Miti sulle finestre in metallo-plastica: verità e finzione

Più le finestre di metallo-plastica diventano popolari, più miti e finzioni si formano attorno a loro. A volte tali affermazioni non riflettono correttamente la realtà e altre volte sono completamente opposte alla verità. Proviamo a capire quali sono questi miti e quanta verità c’è in essi.

Il primo mito.Più sottili sono le pareti profilate, le finestre più economiche e di qualità inferiore. La situazione in questo caso è esattamente l’opposto. Inizialmente, i primi profili delle finestre in metallo-plastica erano realizzati in polivinilcloruro (PVC) a bassa resistenza, che presentava numerosi inconvenienti, i principali dei quali erano la suscettibilità alla distruzione meccanica e all’invecchiamento. L’unico modo per evitare danni era quello di formare un profilo della finestra con le pareti più spesse possibili. Naturalmente, questo ha aumentato il costo della finestra nel suo insieme..

Miti sulle finestre in metallo-plastica: verità e finzione

Tuttavia, l’industria chimico-tecnologica si sta sviluppando molto, molto intensamente. Presto, vari plastificanti, additivi e altri componenti chimici che migliorano le proprietà fisiche e meccaniche del PVC hanno iniziato ad essere aggiunti al cloruro di polivinile durante la fusione di un profilo. Pertanto, i produttori hanno colto l’opportunità di migliorare la qualità del profilo, riducendo contemporaneamente i suoi costi e il peso totale della finestra finita, che si riflette nelle caratteristiche operative nel migliore dei modi..

Il secondo mito.Più sottili sono le pareti del profilo della finestra, peggiori sono le sue proprietà di isolamento termico. Questa affermazione è fondamentalmente sbagliata. Perché? Perché la conduttività termica e l’isolamento termico dipendono dallo spessore dello strato di calore non conduttivo. Nel profilo della finestra non si tratta della parete del profilo in PVC, ma del traferro tra le sezioni del profilo. Il “calore” di un profilo di una finestra dipende dalla sua larghezza, nonché dalla presenza di telecamere nella cavità del profilo. Più telecamere, più caldo è il profilo. Inoltre, nell’intera struttura della finestra, è la finestra a doppi vetri che è il più grande conduttore del freddo, e non il profilo in PVC. Ecco perché preoccuparsi dello spessore delle sue pareti è, per lo meno, inutile..

Miti sulle finestre in metallo-plastica: verità e finzione

Il terzo mito.I profili di classe B a parete sottile possono essere utilizzati solo per l’installazione in locali non residenziali. Questa affermazione è anche lontana dalla verità. Secondo GOST, i profili delle classi A e B non differiscono nel loro uso. Inoltre, il minor costo dei prodotti in cui viene utilizzato il profilo B garantisce la domanda costante di tali sistemi di finestre tra i consumatori..

Il quarto mito.I profili di classe B vengono utilizzati solo nella produzione di finestre in metallo-plastica economiche e di bassa qualità. In effetti, le caratteristiche tecniche, compresa la resistenza, dei profili di classe B sono identiche e talvolta superano addirittura gli indicatori corrispondenti per le strutture di un profilo di classe A. Non vi è il minimo motivo di attribuire inaffidabilità o bassa resistenza all’usura ai profili a parete sottile. La differenza sta solo nella tecnologia di produzione del profilo della finestra e nel costo per il produttore.

Miti sulle finestre in metallo-plastica: verità e finzione

Il quinto mito.I profili a parete sottile non durano quanto i profili di classe A. Per comprendere la veridicità di questa affermazione, è necessario fare riferimento al documento tecnologico principale – GOST. In GOST troviamo la sezione corrispondente sui profili delle finestre. Afferma che i requisiti di qualità per i profili a parete sottile e spessa sono assolutamente identici. Inoltre, anche le condizioni di installazione e funzionamento delle finestre dotate di questi tipi di profili non presentano la minima differenza. Ecco perché abbiamo tutto il diritto di affermare che i profili di classe B non sono in alcun modo inferiori ai profili con pareti spesse, il che significa che quando si acquistano finestre con questo tipo di profili, non dovresti preoccuparti inutilmente della loro qualità e durata..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy