Sviluppo urbano tipico: pro e contro

Sezioni dell’articolo



I residenti di paesi che in precedenza facevano parte dell’Unione Sovietica pensano spesso che la tipica costruzione urbana sia stata inventata qui ed è il “privilegio” esclusivo degli ex cittadini sovietici costretti a stringersi in “Krusciov” e “Breznevka”.

Sviluppo urbano tipico: pro e contro
Architettura astratta Bauhaus

Sì, secondo le statistiche ufficiali, gli edifici residenziali tipici rappresentano oltre il 70% del totale degli alloggi nella Federazione Russa. Tuttavia, la serie tipica di case è un’invenzione molto prima e diffusa non solo nel nostro paese, ma anche in tutto il mondo. E non sempre una casa tipica diventa sinonimo di un alloggio banale, poco attraente e scomodo..

Tuttavia, è stato in URSS che il tipico sviluppo urbano ha assunto un carattere così massiccio, e le case tipiche hanno ricevuto un aspetto così brutto, semplificato ad un grado estremo.

Microdistrict con tipici edifici di Krusciov
Microdistrict con “Krusciov” tipici

Definizione

Una casa tipica è un edificio costruito con un design massiccio. Cioè, qualsiasi progetto che prevede la costruzione di una casa non in una singola copia può già essere definito tipico. Ad esempio, i moderni insediamenti cottage di solito sono costituiti da edifici tipici, che possono differire solo leggermente nella decorazione e nel layout della facciata, modificati su richiesta dell’acquirente.

Le serie di case sono interi gruppi di edifici residenziali che sono completamente o quasi identici all’interno di ciascun gruppo separato in termini di aspetto, disposizione degli appartamenti e materiali utilizzati nelle costruzioni. La disposizione degli appartamenti in tali edifici è anche chiamata tipica: è sufficiente visitarne uno per immaginare accuratamente la posizione delle stanze in tutti gli altri, situati sopra o sotto. I tipi di case sono chiamati la combinazione di serie in base a una caratteristica distintiva, come l’anno di sviluppo del progetto o il materiale delle pareti..

Storia di sviluppo tipica

La maggior parte delle città antiche, diverse centinaia di anni, sono cresciute da sole, espandendosi naturalmente a causa dell’arrivo di nuovi coloni. Ogni nuovo residente della città, ovviamente, iniziò con una ricerca di alloggi o era impegnato nella costruzione della propria casa, guidata solo dai suoi gusti e tradizioni personali adottati in questa regione. Pertanto, è possibile parlare dell’aspetto di edifici tipici non prima del 18 ° secolo, quando i primi tentativi di costruire isolati e persino intere città apparvero secondo un piano pre-sviluppato..

San Pietroburgo è un esempio lampante di tipico sviluppo urbano dei primi anni del XVIII secolo. Il fondatore della costruzione standard in Russia fu lo stesso Pietro il Grande, che nel 1711 pose personalmente le cosiddette “capanne modello” nella sua futura capitale.

Secondo l’imperatore, la migliore opzione abitativa per i suoi soggetti più poveri sono quelli costruiti in argilla, con un tetto di erba o piastrelle di legno, e piccoli edifici a un piano “inventati” per migliorare l’aspetto di pietra o mattoni.

Il progetto di Pietro il Grande permise di raggiungere quattro obiettivi contemporaneamente: fornire rapidamente nuovi alloggi alla capitale del nord con le proprie abitazioni, proteggere la città dagli incendi, poiché le case di argilla non avevano paura del fuoco, risparmiare denaro – i materiali per la costruzione erano economici ed era facile trovare lavoratori, perché i lavori di costruzione stessi potrebbe essere eseguito anche da lavoratori non qualificati.

Il primo architetto di San Pietroburgo, Domenico Trezzini, tre anni dopo sviluppò diversi progetti di tipico sviluppo urbano per l’imperatore, che includevano progetti separati di edifici per cittadini ricchi, classe media, poveri e nobiltà..

I costruttori dovevano rispettare rigorosamente i termini del progetto in modo da non disturbare il paesaggio della città con una “struttura oscena”, ad esempio, solo gli edifici a due piani dovevano essere costruiti lungo l’argine di Neva per mostrare la “prosperità e solidità” della città. Sfortunatamente, i campioni dei primi edifici tipici di San Pietroburgo, in particolare le case per la nobiltà progettate da Trezzini non sono sopravvissuti, tuttavia, gli esperti ritengono che le camere Kikin, costruite nel 1714-1720, possano servire da esempio..

Camere di Kikin
Kikiny Chambers, San Pietroburgo

E in Europa, e nelle grandi città d’America e in due capitali russe, praticamente gli unici edifici tipici che hanno ricevuto una distribuzione diffusa erano case popolari.

Ad esempio, nel diciannovesimo secolo a San Pietroburgo, oltre il 90% della popolazione viveva non in proprio, ma in appartamenti in affitto situati in tali edifici in affitto. Naturalmente, è impossibile parlare di un’unica soluzione architettonica per tali edifici. Persone di diverse classi e appartamenti in affitto, rispettivamente, e avevano bisogno di appartamenti di dimensioni e status diversi. Eppure, la maggior parte dei condomini progettati per risolvere la crisi abitativa che si è verificata nelle grandi città durante la rivoluzione industriale sono stati costruiti senza fronzoli e l’obiettivo principale dei loro proprietari è rimasto quello di realizzare un profitto e non soddisfare affatto le esigenze estetiche dei loro residenti..

Anche allora, nel diciannovesimo secolo, la terra nel centro delle città non era affatto economica, quindi i proprietari di condomini cercarono di posizionare quanti più appartamenti possibili in una piccola area..
Molto simile all’immagine della Mosca di oggi, no??

Ecco come il famoso scrittore Ivan Goncharov descrisse le sue impressioni di visitare la capitale settentrionale dell’inizio del XIX secolo: “Queste masse di pietre monotone, che, come tombe colossali, si estendono una dopo l’altra in una massa continua. E questa strada finì, fu nuovamente bloccata dalla stessa, e c’è un nuovo ordine delle stesse case. Guardi a destra, a sinistra, ti circondano ovunque come una schiera di giganti, case, case, case, pietra e pietra, tutte uguali … non c’è spazio e via d’uscita allo sguardo, sono bloccate da tutti i lati “… Vero, ricorda le impressioni delle ricerche la casa desiderata in un tipico microdistretto costruito con edifici a pannelli di nove piani?

Naturalmente, i tipici edifici di appartamenti sono stati costruiti in piccoli numeri e la scala di sviluppo di solito non ha superato una dozzina di edifici costruiti secondo un progetto. Inoltre, in un’economia di mercato, le società di costruzioni hanno scelto autonomamente un progetto e finanziato la costruzione di un numero di case standard, quindi non era necessario parlare di sviluppo standard di massa in quel momento..

In Francia, il primo architetto a offrire case standard economiche fu Edouard Le Corbusier, che nel 1925 propose il “Piano Voisin”, che prevedeva la costruzione del centro di Parigi con i tipici grattacieli. Fortunatamente, questo piano non è stato attuato, grazie al quale la “capitale più romantica del mondo” è riuscita a preservare il suo aspetto storico unico. Tuttavia, alcuni industriali erano interessati alla possibilità di costruire edifici economici, in particolare, secondo il piano di Corbusier, fu costruito un villaggio di 50 case “Case moderne” vicino a Bordeaux.

A proposito, è stato Corbusier che l’architettura mondiale deve l’apparenza di uno stile come il brutalismo.

La principale caratteristica distintiva del brutalismo era l’uso di una speciale tecnologia di trattamento delle superfici chiamata “calcestruzzo grezzo”.

È interessante notare che questo stile è diventato popolare nel Regno Unito e in altri paesi europei e negli anni ’80 ha raggiunto l’URSS. Tuttavia, dopo due decenni, il fascino di questa tendenza è svanito e ora il brutalismo è spesso usato come sinonimo del peggio dell’architettura: facciate cupe, cattiva pianificazione, alienazione dai bisogni umani e senz’anima.

Negli anni 1920, le prime case di blocco apparvero sia a Dresda che a Berlino, furono loro a diventare in gran parte il prototipo degli edifici sovietici a cinque piani..

Royal National Theatre di Londra
Royal National Theatre di Londra

Una nuova fase nello sviluppo della costruzione di alloggi standard e nello sviluppo urbano con edifici di appartamenti standard è iniziata dopo la seconda guerra mondiale, quando c’era un urgente bisogno di ripristinare le città in Europa e l’Unione Sovietica distrutta durante le ostilità.

Fu negli anni ’40 che apparvero edifici a pannelli con appartamenti economici nelle vicinanze di Berlino, Parigi e altre città europee, che avrebbero dovuto compensare la mancanza di alloggi..

Casa progettata da Le Corbusier a Berlino
Casa progettata da Le Corbusier a Berlino, considerata esemplare negli anni ’40

Allo stesso tempo, dopo la seconda guerra mondiale, gli edifici tipici furono ampiamente utilizzati nell’Unione Sovietica. In generale, si possono distinguere diverse serie principali di edifici tipici, divise per tempo:

Primo periodo. All’inizio degli anni ’50, iniziarono ad apparire i primi “edifici stalinisti”, che possono essere definiti non il peggior tipo (rispetto ad altre opzioni) di edifici tipici. Le case erano costruite in mattoni, caratterizzate da alti soffitti (oltre 3 metri), una disposizione conveniente (stanze separate e una grande cucina), nonché pareti piuttosto spesse e massicce, grazie alle quali avevano un eccellente isolamento acustico e acustico, in contrasto con gli edifici a pannelli che apparvero in seguito.

Secondo periodo. Il periodo dal 1957 al 1962, quando edifici a pannelli di 5 piani iniziarono ad apparire in massa nelle città dell’URSS, in seguito chiamati “Krusciov” o persino “Krusciov” per le loro pareti sottili, i soffitti bassi e una disposizione senza successo con passaggi, stanze strette e minuscole cucina. Sono queste case che sono considerate “le più tipiche” degli edifici tipici e il loro progetto è riconosciuto come uno dei più falliti nel campo dello sviluppo urbano. Tuttavia, il loro obiettivo principale – fornire a quanti più cittadini sovietici possibile appartamenti separati, hanno raggiunto, anche se non sono stati in grado di risolvere completamente il problema degli alloggi.

Tipico Krusciov a cinque piani
Tipico “Krusciov” a cinque piani

Allo stesso tempo, iniziarono ad apparire interi microdistretti, interamente costituiti da tipici edifici a cinque piani. È interessante notare che, quando si pianifica la posizione di condomini nei comuni quartieri sovietici, le esigenze dei residenti per gli edifici pubblici sono state spesso calcolate semplicemente calcolando il numero medio di bambini e anziani per mille abitanti, nonché la distanza massima alla quale dovrebbero essere collocati una scuola, una scuola materna e una clinica. Sfortunatamente, con un tale sviluppo, non è stata prestata alcuna attenzione al lato estetico: i progettisti non hanno preso in considerazione il modo in cui il microdistretto si adatterebbe al paesaggio, quanto sarebbero belle le strade.

Inoltre, le facciate esterne e interne di tali edifici tipici erano praticamente le stesse, ricevevano lo stesso contenuto architettonico, che, ovviamente, impoveriva e spersonalizzava sia la casa stessa sia l’intero sviluppo nel suo complesso. Tali “facciate continue” privarono i cortili di una tipica casa di intimità e trasformarono le facciate principali in un elemento di una massa senza volto e inespressiva di pannelli noiosi e uniformi.

Terzo periodo. Dal 1963 alla metà degli anni ’70. Apparvero tipici edifici a nove piani, con un ascensore, e poi condomini con un’altezza di 12 piani. Differivano dai normali “Kruscev” solo per il numero di piani e un’area leggermente aumentata di appartamenti, altrimenti i “Breznevka” conservavano tutte le principali carenze dei loro predecessori.

Il quarto periodo Nel 1970 fu adottato un nuovo standard, il Catalogo unificato delle parti edili, secondo il quale in seguito iniziarono a erigere “late brezhnevki”, che, secondo gli esperti, divenne una versione di maggior successo di edifici tipici, alcuni progetti di tali edifici multi-appartamento furono modificati e utilizzati nella costruzione di nuovi edifici, anche in primi anni 2000.

Breznevka tardiva
Late Brezhnevka

Quinto periodo È iniziato a metà degli anni ’90 e continua ancora oggi. Ci sono stati tentativi di aggiungere alcune caratteristiche individuali ai progetti di edifici standard, che è associato alla necessità emergente di attrarre l’acquirente di un appartamento in un nuovo edificio. Sono comparse case combinate, la disposizione degli appartamenti è cambiata, in connessione con le nuove norme di spazio abitativo per persona, l’area dei locali è aumentata.

Requisiti per edifici tipici e vantaggi di edifici tipici

Parlando di un problema così doloroso come un tipico edificio, che è molto rilevante per la Russia, altri paesi dell’ex Unione Sovietica e dell’Europa orientale, che può ancora “godere” di tutte le delizie delle abitazioni standard, non si può non notare una serie di vantaggi degli edifici tipici:

  • la costruzione di edifici dello stesso tipo ha accelerato il processo molte volte e ha permesso di non perdere tempo nello sviluppo di un singolo progetto;
  • il processo di costruzione stesso è stato semplificato: era già noto quanto mattoni, chiodi, pannelli e altri materiali da costruzione sarebbero stati necessari e gli operai che hanno costruito un edificio sono passati con successo al cantiere successivo, avendo ricevuto l’esperienza necessaria;
  • tutti i progetti standard soddisfacevano i requisiti e gli standard approvati dallo stato, era più facile controllare il processo di costruzione;
  • spesso un progetto tipico – un piano che ha già superato la prova del tempo, ha dimostrato la sua efficacia;
  • il vantaggio principale è il basso costo, non è necessario spendere soldi per i salari di un architetto e designer.

Di conseguenza, il requisito principale per i progetti standard del secolo scorso era il basso costo di costruzione, efficienza e gli appartamenti stessi erano considerati solo dal punto di vista della conformità con lo standard stabilito per la disponibilità di spazio abitativo per persona.

Come puoi vedere, la costruzione tipica è stata vantaggiosa principalmente per gli stessi sviluppatori e le autorità del paese, e per gli acquirenti di case a volte è diventata l’unica opportunità per acquisire il proprio alloggio.

Vale anche la pena notare che l’emergere di edifici standard è stato causato dalla necessità di risolvere il problema degli alloggi, nella maggior parte dei paesi del mondo, in particolare in Europa e negli Stati Uniti, tali edifici standard sono stati costruiti come alloggi sociali per i cittadini a basso reddito..

Ad esempio, negli Stati Uniti sono stati costruiti condomini standard con piccoli appartamenti per rifugiati di altri stati di New York, Chicago e altre città importanti. Tali edifici sono considerati “alloggi per i poveri”, la maggior parte degli americani si sforza di vivere nella “casa americana”, un edificio privato con una vasta area, che non può essere definito tipico e monotono.

Case tipiche di successo

Non tutte le serie di edifici tipici sembrano davvero banali e standard. Ad esempio, come si può chiamare l’edificio “Minimumhouse” – una casa di campagna costruita a sud di Berlino a Klausdorf? Questo ideale di una casa minimalista con gli spazi più aperti e la cosiddetta architettura “solare” sembra molto attraente e decisamente insolito, eppure questa è esattamente una serie tipica di costruzione di case di campagna.

Minimumhouse
“Minimumhouse” a Klausdorf

Intere strade di case a schiera, che si trovano in molte città inglesi, possono essere definite una variante piuttosto riuscita dello sviluppo tipico. Tali progetti si sono diffusi in America Latina e recentemente, in Russia hanno iniziato a comparire insediamenti di case tipiche..

Via della casa a schiera
Via della casa a schiera

L’ultima tendenza, molto popolare nel Nord Europa, è stata la costruzione delle cosiddette case passive, da cui spesso vengono costruiti interi villaggi, ad esempio in Danimarca. Anche questo è un progetto tipico, tuttavia è molto interessante e, soprattutto, risparmio energetico, efficiente ed economico.

Stensele South
Stensele South è un villaggio a risparmio energetico in Danimarca

Un edificio così tipico nella comprensione di un normale russo, abituato al fatto che una casa tipica è un grattacielo senza volto, grigio, sembra un progetto individuale, insolito e di grande successo.

Oggi, gli edifici tipici rimangono molto comuni nelle nostre città. Naturalmente, la maggior parte dei nuovi edifici monolitici moderni sono di solito costruiti su un singolo progetto, tuttavia, tali alloggi rientrano immediatamente nella categoria “premium” o “business class” e il costo degli appartamenti in tali complessi residenziali aumenta in modo significativo.

Anche nel caso della costruzione di una casa di campagna, molte persone fanno una scelta a favore di un progetto standard, considerando questa opzione più efficace e, ovviamente, economica.

Il desiderio di vivere in una casa diversa da qualsiasi altra cosa, originale e costruito tenendo conto dei bisogni e dei desideri di una particolare famiglia, può essere realizzato solo da persone con redditi sufficientemente alti. I normali acquirenti di immobili devono accontentarsi di appartamenti in edifici standard, che non sono sempre attraenti, ma a volte abbastanza comodi..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy