Gli errori più tragici degli architetti

Il lavoro di un architetto è molto responsabile. È responsabile non solo della bellezza e dell’aspetto del futuro edificio, ma anche della sua affidabilità, sicurezza dei residenti e dei visitatori. Succede che gli errori di un architetto portano a tragedie. Il nostro sito di consulenza ha selezionato casi noti in cui calcoli errati hanno causato disastri.

Questo è il cinema Knickerbocker. L’edificio, situato a Washington, aveva solo cinque anni quando, nel 1922, il suo tetto non riuscì a resistere a uno spesso strato di neve. Il crollo del tetto ha portato alla morte di 98 persone! Sì, il gennaio 1922 si è rivelato molto nevoso a Washington, la bufera di neve non si è fermata per diversi giorni, ma gli architetti avrebbero dovuto prevedere le peculiarità del clima della regione.

Gli errori più tragici degli architetti

Una diga sul fiume Teton, nell’Idaho, negli Stati Uniti, è scoppiata a causa di un errore di costruzione. Il risultato è la morte di 11 persone e due miliardi di perdite. Durante l’indagine, è emerso che gli autori del progetto non hanno tenuto conto delle peculiarità del suolo locale, sono comparse crepe e, di conseguenza, la diga è scoppiata.

Gli errori più tragici degli architetti

Sul sito del grande magazzino Sampoong, nella capitale della Corea del Sud, Seoul, era prevista la costruzione di un edificio residenziale. Tuttavia, alla fine, il progetto è stato modificato e un grande magazzino è stato costruito. Per accogliere le scale mobili, furono rimosse le singole colonne di supporto dell’edificio, il che fu un tragico errore. Inoltre, il carico sui supporti è stato aumentato dopo il completamento del quinto piano per i ristoranti. Inoltre, i costruttori hanno avvertito il cliente! Ma ha appena cambiato l’appaltatore. Di conseguenza, nel 1995 il grande magazzino, che era rimasto in piedi per 5 anni, è crollato. 502 persone sono state uccise, oltre 1,5 mila visitatori e dipendenti sono rimasti feriti. I dirigenti della compagnia appaltante hanno ricevuto pene detentive e le loro proprietà sono state confiscate per pagare un risarcimento alle vittime.

Gli errori più tragici degli architetti

Nel 1981, a Kansas City, negli Stati Uniti, le gallerie sospese che adornano l’hotel Hyatt Regency sono crollate. Sono morte 114 persone, oltre 200 sono rimaste ferite e all’epoca si teneva una festa di musica presso l’hotel, le gallerie non potevano sopportare il carico. Come dimostrato dall’indagine, sono stati commessi gravi errori nel calcolo del carico ammissibile su queste strutture. L’importo totale dei pagamenti di compensazione in questo caso ha raggiunto $ 140 milioni.

Gli errori più tragici degli architetti

Questa è Shanghai, dove nel 2009 è appena caduto un edificio residenziale di 13 piani. Faceva parte del complesso Lotus Riverside in costruzione. Fortunatamente, la casa non è stata sistemata in tempo, quindi solo un lavoratore è morto. L’indagine ha scoperto che la fondazione era costruita con materiali di scarsa qualità ed è stata lavata via dall’acqua. La direzione della società di costruzioni è stata condannata all’ergastolo. La corte ha ritenuto che le conseguenze del disastro dopo l’insediamento della casa sarebbero state molto più tragiche.

Gli errori più tragici degli architetti

Il crollo dell’edificio Rana Plaza a Savar, in Bangladesh, ha ucciso 1.127 persone! È successo nel 2013. L’edificio di 8 piani ospitava una banca, fabbriche di cucito e molti negozi. La gente ha notato che le crepe hanno iniziato ad apparire sui muri, ma non hanno avuto il tempo di evacuare. Durante l’indagine, sono state rivelate violazioni degli standard di costruzione, 17 persone sono comparse davanti al tribunale, tra cui il sindaco di Savar, i dirigenti delle fabbriche e gli ingegneri..

Gli errori più tragici degli architetti

A Gerusalemme, la tragedia è avvenuta nel maggio 2001. Incapace di sopportare il peso degli ospiti che si erano radunati per celebrare il matrimonio, il pavimento nella sala cerimoniale “Versailles” è crollato. Il disastro ha causato la morte di 23 persone, subendo 380.

Gli errori più tragici degli architetti

Il Quebec Bridge è considerato uno dei più belli e più lunghi tra i cantilever. È ancora in piedi ora, ma nella sua storia è crollato due volte – nel 1907 e nel 1916. La prima volta sono morti 75 costruttori, la seconda volta – 13 persone. Di conseguenza, il ponte del Quebec sul fiume San Lorenzo fu aperto solo nel 1919, anche se la costruzione fu pianificata dalla metà del XIX secolo..

Gli errori più tragici degli architetti

Tali tragedie dovute a errori architettonici e di costruzione non hanno risparmiato la Russia. A San Valentino, il 14 febbraio 2004, è caduto il tetto del parco acquatico del Transvaal Park. A quel tempo, era il più grande parco acquatico russo, situato a Yasenevo (regione di Mosca). Sono morte 28 persone, tra cui 8 bambini. La cupola del parco acquatico era costruita in cemento a pareti sottili e non poteva resistere alla gravità della copertura nevosa. Il progettista e il capo di Mosgorexpertiza sono stati accusati della tragedia. Una cappella fu eretta sul sito dell’edificio crollato.

Gli errori più tragici degli architetti

Nel 2006, il tetto del mercato di Basmanny è crollato a Mosca. Anche alcune delle strutture in cemento armato sono crollate. 68 persone sono diventate vittime della tragedia, tra cui cittadini del Tagikistan, Georgia, Azerbaigian e Uzbekistan. 39 persone sono rimaste ferite. Come ha mostrato l’indagine, i cavi-cavi, che supportavano il tetto del mercato, erano rotti. La ragione di ciò è stata la ricostruzione non pianificata dell’edificio e la corrosione delle parti metalliche. Nel 2007, il mercato di Basmanny è stato completamente demolito.

+18 – volgarità

+18 – volgarità

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy