Viti autofilettanti, viti, tasselli

Sezioni dell’articolo



Immagine

Viti autofilettanti

Elementi di fissaggio di forma corrispondente alla definizione di VITI, ma con significativi miglioramenti strutturali (principalmente la forma del filo, punta e fessura), realizzati con materiali di alta qualità con vari rivestimenti estetici e resistenti alla corrosione.

Questi miglioramenti consentono di utilizzare frequentemente viti senza fori di preforatura (il che semplifica e velocizza notevolmente il processo di installazione degli elementi da riparare), nonché di utilizzare viti per fissaggi su una base di metallo (alluminio, acciaio, ecc.) E in materiali da costruzione (cemento, mattoni, ecc.). P.). Tali viti hanno ampliato in modo significativo i loro campi di applicazione, influenzando in modo significativo la tecnologia di molti lavori di costruzione e assemblaggio meccanico..

Poiché le nuove viti erano radicalmente diverse da quelle tradizionali, nella vita di tutti i giorni apparve un nuovo termine: SELF CUTTERS. Questo concetto mostra più accuratamente lo scopo e le capacità delle nuove viti, sebbene oggi non sia legalizzato dallo standard corrispondente. Naturalmente, il termine “autofilettanti” è semanticamente più accurato e corretto, ma la parola “autofilettante” è più conveniente foneticamente, ha già conquistato posizioni nel mercato russo ed è utilizzata dalla stragrande maggioranza dei consumatori.

Immagine

Viti per legno

(dal tedesco Schraube – vite)

Vite per il fissaggio di parti in legno. Un’asta affusolata con una filettatura e una testa, in cui una fessura (fessura) è solitamente realizzata per un cacciavite.

GOST 27017-86: dispositivo di fissaggio a forma di asta con una filettatura speciale esterna, un’estremità conica filettata e una testa sull’altra estremità, formando una filettatura nel foro del prodotto in legno o plastica collegato.

La definizione secondo GOST presuppone che la vite sia avvitata in un foro precedentemente preparato e venga utilizzata per il fissaggio su basi di legno o di plastica. Tali viti sono generalmente realizzate con acciai a basso tenore di carbonio (St1, St2, St3, 10kp) senza rivestimenti, meno spesso con acciai resistenti alla corrosione (anche in ottone). Tradizionalmente, erano e sono prodotti principalmente dall’industria hardware domestica fino ad oggi.

Immagine

ancore

Dettaglio per il fissaggio di parti di strutture e macchine. Le ancore sono posate nel materiale di base dell’edificio: cemento, muratura, ecc..
Le ancore sono trattenute nel materiale da costruzione da tre principi operativi di base: attrito, arresto, adesione.
Molti tipi di ancore sono tenuti nel materiale della base dell’edificio attraverso una combinazione di questi principi: attrito e arresto.

Un’ancora è una struttura metallica (solitamente in acciaio), fissata in materiali da costruzione (cemento, mattoni, ecc.) E dotata di un elemento filettato (bullone, vite, prigioniero, manicotto con filettatura metrica) per fissare unità, parti o componenti sufficientemente pesanti e carichi disegni.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy