Come finire il lavoro a maglia

Il contenuto dell’articolo



“La fine è la corona degli affari” è il detto delle persone, e questa saggezza si applica a tutti i tipi di attività umana, e anche ai lavori a maglia. Ogni artigiana sa che la corretta finitura del prodotto è cruciale per il suo aspetto. Per conoscere le sfumature di come finire la maglia e quali metodi di chiusura degli anelli sono meglio utilizzati quando si creano una varietà di cose: una sciarpa, un cappello o un maglione, dai un’occhiata ai consigli selezionati in questo articolo.

Come chiudere il ciclo con un ago

Chiudere i bordi con un ago

Utilizzare questo metodo per completare il lavoro a maglia tagliando il filo di lavoro in modo che la sua estremità sia 3 volte più lunga della larghezza del prodotto e infilare il filo in un ago con un’estremità smussata. La chiusura di anelli con un ago è molto semplice: per prima cosa, inserire l’ago nel mezzo dei primi due anelli da destra a sinistra. Quindi mettilo attraverso il centro del primo anello da sinistra a destra, lasciandolo cadere dal ferro da maglia – è già chiuso. Termina l’ultima riga una per una.

Essendo impegnato nel lavoro a maglia, è molto buono non solo studiare la descrizione delle tecniche e dei passaggi necessari, ma anche vedere chiaramente come finire il lavoro a maglia. Nei video che abbiamo selezionato, esperti artigiani mostrano trucchi grazie ai quali impari rapidamente a lavorare a maglia un bellissimo e uniforme bordo di una sciarpa e fai una cucitura poco appariscente e facile da cucire su un cappello.

Più in dettaglio sulla maglia di un colletto con ferri da maglia – un diagramma e una descrizione in video e foto.

Come finire a lavorare a maglia una sciarpa

Come finire i cappelli a maglia

Valuta questo articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Come finire il lavoro a maglia
Acido borico contro le formiche in giardino: proporzioni per l’uso