Caldaie a gas: funzionamento, manutenzione e riparazione

Sezioni dell’articolo



Come installare una caldaia a gas, osservando tutti i requisiti di sicurezza, quanto costa il collegamento e la regolazione, come eseguire autonomamente piccole riparazioni e regolazioni dell’attrezzatura. In questo articolo parleremo dei punti chiave nell’installazione e nella manutenzione delle caldaie a gas..

Caldaie a gas. Funzionamento, manutenzione e riparazione

Proviamo a capire i punti più importanti e cruciali nell’installazione e nel funzionamento delle caldaie a gas. Nuances che aiuteranno ad allungare la loro durata di servizio con il minor costo di riparazione e acquisto di pezzi di ricambio.

Installazione o sostituzione di una caldaia a gas

I requisiti generali per l’installazione di tutte le caldaie a gas sono i seguenti punti:

  1. Rispetto del livello orizzontale. Un’installazione fuori livello è la ragione del riscaldamento irregolare della camera di scambio termico e, di conseguenza, della comparsa di crepe in luoghi con temperature diverse. La sostituzione dello scambiatore di calore costerà la metà del suo costo.
  2. Disponibilità di sistemi di ventilazione e camino funzionanti, che devono essere documentati dall’organizzazione competente.
  3. La capacità di riparare la caldaia da qualsiasi lato, ovvero la presenza di una distanza tra il riscaldatore e le pareti di almeno 0,5 metri.
  4. Locale predisposto per l’installazione: in locali caldaia separati, deve esserci una finestra che, quando esplode la caldaia, garantirà l’integrità dell’edificio. Nel seminterrato è obbligatoria la presenza di una ventilazione aggiuntiva, preferibilmente forzata.

Caldaie a gas. Funzionamento, manutenzione e riparazione

Per installare o sostituire la caldaia, è possibile contattare i servizi del gas, che cambieranno la caldaia e il sistema sarà adattato per questo. Il calcolo viene eseguito in base al lavoro svolto con il pagamento anticipato del 100% in un unico programma “Grand prevent”, in cui sono specificati i materiali utilizzati e tutti i tipi di servizi forniti. Il costo del servizio varia da 3,5 a 10 mila rubli.

Ma un po ‘di lavoro sulla sostituzione della vecchia caldaia con una nuova può essere fatto da soli, non c’è nulla di super complicato in questo. Per cominciare, per smantellare la vecchia attrezzatura, dovrai scaricare l’acqua dal sistema. Quindi svitare le flange e scollegare il sistema dalla caldaia, svitare il morsetto che trattiene la corrugazione del camino e rimuovere la corrugazione (è anche meglio cambiarlo). Quindi, scollegare l’alimentazione del gas (non dimenticare di chiudere prima l’alimentazione del gas) e svitare le flange con gli ugelli dalla caldaia. Questo conclude lo smantellamento.

Installiamo la caldaia nel luogo di lavoro in base alle esigenze. Adattiamo il flusso di ritorno del sistema al corrispondente tubo di diramazione sulla caldaia (di solito questo è associato alla digestione del sistema di riscaldamento in acciaio). È indesiderabile utilizzare curve con un raggio di curvatura ridotto, poiché ciò riduce la velocità di movimento del liquido di raffreddamento. Quando la pompa di circolazione è accesa, se presente, in tali punti può verificarsi un colpo d’ariete, il che porta a un cambiamento e una disomogeneità nella natura del movimento dell’acqua e, di conseguenza, a difficoltà nella regolazione del sistema. Le azioni successive vengono eseguite nell’ordine inverso: le flange sull’alimentazione e sul ritorno vengono serrate, il gas e il camino sono collegati.

Caldaie a gas. Funzionamento, manutenzione e riparazione

I lavori relativi alla sostituzione della caldaia da soli sono legali, ma dopo la modifica e il collegamento è necessario presentare una domanda per chiamare un ispettore del gas che registrerà la caldaia per la manutenzione delle apparecchiature che utilizzano gas, con una nota corrispondente nel passaporto delle apparecchiature. Costo fino a 500 rubli per ogni pezzo di equipaggiamento.

Messa in servizio e messa in servizio di apparecchiature installate

Se è la prima volta che si avvia il sistema, i problemi relativi all’avvio e alla risoluzione dei problemi ricadono sulle spalle dei lavoratori del gas. La tariffa media per regione è di circa 2.000 rubli. La sostituzione di parti difettose e l’automazione vengono eseguite in garanzia oa pagamento.

Le condizioni obbligatorie per l’ammissione del proprietario all’esercizio delle apparecchiature della caldaia sono:

  • informazioni da una persona autorizzata contro la firma della persona incaricata (costo 260–500 rubli);
  • mostrando e spiegando come accendere la caldaia (inclusa nel costo dell’istruzione);
  • tracciamento del primo auto-lancio da parte del proprietario o altra persona autorizzata (inclusa nel costo dell’istruzione).

Caldaie a gas. Funzionamento, manutenzione e riparazione

Il riempimento del sistema deve essere eseguito con un’ispezione visiva di tutte le connessioni per la tenuta: giunture saldate, connessioni filettate di giunti metallo-plastica e polipropilene. Non aspettatevi miracoli dalla nuova caldaia fino a quando non è “esaurita”, sono possibili malfunzionamenti:

  1. Con venti forti, il fuoco pilota potrebbe esplodere. Ciò è dovuto al fatto che fino a quando il sistema non si riscalda completamente ed entra nel suo ritmo di lavoro costante, l’automazione non può adattarsi al ciclo di lavoro. Potrebbe essere necessaria una regolazione della fiamma bassa e della fiamma pilota.
  2. La scala della temperatura visualizza valori errati. Entro 5-10 gradi – va bene, e se lo è di più, allora la bilancia stessa è difettosa o il sensore di temperatura è difettoso. La scala viene regolata manualmente spostando la freccia.
  3. Interruzione spontanea del lavoro insieme all’attuazione dell’automazione volta a interrompere l’alimentazione del gas. Qui la ragione non sta nella caldaia, ma nel sistema stesso, che era arioso quando veniva raccolta l’acqua. Quando si sposta, l’aria viene spinta nell’espansore e il livello totale dell’acqua diminuisce. L’acqua deve essere aggiunta.

È molto importante tenere traccia di tali fenomeni e, se non si interrompe entro pochi giorni, è necessario regolare e testare l’intero sistema di automazione..

Automazione e sensori. Risoluzione dei problemi

Studiando la documentazione tecnica delle apparecchiature della caldaia, gli utenti saltano le informazioni passate sui sensori esistenti nel sistema di automazione, che rendono il funzionamento della caldaia non solo automatizzato, ma anche sicuro..

Trattiamo tutti insieme: questo ti aiuterà a comprendere il principio di funzionamento e i requisiti di manutenzione, funzionamento e prevenzione dei malfunzionamenti..

Considera solo ciò che può veramente essere riparato o cambiato a mano.

Sensore temperatura fumi

È realizzato sotto forma di una capsula di cherosene, che si trova direttamente sopra la camera di combustione del carburante. È collegato al sistema di automazione principale con un tubo di ottone in cui è posato il filo. Visivamente, questo sensore è facilmente distinguibile dal resto, perché ha la forma di un classico termometro a mercurio. Responsabile della stabilizzazione della temperatura dei gas di scarico e dei prodotti della combustione, regolando in tal modo la fornitura di gas al forno.

Caldaie a gas. Funzionamento, manutenzione e riparazione

L’impostazione del sensore è tale che se la temperatura dei gas di combustione non corrisponde alla temperatura corretta durante la combustione di una certa quantità di gas, l’automazione spegnerà la caldaia. Spieghiamo. Esistono valori tabulari di temperatura e rilascio di calore durante la combustione di un centimetro cubo di gas. Se il sensore rileva che la temperatura diminuisce durante la combustione dello stesso volume, richiederà un aumento della fornitura di gas. Ma quando viene raggiunta la temperatura dalla tabella, l’automazione analizza il flusso di gas e, se supera il volume tabulare del 20%, l’automazione interrompe completamente la fornitura di gas, riparando la perdita del vettore di energia.

Il sensore deve essere riparato. Quello vecchio viene tagliato, il cherosene viene sostituito (solo aviazione!) E il sensore di temperatura può essere saldato indietro.

Sensore di temperatura dell’agente riscaldante

Si trova all’uscita del tubo di alimentazione dalla zona di riscaldamento, cioè la sua funzione è quella di mostrare la temperatura di uscita del liquido di raffreddamento. Secondo le letture di questo sensore, viene regolata la temperatura totale sulle batterie. Sulla base dei dati della termocamera, è visibile l’immagine generale della perdita di calore relativa alla temperatura del sensore del refrigerante.

Il sensore non può essere riparato. La rottura principale è l’ossidazione da contatto e la distruzione delle connessioni interne. La sostituzione può essere effettuata con un sensore che corrisponde alla marcatura: rimuovere il coperchio anteriore, quindi rimuovere il corpo dello scambiatore di calore, cambiare il sensore e rimontare nell’ordine inverso. In inverno, è meglio non arrestare la caldaia e non cambiare il sensore: l’inconveniente associato alla scala del termometro non funzionante può sopravvivere fino a quando non si riscalda.

Sensore di trazione

Il punto più doloroso per tutte le caldaie, senza eccezioni. Di solito è liberamente accessibile dalla parte posteriore o superiore. È una rondella delle dimensioni di una moneta da rublo e spessa 5-8 mm. Responsabile della determinazione della presenza del tiraggio necessario e, se insufficiente o assente, interrompe il funzionamento della caldaia. Se il sensore è difettoso, è impossibile avviare la caldaia..

Il sensore non può essere riparato. La sostituzione viene eseguita con quella corrispondente alla marcatura: prendere il sensore con i fili, scollegare i fili o tagliarli se sono saldati. Nei punti di attacco, collegare i fili al nuovo sensore e, senza rimuoverlo, eseguire una prova.

Caldaie a gas. Funzionamento, manutenzione e riparazione

Questo è l’unico anello di automazione che può essere escluso, ma solo a condizione che la trazione e la ventilazione funzionino perfettamente. Se il camino viene bloccato in assenza di un sensore, lo spazio circostante potrebbe fumare e l’isolamento potrebbe surriscaldarsi su alcune parti dell’automazione della caldaia. L’uso di una caldaia senza sensore di tiraggio è consentito solo in casi estremi (i cavi sono collegati direttamente) quando la sostituzione è impossibile a causa di circostanze di forza maggiore.

Quindi, queste sono le caratteristiche più importanti e caratteristiche della moderna automazione nelle caldaie a gas. Naturalmente, ci sono quasi una dozzina di altri sensori di tutti i tipi, la cui disponibilità dipende dal modello, dal produttore e dalla potenza della caldaia. Questi piccoli aiutanti, se devono essere sostituiti, sono solo in centri specializzati. Per evitare la perdita della garanzia, non tentare di smontare la caldaia e cambiare le parti..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy