Selezione, installazione e funzionamento dei sistemi split. Parte 4

Sezioni dell’articolo



In questo articolo: Filtri grossolani self-service filtri aria fini – sostituibili e ricostruibili; le cause più comuni di guasto del compressore in un sistema split e come evitarle.

Rispetto ad altri tipi di elettrodomestici, i sistemi di condizionamento d’aria non sono fisicamente in grado di funzionare senza assistenza e con una frequenza rigorosamente definita. Se ti aspettavi di acquistare un sistema split, pagare per la sua installazione e da quel momento in poi per fornire le condizioni climatiche ottimali nella tua casa per molti anni toccando leggermente i pulsanti sul telecomando, questa è un’illusione. Considera i tipi di lavori preventivi richiesti per le unità di condizionamento dell’aria: alcuni di essi sono semplici ed eseguiti dai proprietari, ma alcuni dei lavori possono essere eseguiti solo da specialisti.

Servizio di filtri dell’aria grossolani

La prima linea di difesa dell’unità interna di un sistema diviso dalla polvere sospesa nell’aria sono i filtri dell’aria grossolani installati di fronte all’evaporatore del radiatore. A seconda della lunghezza dell’asciugacapelli, possono esserci da uno a tre di questi filtri. Il filtro dell’aria grosso è costituito da un telaio di plastica reticolare, in cui sono fissati diversi strati di una maglia fine e fine. Il compito di questo filtro è bloccare l’accesso all’evaporatore di polvere e altre particelle grossolane sospese nell’atmosfera della stanza.

Durante il funzionamento del sistema split, l’aria viene pompata nell’unità interna dall’unità di ventilazione, le particelle di polvere si depositano sul filtro, formando infine uno strato piuttosto denso e spesso su tutta la sua area, simile al feltro. Se il filtro non è stato pulito per lungo tempo, la “feltro” della polvere bloccherà correttamente il flusso d’aria nel condizionatore d’aria, costringendo la ventola a lavorare al massimo carico e usura.

Selezione, installazione e funzionamento dei sistemi split. Parte 4

Come si comporterà l’unità split interna quando il filtro è intasato di polvere? Il primo segno è un flusso debole di aria condizionata prodotta dal dispositivo anche quando è impostata la modalità turbo. A causa dell’insufficiente soffiaggio dell’evaporatore del radiatore, il ciclo di refrigerazione del sistema split verrà interrotto. il refrigerante che entra in essa non passa allo stato gassoso (non evapora) a causa della mancanza di aria calda, che causerà il congelamento della linea di freon e potrebbe causare il guasto del compressore. Un tipico segno di tubi di rame congelati è che dopo aver spento il condizionatore d’aria, dal phon scorrono gocce d’acqua, causate dallo scongelamento del ghiaccio formato dal condensato depositato sui tubi congelati. In casi più avanzati, grumi densi di “feltro” polveroso, incapace di rimanere sul filtro, cadranno nel contenitore della condensa e ostruiranno il tubo di scarico – il contenitore traboccerà di liquido e l’acqua si riverserà dall’asciugacapelli sul pavimento. L’ultimo argomento a favore della pulizia regolare del filtro: lo strato di polvere bagnata crea le condizioni ideali per lo sviluppo di microrganismi diversi, ad es. una divisione con un filtro intasato non solo non protegge i suoi proprietari dai virus, anzi, ne promuove efficacemente la diffusione nell’atmosfera della stanza.

Come si pulisce il filtro dell’aria? La parte più difficile di questa operazione è trovare una sedia o una scala adatta per raggiungere l’unità interna con le mani. Quindi, stiamo su una sedia, con le dita afferriamo il coperchio sul blocco sui suoi due lati, facciamo scorrere delicatamente entrambi i bordi del coperchio verso di noi, quindi lo solleviamo: il coperchio scivolerà facilmente e si bloccherà in posizione “aperta”. I filtri grossolani si trovano immediatamente dietro il coperchio: per rimuoverli, è necessario tirare la linguetta nella parte inferiore del filtro, facendo scorrere verso l’alto e liberando il telaio di plastica dalla scanalatura dell’alloggiamento dell’unità interna. Quindi devi solo estrarre e rimuovere il filtro – cerca di non scuoterlo. Quindi è necessario rimuovere lo strato di polvere con un aspirapolvere o un flusso di acqua di rubinetto (è possibile utilizzare detergenti non abrasivi e una spazzola), nel secondo caso, il filtro deve essere asciugato all’aria all’ombra – i dispositivi di riscaldamento non possono essere utilizzati per accelerare l’asciugatura!

Fino a quando non installi di nuovo il filtro pulito nel sistema diviso, non dovresti accendere il condizionatore d’aria: l’evaporatore del radiatore diventerà polveroso.

Selezione, installazione e funzionamento dei sistemi split. Parte 4

L’installazione del filtro dell’aria è semplice come rimuoverlo: avvolgere la parte superiore lungo e sopra l’evaporatore; quindi inserire la parte inferiore nella scanalatura del blocco; con un leggero sforzo di due mani, abbassare il coperchio, premendo i bordi contro il corpo del blocco fino a quando non viene fissato in questa posizione. A proposito, il rivestimento dell’asciugacapelli può anche essere rimosso e lavato con acqua e detergenti (non abrasivi) – viene rimosso dalle scanalature situate sui due lati superiori dell’unità interna.

Ogni quanto devono essere puliti i filtri a maglia larga del condizionatore d’aria? La frequenza della pulizia dipende da una serie di fattori: l’intensità del movimento delle persone attraverso una determinata stanza, la frequenza della pulizia, la presenza di tappeti, la vicinanza di strade trafficate alla casa, l’umidità, ecc. La frequenza esatta viene determinata sperimentalmente, esaminando le condizioni del filtro, tuttavia, questa operazione deve essere eseguita almeno una volta al mese o due durante il periodo di utilizzo attivo del sistema split.

Filtri dell’aria fini

Se i filtri a maglie di plastica per la purificazione dell’aria grossolana nei sistemi split sono in grado di servire a tempo indeterminato, i filtri fini sono più complessi e quindi servono solo per un certo periodo. Considerare la possibilità di pulizia e la frequenza di sostituzione di tali filtri:

  • Il filtro al carbone assorbente non può essere pulito, deve essere sostituito ogni 4 mesi;
  • Il filtro ad assorbimento di zeolite (fotocatalitica) consente di pulire in un contenitore con acqua calda e sapone per un’ora, quindi deve essere asciugato per 4 ore e sempre al sole – la luce ultravioletta romperà gli inquinanti organici accumulati in esso. Una sostituzione completa deve essere effettuata ogni 5 anni;
  • il filtro al plasma (ionizzante, elettrostatico), che attira e distrugge gli inquinanti organici, non richiede la sostituzione durante l’intero ciclo di vita della scissione – è sufficiente pulirlo con un aspirapolvere domestico una volta ogni 6 mesi;
  • il filtro antibatterico a catechina può essere lavato sott’acqua, seguito dall’asciugatura all’ombra, la frequenza di sostituzione con una nuova dipende dall’intensità della pulizia: più spesso è necessario lavarla, più velocemente è necessario sostituirla con una nuova. In media, il filtro antibatterico deve essere sostituito ogni sei mesi..

Selezione, installazione e funzionamento dei sistemi split. Parte 4

Pulizia del blocco esterno del sistema split

La polvere, che è presente nell’atmosfera esterna quasi tutto l’anno, penetra all’interno del blocco spaccato della strada e si deposita sulle unità in essa contenute, e ciò che è particolarmente negativo – sul radiatore del condensatore. Se non viene pulito per diversi anni consecutivi, le prestazioni del condizionatore d’aria diminuiranno notevolmente a causa dell’insufficiente rimozione del calore dal sistema di condizionamento dell’aria..

Selezione, installazione e funzionamento dei sistemi split. Parte 4

Il proprietario della divisione non sarà in grado di rimuovere da solo i depositi di polvere dal blocco esterno, è necessario coinvolgere specialisti, tuttavia i rappresentanti di questa professione possono prendere soldi da te e la prevenzione non è realmente fatta. Come si pulisce correttamente il blocco esterno del sistema split? È possibile rimuovere completamente la polvere dal blocco stradale in un solo modo – con spazzole speciali, accompagnate dal processo di pulizia con una fornitura costante di aria compressa a quest’area di lavoro. Spesso, i rappresentanti del servizio preventivo riempiono il blocco separato spento con diversi secchi d’acqua o usano un’idropulitrice – dispositivi simili sono usati per lavare le auto. Entrambe le opzioni sono inefficaci e quest’ultima è persino pericolosa: un potente flusso di acqua può facilmente piegare le alette del condensatore, che il proprietario non saprà nemmeno, e gli “esperti” spiegheranno il calo delle prestazioni del condizionatore d’aria dopo tale pulizia mediante lo sviluppo di una risorsa, condizioni climatiche difficili, ecc..

Si consiglia di pulire completamente il blocco stradale del sistema split almeno una volta ogni 2 anni e una volta all’anno – con l’uso tutto l’anno del condizionatore d’aria.

Prevenzione del sistema split

Ogni anno il circuito freon di un condizionatore a due unità perde fino all’8% del refrigerante e queste perdite rientrano nell’intervallo normale, ad es. sono abbastanza comuni con un’installazione split ben eseguita. Il motivo risiede nella particolare connessione dei tubi di rame che collegano l’un l’altro tra le unità interna ed esterna: è impossibile collegare i tubi svasati ai raccordi a blocco diviso in modo che non vi siano perdite..

Selezione, installazione e funzionamento dei sistemi split. Parte 4

Il mancato rifornimento di carburante, almeno una volta ogni due anni, comporterà una riduzione e, nel tempo, una completa perdita delle prestazioni a freddo in questa unità di condizionamento dell’aria. Se la capacità di raffreddamento diminuisce, la rottura del compressore è inevitabile. durante il funzionamento, questa unità, che è estremamente necessaria per qualsiasi sistema di refrigerazione, si surriscalda ed è il freon che la raffredda – se non c’è abbastanza freon, allora non ci sarà il raffreddamento del compressore. Un compressore surriscaldato si incepperà, dovrà essere sostituito e il costo di questa unità è del 40–45% del prezzo dell’intero sistema split.

Durante un’ispezione visiva dell’unità esterna con l’involucro rimosso, si può immediatamente capire che non c’è abbastanza refrigerante: si osservano brina e glassa parziale nell’area di collegamento dei raccordi e dei tubi di rame del dispositivo che stava funzionando prima dell’ispezione. La misurazione delle temperature operative all’ingresso e all’uscita della linea di freon nell’unità esterna contribuirà a confermare i sospetti – la differenza tra loro deve essere di almeno 8 ° С.

Quattro cause principali di malfunzionamento del compressore diviso

Il leader di questo elenco è l’installazione mal eseguita: mancanza di vuoto, violazioni nella costruzione del circuito freon, perdite di connessioni dello starter, lavorazione di bassa qualità dei tubi di rame durante la loro espansione.

La tecnica di aspirapolvere è descritta nella parte precedente dell’articolo, se lo si ignora o lo si fa in qualche modo, l’aria e l’umidità rimarranno nel circuito di refrigerazione, il che di solito porta a una rottura dell’avvolgimento del motore del compressore. L’aria e l’acqua causeranno ancora più danni se la linea di freon viene caricata con refrigeranti moderni come R410A – l’olio di poliestere utilizzato in sistemi con tali freon assorbe perfettamente l’umidità, il che ne modifica le prestazioni. Di conseguenza, la qualità della lubrificazione del compressore diminuisce, si blocca.

Selezione, installazione e funzionamento dei sistemi split. Parte 4

Una serie di irregolarità nella costruzione del circuito di refrigerazione – ignorando pendenze e circuiti di sollevamento dell’olio, rotture dei tubi, lunghezza della tubazione troppo corta o eccessiva, ecc. – riduce anche la qualità della lubrificazione del compressore, che porta al suo inceppamento e al completo fallimento.

La qualità mediocre della connessione dei tubi di rame svasati con i raccordi del compressore, come già accennato, causerà grandi perdite di refrigerante e, di conseguenza, il surriscaldamento del compressore..

Un altro motivo per il malfunzionamento del “cuore” del condizionatore d’aria, derivante da lavori di installazione eseguiti in modo inadeguato, è la penetrazione di particelle solide nel circuito frigorifero: trucioli di rame, frammenti di flusso e saldatura.

Scegliere attentamente il team di installazione che installerà il condizionatore d’aria!

Al secondo posto c’è il completo disprezzo delle condizioni operative dei dispositivi climatici fornite nelle istruzioni dai proprietari dei sistemi split. Molto spesso, su base casuale, non viene rispettato il limite di temperatura inferiore per le divisioni reversibili: l’unità si accende a basse temperature esterne, per le quali non è progettata. Contrariamente alla semplice logica, il compressore non si raffredda a temperature esterne alla finestra inferiori allo zero, ma si riscalda ancora di più, poiché il freddo atmosferico riduce la densità del refrigerante, pertanto al compressore viene erogato meno freon del necessario. E poiché è il freon che raffredda il compressore, quest’ultimo si surriscalda e inevitabilmente fallisce..

Selezione, installazione e funzionamento dei sistemi split. Parte 4

Inoltre, i tentativi di riscaldare l’ambiente usando una divisione a basse temperature all’esterno della casa potrebbero causare un colpo d’ariete, colpire il compressore e disabilitare l’unità. Il motivo del colpo d’ariete nel circuito di refrigerazione del condizionatore d’aria è il seguente: il liquido libero, che non è evaporato a causa delle basse temperature esterne, entra nel sistema di valvole della linea che fornisce refrigerante dall’unità interna.

Nella stagione fredda, il ghiaccio formato su di essi provoca gravi danni alle unità dell’unità esterna. Uno strato di ghiaccio che cresce sul radiatore del compressore rompe le pale dell’unità di ventilazione e quando il ghiaccio si accumula sulle pale, la loro rotazione diventa difficile o completamente bloccata, a causa della quale il motore della ventola si brucia..

Non accendere il sistema split a temperature esterne, il cui livello è vicino e, inoltre, uguale a quello specificato nelle istruzioni per il dispositivo.!

Il terzo posto tra i motivi della rottura del compressore del sistema split è occupato da componenti di dubbia qualità, prima di tutto: tubi di rame di bassa qualità. È estremamente difficile rilevare un difetto in un tubo di rame non solo nella fase di installazione, ma anche dopo il suo completamento..

Non dovresti provare a risparmiare sui componenti usando analoghi più economici di origine sconosciuta! Deve essere acquistato solo da fornitori specializzati e noti.

All’ultimo posto c’è il difetto di fabbrica dei compressori. I grandi produttori non consentiranno ai loro prodotti di passare l’ispezione a un livello inappropriato, perché ciò influisce sul “volto dell’azienda”, quindi il tasso di scarto tra i compressori prodotti con marchi noti è vicino allo zero. Le unità di bassa qualità si trovano in sistemi divisi di marchi poco noti assemblati in paesi del terzo mondo.

Selezione, installazione e funzionamento dei sistemi split. Parte 4

Acquistando un compressore economico ma discutibile come parte di un sistema diviso o separatamente, corri il rischio di spendere due volte i tuoi soldi – la prima volta per acquistare e pagare per l’installazione di un’unità economica, e la seconda volta per acquistare un modello marchiato con lo smantellamento del compressore precedente e il pagamento per l’installazione di uno nuovo..

Alla fine

La manutenzione preventiva non è necessaria per il condizionatore d’aria monoblocco per frigorifero e finestra, finestra o cellulare – il loro circuito è assemblato in fabbrica, quindi non vi è alcuna perdita di freon dal sistema. Non si può dire lo stesso dei sistemi divisi, perché devono pompare il freon di un certo marchio e senza fallo. I tentativi di risparmiare sulla manutenzione porteranno a una sola cosa: il sistema di climatizzazione fallirà e può essere ripristinato solo per un importo molto più grande, perché la sostituzione di un compressore non è mai economica.

Il prossimo materiale del ciclo “sui sistemi climatici” è dedicato alle malattie, in un modo o nell’altro associate ai sistemi di condizionamento dell’aria e ai metodi di protezione preventiva contro di loro.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy