive per conto proprio, ma in un appartamento o una casa in affitto non migliora la situazione in alcun modo, perché – “non il tuo – non importa”.

Inoltre, la ricerca della novità e la scommessa sulla tecnologia portano anche al fatto che tra plastica e legno, cemento e pietra naturale, molte persone scelgono plastica e cemento, senza pensare a come apparirà la facciata di un tale edificio in un paio d’anni …

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy