Alloggi a prezzi accessibili – Esperienza internazionale

Sezioni dell’articolo



La questione dell’edilizia abitativa, che è così acuta ora nel nostro paese, non è affatto una prerogativa della Russia. In ogni stato esiste il problema di fornire alloggi a cittadini che, a causa dei loro redditi ridotti, non sono in grado di acquistare un appartamento o una casa da soli.

Alloggi a prezzi accessibili
George Bellow. Cliff Dwellers. 1913

L’esperienza di diversi paesi, la maggior parte dei quali ha abbastanza successo (soprattutto in confronto con le realtà russe) per far fronte alla mancanza di spazio abitativo e prezzi troppo alti per metro quadrato, indica che ci sono diverse opzioni per risolvere questo problema. Avendo preso in considerazione alcuni di essi, potrebbe essere possibile capire perché i cittadini di altri stati possano contare sul reale aiuto del governo, mentre il programma di assistenza alle giovani famiglie nel nostro paese solleva così tante lamentele?

La storia dell’emergere dell’edilizia popolare

Il problema di fornire spazio abitativo si presentò nei paesi sviluppati a metà del XIX secolo. I primi appartamenti sociali erano stanze in un complesso di abitazioni municipali economiche, chiamato la “Città di Napoleone”, che apparve nel 1851 a Parigi. A quel tempo, la fornitura di alloggi a basso costo a cittadini a basso reddito, di solito lavoratori ordinari, era gestita dagli stessi industriali, interessati a manodopera a basso costo e attirando residenti rurali a lavorare in miniere, fabbriche e fabbriche con la promessa di fornire alloggi economici o completamente gratuiti..

Nel Regno Unito, il primo programma di demolizione e ristrutturazione di edifici fatiscenti e di trasferimento degli abitanti delle città da baraccopoli a case economiche, che nella maggior parte dei casi furono costruite nella periferia delle città o nelle immediate vicinanze di grandi imprese industriali e miniere, fu adottato e iniziò a funzionare negli anni ’60. x anni del XIX secolo.

Il problema della sovrappopolazione di città nei paesi europei divenne particolarmente acuto dopo la fine della seconda guerra mondiale, quando una massa di rifugiati provenienti da altri stati apparve in Germania, Italia, Francia e Inghilterra. Fu allora che la politica di edilizia popolare divenne una priorità nello sviluppo di quasi tutti gli stati europei..

Gran Bretagna

Va detto subito che il programma di assistenza alle famiglie a basso reddito che attualmente operano nel Regno Unito ha esattamente lo stesso nome della Russia – “Affordable Housing”.

Tuttavia, i soggetti della regina britannica hanno chiaramente definito quale tipo di alloggio può essere definito “abbordabile”, in contrasto con le autorità russe, creando un quadro chiaro per il valore di tale proprietà immobiliare. Quindi, in Gran Bretagna, un oggetto immobiliare diventa un alloggio sociale accessibile, il cui costo non supera i 3-4 guadagni annuali medi di un residente ordinario del paese..

Gran Bretagna
Karnachev Vladimir. Autunno in strada. Pamela, Birmingham. 2004

Il salario annuale medio è determinato separatamente per ciascuna regione e città del paese, poiché gli stipendi dei londinesi sono generalmente leggermente più alti dei redditi degli abitanti delle aree rurali e delle piccole città, tuttavia, e il costo degli appartamenti qui è uno dei più alti al mondo.

Il governo controlla rigorosamente il coefficiente che riflette il rapporto tra il costo medio per metro quadrato e il reddito medio annuo, e se questo indicatore inizia a superare il segno 5-6, questo diventa una causa di allarme e revisione del programma statale.

Prima di tutto, i lavoratori nella sfera sociale del paese possono richiedere un alloggio così conveniente: vigili del fuoco, agenti di polizia, soccorritori, insegnanti, medici ed educatori. Tuttavia, i pensionati, le persone con disabilità, semplicemente i cittadini poveri possono prendere parte al programma statale “Affordable Housing”.

Un’altra caratteristica del programma britannico per fornire alloggi ai cittadini è che l’affitto di appartamenti o case non ha guadagnato popolarità, la maggior parte dei residenti preferisce diventare il proprietario, anche se un alloggio piccolo, ma completamente di proprietà.

A questo proposito, la Housing Corporation (un’agenzia governativa che sovrintende all’attuazione del programma per la fornitura di alloggi a cittadini a basso reddito) offre diversi schemi in base ai quali le famiglie possono diventare proprietari di appartamenti o case municipali..

Attualmente, gli alloggi sociali e accessibili rappresentano circa il 23% del totale degli alloggi nel Regno Unito.

In particolare, è in vigore il programma “Buy a House”, secondo il quale l’acquirente riceve un prestito per il 75% del costo degli alloggi acquistati sia nel mercato secondario che in quello primario a condizioni abbastanza accettabili, e il 25% è pagato dallo Stato. Questo programma non è molto popolare tra gli inglesi, a causa del fatto che i bassi tassi ipotecari per la Russia (dal 5,5 al 7,25%) per il Regno Unito sono piuttosto elevati.

Molto più diffuso è il regime del “Diritto di acquisto”, secondo il quale una persona che vive in un alloggio sociale può acquistare un appartamento o una casa in 2 anni con uno sconto significativo (fino a 38 mila sterline), pagando il costo gradualmente. Inoltre, per diventare il proprietario di beni immobili comunali, non è necessario lavorare nella sfera sociale. È nell’ambito di questo programma che oltre 1,6 milioni di famiglie britanniche sono diventate proprietarie dei propri appartamenti solo negli ultimi 10 anni..

Francia

La patria dell’edilizia popolare ha cercato di risolvere il problema di fornire appartamenti ai poveri in vari modi. Fu in Francia, molto prima che in URSS, subito dopo la seconda guerra mondiale che apparvero case a pannelli con appartamenti economici di una piccola area, che si diffuse nel nostro paese sotto il nome di “Kruscev”.

Francia
Pomelov Fedor. Tramonto arancione a Parigi. 2011

A quel tempo apparvero anche edifici in cemento, in cui ai cittadini a basso reddito venivano offerte camere “con servizi sul pavimento”, cioè analoghi dei nostri ostelli di lavoro.

Tuttavia, già negli anni ’70 del secolo scorso, fu deciso di abbandonare la costruzione di edifici così tipici, piuttosto brutti. Attualmente, la Francia ha una legge secondo cui il 20% degli appartamenti in ogni casa di recente costruzione deve essere classificato come “social housing” e venduto a prezzi significativamente inferiori al mercato.

Naturalmente, non solo nel nostro paese, ma anche in Francia, ci sono sviluppatori senza scrupoli che preferiscono pagare multe elevate, ma aggirare questa norma di legge, perché dare un quinto degli appartamenti a basso prezzo a una società di costruzioni non è affatto redditizio. Eppure, nella maggior parte dei casi, questo standard funziona e qualsiasi donna francese o francese può richiedere un alloggio sociale, il cui reddito medio non supera i 2.100 euro per i parigini e i 1.900 euro per i residenti di altre regioni della repubblica. Allo stesso tempo, la dimensione del salario minimo nel paese è fissata a 1.000 euro, quindi un numero molto elevato di residenti nel paese rientra in questa categoria..

L’appartamento sociale medio in Francia è di circa 80 metri quadrati, dove vive una famiglia di 3-4 persone. Molto spesso, tali appartamenti sono eretti alla periferia delle città, nei cosiddetti quartieri dei lavoratori, ma esiste anche una tradizione di sviluppo del pieno, quindi l’edilizia popolare può apparire in un quartiere completamente borghese della città..

Secondo le leggi, l’edilizia popolare deve essere almeno il 20% del patrimonio abitativo di ciascuna regione del paese.

A causa del fatto che un numero molto elevato di cittadini può diventare un partecipante al programma statale, in base alle sue condizioni, i giovani francesi devono spesso attendere 5-6 anni in fila per un appartamento economico. Spesso, i giovani si iscrivono per l’edilizia sociale subito dopo la laurea (e talvolta anche prima). Va tenuto presente che i senzatetto, le famiglie numerose e i rifugiati di altri paesi hanno la priorità nell’ottenere un appartamento. A proposito, sono stati gli immigrati provenienti da paesi africani e asiatici, che hanno ricevuto alloggi immediatamente dopo l’arrivo in Francia, che sono diventati il ​​motivo per cui tali aree sono attualmente estremamente note e si sono trasformate in veri ghetti, in cui vivono principalmente africani e arabi. Il governo del paese ha deciso di rivedere la politica municipale e risolvere il problema con i migranti.

Germania

Il modo principale per risolvere il “problema abitativo” per i poveri in Germania, così come in altri paesi europei, è diventato il cosiddetto “appartamento sociale”. Tali condomini vengono eretti a spese di prestiti municipali a buon mercato o interamente a spese dello stato, la tradizione di costruire case sociali private in Germania non ha messo radici..

A differenza della Francia, la ragione per cui i tedeschi prendono parte al programma statale non è il livello medio del reddito familiare, ma la mancanza di un metro quadrato standard per membro della famiglia. Quindi anche i cittadini con un livello di reddito abbastanza elevato, ma che vivono nello stesso spazio di vita con i genitori o in un appartamento di una stanza con un bambino, possono richiedere un alloggio sociale.

Germania
Jose Garcia y Mas. Berlino. 1982

Il pagamento per un appartamento sociale è stabilito e rigorosamente controllato dallo stato, di solito è a livello di rimborso dei costi di costruzione e non implica alcun profitto per lo sviluppatore.

Oltre alla consueta pratica di fornire alloggi sociali ai cittadini che necessitano di migliori condizioni abitative, la Germania paga anche un’indennità di alloggio, che viene ricevuta dalle famiglie il cui reddito netto non consente loro di pagare le proprie utenze. Inoltre, è il reddito netto della famiglia che viene preso in considerazione, cioè dopo aver dedotto tutte le tasse e i prestiti. L’indennità di alloggio può essere spesa sia per pagare per vivere in una casa normale sia per pagare un alloggio sociale.

Rispetto al Regno Unito e alla Francia, l’edilizia popolare in Germania occupa una piccola parte del patrimonio immobiliare – solo il 10%.

Tale indennità viene rilasciata nell’importo del pagamento reale per tutte le bollette per l’alloggio a disposizione di una persona. Il livello di affitto varia a seconda del luogo di residenza e vi è una divisione in 6 categorie di pagamenti. È interessante notare che spesso anche i residenti delle case di cura ricevono un’indennità di alloggio in Germania, se il loro reddito consente loro di rivolgersi all’istituzione appropriata. Per ricevere un’indennità di alloggio, è necessario presentare una domanda all’Autorità per gli alloggi ogni anno, tali pagamenti non vengono calcolati automaticamente.

Alcuni altri esempi

Il programma di edilizia popolare ha successo anche a Hong Kong, dove quasi la metà della popolazione della città vive in edifici municipali a più piani, spesso superiori a 40 piani, in appartamenti relativamente piccoli. A Singapore, questa cifra è ancora più alta: quasi tutti i residenti della città che hanno più di 21 anni e il cui reddito non supera l’importo stabilito possono ottenere alloggi sociali. Inoltre, l’ammontare del reddito varia a seconda che un residente di Singapore voglia diventare il proprietario di un appartamento di 2, 3, 4 o 5 camere. A causa di questa disponibilità del programma, circa l’85% della popolazione della megalopoli vive in appartamenti sociali..

In Svezia, durante l’attuazione del milione di alloggi, circa 10 milioni di nuove abitazioni sono state costruite in 10 anni e la metà di esse erano case unifamiliari. E sebbene molti svedesi chiamino ancora sprezzatamente tali case sociali “scatole di cemento armato” (anche se solo il 16% di tali edifici è stato costruito in cemento), in realtà hanno adempiuto al compito principale: l’edilizia popolare ha contribuito a risolvere il problema di fornire appartamenti e case per le persone delle aree rurali paesi che sono venuti in città in cerca di lavoro.

Come puoi vedere, i problemi abitativi delle famiglie a basso reddito possono essere affrontati con successo e, naturalmente, lo stato è obbligato ad assumere il ruolo guida in questa materia. È il bilancio statale che dovrebbe diventare una fonte di fondi per la costruzione di alloggi sociali, che attualmente semplicemente non esiste nel nostro paese..

Valuta questo articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Alloggi a prezzi accessibili – Esperienza internazionale
12 alternative a un albero di Natale vivo nell’interno del nuovo anno 2015