Se si desidera acquistare un condizionatore d’aria

Oggi il mercato delle apparecchiature HVAC è rappresentato dalle apparecchiature di oltre venticinque aziende: dai più semplici condizionatori d’aria ai costosi sistemi d’élite. I sistemi split più popolari erano Hitachi, LG, Panasonic, Sanyo, Samsung, Electra, General, Daikin ed Elemash. Tra i condizionatori più acquistati, ci sono LG, Samsung, Elemash a prezzi accessibili, progettati per la classe media Hitachi e General, e apparecchiature d’élite di Daikin, Panasonic, Sanyo e Mitsubishi Electric..

Secondo gli esperti, i sistemi split a parete sono i più richiesti tra i condizionatori domestici (50-70% delle vendite totali), i sistemi split a canale rappresentano il 20-30%; finestra e altri condizionatori d’aria – fino al 10%. Per uffici, negozi, ristoranti, tenendo conto delle specifiche delle loro apparecchiature, il tipo principale di condizionatori d’aria acquistati sono i sistemi di suddivisione del soffitto e del pavimento. Prevalgono i sistemi split di tipo a parete per condizionatori d’aria per appartamenti. Quando si acquista un condizionatore d’aria, è necessario tenere presente che il fattore principale che determina la sua durata è la risorsa del compressore.

Nonostante la somiglianza delle funzioni, è difficile immaginare che un condizionatore d’aria possa essere paragonato a un frigorifero. Ma, secondo gli esperti, non c’è nulla di sbagliato in un simile confronto, perché secondo il suo design, il condizionatore d’aria è una macchina di refrigerazione progettata per il trattamento termico e dell’umidità dell’aria fornita alla stanza.

Se stiamo parlando dei condizionatori d’aria più comuni che raffreddano l’aria, allora dovrebbe essere notato che il loro design si basa su un ciclo di refrigerazione a compressione, i cui elementi strutturali principali sono un compressore, un evaporatore, un condensatore e un regolatore di flusso (tubo capillare), collegati da condotte e che rappresentano un sistema chiuso. in cui il refrigerante (freon) viene fatto circolare dal compressore.

In base alla progettazione, i compressori utilizzati nelle macchine frigorifere sono divisi in quattro gruppi: alternativo, rotante, scroll Scroll e screw. A loro volta, i compressori alternativi sono suddivisi in ermetici, semiermetici e aperti. I compressori rotanti aspirano e comprimono il refrigerante gassoso usando il movimento rotatorio-traslazionale delle piastre. Il vantaggio dei compressori rotativi, scroll e a vite è una significativa riduzione delle pulsazioni di pressione e delle correnti di avviamento a causa del movimento di rotazione dei corpi di lavoro. Va tenuto presente che tali compressori non hanno una coppa dell’olio, pertanto la possibilità di espulsione dell’olio all’avvio del compressore è notevolmente ridotta..

Durante il funzionamento del condizionatore d’aria, si verifica quanto segue: il freon gassoso viene fornito all’ingresso del compressore a bassa pressione di 3-5 atmosfere. Il compressore lo comprime ad una pressione di 10-15 atmosfere, di conseguenza il refrigerante si riscalda, dopodiché entra nel condensatore. A causa del soffio intenso del condensatore, il freon si raffredda e passa dalla forma gassosa alla forma liquida con il rilascio di calore aggiuntivo. Questo riscalda l’aria che passa attraverso il condensatore. Dal condensatore, il liquido libero entra nell’evaporatore attraverso una valvola di riduzione della pressione. Nell’evaporatore, la pressione del refrigerante diminuisce e inizia il processo di evaporazione, accompagnato dall’assorbimento del calore. In questo modo, la temperatura dell’evaporatore diminuisce, il che a sua volta porta ad un raffreddamento del flusso d’aria che passa attraverso l’evaporatore ed entra nella stanza condizionata. Quindi il freon gassoso ritorna all’ingresso del compressore e l’intero ciclo si ripete.

Un condizionatore d’aria può non solo raffreddare, ma anche riscaldare l’aria se il suo circuito di refrigerazione è in grado di funzionare sia in modalità raffreddamento che in modalità “pompa di calore”. Di norma, i condizionatori domestici possono funzionare in modalità “riscaldamento” a una temperatura esterna di almeno -5 ° C. È vero, con l’inizio del vero freddo, i problemi non possono essere evitati. Il sistema di drenaggio del condizionatore d’aria di solito esce all’esterno e se con un leggero gelo l’acqua ha ancora il tempo di fuoriuscire, quindi a -10 si congelerà inevitabilmente. Il dispositivo inizia a rimbombare, perde verso l’interno. È anche possibile il sottoraffreddamento del refrigerante, che porta a una forte riduzione dell’efficienza operativa..

Va ricordato che il condizionatore d’aria è ancora utilizzato per il raffreddamento, il riscaldamento d’ambiente è una funzione aggiuntiva. Il dispositivo può riscaldarsi un po ‘in bassa stagione, ma non sostituirà mai un vero sistema di riscaldamento.

Un condizionatore d’aria può anche risolvere il problema della deumidificazione. Questa funzione è particolarmente utile in estate, quando si alza spesso prima della pioggia. Inoltre, l’aria non può solo essere asciugata, ma anche pulita. Alcuni modelli hanno filtri fini in grado di catturare particelle in un centesimo di micron: polvere fine, polline, fumo di sigaretta. Questo è importante per i pazienti con asma bronchiale, le persone con allergie.

Cosa offre il mercato?

Uno dei principali fattori che influenzano l’acquisto di condizionatori d’aria per un appartamento o un ufficio è il loro costo. Possiamo condizionatamente individuare: il settore dei condizionatori economici, presentato dalle società sudcoreane Daewoo, LG, Samsung; il settore dei condizionatori d’aria di classe media (in valore), prodotto da aziende come Delonghi, Electra, Fuji, Fujitsu, nonché il settore dei condizionatori d’aria di livello superiore sia in termini di qualità che di costo. Questi includono i condizionatori d’aria prodotti da Daikin, Mitsubishi Electric, Mitzubishi Daya, Toshiba.

Tenendo conto delle possibilità finanziarie piuttosto limitate dei consumatori, i condizionatori d’aria delle società sudcoreane LG, Samsung sono i più richiesti. Pertanto, secondo varie stime, la quota dei prodotti Samsung e LG nelle vendite totali dei condizionatori domestici è superiore al 50% e il resto ricade sui prodotti Daikin, Delonghi, Mitsubishi, Panasonic, Toshiba e altri. Poiché nell’ultimo numero abbiamo parlato di modelli piuttosto costosi dei principali produttori mondiali, oggi rivolgeremo la nostra attenzione ai climatizzatori di classe media ed “economica”.

Il rapporto dei prezzi per lo stesso tipo di condizionatori domestici, ad esempio da LG e Mitsubishi, è compreso tra 1 e 1,5-2. I condizionatori d’aria della società giapponese Daikin sono molto affidabili e ciò influisce immediatamente sul loro prezzo, che è 2-3 volte superiore ai prezzi dei modelli di altre società. I prezzi più bassi sono per i condizionatori d’aria di LG, Samsung, superiori – i modelli di Panasonic, Electra, Tochiba, ecc., Ulteriormente in termini di costi (verso l’alto) sono prodotti simili da società come Daikin, Mitsubishi, Sharp.

I condizionatori LG (Corea del Sud) sono prodotti dal 1968. La gamma comprende condizionatori d’aria per finestre, sistemi split per parete, pavimento-soffitto, colonne e dal 1999 – tipi di cassette e canali. 29 modelli sono forniti in Russia. I condizionatori d’aria LG per finestre forniscono una ventilazione di aria fresca, sono facili da usare e facili da installare. Alcuni modelli di climatizzatori LG per finestre sono dotati di telecomando e possono funzionare in modalità “riscaldamento” (“pompa di calore”). Le feritoie frontali regolabili consentono di dirigere il flusso d’aria sia su piani verticali che orizzontali.

Inoltre, alcuni modelli di condizionatori d’aria per finestre possono avere funzioni aggiuntive: “Riavvio automatico” – ripresa del lavoro in caso di mancanza di corrente; “Hot start” – esclusione della fornitura di aria fredda all’avvio in modalità riscaldamento; regolazione automatica in modalità “sleep”; modalità automatica.

I sistemi split LG forniscono raffreddamento e riscaldamento dell’aria interna. Sono dotati di un timer programmabile, un sistema di purificazione dell’aria, un filtro preventivo, un telecomando con display a cristalli liquidi. Alcuni modelli sono dotati di ionizzatore d’aria al plasma. Questi condizionatori d’aria sono abbastanza economici, hanno un buon rapporto qualità-prezzo..

I sistemi split LG ti consentono di ottenere una brezza naturale modificando l’angolo di inclinazione e la velocità di movimento delle piastre secondo il programma “chlos”. Sono dotati di filtri di depurazione dell’aria elettrostatici e deodoranti, che assicurano la cattura di particelle molto piccole di una frazione di micron, fumo di tabacco, polline di piante, nonché la rimozione di odori sgradevoli e dei più piccoli funghi sospesi nell’aria.

I climatizzatori Samsung, di norma, sono dotati del sistema di purificazione dell’aria Bio, che protegge in modo affidabile la stanza riparata da polvere, odori, fumo di tabacco e polline..

L’elettronica migliorata ha aumentato significativamente le capacità dei condizionatori d’aria a causa dell’emergere di nuove modalità operative, come, ad esempio, “Potenza” – un aumento del volume dell’aria passata e della frequenza della ventola per abbassare rapidamente e uniformemente la temperatura nella stanza in caso di clima molto caldo; “Silance” – una riduzione del livello di rumore di circa 1,5 volte con una leggera riduzione delle prestazioni in condizioni normali; “Risparmio” – risparmio di energia elettrica consumata dal condizionatore d’aria quando non è richiesta una manutenzione precisa della temperatura; “Natura” – garantendo un mantenimento preciso della temperatura impostata. I condizionatori d’aria Samsung hanno funzioni aggiuntive: “Turbo”, che fornisce un rapido raffreddamento o riscaldamento entro 30 minuti; “sovraccarico di installazioni”, che consente di non reimpostare tutte le impostazioni del condizionatore d’aria in caso di interruzione accidentale dell’alimentazione (dopo che l’alimentazione viene ripristinata, il condizionatore d’aria continuerà a funzionare nella stessa modalità (precedentemente impostata). I sistemi separati di Samsung split a parete forniscono la circolazione automatica dell’aria a causa del movimento continuo delle alette di ventilazione, dirigendo così l’aria trattata in diversi punti della stanza.

La società giapponese Sanyo produce una gamma completa di condizionatori residenziali, semi-industriali e industriali, inclusi chiller e sistemi VRF. Si colloca al secondo posto nel mondo in termini di produzione. La società ha 12 stabilimenti in nove paesi del mondo, i più grandi dei quali sono in Giappone, Singapore e Italia (Argo-Sanyo-Clima). Fornisce 30 modelli alla Russia.

Fino a poco tempo fa, Panasonic (Giappone) era specializzata in condizionatori d’aria per finestre e sistemi split domestici. Tuttavia, nel 1994, con l’avvio della produzione di sistemi split semi-industriali e nel 1997 – sistemi VRF, la gamma di prodotti offerti si è notevolmente ampliata. Le fabbriche si trovano in Giappone, Malesia e Cina. Più di 50 modelli sono forniti alla Russia.

I condizionatori domestici Panasonic sono considerati sistemi tecnici affidabili e di alta qualità che forniscono raffreddamento, riscaldamento, deumidificazione e ventilazione dei locali. Il design dei sistemi split Panasonic include dispositivi che offrono funzioni aggiuntive “Riavvio automatico”, “Avvio a caldo”, controllo automatico delle modalità operative e velocità della ventola. Il sistema di autodiagnostica incorporato rileva eventuali malfunzionamenti e invia un messaggio al riguardo sul telecomando, il che riduce significativamente i tempi di riparazione del condizionatore d’aria.

I climatizzatori Hyundai sono prodotti dal 1962. La società è leader in Corea del Sud nella produzione di condizionatori d’aria per auto, treni, edifici per uffici, appartamenti, nonché condizionatori semi-industriali e industriali. Hyundai occupa 1/3 del mercato della climatizzazione della Corea del Sud.

Hitachi produce una gamma completa di condizionatori d’aria residenziali e semi-industriali, nonché sistemi di classe VRF. Ha una priorità nello sviluppo di compressori Scroll e produce anche condizionatori d’aria per finestre e sistemi split per Electrolux. Ha fabbriche in Giappone, Spagna, Brasile, Cina e Taiwan. Fornisce oltre 120 modelli in Russia, compresi i sistemi multisplit di inverter.

Secondo gli esperti, i condizionatori d’aria canalizzati della società transnazionale Carrier sono adatti al nostro clima, poiché possono operare in modalità “riscaldamento” a una temperatura dell’aria esterna fino a -15 ° C, mentre i condizionatori d’aria di altre società operano in questa modalità, di regola, a una temperatura aria esterna fino a – 6 – 8 ° C.

Condizionatori d’aria a canale I trasportatori delle serie JS e JX soddisfano quasi tutti i requisiti dei consumatori per la creazione del microclima richiesto a causa di un’ampia selezione di dimensioni standard di unità interne ed esterne. Va inoltre notato che le unità interne dei condizionatori d’aria di entrambe le serie sono uguali e le unità esterne sono diverse. La differenza tra loro è che i condizionatori della serie JS hanno una capacità di raffreddamento superiore rispetto alla serie JX..

Il vantaggio dei sistemi split cassette Carrier serie GKX è la capacità di miscelare aria fresca nell’aria trattata. Considerando l’alta qualità e il costo dei condizionatori d’aria Carrier, questi sistemi sono installati in sale conferenze, uffici di grandi dimensioni.

La società giapponese DeLonghi ha iniziato la sua attività (stiamo parlando della produzione di condizionatori d’aria) con la produzione di condizionatori mobili. Oggi è il primo al mondo in questo segmento. Possiede grandi quote in Climaveneta e Clivet. Dal 1998, con la messa in servizio di un nuovo impianto, la produzione è stata completamente trasferita in Italia. Fornisce più di 50 modelli alla Russia.

Cosa determina la durata del condizionatore d’aria

Scegliere un modello di condizionatore d’aria è metà della battaglia. È impossibile apprezzarne veramente i pregi fino a quando non viene installato. Come sapete, i sistemi split non sono prodotti “plug and play” (collegati e funzionanti). Pertanto, è necessario eseguire una serie di misure piuttosto complesse per l’installazione di attrezzature, che richiedono competenze professionali e strumenti speciali costosi..

L’installazione di apparecchiature è una delle procedure più importanti per l’acquisto di un condizionatore d’aria. Come dimostra la pratica, il 90% di tutti i malfunzionamenti durante il funzionamento di un sistema diviso si verificano a causa dell’installazione analfabeta. Le società serie mantengono numerosi team di professionisti per l’installazione di apparecchiature dotate di strumenti speciali. E questo, credimi, è un piacere costoso.

Ma il risparmio sull’installazione è “più costoso”. Ad esempio, una saldatura di scarsa qualità delle condotte porterà sicuramente a una perdita di freon. Non è pericoloso per la salute umana, ma il compressore del condizionatore d’aria (questa è la metà del suo costo) si esaurirà entro pochi mesi. La mancata ricarica del sistema con freon può portare approssimativamente allo stesso risultato, tuttavia, in questo caso il compressore subirà più tempo, a volte due o tre anni. Molti problemi derivano dalla gestione impropria del drenaggio. Se le pendenze sono calcolate in modo errato, il liquido non fluirà sulla strada (o nelle fognature), ma sulle pareti, rovinando l’interno per te e i vicini sottostanti. Ecco perché un’installazione qualificata di un condizionatore d’aria non può essere economica..

Qualsiasi lavoro sull’installazione di un sistema diviso inizia con la partenza del master nell’appartamento o nell’ufficio del cliente. Nelle grandi aziende, questo servizio è fornito gratuitamente al cliente. Sul posto, lo specialista deve valutare la quantità di lavoro da svolgere: scoprire l’area della stanza, lo spessore delle pareti, le dimensioni delle finestre e ascoltare i desideri del cliente. Quindi, prima di procedere direttamente all’installazione del prodotto, i lavoratori devono praticare un foro nel muro con un diametro di 30-45 mm, attraverso il quale verranno successivamente tirati i tubi di rame, collegando le unità esterne e interne. Deve essere forato ad angolo. In modo che le goccioline di vapore accumulate vicino al foro possano fuoriuscire senza ostacoli. Per eseguire questi lavori, il team di installazione, oltre a un elettroutensile affidabile, deve disporre di una serie di trapani diversi. Infatti, quando si lavora con mattoni, viene utilizzato un trapano, quando si lavora con un muro di cemento armato, è completamente diverso. Inoltre, nel tempo, un materiale da costruzione può modificarne le proprietà. Ad esempio, un mattone viene compresso e, in termini di caratteristiche, è equivalente al cemento armato.

Dopo aver praticato un foro tecnico nel muro, gli installatori allineano la linea di fissaggio del sistema split, dopo di che collegano le unità esterna e interna utilizzando tubi di rame. La lavorazione dei tubi di rame è uno dei processi di installazione più laboriosi, affermano gli esperti, che vengono accuratamente tagliati e i bordi vengono accuratamente elaborati. Tali operazioni rientrano nel potere di un professionista armato di strumenti moderni. Ad esempio, per tagliare tubi in rame è necessario utilizzare speciali tagliatubi. Amabile americano, poiché questo paese è il luogo di nascita delle prime macchine di refrigerazione.

È importante sapere che nessun installatore che si rispetti utilizzerà un seghetto per questa operazione. Dal momento che, usando un seghetto, rischia di rovinare il compressore del sistema. Se un tubo di rame viene tagliato con un seghetto, possono entrarvi piccoli trucioli che, circolando attraverso il sistema chiuso del condizionatore d’aria, finiscono nel compressore. Avendo “ingerito” la limatura di metallo, può semplicemente bruciare. I tagliatubi a questo proposito sono molto più affidabili, tagliano il rame senza trucioli, tuttavia, per diversi diametri di prodotti in rame, è necessario selezionare il tagliatubi.

Il processo di unione dei tubi di rame con gli ingressi di entrambi i blocchi è considerato non meno laborioso. Per garantire la completa tenuta del sistema, un tubo di rame, attraverso il quale successivamente verrà rilasciato il gas freon, viene spinto sui giunti e fissato con un dado. La complessità dell’operazione sta nel fatto che prima di unire il tubo di rame all’ingresso, i lavoratori devono dare alle estremità una forma affusolata. Per fare questo, utilizzare un rotolamento. Unisce il bordo del conduttore di rame verso l’esterno, aumentando così il diametro del tubo alle estremità. Il prodotto trasformato viene spinto sugli ingressi del sistema diviso e serrato con un dado. Ciò garantisce la massima tenuta alle articolazioni..

Come sapete, il condizionatore d’aria funziona in un sistema chiuso: il freon circola dall’unità interna all’unità esterna, che, con l’aiuto di un compressore, porta aria calda o fredda nella stanza, quindi il sistema split deve essere completamente sigillato. Se il sistema è depressurizzato, il freon perderà e il condizionatore d’aria cesserà di svolgere le sue funzioni. Cioè, funzionerà, ma non farà caldo o freddo nella stanza, nel vero senso della parola.

Lo specialista è tenuto a controllare i giunti dei blocchi con tubi prima del completamento di tutti i lavori. Esistono due modi contemporaneamente per aiutare a stabilire una perdita di gas. Il primo metodo cosiddetto “vecchio stile” si presenta così: i nodi sono lubrificati con schiuma e sapone e attendono che si formi una bolla. Una bolla di sapone gonfiata segnala una perdita di freon. Il secondo metodo è più moderno, ma è spesso usato insieme al primo. Lo specialista prende in mano un rilevatore di perdite elettronico e lo porta alla giunzione, se il gas fuoriesce a questo punto, il livello di perdita verrà indicato sul quadro strumenti.

Nel caso in cui fosse comunque consentita la perdita di freon, gli esperti, utilizzando la potenza di un manometro, determinano la quantità di gas all’interno del condizionatore d’aria, dopo di che, utilizzando bilance elettroniche per pesare il gas, viene misurata e introdotta nel sistema la massa mancante di freon. Per fare questo, devi aprire il condizionatore d’aria e l’aria arriva lì. Pertanto, dopo aver eseguito i lavori di riparazione, accendere una pompa per vuoto a due stadi e pompare ossigeno dall’intero sistema..

E infine, prima di collegare il condizionatore d’aria installato alla presa, uno specialista che si rispetti controllerà la tensione. Avendo bloccato il cablaggio elettrico con un tester speciale, come una pinza, determinerà in pochi secondi quanti volt sono ora nella rete. Una semplice operazione proteggerà l’apparecchiatura da improvvisi sbalzi di corrente. Secondo gli esperti dell’Associazione delle imprese del settore climatico, oltre all’installazione sleale, ci sono altre due ragioni per cui le apparecchiature climatiche si guastano prematuramente. Non sarà superfluo parlarne. .

Il primo motivo sono gli errori nella progettazione e nella selezione delle attrezzature. La potenza del condizionatore d’aria viene selezionata in base alle condizioni di una particolare stanza e al suo scopo. Dovrebbero essere presi in considerazione l’area e l’orientamento delle finestre, il numero di persone, la presenza di apparecchiature che generano calore come apparecchiature domestiche e per ufficio e le dimensioni e la forma della stanza stessa. Ecco perché un tecnico è obbligato a visitare la stanza in cui saranno installati i condizionatori d’aria e fare i calcoli appropriati.

Per valutare la complessità di un evento apparentemente senza pretese, faremo un esempio. Quindi, sappiamo che per scegliere un condizionatore d’aria a sistema diviso, è necessario calcolare l’eccesso totale di calore per ogni stanza, che include anche il calore generato da radiazione solare, illuminazione, persone, apparecchiature per ufficio, ecc. Di conseguenza, vengono selezionati tali modelli di condizionatori d’aria, che in totale danno un valore leggermente più alto in termini di capacità di raffreddamento.

Nel calcolo, è necessario tenere presente che per il raffreddamento di 30 mq l’area della stanza richiede 1 kW di potenza per l’aria condizionata. Nel caso in cui la stanza non abbia una porta, l’area della stanza adiacente deve essere aggiunta alla sua area.

A seconda di quale parte del mondo si affacciano le finestre della stanza, i seguenti valori vengono presi in considerazione per 1 metro quadrato della finestra:

  • 0,2 kW sud;
  • ovest 0,35 kW;
  • 0,12 kW est;
  • nord 0 kW.
  • La potenza, per rimuovere il calore in eccesso da tutte le apparecchiature elettriche funzionanti, viene presa, di regola, pari a 300 W, dalle persone – un massimo di 300 W.

    Pertanto, la potenza richiesta dal condizionatore d’aria sarà: potenza tenendo conto dell’area della stanza + potenza tenendo conto dell’area della finestra e del lato del mondo + 300 W (0,3 kW) per apparecchiature elettriche + 100-300 W, a seconda del numero di persone. Pertanto, per una tale stanza, è adatto un condizionatore d’aria con una capacità di 3 kW..

    Un altro motivo per guasti rapidi alle apparecchiature è il risparmio nei costi di servizio. Un condizionatore d’aria, come un’auto, deve essere regolarmente ispezionato da aziende certificate. Dopotutto, questa non è solo una pulizia tempestiva dei filtri, che puoi fare da solo. Il complesso dei lavori di manutenzione comprende un controllo obbligatorio della tenuta del circuito di refrigerazione, lubrificazione dei cuscinetti del ventilatore, controllo degli elementi elettrici del sistema. Se necessario, vengono eseguiti il ​​lavaggio a secco dello scambiatore di calore dell’unità interna e il rifornimento di carburante del sistema con freon. E, infine, la procedura più urgente per la Russia è la pulizia dello scambiatore di calore dell’unità esterna. Può essere così intasato da lanugine di pioppo che la rimozione del calore è gravemente disturbata e un compressore surriscaldato si guasta. Secondo le stime del servizio, per questo motivo, si verifica un terzo di tutti i guasti prematuri..

    I proprietari del condizionatore d’aria rientrano in due categorie. La prima categoria è un privato, un acquirente che ha installato un condizionatore d’aria a casa. Se ha problemi con l’apparecchiatura, deve solo comporre il numero di telefono del dipartimento di servizio con cui ha firmato un contratto e gli specialisti risolveranno il problema. Lo stesso si può dire per i clienti aziendali, tuttavia, con quest’ultimo, viene spesso concluso un accordo per la manutenzione mensile dei condizionatori d’aria. In un edificio per uffici, dove ci sono diverse dozzine di condizionatori d’aria, di norma non c’è nessuno che controlli la salute delle attrezzature climatiche. Semplicemente non c’è nessuno per pulirlo.

    Nel tempo, il compressore nell’unità esterna si ostruisce con polvere, fuliggine, sporco e il condizionatore d’aria smette di funzionare. Il contratto di assistenza salva i clienti aziendali dai mal di testa associati alla manutenzione delle apparecchiature. Ogni mese uno specialista arriva nell’ufficio dell’azienda e pulisce i sistemi, oltre a eliminare tutti i problemi fino alla sostituzione delle batterie nel pannello di controllo.

    Un attento atteggiamento nei confronti della “salute” del climatizzatore ripagherà con la costruzione, dal momento che l’attrezzatura climatica “ben curata” è in grado di funzionare senza interruzioni per dieci anni consecutivi.

    Valuta questo articolo
    ( Ancora nessuna valutazione )
    Aggiungi commenti

    ;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: