Lastre per pavimentazione sabbiosa polimerica: tecnologia di produzione e installazione

Sezioni dell’articolo



In questo articolo troverai informazioni su un nuovo tipo di lastre per pavimentazione a base di plastica e sabbia. Effettueremo un’analisi comparativa delle proprietà qualitative di materiali simili e confronteremo anche il loro prezzo. L’articolo contiene video di test, tecnologie di produzione e istruzioni di installazione.

I polimeri sono saldamente affermati tra i materiali più utilizzati. Sono utilizzati per la produzione di quasi tutto: mobili, stoviglie, rivestimenti, articoli per la casa, ricambi auto e attrezzature industriali. Allo stesso tempo, le loro proprietà di consumo e operative insuperabili vengono costantemente migliorate, scoprendo sempre più aspetti di queste sostanze..

Cos’è il polimero

Senza entrare nei dettagli chimici, possiamo dire che un polimero è una plastica (petrolio) in una forma o nell’altra. In uno stato di aggregazione freddo e solido, è chimicamente inattivo e innocuo a tal punto che ne vengono fatti dei bagni per fare il bagno ai bambini. Il polimero entra in una reazione chimica solo in due casi: l’uso di un solvente forte o il riscaldamento. Nella produzione di piastrelle di sabbia polimerica, viene utilizzato il riscaldamento. Allo stato fuso, diventa una massa plastica o un liquido denso, che reagisce prontamente, si mescola, aderisce, vulcanizza, in generale, esibendo attività chimica e fisica. È questa proprietà che viene utilizzata nella fabbricazione di prodotti polimerici di sabbia..

Piastrelle in sabbia polimerica

Qual è la particolarità delle piastrelle di sabbia polimerica

Nella fabbricazione di prodotti, al posto del cemento, viene utilizzata la massa di plastica secca – rifiuti macinati. Quindi il polimero viene miscelato con sabbia e preriscaldato a 180 ° C. La massa fusa raffreddata viene inviata sotto una pressa a caldo, che la forma sotto forma di una piastrella. Nella malta di cemento e sabbia, la miscelazione avviene a causa dell’attività chimica del cemento. Il polimero, a sua volta, salda semplicemente insieme i granelli di sabbia. Anche l’acqua non è richiesta per la reazione.

Video sulla produzione e test delle piastrelle di sabbia polimerica

Che è meglio – piastrelle in polimero o cemento

Un popolare e noto “sostituto” delle pietre naturali per pavimentazione in granito – lastre per pavimentazione a base di malta cementizia – è una soluzione estremamente semplice e relativamente economica. Tuttavia, questa semplicità ed economicità si rivelano incompatibili con i requisiti moderni: durata, convenienza, rispetto dell’ambiente. Ci sono una serie di svantaggi delle piastrelle di cemento e dell’asfalto che vengono eliminate nelle piastrelle di sabbia polimerica:

  1. Resistenza all’impatto. È impossibile dividere di proposito le piastrelle polimeriche, anche con una mazza. La sua forza è di 250 kg / cm2.
  2. Resistenza all’usura. Il polimero salda la sabbia così strettamente che il materiale si presta solo alla lavorazione speciale (smerigliatrice, perforatore, taglierina). Le piastrelle di cemento si consumano nel tempo e formano polvere a causa della bassa adesione comparativa delle particelle.
  3. Sicurezza ambientale. Questa affermazione si applica all’asfalto che, se riscaldato a 45 ° C, rilascia sostanze nocive. Come accennato in precedenza, per entrare in una reazione (con ossigeno atmosferico), il polimero deve essere riscaldato a 120 ° C, il che è impossibile senza attrezzature speciali.
  4. Risparmio di risorse naturali. La produzione di cemento riguarda fabbriche, cave, emissioni. Estrazione di pietrisco – estrazione del sottosuolo, vagliatura, trasporto. Per l’asfalto sono necessari prodotti petroliferi, mentre al momento della posa si verificano potenti emissioni di gas tossici. Le materie prime per le lastre di pavimentazione polimeriche sono sabbia, rifiuti di plastica (bottiglie, sacchetti) e colorante. Lo smaltimento dei rifiuti avviene lungo la strada.

Prova di resistenza di piastrelle di sabbia polimerica, video

Le piastrelle di sabbia polimerica presentano degli svantaggi

Naturalmente, oltre agli ovvi vantaggi, c’è anche un rovescio della medaglia. Il processo di fabbricazione è un incrocio tra piastrelle di cemento e asfalto. La semplicità e il basso costo della produzione di piastrelle in cemento influiscono sulla sua inaffidabilità. Allo stesso tempo, la durata dell’asfalto richiede un processo complesso e costoso, che coinvolge: un impianto di asfalto, veicoli pesanti, costose attrezzature speciali (finitrici, rulli) e molti lavoratori.

Piastrelle in sabbia polimerica

Svantaggi delle piastrelle polimeriche:

  1. Forme e dimensioni limitate. Le piastrelle di sabbia polimerica sono prodotte in officine utilizzando attrezzature relativamente semplici, ma richiedono potenti stampi in acciaio. Servono a lungo, ma sono piuttosto costosi. Nuovo stampo: costi tangibili per l’impresa.
  2. Alto costo (rispetto alle piastrelle di cemento). Attrezzature e macchinari costosi richiedono un’attenta gestione. Inoltre, il processo è parzialmente automatizzato e consuma molta energia. Da qui gli alti costi della manodopera e del processo di produzione.

Piastrelle in sabbia polimerica

Prezzo delle piastrelle di sabbia polimerica

Un metro quadrato di una simile tessera costa circa 15 cu. E. Per fare un confronto, un analogo concreto costa $ 10. e. (per 1 m2), vibrato – 12 c.u. e) Il costo dell’asfalto non sarà indicato, è troppo alto. Indubbiamente, le piastrelle polimeriche “risolvono” ogni centesimo piegato a causa del margine di qualità e sicurezza. Inoltre, le caratteristiche di qualità sono incorporate nella tecnologia e il costo delle materie prime è così basso (parte delle materie prime sono rifiuti) che il risparmio sulle proporzioni è insignificante. Cosa non si può dire del consumo di cemento costoso, il cui deficit nei prodotti dà una brutta reputazione alle lastre di pavimentazione in calcestruzzo.

Posa di piastrelle in sabbia polimerica

La procedura per la posa di prodotti polimerici non differisce sostanzialmente da altri elementi del pezzo. Per fare questo, avrai bisogno del solito kit impilatore: un martello, un cavo, una spatola, secchi, una carriola e una pala. La preparazione richiederà la maggior parte del tempo e degli sforzi: avrai bisogno di un sperone.

Procedura operativa:

  1. Determina il livello dell’orizzonte della parte superiore della piastrella posata.
  2. Rompere la “torta” della base in strati: terreno, drenaggio (pietrisco), preparazione (sabbia o smerigliatrice), base (griglia).
  3. Se necessario, rimuovere il terreno al livello desiderato.
  4. Riempi la pietra frantumata (150-300 mm) e compattala con uno sperone vibrante.
  5. Riempire con sabbia o punzonatura (50–70 mm) e tamp.
  6. Installare i cordoli (se presenti).
  7. Posare le piastrelle su una griglia libera con un martello lungo il cavo.
  8. Dopo la posa, spingere l’imbracatura nelle fessure e nei giunti.
  9. Versare l’aereo con acqua.

Piastrelle in sabbia polimerica

È possibile utilizzare completamente l’area coperta (mettere la macchina) in 3 giorni.

Sostituire prodotti e materiali familiari e comprovati con materiali nuovi non è sempre giustificato. La novità deve dimostrare il suo diritto alla vita. Nel caso delle piastrelle in sabbia polimerica, ciò è stato ottenuto utilizzando i test di resistenza effettuati, mostrando differenze vantaggiose rispetto agli analoghi. L’affidabilità e la durata di questa piastrella garantiscono l’integrità del rivestimento, un aspetto bello e immutabile per molti anni..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy