Green building – esperienza internazionale e prospettive di sviluppo in Russia

Sezioni dell’articolo



Non molto tempo fa, Andrei Bokov, presidente dell’Unione degli architetti della Russia, ha annunciato che nel corso del prossimo anno il nostro paese svilupperà i propri standard per la cosiddetta costruzione “verde”. Si prevede che gli specialisti delle principali società di costruzioni e architetti russi prenderanno parte al processo di sviluppo di nuovi standard per la costruzione di case con caratteristiche operative completamente nuove e, soprattutto, con un impatto negativo molto inferiore sull’ambiente..

Allo stesso tempo, secondo Bokov, gli esperti non saranno guidati da standard simili adottati all’estero, poiché le condizioni russe richiedono un approccio speciale, tenendo conto del clima di ogni singola regione. Sono queste regole e raccomandazioni che diventeranno un esempio per gli sviluppatori nel prossimo futuro, un modello che verrà utilizzato nella costruzione di nuovi edifici..

Pertanto, la costruzione “verde” sta diventando una delle aree più prioritarie nella costruzione di edifici pubblici e residenziali non solo in tutto il mondo, ma anche in Russia..

Che cos’è l’edificio ecologico

Questo termine ha avuto origine negli Stati Uniti e nei paesi europei negli anni ’70 del secolo scorso. Nel 1975 apparvero i primi edifici dimostrativi ad alta efficienza energetica. Già nel 1990, il primo standard di bioedilizia è stato adottato in Gran Bretagna, chiamato BREEAM, due anni dopo, negli Stati Uniti è stato adottato il suo standard EnergyStar che regola la costruzione di edifici ecologici..

La bioedilizia significa costruzione e gestione di edifici con minori consumi energetici e di materiali durante l’intero ciclo di vita di una casa: dalla progettazione allo smaltimento.

In generale, la costruzione “verde” persegue obiettivi globali come la riduzione dell’impatto ambientale e l’aumento del comfort degli abitanti dell’edificio. Questi obiettivi prioritari sono raggiunti da:

  • l’uso di tecnologie ad alta efficienza energetica che riducono il consumo di acqua, elettricità e risorse di calore;
  • riduzione dei rifiuti e delle emissioni durante le operazioni di costruzione;
  • attenzione alla salute e al comfort dei residenti della casa o dei dipendenti che lavorano nel centro uffici “verde”, aumentando la loro capacità di lavoro migliorando la qualità dell’aria interna e usando acqua potabile più pulita.

esperienza internazionale

Oggi, la quota di edifici “verdi” nel numero totale di nuovi edifici negli Stati Uniti ha già raggiunto il 20%, circa gli stessi indicatori nel settore delle costruzioni nei paesi dell’UE e il numero di tali case nei paesi sviluppati è in costante aumento. Un forte impulso per lo sviluppo di tecnologie per l’edilizia verde è stato il crescente livello di inquinamento ambientale in tutto il mondo, il riscaldamento globale e la necessità di un uso più economico delle risorse energetiche del pianeta, come gas e petrolio..

Alloggio ad alta efficienza energetica


Chris Reynolds. Brezza futura

La principale differenza tra gli edifici “verdi” è l’uso delle ultime tecnologie che possono ridurre significativamente il consumo di energia durante il funzionamento domestico, nonché l’impatto sull’ambiente. Tra le tecnologie più spesso utilizzate nella costruzione di tali edifici, vale la pena notare:

  • la presenza di doppi vetri, mentre un sistema di circolazione dell’aria si trova tra i vetri, che consente di aumentare il livello di risparmio di calore. Tale disposizione di facciate di edifici a più piani e aperture di finestre di case private consente di ridurre i costi di riscaldamento dell’edificio;
  • installazione di tende speciali che cambiano automaticamente il livello di inclinazione in base alla luce naturale. Quindi, in una giornata calda e soleggiata, le tende si chiudono automaticamente, il che riduce il tempo di funzionamento dei sistemi di condizionamento dell’aria e, con tempo nuvoloso, forniranno l’accesso alla luce per ridurre l’uso dell’illuminazione artificiale. Questa tecnologia consente di risparmiare energia;
  • installazione di un sistema di raccolta centrale per l’acqua di fusione e di pioggia, nonché moderni sistemi di depurazione dell’acqua potabile. Questa apparecchiatura consente di ridurre il consumo di risorse idriche da fonti esterne;
  • installazione di pannelli solari e speciali collettori solari che riscaldano l’acqua per le esigenze degli abitanti della casa;
  • Un’alternativa ai pannelli solari sono le turbine eoliche, che sono spesso utilizzate in grattacieli come il World Trade Center in Bahrain. Le turbine eoliche situate sui piani alti dei grattacieli servono non solo per generare elettricità, che fornisce una parte significativa del fabbisogno energetico dell’edificio, ma anche per raffreddare i locali, fornendo un flusso d’aria fresca;
  • la presenza di sistemi informatici per il controllo domestico. Tale “casa intelligente” consente di controllare sia il livello di illuminazione che la temperatura in ogni singola stanza, che in generale può ridurre significativamente il costo del riscaldamento dell’edificio e risparmiare energia.

Non dobbiamo dimenticare che la costruzione di un edificio “verde” non è solo la presenza di sistemi che aumentano l’uso di energia e generano la propria elettricità da fonti rinnovabili, ma anche l’uso di materiali ecologici nelle costruzioni e nella decorazione..

Quindi, nella decorazione dei locali, vengono spesso utilizzati materiali naturali come bambù e marmo. Inoltre, spesso nella costruzione di edifici “verdi”, vengono utilizzati materiali riciclabili ottenuti dalla lavorazione dei rifiuti da costruzione..

Inoltre, quando si sviluppa un progetto per la costruzione “verde”, è necessario tenere conto dell’impatto dell’edificio sull’ambiente – gli architetti prestano particolare attenzione a come l’edificio “si adatta” armoniosamente al paesaggio naturale e cercano di ridurre al minimo l’impatto del processo di costruzione sull’ambiente naturale..

I seguenti progetti di costruzione possono servire da vivido esempio della riuscita attuazione di progetti “verdi”:

  • Green Lighthouse – un edificio nel centro di Copenaghen, in Danimarca, caratterizzato non solo da un clima salubre, ma anche da un consumo energetico estremamente basso;
  • Il Grimaldi Forum di Monaco;
  • Manitoba Hydro Place, Winnipeg, Canada;
  • Università di Sydney Law School, Australia;
  • Crowne Plaza Copenhagen Towers – un hotel di 25 piani a Copenaghen, completamente autosufficiente per l’elettricità da fonti rinnovabili;
  • Greentowers, Green Towers, un edificio rinnovato che ospita la sede della Deutsche Bank a Francoforte;
  • California Academy of Sciences;
  • Sidwell Friends High School si trova a Washington, negli Stati Uniti e molti altri.

Città come Londra ospitano già interi quartieri di edifici residenziali dotati di tecnologie ad alta efficienza energetica, come Greenwich Millenium Village e BED ZED. C’è un villaggio “soleggiato” Solarsiedlung am Schlierberg a Friburgo, in Germania, e un quarto degli edifici con pannelli solari è gestito con successo a Helsinki, in Finlandia..

Come puoi vedere, nei paesi occidentali ci sono già molti esempi della riuscita attuazione dei principi della costruzione “verde”, approvati dai governi degli stati. Attualmente, questa direzione è considerata una delle più promettenti, poiché le moderne tecnologie hanno permesso di sbarazzarsi di alcuni dei miti associati alla costruzione di edifici “verdi”.

Edificio verde
Dr. T.F. Chen. Sunshine Valley, Ode To Sun-Energy Painting

In particolare, mentre si ritiene che la costruzione di case verdi sia significativamente più costosa rispetto ai nuovi edifici convenzionali, in realtà l’importo speso per l’efficienza energetica non è così grande. Di solito la costruzione di una casa “verde” costa solo il 10-20% in più rispetto alla costruzione di un normale condominio. Tuttavia, i benefici per i proprietari di tali alloggi in futuro sono così evidenti che tale costruzione paga già nella fase di vendita di appartamenti – molti residenti di megalopoli nei paesi sviluppati ora preferiscono pagare un po ‘di più per gli alloggi al fine di risparmiare ingenti somme di denaro ogni anno in futuro pagando bollette per riscaldamento, acqua e elettricità.

Prospettive russe della costruzione “verde”

Attualmente, nella Federazione Russa, il numero di progetti già realizzati di costruzione ecocompatibile è pari a zero. Esistono diversi progetti approvati che possono diventare i primi progetti di costruzione “verdi” nel nostro paese. Pertanto, la costruzione di strutture olimpiche a Sochi, come diretto dal Presidente della Russia, viene effettuata in conformità con gli standard verdi internazionali, in modo che il primo risultato dell’introduzione di nuove tecnologie nel settore delle costruzioni diventerà evidente già nel 2014..

Inoltre, sono già stati approvati 8 progetti per la costruzione di “Energy Efficient Quarters” in varie regioni della Russia, nonché 4 progetti di costruzione privati ​​in conformità con i requisiti del sistema di classificazione LEED e 4 progetti privati ​​per la costruzione di edifici in conformità con gli standard britannici BREEAM. Tuttavia, è ancora lontano dall’attuazione di tutti questi progetti di costruzione “verdi” e, naturalmente, è troppo presto per parlare del successo dello sviluppo del processo di costruzione di nuovi edifici più efficienti dal punto di vista energetico e rispettosi dell’ambiente..

Naturalmente, negli ultimi anni, l’attenzione delle autorità su questo problema è aumentata in modo significativo. In particolare, Dmitry Medvedev l’anno scorso ha firmato la nuova dottrina climatica della Russia, secondo la quale il nostro Paese deve ridurre le emissioni di CO2 del 40% entro il 2020. Lo sviluppo di standard russi per l’edilizia “verde”, annunciato da Andrey Bokov, testimonia anche una maggiore attenzione a questa area di sviluppo del settore delle costruzioni..

Eppure, affinché la costruzione “verde” diventi parte integrante del mercato delle costruzioni russo, è necessario, innanzitutto, cambiare l’atteggiamento della popolazione nei confronti di questo problema. In condizioni in cui la stragrande maggioranza dei cittadini non può permettersi di acquistare un appartamento in un normale edificio a più piani, il problema della pulizia ambientale dell’edificio non è rilevante per la maggior parte dei russi. Lo stesso vale per le questioni di efficienza nell’uso delle risorse naturali: i cittadini del nostro paese non sono abituati al risparmio di elettricità e calore e, dato lo stato del sistema abitativo e dei servizi comunali, quando i “fiumi” di acqua calda che scorrono lungo i marciapiedi e le rotture regolari dei tubi sono diventati la norma, è necessario iniziare a introdurre tecnologie di risparmio energetico proprio da riforma degli alloggi e dei servizi comunali.

Certo, la costruzione “verde” è una condizione necessaria per un atteggiamento più attento alle risorse naturali del nostro pianeta e allo stato dell’ambiente in generale, ma per la Russia questa direzione sta solo diventando rilevante e per il suo sviluppo e la sua riuscita attuazione, molto probabilmente, ci vorranno più di una dozzina di anni.

Valuta questo articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: