Selezione, installazione e funzionamento dei sistemi split. Parte 2

Sezioni dell’articolo



In questo articolo: scegliere un posto per i blocchi divisi – non è così semplice; lunghezza massima e minima del gasdotto tra unità interna ed esterna; equipaggiamento standard e aggiuntivo di condizionatori a due unità; il costo dei componenti per il condizionamento dell’aria, che dovranno essere acquistati separatamente; perché non è possibile utilizzare una tubazione dell’acqua in rame; elementi opzionali ma convenienti di un sistema diviso; cos’è un “kit invernale” e perché è necessario; installazione di un’unità interna divisa: come fare tutto nel modo giusto.

Selezione, installazione e funzionamento dei sistemi split. Parte 2

A differenza di altri elettrodomestici, un sistema di condizionamento a due unità non può essere utilizzato per lo scopo previsto immediatamente dopo l’acquisto, ma deve prima essere installato. E poiché è impossibile esporre e collegare in modo indipendente i blocchi divisi con un’autostrada, il suo proprietario avrà una ricerca difficile di esperti e responsabili, ma cosa c’è, eventuali installatori. L’inizio della stagione calda apre la strada agli installatori di condizionatori d’aria verso i portafogli dei proprietari di sistemi split nuovissimi, la loro professione sta diventando selvaggiamente richiesta, il che attrae abbandoni assortiti e truffatori che pubblicizzano i loro servizi su Internet e sui media da metà primavera. Come distinguere gli artigiani esperti dagli installatori dubbi, come dovrebbe essere eseguita l’installazione di un sistema split e cosa è necessario per questo – lo scopriremo.

Scelta di un posto per installare blocchi divisi

Spesso, i proprietari dei condizionatori d’aria appena acquistati fanno affidamento interamente sugli installatori quando scelgono la posizione del sistema split o sono interessati solo al punto di installazione dell’unità interna – entrambe le opzioni “semplici” sono errate. Quando si pianificano i punti di installazione delle unità esterne e interne, è necessario tenere conto delle seguenti sfumature:

  • l’unità interna non dovrebbe apparire come una “pecora nera” sullo sfondo dell’interno della stanza;
  • il flusso d’aria diretto generato dal condizionatore d’aria non deve entrare nei luoghi di riposo e di lavoro dei membri della famiglia;
  • è necessario assicurarsi che la resistenza della sezione della parete o del soffitto in cui si supponga di posizionare l’asciugatrice sia sufficiente e in grado di sopportarne il peso;
  • la distanza minima dai punti superiore e inferiore del corpo dell’unità interna al piano del soffitto e dei mobili dell’armadio è di almeno 300 mm. Inoltre, è necessario spazio sufficiente per la posa dei tubi della linea di freon e il drenaggio della condensa, i cavi di alimentazione;
  • non posizionare un asciugacapelli su un sistema split sopra un radiatore di riscaldamento;
  • la distanza minima dalle pareti laterali, inferiore e anteriore dell’unità esterna divisa a qualsiasi superficie ermetica è di 300 mm, altrimenti l’efficienza di scambio d’aria diminuirà e la potenza del dispositivo diminuirà;
  • l’aria calda che esce dall’isolato non deve entrare nelle finestre degli appartamenti situati al piano inferiore;
  • il livello massimo di rumore consentito dall’unità esterna è di 70 dB (SNiP 23-03-2003);
  • l’unità del condizionatore d’aria posizionata sulla parete dell’edificio o sul tetto deve essere protetta dalle precipitazioni – per proteggerla da pioggia e ghiaccioli, installare una visiera sopra di essa, al fine di eliminare completamente la deriva della neve, sollevare il dispositivo sopra il piano del tetto, erigendo un piedistallo dell’altezza richiesta per questo;
  • l’uscita del tubo di scarico della condensa deve essere posizionata in modo tale che l’umidità non penetri sulle finestre dei piani inferiori e sugli astanti, anche in presenza di forti venti;
  • è necessario fornire l’accesso più semplice all’unità esterna: per il suo corretto funzionamento, avrai bisogno di assistenza e sarà difficile e pericoloso raggiungere il dispositivo situato ad un’altezza considerevole e persino su una parete vuota di un grattacielo.

Selezione, installazione e funzionamento dei sistemi split. Parte 2

Diamo un’occhiata più da vicino al problema di posizionare i blocchi divisi dalla posizione di una linea freon, che ha restrizioni non solo nel massimo, ma anche nella lunghezza minima. Tutti i produttori di sistemi di condizionamento d’aria a due unità indicano nella documentazione tecnica i valori limite della lunghezza della tubazione in rame e della distanza verticale tra le unità esterna e interna, di solito 15 e 7 metri. Tuttavia, non dovresti tirare la linea di freon alla distanza completa, anche se consentita: ogni metro aggiuntivo di tubo del gas di rame costerà circa 400 rubli e aumenterà anche la quantità di lavoro sulla loro installazione e l’incorporamento nelle pareti; la necessità di pompare il freon attraverso una tubazione di più metri carica seriamente il compressore, di conseguenza la sua potenza cala.

Se si intende fermamente esporre l’unità esterna del condizionatore d’aria sul tetto, a distanza dal sito di installazione dell’unità interna a una distanza di oltre 7 m in verticale e 15 m in orizzontale, è necessario acquistare una normale divisione domestica, ma relativa a modelli semi-industriali. Ad esempio, scegli un multisplit di Mitsubishi Electric, Mitsubishi Heavy o Daikin, progettato per le differenze di lunghezza e altezza della tubazione oltre 50 m.

Approssimativamente ogni secondo installatore di sistemi split ti dirà con sicurezza che minore è la lunghezza della linea di comunicazione tra i blocchi, meglio è. È più facile organizzare una pipeline corta rispetto a una lunga – in effetti, tutto ciò che tali sfortunati installatori che vogliono semplificare il loro compito e risparmiare tempo per l’installazione basano la loro convinzione su una linea breve tra blocchi divisi. Il gasdotto in rame che collega le unità esterna e interna fa parte del sistema di refrigerazione, i cui parametri sono stati attentamente calcolati dagli ingegneri del produttore, ad es. eventuali deviazioni nella sua lunghezza influiscono in modo altrettanto negativo sui parametri del ciclo operativo del condizionatore d’aria. Pertanto, è necessario utilizzare almeno 3 metri di tubo del gas in rame, preferibilmente l’intero set collegato all’unità di condizionamento dell’aria e ricevuto dall’acquirente al momento dell’acquisto. Coloro. se i blocchi sono divisi solo per lo spessore del muro esterno o giù di lì, quindi non è necessario tagliare i tubi, è necessario raccogliere la lunghezza “extra” con anelli e posizionarli dietro il corpo del blocco stradale.

Selezione, installazione e funzionamento dei sistemi split. Parte 2

I modelli split economici sono particolarmente sensibili alle violazioni della lunghezza della tubazione del freon, poiché sono dotati dei sistemi di controllo più semplici che non sono in grado di effettuare regolazioni sul funzionamento del sistema durante il funzionamento del condizionatore d’aria, quindi è essenziale che sia rispettosa la lunghezza delle comunicazioni tra le loro unità.

I disegni per il posizionamento dei blocchi di sistema divisi che indicano tutte le dimensioni richieste sono sviluppati dai rappresentanti del team di installazione dopo aver ispezionato la stanza in cui verrà installato il dispositivo. Questo documento deve essere firmato da entrambe le parti: il capo degli installatori e il proprietario della divisione. Si noti che, dopo che è stato concordato, la responsabilità di tutti i difetti di installazione commessi dagli installatori spetta al proprietario del sistema split: essere il più esigente possibile.

Sistema standard diviso e attrezzatura opzionale

Un nuovo condizionatore d’aria di solito viene fornito con un’unità split interna ed esterna, un’istruzione con una scheda di garanzia e un tubo del gas in rame lungo 7-10 m, un telecomando con o senza batterie a due dita – ovviamente, è impossibile assemblare un sistema di clima di lavoro basato su questo elenco.

Elenchiamo gli elementi dell’attrezzatura aggiuntiva, dividendoli in quelli primari e secondari. Il primo gruppo comprende: cavo elettrico flessibile (è meglio usare VVG) a due o tre conduttori (in caso di messa a terra), con una sezione di 2,5 mm2 – il prezzo per metro corrente è di circa 50 rubli; due staffe in acciaio o un podio a telaio per l’installazione di un’unità esterna, con un carico ammissibile superiore a 70 kg – un costo approssimativo di 900 rubli. per set; un tubo di drenaggio in PVC rinforzato – il prezzo al metro corrente è di circa 40 rubli; isolamento per la linea di freon – 10 rubli. per metro corrente; una bobina di nastro termico che protegge l’isolamento del tubo dalla luce solare – 220 rubli. al pezzo; una spina con due o tre contatti (uno per la messa a terra) – 75 rubli. al pezzo.

Selezione, installazione e funzionamento dei sistemi split. Parte 2

Nel caso in cui un tubo di rame non sia incluso nel kit standard, deve essere acquistato in aggiunta – in media, il suo prezzo è di 200 rubli. per metro corrente. È importante acquistare un tubo del gas, non un tubo dell’acqua, perché la pressione del gas nelle apparecchiature di refrigerazione è superiore a quella del sistema di approvvigionamento idrico: un tubo dell’acqua in rame consentirà il passaggio del gas, il che comporterà la necessità di frequenti rifornimenti di carburante del sistema split con costosi freon.

Per vostra informazione: una tubazione di giunzione o senza saldatura in rame è progettata per una pressione massima di 10 atmosfere, mentre la pressione in linea con il freon R22 sarà fino a 24 atmosfere e nell’R410A riempita con freon – fino a 41,5 atmosfere.

Il numero di elementi secondari o opzionali del set completo comprende: visiera protettiva – prezzo da 1300 rubli; scatola reticolare antivandalo – prezzo da 2500 rubli; pompa di drenaggio – prezzo da 3000 rubli; blocco per tutte le stagioni – prezzo da 5000 rubli.

I ghiaccioli e la crosta di ghiaccio che cadono dal tetto possono danneggiare il corpo del blocco esterno diviso, esponendo e frantumando il metallo, causandone la ruggine e facendo penetrare le precipitazioni atmosferiche nel dispositivo. Una visiera in lamiera d’acciaio da 2 mm protegge in modo affidabile l’unità del condizionatore d’aria dalla caduta di oggetti. Tuttavia, non sarà facile installare una tale visiera: se si installa un’unità esterna sotto l’apertura della finestra, è necessario lasciare spazio per l’installazione della visiera e questo è di almeno 200 mm. Se si abbassa la spaccatura della strada così in basso, sarà molto difficile mettere il kit di montaggio fuori dalla finestra, dovrai attirare gli scalatori industriali – una persona pende dall’apertura della finestra per installare il kit di montaggio e, inoltre, un enorme blocco diviso è in pericolo di vita.

Selezione, installazione e funzionamento dei sistemi split. Parte 2

Una scatola rettangolare antivandalo in tessuto reticolare saldato a un telaio in acciaio chiude l’accesso al dispositivo da tutti i lati tranne il fondo: ciò è necessario per la manutenzione preventiva. Di norma, queste scatole sono dotate di un baldacchino in lamiera d’acciaio, ad es. proteggono anche il condizionatore d’aria da oggetti che cadono dall’alto. Le scatole di protezione vengono utilizzate quando si installano spaccature a bassa altezza o sul tetto (sottotetto) di un edificio.

Pompa di drenaggio. Il raffreddamento ad aria eseguito dal sistema di climatizzazione è sempre accompagnato da condensa sui tubi dell’evaporatore installato all’interno dell’asciugacapelli. Gocce di condensa fluiscono in una coppa, da dove vengono scaricate attraverso un tubo di scarico verso la strada o verso la fognatura per gravità (gravità) – questo schema di rimozione del drenaggio è implementato in tutti i tipi di sistemi di sospensione sospesi. Ma in alcuni casi, questo metodo non funziona – ad esempio, quando si posiziona una divisione in una stanza seminterrato o seminterrato – e una pompa di drenaggio viene utilizzata per risolvere il problema del drenaggio della condensa. È un serbatoio di plastica rettangolare con una pompa e un sensore di livello dell’acqua all’interno. Il tubo che rimuove la condensa dall’unità interna del sistema split è collegato a un serbatoio di plastica, quando viene riempito, viene attivato un sensore, accendendo la pompa – l’acqua viene pompata attraverso il tubo di uscita nella fogna o all’esterno. Non appena il serbatoio è vuoto, la pompa si spegne. A proposito, alcuni modelli di sistemi split sono dotati di una pompa di drenaggio integrata nella fase di assemblaggio..

Blocco per tutte le stagioni. Con l’inizio della stagione fredda, la temperatura esterna scende sempre più in basso, non appena il suo valore raggiunge i -5 ° C – tutti i modelli budget di condizionatori d’aria smetteranno di funzionare a causa della minaccia del congelamento sull’evaporatore dell’unità esterna e del congelamento della condensa nel tubo di uscita. Dotare il blocco stradale del sistema split con il cosiddetto “kit invernale” espanderà il limite inferiore della temperatura consentita per il condizionatore d’aria a circa -30 ° C, vale a dire. il dispositivo può continuare a funzionare per il raffreddamento o il riscaldamento anche quando fa freddo, diventando per tutta la stagione. Il “kit invernale” comprende le seguenti attrezzature:

  • un controller dell’unità di ventilazione che controlla la sua rotazione in base alla temperatura esterna e alla modalità operativa specificata dall’utente del condizionatore d’aria. Regolando il volume del flusso d’aria verso il compressore e il condensatore, il controller impedisce che si congelino;
  • resistenza elettrica, che impedisce un aumento della viscosità dell’olio nel basamento del compressore;
  • l’elemento riscaldante per il sistema di drenaggio non consente alla condensa di diventare ghiaccio, ad es. assicura il normale deflusso di liquido dall’unità interna del condizionatore d’aria.

Selezione, installazione e funzionamento dei sistemi split. Parte 2

Il set del “kit invernale” non deve consistere in un set completo di unità – ad esempio, nel caso di drenaggio della condensa nelle fognature, non è necessario il riscaldamento del tubo di condensazione e i condizionatori d’aria con controllo del compressore dell’inverter non hanno bisogno di un controller ventilatore aggiuntivo, poiché il loro sistema di controllo è già dotato di esso.

Dotare i condizionatori d’aria di un “set invernale” allo scopo di utilizzarli per riscaldare gli alloggi è poco pratico, perché con un calo della temperatura esterna a -15 ° C e inferiore, la potenza del dispositivo climatico diminuirà drasticamente e l’efficienza sarà più che dimezzata. Pertanto, un sistema split con un “set invernale” è conveniente solo in bassa stagione, non è adatto per il riscaldamento completo degli ambienti in inverno a causa dell’elevato consumo di energia a basse prestazioni – è più facile ed economico utilizzare riscaldatori elettrici. Una tecnologia climatica in grado di raffreddare e abbassare l’umidità negli ambienti indipendentemente dal periodo dell’anno è estremamente necessaria per oggetti con elettronica complessa e costosa, il cui regolare funzionamento richiede la creazione e il mantenimento di un’atmosfera con caratteristiche rigorosamente definite..

Installazione del sistema split

Selezione, installazione e funzionamento dei sistemi split. Parte 2

Dopo aver concordato con il cliente i punti di installazione delle unità split e i percorsi per la posa dei tubi della linea freon, viene eseguita l’installazione dell’unità interna – i lavori di installazione iniziano proprio da questa unità, poiché è più facile da esporre. È necessario rimuovere il pannello di montaggio in acciaio dalla parete posteriore dell’unità asciugacapelli e usarlo come uno stencil: attaccare alla parete, segnare i fori per il fissaggio del pannello di montaggio; praticare dei fori con un punzone; fissare il pannello al muro con tasselli di plastica; appendere il blocco interno diviso su di esso. È importante assicurarsi che l’unità interna sia posizionata rigorosamente in orizzontale, altrimenti la condensa proveniente dal pallet non fluirà nel tubo di scarico, ma sul pavimento sotto il blocco – controllare l’orizzontalità usando un livello dell’edificio. Il secondo punto importante è che l’asciugacapelli deve essere posizionato in modo tale che le impugnature sul retro si inseriscano saldamente nelle fessure sul pannello di montaggio, altrimenti si formerà uno spazio visibile tra la parete posteriore dell’asciugacapelli e la parete della stanza.

Selezione, installazione e funzionamento dei sistemi split. Parte 2

Dopo aver completato l’installazione dell’unità interna del sistema split, gli installatori procedono alla costruzione di percorsi per le comunicazioni tra unità e un tubo di drenaggio. La scelta del metodo di posa del percorso è determinata dallo stato attuale della stanza: se vengono eseguite importanti riparazioni al suo interno, le scanalature vengono ritagliate nel muro, ma se il proprietario della divisione non esegue lavori di riparazione e finitura, quindi al posto delle scanalature, viene installata una scatola decorativa in PVC sul muro. Prima di installare la scatola di plastica nel muro, è necessario praticare un foro passante attraverso il quale le comunicazioni verranno successivamente passate …

Selezione, installazione e funzionamento dei sistemi split. Parte 2

Continuazione del materiale sulla corretta installazione dei sistemi split – nel prossimo articolo.

Valuta questo articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: