Installazione di radiatori

Un radiatore per il riscaldamento dell’acqua o, come viene anche chiamato, una batteria, è familiare a tutti. È questo dispositivo che crea calore nei nostri appartamenti in inverno. I progressi non si fermano e una nuova generazione è arrivata a sostituire i mostri in ghisa dei tempi sovietici: radiatori bimetallici in alluminio e pannelli in acciaio che sembrano belli e facili da installare.

Spesso, la scelta dei radiatori viene effettuata come segue: prima – l’estetica (altrimenti, perché cambiare batterie di ghisa affidabili, ma goffe), quindi – il prezzo e quindi i parametri tecnici.

Ti offriamo uno schema diverso: parametri tecnici (l’affidabilità dell’approvvigionamento di calore dipende da essi), l’estetica e quindi il prezzo.

Quindi, a quali punti tecnici dovresti prestare attenzione quando acquisti un radiatore? Se si desidera che la batteria funzioni a lungo, è necessario sceglierla correttamente e montarla correttamente.

Quando si sceglie un radiatore, prestare attenzione alla pressione di esercizio: questa è la pressione per cui è progettato il dispositivo. Per i dispositivi installati nelle case di città, dovrebbe essere almeno 9-10 atmosfere, e più è grande, più il dispositivo è affidabile. È vero, se la casa ha una singola unità di riscaldamento (il suo locale caldaia), allora i dispositivi per 6-8 atmosfere sono adatti, a condizione che la casa non sia un grattacielo.

Successivamente, è necessario decidere la potenza termica dei dispositivi. È possibile procedere dal calcolo di 100-125 watt di trasferimento di calore dal dispositivo per 1 sq. m. area della stanza riscaldata. Quanto ogni dispositivo distribuirà, lo scoprirai dal venditore. Per una stima preliminare, questo è sufficiente.

Quali sono i motivi della diminuzione del trasferimento di calore dai dispositivi? Il radiatore genera il 15-18% di calore in meno per ogni 10 C di diminuzione della temperatura dell’acqua. Se viene fornita acqua al foro inferiore del radiatore e fuoriesce da quello superiore, il radiatore non fornisce un altro 7-10% del calore. Soprattutto, quando l’acqua viene fornita dall’alto verso il basso. Se i collegamenti al radiatore si trovano su un lato di esso, quindi rendere il numero delle sue sezioni più di 10 non ha senso, perché le sezioni distanti saranno deboli. Per i radiatori lunghi, l’ingresso e l’uscita devono essere realizzati da diversi lati del dispositivo. Se il radiatore è installato in una nicchia, sotto un davanzale, dovrebbe esserci spazio sufficiente attorno per il movimento dell’aria. Pertanto, le distanze dovrebbero essere almeno: al pavimento – 70-100 mm, alla parete 30-50 mm, al davanzale della finestra 100-150 mm, altrimenti al 10-15%. A proposito, un involucro decorativo leggero installato davanti al radiatore o tende oscuranti che scendono a terra, possono portare via tutto il 20% del calore.

Il radiatore è montato nella versione a parete o sul pavimento, utilizzando staffe.

E ora su ciò che devi considerare quando installi un radiatore:

  • la temperatura massima del liquido di raffreddamento non deve superare i 130 ° C
  • la qualità dell’acqua deve soddisfare i requisiti di RD 34.20.501-95
  • è severamente vietato disidratare il sistema di riscaldamento (indipendentemente dalla stagione)
  • è severamente vietato utilizzare tubi di riscaldamento come elementi di circuiti elettrici.
  • E ora alcune delle caratteristiche dell’installazione dei radiatori:

    Radiatori a pannello in acciaio:

    Tali radiatori sono realizzati con due piastre di acciaio, 1,25-1,5 mm di spessore e collegate mediante saldatura. L’ampia area delle alette aumenta la radiazione termica dei radiatori. Dopo l’installazione, il radiatore è solitamente coperto da un involucro – gli conferisce un aspetto elegantemente rigoroso.

    Questa categoria di batterie funziona a pressioni fino a 9 atmosfere e emette calore circa il 20-25% in più rispetto ai radiatori convenzionali.

    Oltre al kit di montaggio standard, che di solito viene venduto con il radiatore, ci sono una varietà di elementi di fissaggio che ne consentono l’installazione in una versione da terra con distanza regolabile dal pavimento. I radiatori hanno solo connessioni laterali o laterali e inferiori.

    Radiatori componibili in alluminio:

    I radiatori sezionali in alluminio – eleganti, leggeri, con elevato trasferimento di calore – sono i più popolari sul mercato russo.

    L’alluminio ha un’alta conduttività termica (3-4 volte superiore a quella di ghisa e acciaio), che consente di creare radiatori con elevato trasferimento di calore in dimensioni abbastanza compatte. La lunghezza dei radiatori (e, di conseguenza, la loro potenza) è facile da selezionare cambiando il numero di sezioni utilizzate. Ogni sezione ha collettori superiori e inferiori collegati da un canale verticale ed elementi speciali (nervature) che aumentano la superficie e, di conseguenza, il trasferimento di calore.

    Oltre all’elevato trasferimento di calore, l’alluminio ha proprietà che consentono di ottenere una forma molto complessa di prodotti nella fabbricazione di elementi mediante fusione.

    Radiatori bimetallici componibili:

    Questo tipo di radiatore combina con successo le migliori proprietà dei radiatori sezionali in alluminio e tubolari in acciaio: resistenza (resiste a pressioni fino a 40-50 atmosfere), durata (durata fino a 20 anni) e un elevato livello di trasferimento di calore combinato con un design moderno che si adatta a qualsiasi interno.

    Il radiatore bimetallico utilizza due metalli: acciaio e alluminio. L’anima in acciaio rinforza la struttura dei radiatori. Grazie a lui, resistono ad alta pressione. Inoltre, il riempimento in acciaio reagisce “più tranquillamente” di altri alla alcalinità dell’acqua (fattore ph). L’alluminio ha un’alta conduttività termica, che migliora significativamente il trasferimento di calore del radiatore e ne riduce l’inerzia. Un tale riscaldatore si riscalda e si raffredda più velocemente. Al fine di evitare problemi con l’installazione del radiatore, è necessario decidere in anticipo sulle dimensioni dei dispositivi, con il diametro dei tubi di alimentazione e lo schema della loro connessione al dispositivo: dal pavimento (uno o entrambi i tubi) o semplicemente dalla parte inferiore del pavimento o dello zoccolo, dalla parte posteriore dalla parete, dall’alto , dal lato. Durante la riparazione con la sostituzione di radiatori, è importante conoscere la distanza da centro a centro richiesta tra i fori per i collegamenti. Tutto ciò contribuirà ad evitare inutili fastidi e costi per l’installazione di adattatori diversi, tubi di curvatura e faciliterà anche la selezione degli accessori correlati.

    Valuta l'articolo
    ( Ancora nessuna valutazione )
    Condividi con gli amici
    Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
    Aggiungi un commento

    Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy