Massetto semisecco: tecnologia, pro e contro

Sezioni dell’articolo



Nei casi in cui il sottofondo richiede il livellamento o si prevede di posare le comunicazioni sul pavimento, il massetto rimane quasi l’unica soluzione tecnica. In questa recensione, riveleremo il concetto di massetto semisecco, ne metteremo in evidenza i vantaggi e gli svantaggi e descriveremo il processo del dispositivo.

Massetto semisecco: tecnologia, pro e contro

Descrizione della tecnologia

Il concetto di massetto semi-asciutto è poco conosciuto dalle persone che devono prima affrontare riparazioni o costruzioni. Il massetto standard in cemento-sabbia è noto a molti, il massetto a secco rivestito con materiali in lastre è stato ascoltato di recente, motivo per cui l’espressione “massetto semi-secco” evoca la presentazione di una sorta di opzione intermedia, che non è del tutto equa.

Per capire cosa è in gioco, dovresti prima familiarizzare con il modo in cui si verifica l’indurimento delle soluzioni su un legante di cemento e quali fenomeni accompagnano questo processo. In breve, la malta cementizia richiede a lungo un’abbondanza di acqua per curare. In questo caso, il rapporto stabilito tra cemento e acqua deve essere rigorosamente rispettato durante il processo di preparazione, altrimenti la miscela perderà irreversibilmente le sue qualità.

Massetto semisecco: tecnologia, pro e contro

Il massetto semisecco è una malta cementizia standard, ma il rapporto acqua-cemento è inferiore. Da un lato, questa è una chiara violazione della tecnologia, tuttavia, c’è una sfumatura specifica: se non c’è abbastanza acqua nella miscela, perderà semplicemente la maneggevolezza durante la consegna e il livellamento, mentre l’aumento di resistenza continuerà a verificarsi per tutta la vita di servizio successiva, a condizione che che il massetto non sarà completamente asciutto. Naturalmente, nessuno aspetterà diversi mesi fino a quando la sospensione di cemento si indurisce in condizioni di umidità atmosferica, quindi la resistenza primaria è fornita da una compattazione di alta qualità, l’aggiunta di fibre di rinforzo e plastificanti.

Come prima approssimazione, la tecnologia per eseguire un massetto a secco sembra versare una composizione su una base preparata che ricorda la sabbia bagnata in consistenza. Questa miscela è facilmente compattata e livellata, dopodiché si indurisce piuttosto rapidamente e può sopportare il carico passante. La caratteristica chiave è che la miscela viene preparata e consegnata al sito in modo meccanizzato, il che consente di organizzare fino a diverse centinaia di metri quadrati di pavimento in un giorno dagli sforzi di una sola squadra..

Appuntamento, pro e contro

Sorge involontariamente la domanda: perché sono necessari tutti questi accorgimenti se la tecnologia del massetto cementizio “bagnato” è stata a lungo sviluppata? Il fatto è che il massetto classico ha un difetto importante: si restringe, motivo per cui è necessario un rinforzo con uno strato di oltre 80 mm per escludere la formazione di crepe. Inoltre, quando si versa un massetto classico in un edificio a più piani, c’è sempre il rischio che il latte di cemento scorra attraverso il soffitto anche se c’è una barriera idroelettrica: il minimo spazio è sufficiente e una fossa impressionante si formerà sulla superficie.

A causa del ridotto rapporto acqua-cemento, il massetto semi-secco praticamente non si restringe, il suo rinforzo è richiesto solo quando è installata una sgrossatura di tipo galleggiante. Inoltre, un massetto semi-asciutto è attraente per la sua producibilità: il pavimento di un appartamento viene riempito a macchina in un giorno (e talvolta diverse ore), eliminando la necessità di predisporre un posto per preparare una malta cementizia e sollevarla sul pavimento. Dopo 12-18 ore, il massetto può assumere il traffico pedonale e dopo due giorni è possibile proseguire i lavori di finitura.

Massetto semisecco: tecnologia, pro e contro

Ma con tutti i suoi vantaggi, un massetto semi-asciutto è in uso limitato, principalmente a causa del costo relativamente elevato. In realtà, questa è una domanda piuttosto controversa, che è più costosa: un massetto di cemento semisecco o classico? Nel primo caso, l’intero complesso di lavoro viene pagato insieme al materiale utilizzato, inoltre l’appaltatore offre una garanzia di qualità. Un massetto cementizio convenzionale è più economico in termini di materiali, ma quando viene installato, l’impatto sulla qualità finale del fattore umano e sulle qualifiche dei lavoratori è troppo grande. A volte, a causa di queste circostanze, la differenza di prezzo può sembrare insignificante..

Inoltre, un massetto semi-asciutto richiede un’attenta manutenzione e trattamento prima di posare il rivestimento del pavimento per la prima volta dopo il getto. Esistono anche difficoltà nel versare un massetto semi-asciutto su pavimenti in legno: oltre alla sufficiente capacità portante, è necessario garantire che il pavimento sia protetto dal vapore e allo stesso tempo rimanga poco ventilato. Di solito, per questi scopi, è sufficiente essere protetti da una membrana di superdiffusione lungo il piano inferiore, che è abbastanza difficile da realizzare nei condomini..

Equipaggiamento utilizzato

Nella versione più comune di versamento di un massetto semi-asciutto, il processo si presenta così: sabbia preparata, cemento e altri materiali vengono consegnati sotto l’ingresso o in una casa privata, nonché un miscelatore a bassa velocità e una pompa pneumatica. Una o due persone preparano la soluzione in piccole porzioni e la alimentano in posizione attraverso un tubo (fino a un’altezza di 60 metri), il resto del team è impegnato nella distribuzione e livellamento della miscela e, dopo breve tempo, leviga la superficie con una spatola. Il metodo è molto tecnologico, ma inaccessibile a un uomo comune per strada a causa della mancanza di attrezzature specializzate.

Massetto semisecco con metodo meccanizzato

Ma un massetto semi-asciutto può essere organizzato con le tue mani, ovviamente, a tuo rischio e pericolo, ma puoi farlo. Ciò richiederà una capacità di costruzione di 100-140 litri, un miscelatore manuale a bassa velocità con una capacità di circa 1,5 kW, oltre a molto tempo e pazienza. Per ottenere un livellamento di alta qualità del massetto, è necessario un costruttore di assi laser, una regola con una lunghezza di 2 me uno spessore maggiore e una conoscenza dei principi di base del livellamento del pavimento. Se devi garantire un’alta qualità della superficie del massetto, dovrai noleggiare una cazzuola, nei circoli dei costruttori indicati come “elicotteri”.

Preparazione della fondazione

All’inizio dei lavori, la base del pavimento deve sbarazzarsi dei resti delle miscele di costruzione e dei frammenti scheggiati, tutti gli spazi, le fessure e gli spazi devono essere riempiti con malta cementizia ordinaria. Il risultato dovrebbe essere una superficie omogenea: non perfettamente piana e liscia, ma senza significative irregolarità locali..

Prima di installare un massetto a secco, è necessaria l’impermeabilizzazione, ma non per escludere il flusso di cemento, ma per proteggere il massetto dall’assorbimento di umidità dal lato della base. A tal fine, alcune brigate utilizzano un’impermeabilizzazione roll-on fusa, il che è chiaramente superfluo: questo dovrebbe essere fatto solo nei bagni e in altre aree umide. Nel solito caso, è sufficiente un film di polietilene, ma la sua densità dovrebbe essere di almeno 100-120 g / m2. Prima di posare il film nella stanza, è necessario eseguire una pulizia generale. Il film viene posato con una sovrapposizione sulle pareti ad un’altezza di 5-7 cm sopra il livello del pavimento finito; negli angoli si formano delle pieghe ordinate.

Massetto semisecco: tecnologia, pro e contro

La fase successiva è la preparazione per l’allineamento. L’area del pavimento è convenzionalmente divisa in strisce larghe 20-30 cm in meno rispetto alla regola utilizzata. Lungo i confini di queste strisce, è necessario serrare le viti autofilettanti a passi di 2–2,5 m, se il pavimento è in cemento, utilizzare tappi di plastica. I tappi autofilettanti vengono impostati avvitando un piano comune, che si trova 40 mm sotto la superficie pianificata del massetto; per il controllo viene utilizzato un livello laser. I punti di foratura del film possono essere rivestiti con sigillante o mastice, ma ciò non è necessario.

Massetto semisecco: tecnologia, pro e contro

Se nel massetto è disposto un sistema di riscaldamento a pavimento, sul film vengono posate piastre di polistirene espanso. Nei pavimenti a terra, è possibile utilizzare PSB ad alta densità, sui pavimenti – solo EPS di grado 40 o superiore o schede PUR. Non è necessario pre-allinearlo all’isolamento, ha una flessibilità sufficiente per premere contro la base sotto il peso del massetto. Se il pavimento è molto irregolare, è sufficiente posare le assi in 2 o 3 strati. Dopo aver posato l’isolamento, è necessario verificare ancora una volta la correttezza dell’installazione dei fari autofilettanti, calcolando allo stesso tempo la caduta del pavimento e il volume richiesto della soluzione. Quindi resta solo da posare un nastro di polietilene espanso con uno spessore di 6-10 mm vicino alle pareti e puoi iniziare a versare.

Massetto semisecco: tecnologia, pro e contro

Dispositivo massetto semisecco

Il processo inizia con la preparazione della soluzione. È necessario acquistare solo sabbia di cava e setacciarla, idealmente ordinare sabbia lavata. Il legante è il cemento Portland 400D0, sempre fresco. Avrai anche bisogno di fibra di polipropilene al ritmo di 500-800 grammi al m3 malta, il modificatore è un ritardante e, quando si installa un pavimento caldo, un plastificante universale per calcestruzzo. I tassi di consumo degli additivi sono determinati dalle istruzioni per l’uso..

Massetto semisecco: tecnologia, pro e contro

Le proporzioni della soluzione sono le seguenti: per sacco di cemento, 12 secchi di sabbia asciutta e 13-15 litri di acqua. Esistono due modi per preparare la soluzione:

  1. Mescolare gli ingredienti secchi e quindi aggiungere gradualmente l’acqua, mescolando continuamente.
  2. Preparare il latte di cemento con additivi liquidi e inumidire la miscela con esso fino a formare la consistenza desiderata.

Massetto semisecco: tecnologia, pro e contro

La soluzione per massetto a secco deve essere facilmente schiacciata nella mano per formare un denso grumo, mentre l’umidità non deve apparire sulla superficie. Se un tale grumo viene lasciato cadere sul pavimento, si sbriciolerà senza la formazione di gocciolamenti. Innanzitutto, l’impasto viene impastato in una vasca con una pala, gli angoli e il fondo devono essere puliti. Successivamente, è necessario battere la soluzione con un mixer a basse velocità, quindi pulire di nuovo il fondo e mescolare di nuovo, aggiungendo un componente liquido se necessario. Il tempo di preparazione totale per una porzione di 150 kg richiede circa 10-12 minuti.

La composizione risultante viene prima versata e precompattata lungo la linea di installazione dei fari. I tumuli formati di malta devono essere calpestati con una spatola a livello dei tappi delle viti autofilettanti, controllando il piano generale di ogni linea con la regola. Questo processo è chiamato beapping lappatura. Successivamente, le guide vengono installate sui beacon: due profili PN-40 annidati l’uno nell’altro, che dovrebbero poggiare sia sul terrapieno che sulle viti stesse.

Massetto semisecco: tecnologia, pro e contro

Quando i fari sono preparati, l’intero spazio tra loro è coperto da una soluzione, contemporaneamente compattazione con i loro piedi. È necessario versare in eccesso, in modo che in seguito la superficie possa essere allungata lungo le guide con la regola. Quando un’area è piena e livellata, le guide vengono accuratamente estratte, installate sui fari successivi e continuano a livellare il pavimento..

Massetto semisecco: tecnologia, pro e contro

L’opzione migliore è quella di versare il massetto semisecco separatamente in ogni stanza, installando un separatore sotto forma di nastro in polietilene espanso in ciascuna porta. Dopo che l’intera superficie del pavimento è stata coperta, il massetto viene lasciato per 8-10 ore per l’indurimento preliminare, dopo di che le scanalature vengono riempite dalle guide, con uno sforzo comprimendo la stessa soluzione, ma una consistenza leggermente più liquida, rimuovendo l’eccesso con una spatola a filo con la superficie. Dopo 1–2 ore, il massetto estrarrà la maggior parte dell’umidità dalla malta e sarà possibile eseguire la malta meccanica della superficie. È meglio spostarsi lungo il massetto in questa fase in speciali pattini per scarpe come le racchette da neve, di solito questi sono inclusi con l’auto.

Cura e preparazione per la posa del rivestimento

Come risultato del livellamento con un massetto semisecco, si forma una superficie con un tasso di curvatura non superiore a 1 mm / m e una generale irregolarità del pavimento, che è consentita dal livello laser utilizzato durante l’installazione dei fari. Con una stuccatura di alta qualità, la superficie sarà solo leggermente ruvida con fibre di fibra chiaramente visibili, da essa dovresti solo spazzare via la polvere rimanente.

Nonostante la mancanza di acqua nella soluzione iniziale, il massetto tende a guadagnare ulteriore resistenza se rimane umido. Pertanto, è meglio tenerlo sotto un film per almeno due settimane, aggiungendo periodicamente (3-4 volte) una nuova porzione di acqua. Per 3 e 4 settimane, il film può essere rimosso, ma continua a spruzzare periodicamente la superficie e mantenere l’umidità nella stanza ad un livello di almeno il 70-80%.

Massetto semisecco: tecnologia, pro e contro

La posa di rivestimenti come laminato o linoleum può essere effettuata 20 giorni dopo il getto. Per piastrelle, parquet o pannelli di parquet, è necessario resistere all’intero periodo di maturazione – 28 giorni, altrimenti quelle piccole irregolarità che compaiono durante il restringimento residuo possono danneggiare il rivestimento. Con la dovuta diligenza, un massetto semi-asciutto non richiede livellamento con una miscela autolivellante, ma rimane piuttosto poroso e può essere molto polveroso. Pertanto, dopo la fine del periodo di esposizione, deve essere prima impregnato di un primer per superfici altamente assorbenti e quindi trattato con “Concrete-Contact”.

Valuta questo articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: