Filtri per la depurazione dell’acqua

Sezioni dell’articolo



L’acqua comunemente usata nei sistemi idrici domestici e industriali contiene una certa quantità di particelle solide in sospensione, come sabbia, ruggine, fibre, sporco, ecc..

Immagine

Queste particelle, con un diametro che varia da pochi micron a diversi millimetri, sono spesso la causa di guasti e corrosione dei sistemi di approvvigionamento idrico, delle valvole e degli apparecchi elettrici. Pertanto, per risolvere il problema, è necessario installare filtri della dimensione appropriata sulla linea di ingresso dei sistemi di alimentazione dell’acqua o davanti all’apparecchiatura da proteggere. I filtri di protezione si differenziano per parametri e caratteristiche di progettazione.

I filtri possono essere costituiti da due elementi (testa del filtro e tazza) o tre elementi (testa del filtro, tazza e boccola filettata) e possono essere realizzati in ottone o plastica per alimenti. Le cartucce filtranti, a loro volta, differiscono in base al materiale e alle caratteristiche funzionali:

  • cartucce in PP lavabili con rete in nylon, diametro della cella da 60 a 90 micron per acqua potabile;
  • cartucce lavabili in acciaio inossidabile, con maglia in acciaio inossidabile,
    con un diametro della maglia di 90 micron, per acqua potabile;
  • cartucce lavabili in lamiera di acciaio inossidabile, micro-scanalata,
    con un diametro della maglia di 90 micron, per acqua potabile;
  • cartucce usa e getta con filo avvolto 5 m 20 per applicazioni tecniche;
  • cartucce a carbone attivo per sistemi tecnici,
    rimuovendo il gusto, il colore e l’odore sgradevoli di cloro;
  • cartucce di polifosfato cristallino per impianti tecnici, contro la formazione di calcare e corrosione;
  • cartuccia declorante per sistemi tecnici.
  • Filtri autopulenti

    Filtri d’acqua autopulenti oggi rappresentano la soluzione tecnologica più avanzata nel campo della filtrazione domestica e industriale e sono destinati all’uso in sistemi di acqua potabile e industriale. L’installazione di un filtro autopulente al posto di quello tradizionale elimina la necessità di una pulizia manuale periodica o la sostituzione della cartuccia del filtro. La cartuccia viene continuamente mantenuta e pulita con periodici risciacqui combinati con un efficace sistema di pulizia meccanica brevettato. Per l’autopulizia nei modelli semplici, ruotare la maniglia superiore. Nel modello automatico, è sufficiente programmare il timer per una certa frequenza di autopulizia e il dispositivo stesso sciacquerà il filtro, garantendo piena autonomia e sicurezza operativa. Se nell’acqua è presente una quantità eccessiva di impurità di sabbia sospese, è necessario installare un filtro “a ciclone” o un filtro per la pulizia della colonna di fronte al filtro autopulente. I filtri autopulenti sono dotati di una cartuccia a rete in acciaio inossidabile da 95 micron.

    Filtri a sabbia autopulenti può essere utilizzato in sistemi per uso domestico, tecnico e industriale.
    I filtri “CICLONE” vengono utilizzati in presenza di una quantità eccessiva di sabbia o particelle solide nell’acqua e l’uso di filtri tradizionali o autopulenti non è giustificato; I filtri a sabbia autopulenti hanno il vantaggio di non richiedere una pulizia manuale periodica o la sostituzione della cartuccia della piastra. La pulizia del filtro è garantita da un risciacquo periodico. Per pulire, è necessario ruotare la manopola per 10-15 secondi.

    Filtri di demineralizzazione

    Filtri di demineralizzazione solo per uso tecnico. Sono utilizzati per produrre acqua demineralizzata per ferri da stiro, batterie per auto, deumidificatori e generatori di vapore domestici. La cartuccia di demineralizzazione contiene una miscela di resine anioniche e cationiche in una proporzione selezionata per rimuovere i sali mediante cariche positive (cationiche) o negative (anioni). In questo modo, quasi tutti i sali presenti nell’acqua vengono rimossi e viene prodotta acqua demineralizzata, ad es. acqua senza sale. La cartuccia è dotata di un indicatore cromatico che cambia da verde a blu, indicando che il contenuto di resina è esaurito e segnala la necessità di sostituirlo.

    Filtri – decloratori

    Filtri – decloratori progettato per rimuovere l’eccesso di cloro, i suoi derivati ​​e le impurità organiche dall’acqua.

    Filtri centrifughi

    Filtri centrifughi – separatori sono separatori di sabbia e particelle inorganiche. La loro struttura è appositamente progettata per creare
    vortice quando entra l’acqua. La rotazione dell’acqua separa le particelle più pesanti dalla forza centrifuga. La separazione viene eseguita continuamente a pressione di esercizio costante e senza parti in movimento.
    I solidi separati dall’acqua vengono rimossi usando un piccolo tubo di drenaggio situato sul fondo. I filtri sono realizzati in acciaio inossidabile.

    L’acqua nel corso del suo ciclo naturale in natura passa attraverso gli strati del suolo di vari tipi per tornare ai fiumi e ai laghi, spesso utilizzati per lo scarico delle acque reflue da imprese industriali e aree residenziali.
    La qualità dell’acqua potabile è costantemente monitorata dalle autorità competenti, ma ciò non esclude il rischio di fuoriuscita di inquinanti presenti nelle reti di approvvigionamento idrico pubblico, spesso troppo vecchie.

    Come possiamo garantire l’alta qualità dell’acqua che entra nelle nostre case, scorre dal nostro rubinetto e su cui cuciniamo il nostro cibo ogni giorno??

    Una soluzione ragionevole sarebbe quella di sterilizzare l’acqua usando lampade a ultravioletti e osmosi inversa. La sterilizzazione può essere effettuata separatamente o in combinazione, utilizzando sistemi di trattamento dell’acqua ad osmosi inversa.

    Filtri di sterilizzazione

    Filtri di sterilizzazione dotato di un rubinetto aggiuntivo per l’aspirazione dell’acqua; sono installati sotto il lavandino e forniscono acqua filtrata che non contiene contaminanti – sia chimici (cloro libero, composti organici primari e secondari, oli, detergenti, pesticidi, ecc.) e microbiologici (batteri, virus, muffe, spore , lievito, ecc.).
    Il principio dei filtri è molto semplice. L’acqua passa prima attraverso un filtro al carbone attivo da 20 micron, eliminando particelle sospese e contaminanti chimici, quindi, prima di entrare nel rubinetto, l’acqua viene esposta a
    sterilizzazione mediante raggi ultravioletti. L’installazione è molto semplice, il filtro è solitamente installato sotto il lavandino ed è progettato per una presa d’acqua. Utilizzato nei sistemi per l’approvvigionamento di acqua potabile.

    Sistema moderno compatto di trattamento delle acque domestiche. Per mezzo di una membrana osmotica, in combinazione con filtrazione e successiva sterilizzazione
    i raggi ultravioletti, il sistema è in grado di fornire un approvvigionamento di acqua pulita (7-10 litri), che non ha odori sgradevoli, è chimicamente e biologicamente puro. Puoi bere quest’acqua, cucinarci sopra del cibo, fare il caffè, fare il ghiaccio, lavare frutta e verdura, versare in un ferro da stiro, ecc. Il sistema è facile da installare e di solito si trova sotto il lavandino, progettato per una presa d’acqua.

    Pipette proporzionali aggiungere composizioni a base di polifosfati all’acqua in proporzione al suo consumo (4 p.p.m.). Ciò non degrada la qualità dell’acqua; allo stesso tempo, i sali, che possono precipitare e formare depositi, rimangono disciolti e le tubazioni sono protette dalla corrosione, risparmiando energia e riducendo i costi operativi. Questi dispositivi sono molto facili da installare e di solito sono installati all’ingresso della rete di approvvigionamento idrico, di fronte a caldaie, caldaie, lavatrici e lavastoviglie..

    L’acqua di una rete o di pozzi utilizzati per esigenze alimentari e industriali ha spesso proprietà indesiderabili come contaminazione batterica, acidità, durezza, presenza di alghe, ecc. In tali casi, è necessario installare un sistema di pretrattamento dell’acqua comprendente una pompa dosatrice. Tale pompa effettua una miscelazione precisa e controllata di un dato reagente nell’acqua corrente..

    Addolcitori

    L’acqua, quando passa attraverso gli strati del suolo, è arricchita con vari sali minerali, che determinano la sua mineralizzazione generale. Alcuni di questi sali, come calcio e magnesio, rendono l’acqua “dura”. La durezza dell’acqua contribuisce in modo determinante alla formazione di calcare e depositi che portano a malfunzionamenti di sistemi idrici, caldaie, caldaie, elettrodomestici e accessori. Se la durezza dell’acqua supera i 15 ° C (gradi francesi), si consiglia di installare addolcitori – dispositivi che, utilizzando speciali resine sintetiche, intrappolano sali di calcio e magnesio, riducendo così la durezza dell’acqua.

    Gli addolcitori aiutano a risolvere il problema del calcare, sono molto facili da installare e da utilizzare. L’addolcitore è costituito da un serbatoio per resina a scambio ionico, un serbatoio per sale (necessario per la rigenerazione periodica della resina) e una valvola idropneumatica controllata da un timer di programmazione, che a intervalli di tempo specifici scarica il dispositivo per mantenerlo in una condizione di funzionamento costante e garantire un funzionamento efficace.
    Addolcitori può essere dotato di timer di programmazione che controllano il recupero della resina dopo un certo periodo di tempo programmato dall’utente (in giorni), il recupero della resina per volume / tempo, ad es. tenendo conto non solo del tempo, ma anche del volume di acqua passato attraverso l’addolcitore: dopo un determinato numero di giorni o prima, se il flusso di acqua filtrata ha superato il limite di saturazione della resina a scambio ionico.

    Filtri a colonna

    Il ferro in eccesso non solo conferisce all’acqua un colore rosso giallastro e un sapore metallico sgradevole, ma porta anche a depositi nei tubi, che riducono la loro capacità e spesso causano corrosione. Il ferro nell’acqua potabile porta a macchie sui rubinetti, macchie sulla biancheria, creando problemi estetici e igienici.

    Filtri a colonna rimuovere dall’acqua quantità in eccesso di ferro e sali di manganese. La rimozione viene effettuata per ossidazione dell’acqua da trattare: l’ipoclorito viene aggiunto all’acqua, ferro ossidante e manganese. Prima di passare attraverso il filtro, l’acqua viene immessa nel serbatoio, dove viene conservata per un tempo sufficiente per l’ossidazione. Successivamente, l’acqua viene alimentata attraverso l’autoclave al filtro-assorbitore, in cui ferro e ossido di manganese cadono sotto forma di fiocchi, trattenuti dallo strato filtrante. I fiocchi sciolti devono essere rimossi periodicamente lavando il filtro dell’assorbitore con riflusso di acqua. La frequenza di lavaggio dipende dalla resistenza al passaggio dell’acqua creata dai fiocchi. I filtri Ciclon sono installati all’ingresso e all’uscita del filtro-assorbitore per impedire l’ingresso accidentale di fiocchi nel sistema di approvvigionamento idrico. La scelta di un modello specifico del filtro-assorbitore è determinata dal consumo d’acqua richiesto e dal contenuto di sali di ferro in esso.

    Filtro chiarificatore

    L’acqua per esigenze alimentari, igieniche e tecnologiche, proveniente da un sistema di approvvigionamento idrico o da una presa d’acqua autonoma, è spesso torbida a causa del contenuto di impurità di sabbia e argilla. Per risolvere questi problemi, è necessario installare filtro chiarificatore, costituito da una colonna in cui è posizionato un substrato filtrante permanente multistrato di varie composizioni granulometriche. Per ripristinare le prestazioni del filtro e rimuovere le impurità intrappolate, viene eseguito periodicamente il controlavaggio automatico. In caso di forte torbidità dell’acqua, viene utilizzata acqua già filtrata per il risciacquo, che si accumula in un serbatoio speciale.

    Filtri neutralizzanti

    In alcune zone, in particolare montane, l’acqua è caratterizzata da un livello di pH molto basso, bassa durezza e un grande eccesso di anidride carbonica.
    Allo stesso tempo, la corrosione e l’ossidazione di elementi del sistema di approvvigionamento idrico è fortemente accelerata, il che può causare danni alle tubazioni.
    In questo caso, vengono utilizzati filtri neutralizzanti a base di carbonato di calcio..
    Filtri neutralizzanti consistono in una colonna contenente una massa attiva di carbonato di calcio, che aumenta la durezza e il livello di pH dell’acqua, portandoli a valori di equilibrio. Periodicamente, è necessario eseguire il lavaggio automatico (su comando del timer elettronico) della massa attiva. Le dimensioni dell’installazione e la scelta di un modello specifico del filtro-neutralizzatore dipendono dal flusso d’acqua richiesto.

    Filtro nitrato

    I nitrati nell’acqua provengono dalla decomposizione di sostanze contenenti azoto di origine umana e animale e principalmente dall’uso eccessivo di fertilizzanti a base di azoto in agricoltura.
    Il loro uso sta diventando più ampio e più intenso, il che porta alla comparsa di alte concentrazioni di nitrati nelle falde acquifere delle zone agricole a sviluppo intensivo. Per ridurre la concentrazione di nitrati nei sistemi di approvvigionamento idrico domestico, si consiglia l’installazione filtro assorbitore di nitrati a base di resine anioniche rigenerabili con cloruro di sodio (sale da cucina). Queste resine rimuovono gli anioni dell’acido nitrico dall’acqua, sostituendoli con ioni cloruro contenuti in una soluzione riducente (cloruro di sodio). Il recupero è controllato da un timer elettronico basato sul tempo e sul volume dell’acqua trattata. Il controllo automatico del recupero garantisce la massima affidabilità nella rimozione dei nitrati.
    La scelta della dimensione dell’installazione e del modello di filtro specifico è determinata dal consumo d’acqua richiesto e dalla concentrazione di nitrati in esso..

    Filtri magnetici

    L’acqua nelle reti di approvvigionamento idrico contiene sempre una certa quantità di sali di calcio e magnesio, che ne determinano la durezza. Quando l’acqua viene riscaldata, si verifica una reazione chimica, a seguito della quale si formano bicarbonato di calcio (scala) e anidride carbonica.
    Poiché il bicarbonato di calcio è insolubile in acqua, precipita formando depositi sulle pareti delle tubazioni e degli scambiatori di calore e l’anidride carbonica provoca corrosione. Nei piccoli sistemi di approvvigionamento idrico domestico, si consiglia di utilizzare mezzi semplici che non richiedono una manutenzione e supervisione regolari da parte di personale qualificato.

    Filtri anticalcare magnetici raccomandato per il trattamento dell’acqua potabile. La loro installazione è molto semplice grazie al modulo con dadi di raccordo. Possono essere installati sia all’ingresso della rete di approvvigionamento idrico, sia direttamente di fronte a caldaie, caldaie, lavatrici e lavastoviglie. Filtro anticalcare con magneti permanenti per installazione davanti a caldaie murali e piccoli scambiatori di calore. Il design appositamente sviluppato consente l’installazione del filtro in luoghi difficili da raggiungere, in spazi ristretti tra la parete e la caldaia, utilizzando dadi di raccordo.

    Inverter di flusso

    L’acqua fornita al sistema di riscaldamento contiene sempre una certa quantità di sali di calcio e magnesio. Con un aumento della temperatura nel tempo, questi sali precipitano sotto forma di microcristalli e si depositano sulle superfici metalliche interne di tubi, bobine di scambiatori di calore. Di conseguenza, il rendimento del sistema diminuisce e diminuisce la velocità del processo di scambio termico. Per ripristinare le prestazioni originali dell’attrezzatura, è necessario pulirle dai depositi utilizzando mezzi speciali e attrezzature speciali. Alcuni modelli di pompe anticalcare sono dotati di INVERTER DI FLUSSO. Questo dispositivo è disponibile in due versioni: un inverter manuale, che cambia la direzione del flusso d’acqua in base alla posizione della maniglia ruotata dall’operatore, e un inverter automatico, in cui il ruolo dell’operatore è ridotto alla programmazione della frequenza di modifica della direzione del flusso d’acqua e della durata totale del lavaggio, e lo stesso lavaggio viene eseguito completamente disconnesso.

    Valuta l'articolo
    ( Ancora nessuna valutazione )
    Condividi con gli amici
    Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
    Aggiungi un commento

    Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy