Installazione corretta di Windows

I vantaggi della finestra di massima qualità aumentano o scompaiono a seconda di quanto bene sia abbinato all’oggetto dell’edificio….

Un’unità finestra installata in un edificio deve soddisfare una serie di requisiti. Il suo design deve essere antivento e in grado di svolgere funzioni di isolamento termico e acustico. Dall’esterno, la finestra non deve far passare l’acqua piovana e i raggi ultravioletti, dal lato della stanza – aria e umidità della stanza.

I carichi di energia derivanti dalla struttura della finestra devono essere correttamente trasmessi al corpo dell’edificio. Tutte le manifestazioni termofisiche e meccaniche nelle zone della cornice della finestra e della struttura dell’edificio sono percepite e compensate da una cucitura nel punto della loro coniugazione. L’esecuzione professionale di questa cucitura, ovvero la geometria, il fissaggio, l’isolamento e la sigillatura correttamente selezionati, sono di grande importanza per il rispetto delle condizioni precedentemente elencate..

Il modello multilivello delle funzioni del blocco finestra presentato nella figura consente di giudicare su una finestra specifica montata in una struttura dell’edificio, quanto soddisfa i requisiti a causa dell’influenza dell’ambiente.

Livello 1) corrisponde alla superficie condizionale su cui è assicurata la differenziazione del clima esterno e del microclima interno. Dovrebbe avvenire in un’area al di sopra della temperatura del punto di rugiada all’interno della stanza. Con una temperatura ambiente calcolata di 20 ° C e un’umidità relativa del 50%, che corrisponde a una temperatura del punto di rugiada di 9,3 ° C, la superficie di separazione deve essere al di sopra di 10 ° C. Quindi, nelle condizioni specificate, non si formerà condensa sulle superfici esterne della struttura e al suo interno. La probabilità di condensa può essere stimata dalla natura delle isoterme.

Livello 2) può essere considerato come un’area funzionale, la cui scelta corretta può, in particolare, garantire le proprietà di isolamento termico e acustico della finestra per un certo tempo. Allo stesso tempo, la connessione con il clima esterno nei sistemi chiusi avviene lungo il confine di questa zona funzionale e nei sistemi aperti – attraverso l’intero sistema nel suo complesso. In termini generali, ciò significa che l’area funzionale dovrebbe “rimanere asciutta” e non entrare in contatto con il microclima della stanza.

Livello 3), in senso lato, impedisce all’acqua di entrare nella struttura della finestra (ad esempio, durante una forte pioggia) dall’esterno. Nell’unità della finestra deve essere previsto un drenaggio controllato dell’acqua piovana. Inoltre, è necessario garantire il drenaggio dell’umidità che si accumula nell’area funzionale. l’immagine di questo ricorda un tetto a graticcio.

La posizione stessa della finestra installata può aiutare a prevenire la formazione di condensa all’interno dell’unità finestra e nella struttura circostante. Si consiglia di posizionarlo al centro dello spessore dell’apertura della finestra se la parete esterna non ha uno strato isolante intermedio o al livello dello strato isolante se la parete è isolata.

Comportamento della cucitura se esposto a calore e umidità

La risposta del giunto di collegamento al calore e all’umidità è determinata dal clima interno ed esterno. Se vengono prese le seguenti condizioni climatiche calcolate (secondo DIN 4108, parte 3): temperatura interna 20 ° C, umidità relativa dell’aria 50%, temperatura esterna meno 15 ° C, umidità relativa dell’aria 80%, quindi il punto di rugiada nella stanza alle caratteristiche indicate il microclima è di circa 9,3 ° C (per semplicità arrotondiamo fino a 10 ° C). È chiaro che in tali condizioni la temperatura nelle zone critiche della struttura dell’edificio non dovrebbe scendere sotto i 10 ° C, altrimenti si formerà condensa.

Bisogna fare attenzione che in quelle parti della struttura dell’edificio dove non possono essere evitate basse temperature indesiderate, non vi siano condizioni per la formazione di condensa o che l’umidità che appare possa essere rimossa diffondendo o defluendo.

A causa della differenza di pressione del vapore tra le zone climatiche all’interno e all’esterno dei locali, l’aria calda umida proveniente dai locali può penetrare nell’articolazione di giunzione, nonché la diffusione del vapore acqueo attraverso la struttura dell’edificio. Il rischio di formazione di condensa nelle cavità del giunto dipende dalla temperatura e dall’umidità relativa dell’aria all’interno del giunto. Quando si installa un’unità finestra, è necessario prendere tutte le misure contro la comparsa di umidità nel giunto. Se ciò non è ancora escluso, l’umidità deve essere in grado di diffondersi verso l’esterno, e per questo è necessario che la resistenza del materiale della struttura dell’edificio alla penetrazione del vapore acqueo in diminuzione diminuisca nella direzione dall’interno verso l’esterno. Cioè, il principio deve essere osservato: l’interno è più denso dell’esterno. Ovviamente, è anche importante fornire un livello esterno di protezione (3), ovvero l’unità finestra deve rimanere stretta durante la pioggia.

Protezione termica e ponti freddi

Il trasferimento di calore nell’area di rilegatura dell’unità finestra è in gran parte determinato dalla sua posizione, nonché dalla corretta distribuzione degli strati isolanti in quest’area. Un “ponte termico” è inteso come una superficie, all’interno della quale, rispetto alle superfici adiacenti, si osserva una temperatura più bassa (quindi viene anche chiamata un ponte freddo) e un ulteriore flusso di calore. Nell’area del blocco della finestra, un muro di mattoni o cemento è adiacente al telaio della finestra. Il diverso spessore di questi elementi costruttivi porta all’inevitabile verificarsi di ponti termici, cioè è impossibile fare completamente a meno della perdita di calore nella zona di legame. La presenza di una finestra nell’apertura di una parete monolitica si manifesta sui grafici sotto forma di una forte distorsione delle isoterme, il cui confronto aiuta a capire come posizionare al meglio la finestra nella struttura dell’edificio per ridurre la dispersione di calore. Un’isoterma, come sapete, è una linea che collega i punti con la stessa temperatura. Il suo carattere è determinato dalla presenza di ponti termici a causa delle caratteristiche del materiale o della geometria (angoli, bordi, ecc.). Ponti termici di entrambi i tipi compaiono nell’area dell’interfaccia tra la finestra e la struttura dell’edificio..

Grafici isotermici

Con l’aiuto di linee isotermiche, è possibile visualizzare le caratteristiche di temperatura insite in determinate condizioni per l’installazione di una finestra nell’apertura di un edificio. In normali condizioni interne (20 ° C e 50%), l’isoterma base a 10 gradi è la più importante per la valutazione dell’accoppiamento. Per evitare la formazione di condensa davanti alla giuntura interna del giunto, questa isoterma deve passare attraverso l’intera parte interna della struttura. Meno curve nell’isoterma a 10 gradi, minore sarà la perdita di calore nell’interfaccia. Le varianti della posizione corretta di vari blocchi di finestre in aperture di diversi disegni sono mostrate nelle figure precedenti..

Isolamento della giuntura di accoppiamento

Oltre alla protezione contro l’ingresso di umidità, è necessario prestare attenzione per garantire un perfetto isolamento termico e acustico della giunzione di collegamento. Per mantenere la temperatura sulla superficie interna dell’interfaccia sufficientemente elevata, tutti i giunti nell’area del blocco della finestra devono essere sigillati con un materiale isolante adatto. Senza tale isolamento, esiste il pericolo di raffreddare la superficie interna a una temperatura inferiore al punto di rugiada e quindi può formarsi umidità nell’interfaccia.

Misure di calore, umidità e isolamento acustico

  • Separazione “a prova di vapore” delle condizioni climatiche interne ed esterne e corretto accoppiamento secondo il principio “più stretto all’interno che all’esterno” per prevenire la formazione di condensa nelle giunture.
  • Isolamento termico del giunto per garantire una temperatura più elevata sulla sua superficie interna.
  • Con l’aumento dei requisiti per l’isolamento acustico della giuntura, l’isolamento da solo non è sufficiente. Il giunto richiede una sigillatura aggiuntiva, utilizzando sigillanti iniettati e / o nastro.
  • L’isolamento acustico delle articolazioni dovrebbe essere di circa 10 dB in più rispetto all’isolamento acustico degli elementi di accoppiamento. Va tenuto presente che i nastri sigillanti compressi soddisfano le specifiche di prestazione acustica quando vengono compressi di almeno il 20-33% dello spessore iniziale. La pressione del suono ai bordi è circa quattro volte e agli angoli anche sedici volte più che al centro della parte. Quindi il miglior materiale fonoassorbente giustificherà i suoi vantaggi solo con una sigillatura di alta qualità della giuntura di accoppiamento..
  • Elementi di fissaggio

    Tutti i carichi di energia che si verificano naturalmente nella struttura della finestra devono essere trasmessi alla struttura di supporto attraverso i dispositivi di fissaggio. Le forze che agiscono sul piano della finestra sono percepite dalla struttura dell’edificio attraverso i blocchi di supporto, che dovrebbero funzionare solo per spremere. Tasselli, rivestimenti e parti simili non sono sufficienti per assorbire il carico. È importante assicurarsi che i blocchi siano posizionati correttamente negli angoli del telaio della finestra, nonché nelle aree di montanti e traverse, e che i profili del telaio abbiano una resistenza alla flessione sufficiente. Le dimensioni dei blocchi di supporto devono essere scelte in modo che non interferiscano con il lavoro successivo sulla sigillatura della cucitura. In termini di larghezza della base, il blocco deve corrispondere allo spessore di installazione del telaio. I cunei ausiliari utilizzati durante l’installazione devono essere rimossi dopo aver fissato l’unità finestra..

    Oltre ai blocchi di supporto correttamente selezionati e posizionati, è necessario selezionare elementi di fissaggio adatti per tenere saldamente la finestra nell’apertura. Tenendo conto del comportamento dei materiali del telaio con allungamento lineare, le distanze tra i punti di fissaggio sono determinate per ciascuno di essi. La distanza tra le ancore per finestre in alluminio e legno non deve superare 800 mm, per finestre in plastica – 700 mm. La distanza dall’angolo interno deve essere compresa tra 100 e 150 mm, nonché la distanza dal palo o dalla traversa dal lato interno del profilo del telaio. I criteri con cui vengono selezionati i dispositivi di fissaggio e i sistemi di fissaggio sono principalmente i seguenti:

  • caratteristiche delle pareti dell’edificio;
  • condizioni di costruzione (ristrutturazione / nuova costruzione);
  • caratteristiche del materiale del telaio;
  • carichi previsti.
  • È importante sapere quanto segue sui dispositivi di fissaggio utilizzati.

    Tasselli per telaio (perni)

    Funzionano per taglio, taglio e piegatura. Il loro uso, specialmente a carichi elevati, è limitato a causa della necessità di mantenere una certa distanza tra il muro e il telaio della finestra. Seleziona tasselli di dimensioni sufficienti, tenendo conto delle raccomandazioni del produttore.

    Pad di collegamento

    Sono abbastanza flessibili da piegare, grazie al quale percepiscono bene i movimenti longitudinali dei materiali del telaio. Come elemento di fissaggio, il cuscinetto funziona principalmente per il taglio ed è in grado di sopportare carichi più elevati rispetto ai tasselli. Tuttavia, i rivestimenti possono solo percepire forze dirette perpendicolarmente.

    ancore

    Possono sopportare carichi pesanti. Sono utilizzati, ad esempio, per il fissaggio di facciate sospese e condizioni simili. Per ogni tipo di ancoraggio vengono eseguiti calcoli statici del peso ammissibile e del carico di trazione – questi dati possono essere confrontati in base ai cataloghi di diversi produttori.

    conclusioni

  • I blocchi di supporto vengono utilizzati per trasferire le forze che agiscono nella struttura della finestra alla struttura dell’edificio.
  • I cuscinetti di supporto e gli elementi di fissaggio non devono interferire con i successivi lavori articolari.
  • Schiuma poliuretanica, colla e materiali simili non sono elementi di fissaggio.
  • Il fissaggio dell’unità finestra nell’apertura deve essere garantito meccanicamente.
  • sigillatura

    La sigillatura impropria è spesso la causa di danni a un edificio. L’umidità dalla stanza non dovrebbe penetrare nella giuntura e, se ciò non può essere prevenuto, dovrebbe essere possibile rimuovere la condensa all’esterno. Gli strati impermeabilizzanti e antivento devono, in linea di principio, essere installati all’interno degli elementi dell’edificio, ‘inoltre, in modo da impedire la penetrazione di aria e umidità dalla stanza nella struttura e in quei luoghi in cui la temperatura superficiale è inferiore al punto di rugiada, l’umidità non appare. Con la corretta esecuzione dell’unità finestra, la conformità a questo requisito è garantita a livello (1).

    Larghezza della cucitura

    La larghezza del giunto è determinata dalla misura in cui i materiali del telaio sono soggetti a variazioni dimensionali, a seconda della temperatura e dell’umidità. Il mantenimento della larghezza minima del profilo non elimina la necessità di tenere conto dei dati corrispondenti per i materiali di tenuta. Di solito, i produttori di questi prodotti indicano la larghezza ottimale della cucitura..

    Sistemi di tenuta

    Quando si sceglie un sistema di tenuta, si prende in considerazione innanzitutto il design della parete esterna. Nelle vecchie case, i giunti nelle aperture sono stati eseguiti in modo diverso rispetto alle nuove costruzioni. Per i nuovi oggetti, è possibile progettare fondamentalmente nuovi modi di collegare i blocchi di finestre. Quando si riabilita un vecchio fondo, i contorni delle aperture delle finestre devono spesso essere conservati nella loro forma originale: ciò limita la scelta dei sistemi di tenuta, nonché il metodo di accoppiamento e sigillatura dei giunti. A seconda dello scopo funzionale, vengono utilizzati appropriati sistemi di tenuta:

  • sigillanti iniettati;
  • nastri sigillati stampati;
  • foglio impermeabilizzante;
  • elementi strutturali (ad es. pezzi stampati, nastri)
  • Possono essere combinati in modo intelligente tenendo conto dei requisiti.

    Sigillanti iniettabili

    Insieme al silicone ampiamente utilizzato nella costruzione, altri sigillanti iniettati vengono utilizzati anche per sigillare giunti di finestre: acrilico, polisolfuro e poliuretano. Una delle proprietà più importanti per un sigillante è la sua capacità di percepire gli spostamenti relativi dell’articolazione. Dipende dal materiale e dallo spessore del sigillo ed è indicato in percentuale. Nel caso generale, per la sezione della giuntura, si presume che lo spessore del sigillante d dovrebbe essere la metà della larghezza della giuntura b (d = 0,5b). Per resistere a questa condizione, è necessario utilizzare materiali impermeabilizzanti a cellule chiuse non assorbenti e posarli in profondità, in modo che sia possibile determinare lo spessore rimosso dal sigillante applicato. I sigillanti iniettati devono aderire bene al supporto su cui vengono applicati. Pertanto, è importante valutare in anticipo le proprietà di presa delle rispettive superfici. L’adesione può essere notevolmente migliorata utilizzando i cosiddetti primer per la prima mano. Utilizzare solo i primer sigillanti raccomandati dal produttore che sono adatti per entrambi i lati del giunto..

    Sigilli a nastro

    Le strisce sigillanti sono realizzate in morbida schiuma impregnata e vengono fornite altamente compresse. Le cinture di diversi produttori variano per tipo e design. A differenza dei sigillanti iniettabili, le strisce sigillanti trasferiscono solo carichi di pressione sulle superfici di tenuta e non forze di trazione. Il nastro sigillante può levigare la rugosità della superficie fino a circa 3 mm. La cucitura rimane chiusa e sigillata. Pertanto, le strisce di tenuta compresse sono particolarmente consigliate per sigillare giunti con superfici intonacate, lastre di gesso e altri materiali che sono sfavorevoli per la posa. Il nastro è impermeabile all’acqua, al vapore e al rumore, più è compresso e / o più largo è. Preparare il nastro sigillante per l’uso nei giunti di accoppiamento in base alle condizioni meteorologiche durante i lavori di sigillatura. Nei giorni freddi, si consiglia di pre-tenere caldo il nastro e, quando fa caldo, raffreddarlo se possibile.

    Telo impermeabilizzante

    Per proteggere le cuciture nell’area dei blocchi delle finestre, vengono principalmente utilizzati fogli di tenuta realizzati con materiali polimerici del gruppo PIB (poliisobutilene). Le tele sono particolarmente adatte per unire elementi di costruzione multistrato. L’incollaggio viene solitamente utilizzato solo come ausilio per il montaggio. Nelle aree in cui sono richieste una tenuta e una tenuta sicure garantite per lungo tempo, si consiglia di utilizzare una protezione meccanica. La resistenza dei fogli polimerici alla diffusione del vapore è così elevata che quando vengono posati all’esterno, devono essere realizzati ulteriori fori di compensazione. Di norma, l’applicazione della tela è limitata alla sigillatura delle zone dell’interfaccia superiore e inferiore della finestra.

    Valuta questo articolo
    ( Ancora nessuna valutazione )
    Aggiungi commenti

    ;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: