I principali errori nella coltivazione di piantine

Sezioni dell’articolo



Marzo è il momento di iniziare a coltivare piantine di ortaggi, inizia una stagione calda per tutti i giardinieri. Presentiamo una selezione degli errori più comuni durante la coltivazione di piantine, in modo da evitarli e ottenere piante sane, quindi un raccolto ricco..

I principali errori nella coltivazione di piantine

Primo errore: conservazione impropria dei semi

Speriamo che tu abbia ascoltato i nostri consigli e selezionato i semi giusti in sacchetti di semenzali. Oppure hanno raccolto loro stessi semi dal raccolto precedente. Tuttavia, questo spesso non è sufficiente per garantire un’elevata germinazione. Non è sufficiente acquistare e raccogliere i semi correttamente, è anche necessario conservarli correttamente.

Importante! L’aria calda e troppo umida è il principale nemico dei semi. Devono essere conservati a una temperatura non superiore a + 15 ° C. Allo stesso tempo, l’umidità non dovrebbe essere superiore al 50%. Si consiglia inoltre di limitare l’accesso aereo.

Ad alta umidità, i semi si deteriorano molto rapidamente, possono diventare ammuffiti e non è possibile ottenere piantine..

I principali errori nella coltivazione di piantine

Secondo errore: preparazione errata dei semi per la semina

I giardinieri possono commettere un gran numero di errori quando cercano di disinfettare, indurire, riscaldare e germinare i semi.

Importante! Se i semi acquistati nella confezione sono di colore blu o rosa, sono già stati trattati con fungicidi e non devono essere disinfettati affatto!

Se i semi sono stati raccolti da te personalmente e non sono stati trattati con fungicidi, sarà corretto trattarli con una soluzione di permanganato di potassio: 5 grammi per mezzo litro di acqua. I semi devono essere conservati in una soluzione per 15, massimo 30 minuti, quindi assicurarsi di risciacquare e successivamente procedere all’immersione in acqua pulita a temperatura ambiente per 8 ore.

Per la germinazione, è conveniente usare un dischetto di cotone già pronto, sebbene sia possibile alla vecchia maniera – su un panno morbido inumidito con acqua. Per l’indurimento, i semi impregnati possono essere refrigerati per 12 ore, quindi trasferiti nuovamente in un luogo caldo. Ciò è utile se hai intenzione di piantare piantine all’aperto in primavera, quando c’è ancora il rischio di gelo..

I principali errori nella coltivazione di piantine

Errore tre – terreno cattivo

Se il tuo giardino ha un fertile terreno nero, ovviamente, puoi prenderlo direttamente dal tuo sito. Tuttavia, dovrebbe essere disinfettato. Gli esperti ritengono che sia meglio riscaldare la terra a questo scopo nel forno a temperature fino a +90 ° C. Quindi le sostanze benefiche verranno preservate e tutti i parassiti moriranno. In alternativa, puoi cuocere a vapore il terreno sull’acqua bollente per 30 minuti, ma tale terreno perderà alcune delle sue proprietà utili. Puoi anche usare una doppia caldaia per cuocere a vapore il terreno.

Puoi anche acquistare miscele di terriccio preconfezionate per piantine di ortaggi in negozi specializzati. Oppure aggiungi torba (due parti), sabbia fine (una parte) e humus (anche due parti) al terreno dal tuo giardino. Tale terreno, ad esempio, è ottimo per coltivare piantine di pepe..

I principali errori nella coltivazione di piantine

Errore quattro: semina troppo densa

Alcuni giardinieri ritengono che i semi possano essere piantati densamente e quindi semplicemente spezzati secondo necessità. Questo è l’approccio sbagliato. Ad esempio, è meglio piantare i cetrioli in vasi separati – due o tre semi ciascuno. La distanza tra i semi del pepe dovrebbe essere 1,5-2 centimetri, pomodori – 3-4 centimetri.

Una semina troppo densa porterà al fatto che le piante interferiranno l’una con l’altra, alcune delle piantine saranno dolorose, sottili, non adattate per un’ulteriore crescita. Inoltre, aumenterà il rischio di malattie, in particolare la gamba nera..

I principali errori nella coltivazione di piantine

Errore cinque – irrigazione errata

Sai che non puoi innaffiare le piantine con acqua direttamente dal rubinetto? Dovrebbe essere a temperatura ambiente, conservato per almeno un giorno, puoi usare acqua di fusione, filtrata, ma non bollita – tutte le sostanze utili in essa contenute vengono distrutte.

Il terreno deve essere irrigato con acqua prima di piantare i semi. All’inizio, è impossibile annaffiare semplicemente da una tazza o da un altro contenitore: i semi saranno intasati a una profondità troppo grande e impiegheranno più tempo a germogliare. Utilizzare un flacone spray, spray per bagnare il terreno, ma non allagare! Quando le piantine si sono indurite, sarà già possibile effettuare annaffiature regolari, ma con attenzione: sia il terreno troppo secco che troppo bagnato sono ugualmente dannosi per le piante.

I principali errori nella coltivazione di piantine

Infine, due suggerimenti per piantine correttamente in crescita:

  1. Il posto migliore per scatole e vasi per piante è un davanzale ben illuminato e caldo. Puoi coprire le scatole con un foglio mentre i semi si schiudono, creare una mini serra.
  2. Si consiglia di nutrire le piantine almeno due volte – quando compaiono le prime vere foglie e 10 giorni prima del trapianto in terreno aperto o in serra. Fertilizzanti complessi con azoto e fosforo vengono utilizzati per l’alimentazione.
Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy