Forni autolivellanti

Sezioni dell’articolo



In questo articolo: quali materiali sono adatti per affrontare stufe e caminetti; come realizzare una soluzione per incollare il rivestimento; come definire l’argilla “grassa” e “secca”; come scegliere le piastrelle per i forni di rivestimento; fasi di rivestimento stufe con piastrelle e piastrelle in ceramica.

Forni autolivellanti

La progettazione delle case di campagna, di norma, include la creazione di stufe o caminetti: il fuoco vivo in esse è un tributo ai nostri antenati, una sorta di legame tra generazioni. Per quanto riguarda il rivestimento di stufe e caminetti, questa operazione include compiti sia decorativi che funzionali. Grazie al rivestimento finito, la perdita di prodotti della combustione attraverso le cuciture in muratura e le crepe accidentali è completamente esclusa nel forno e il suo trasferimento di calore aumenta. E, soprattutto, è facile rimuovere i depositi di polvere dalle superfici rivestite – un’operazione importante non solo dal punto di vista dell’igiene, ma anche dal punto di vista della salute della casa, perché quando il forno si riscalda, la polvere depositata su di essa rilascia attivamente tossine nell’aria.

L’unica cosa è che stufe e caminetti sono difficili da coprire, poiché la maggior parte dei materiali di finitura e malte cementizie non funzioneranno per questo. I forni possono essere rivestiti solo con piastrelle o piastrelle di ceramica, usando una soluzione di argilla come materiale legante. Come farlo – vedi questo articolo.

Come scegliere l’argilla per il rivestimento dei forni

Prima di tutto, i campioni di argilla devono essere testati per “contenuto di grassi” e “secchezza”. Questo viene fatto come segue: posizionare un campione di argilla in un contenitore d’acqua e mescolare leggermente – se l’argilla si attacca alla spatola, è troppo oleosa; se la spatola viene macchiata solo con uno strato sottile, questo campione di argilla è troppo secco. Nel primo caso, per ottenere una soluzione di argilla di alta qualità, è necessario aggiungere sabbia fine, nel secondo, combinare l’argilla secca con altra argilla oleosa. L’argilla di alta qualità, se posta in acqua e mescolata, si attaccherà alla spatola solo in alcuni punti (cioè, frammentariamente) – è ideale per affrontare il lavoro.

Il secondo metodo per testare l’argilla per l’idoneità al lavoro di rivestimento è quello di formare fasci da esso, lunghi circa 200 mm e spessi 10 mm, facendoli rotolare su una tavola, come un impasto. Avendo preparato un tale laccio emostatico, allungalo: l’argilla oleosa si allungherà come la gomma e non si spezzerà quando si piega; l’argilla secca praticamente non si allungherà e si spezzerà immediatamente e, una volta piegata, apparirà immediatamente un gran numero di crepe. L’argilla di alta qualità si comporterà come segue: si allungherà leggermente e mostrerà una rete di crepe nel sito della curva.

Come preparare una soluzione di argilla

Per fare questo, l’argilla deve essere collocata in una depressione di metallo o di legno e riempita d’acqua, lasciandola in questo stato per tre giorni. Dopo il periodo di ammollo, dovrai sciacquare a fondo l’argilla, usando i piedi per questo – mettiamo gli stivali, arrampichiamo in un contenitore con argilla imbevuta e risciacquiamo fino a quando non rimane più un grumo. Per ridurre il contenuto di grassi dell’argilla (se è grassa), aggiungi porzioni di sabbia mentre lavori con i piedi: il risultato dovrebbe essere una soluzione di argilla cremosa. Ti avvertirò subito: questo lavoro richiederà molto tempo e la qualità della soluzione di argilla dipende in gran parte da esso..

piastrelle

È un classico materiale di rivestimento del forno, una piastrella di argilla decorativa sparata in un forno ad alta temperatura. Il lato anteriore della piastrella è decorato con un motivo e coperto di smalto, il retro è realizzato sotto forma di una scatola aperta – groppa.

Preparazione di piastrelle per lavori di rivestimento

Le piastrelle sono suddivise in cornicione, angolo e piatto, il loro lato anteriore può essere in rilievo o liscio, smaltato (maiolica) e non smaltato (terracotta). Il retro della piastrella, realizzato a forma di scatola, è destinato a fissarlo alla superficie del forno mediante perni in acciaio e filo flessibile del forno. Il rivestimento con piastrelle dovrebbe essere assunto anche nella fase di creazione di caminetti e stufe, sigillando le estremità dei perni e degli elementi di fissaggio a filo nella muratura.

Selezione e preparazione di piastrelle per lavori di rivestimento

Per quanto riguarda il disegno, qui tutto è individuale, l’importante è che corrisponda al design generale e allo scopo della stanza. Quando si scelgono le piastrelle, è necessario tenere presente che differiscono tutte per colore, alcune deviazioni in termini di dimensioni, scopo e forma (a seconda della posizione di installazione – angolo, cornice, ecc.). Coloro. il concetto di “matrimonio” in relazione a questo materiale di finitura viene applicato in modo abbastanza flessibile – questa caratteristica delle piastrelle è associata alla tecnologia della loro produzione, che richiede una quota significativa del lavoro manuale.

Le piastrelle acquistate per affrontare una stufa o un camino devono essere ordinate in base alle differenze di dimensioni, quindi a ciascun gruppo dovrà essere assegnata una dimensione determinata come riferimento.

Come dimensionare le piastrelle nella dimensione richiesta? Per fare questo, è necessario un coltello affilato, con l’aiuto del quale si formano le forme rettilinee delle piastrelle. Le linee curve sono create con una piastra in acciaio curva a spigoli vivi. Inoltre, i colpi dovrebbero essere applicati non con un martello, ma con un pezzo di tubo adattato per questo – toccando lungo l’intera lunghezza della piastra di taglio.

Dopo aver rimosso i frammenti in eccesso di piastrelle, è necessario macinarli su una pietra abrasiva a grana fine, dando alla piastrella una leggera forma trapezoidale (il lato più corto è il davanti). Questa operazione richiede particolare attenzione e precisione, poiché esiste una grande minaccia di danni alla superficie frontale vetrata..

Come tagliare una piastrella

La segatura con uno strumento convenzionale, come un coltello dentellato, una sega o una smerigliatrice nel caso di piastrelle piastrellate, è inaccettabile, poiché il danno alla sua parte frontale con tale strumento è inevitabile. L’unico modo è questo: lungo la linea del taglio futuro, viene eseguito un taglio leggero (largo fino a 4 mm) usando una taglierina affilata e un righello di metallo, quindi viene utilizzato un filo di acciaio sottile, lungo circa 1000 mm.

piastrelle

È fissato da un’estremità attorno a qualsiasi oggetto rigidamente fisso (di regola, un palo di metallo) e l’altra estremità è avvolta da un bastone di legno (solo uno di legno!). Il filo utilizzato per tagliare la piastrella deve avere un diametro inferiore alla larghezza della scanalatura realizzata sulla piastrella con un tronchese. Un bastoncino di legno con un filo attaccato ad esso viene posizionato su uno sgabello, è necessario sedersi su di esso e tirare il filo metallico, spingendo lo sgabello a una distanza sufficiente. Successivamente, procedere all’operazione di taglio: tenendo la piastrella con due mani e posizionandola in una scanalatura sul filo, è necessario spostarsi “verso se stessi” lungo il filo, premendo leggermente la piastrella sul filo fino a quando la piastrella non viene segata. Tutti i tentativi di ridurre la quantità di lavori di segatura con seghe incomplete e colpire il taglio danneggeranno inevitabilmente lo strato di smalto, quindi non provare ad accelerare questo lavoro! La prossima è la linea di macinazione.

Di fronte a stufe e caminetti con piastrelle

La prima cosa da considerare quando si decide di piastrellare la stufa con piastrelle è che questo lavoro, a differenza del rivestimento con piastrelle in ceramica, deve seguire da vicino la costruzione della stufa. La risposta alla domanda “perché” è perché i dispositivi di fissaggio del filo per le piastrelle devono essere incorporati nella muratura del forno nella fase di costruzione del forno, altrimenti non possono essere installati. Se il tuo forno è già stato completato e le piastrelle non sono state piastrellate, l’unica opzione di rivestimento saranno le piastrelle di ceramica.

Di fronte a stufe e caminetti con piastrelle
Di fronte alla stufa con piastrelle, vista dal retro delle piastrelle. a – dettagli piastrella: 1 – piastra, 2 – lato anteriore, 3 – fori per perni, 4 – groppa. b – piastrelle di fissaggio: 1 – mattone, 2 – piastrelle, 3 – groppa, 4 – perni, 5 – graffette, maglia a 6 fili, 7 anelli.

L’ordinamento e il montaggio delle piastrelle sono già stati eseguiti, stiamo iniziando a installarli. Prima di tutto, ogni piastrella deve essere inumidita in acqua prima dell’installazione per ottenere una migliore adesione alla superficie della stufa. Il processo di rivestimento della fornace inizia con il fissaggio delle piastrelle angolari nella fila inferiore: i loro bordi devono essere sottilmente rivestiti con una soluzione di argilla e uno strato spesso di soluzione deve essere posizionato sotto la barra del timone. L’intero rivestimento della stufa dipende da quanto verrà verificata la posizione verticale / orizzontale delle piastrelle angolari – assicurati nel modo più attento nella posizione ideale di queste piastrelle, usando sia i livelli di costruzione orizzontali che verticali.

Dopo aver installato le tessere angolari, adagiare una fila di piastrelle asciutte tra loro, provarle al loro posto, carteggiarne alcune per adattarle l’una all’altra: questa operazione deve essere eseguita con ogni nuova fila! Dopo esserti assicurato che ogni piastrella nella fila sia nella posizione migliore, smonta la fila stesa a secco e stendila di nuovo, ma già su un mortaio di argilla, posiziona solo una scatola aperta di piastrelle (rumpa) – riempiendola completamente, senza vuoti.

Ogni riga successiva di piastrelle deve essere separata dalla precedente da una cucitura orizzontale di spessore non superiore a 3 mm – questa misura consentirà alla muratura a cui sono attaccate di depositarsi con esse.

Ogni nuova fila di tessere viene accuratamente controllata per verificarne l’orizzontalità / verticalità, evitando scostamenti. Di fronte ai forni, le piastrelle devono essere verticalmente adiacenti l’una all’altra: le cuciture verticali non sono riempite con malta, poiché non dovrebbero esserci spazi vuoti. Le cuciture orizzontali devono essere riempite con malta di argilla.

L’installazione delle piastrelle intermedie dovrebbe essere fatta come segue: mettiamo la piastrella vicino alla piastrella angolare e, tenendola con una mano, riempiamo le cavità tra le cazzuole con malta di argilla, premendoci dentro pezzi di mattoni da forno (non resistenti al calore, ma da forno!) In modo che si uniscano l’un l’altro il più strettamente possibile, senza lacune. Eventuali vuoti o crepe si trasformeranno in sacche d’aria e impediranno al rivestimento del forno di riscaldarsi. Come risultato di questa installazione, viene creato un rullo di malta tra ogni coppia di piastrelle, fissandole al loro posto..

Dopo aver posato due piastrelle su un mortaio di argilla, è necessario infilare i perni di filo d’acciaio nei fori esistenti della barra (spessore del filo 4-5 mm, lunghezza 30 mm in più rispetto all’altezza della barra). Per evitare che i perni scivolino verso il basso, devono essere piegati dall’alto con un gancio, che poggerà sulla barra del timone. Per eliminare completamente gli spazi tra le piastrelle, è necessario avvolgere tre volte le estremità sporgenti di due perni delle piastrelle vicine con il filo del forno, inserire un chiodo tra il fascio di fili e usarlo per torcere, tirando le piastrelle insieme.

Sui lati e sul fondo, è necessario installare le staffe sui trompel: sono realizzate in acciaio da forno (spessore 2 mm, larghezza 15 mm, lunghezza 100 mm). È importante che l’acciaio da cui verranno tagliate le graffette sia duro ed elastico – questo è l’unico modo per ottenere graffe di sufficiente affidabilità. Quando si installano le graffette sui denti, è necessario fare uno sforzo per allargare le estremità ai lati: se le graffette non saltano, l’intero significato della loro installazione viene completamente perso.

Rivestimento della fornace

Ora devi riparare le piastrelle nella muratura. Per fare ciò, fissare su ogni perno pezzi di filo del forno (due o tre su ciascun perno) in modo da formare degli anelli. Queste cerniere devono essere portate a livello della muratura in modo da essere bloccate dalle file di mattoni poste in alto. Posizionare le estremità sporgenti delle cerniere dietro la muratura. Le cavità inferiori della barra del timone devono essere riempite con una soluzione di argilla, premendo pezzi di mattoni del forno, inumidendoli in acqua – non dovrebbero esserci vuoti nella cavità del trogolo.

Quando si posano le stufe, è noioso posare la prima fila vicino alla fila piastrellata, riempiendo tutti i vuoti con una soluzione di argilla. Successivamente, è necessario collegare gli anelli ai perni passati attraverso i fori della groppa, metterli sulla fila di mattoni disposta e bloccare la fila successiva di mattoni. Gli occhielli dovrebbero fissare le piastrelle con ogni nuova fila di mattoni lungo l’altezza della piastrella. Poiché le cerniere preinstallate sulle piastrelle interferiranno in modo significativo con il lavoro, metterle nel corso del lavoro di muratura.

Dopo aver finito il rivestimento, pulire la sua superficie con uno straccio, rimuovendo lo sporco e le macchie di argilla. Preparare un impasto liquido di gesso e distribuirlo su tutto il rivestimento, prestando particolare attenzione alle cuciture. Osserva l’intonaco non appena si deposita: rimuovilo e fai aderire lo sporco con uno straccio pulito, lasciando l’intonaco solo lungo le cuciture del rivestimento. Per una migliore pulizia della superficie delle piastrelle, utilizzare carta morbida: rimuoverà tutte le particelle di gesso che sono invisibili all’occhio. Il gesso nelle cuciture tra le piastrelle le evidenzierà in bianco.

Ultimi suggerimenti:la prima fila di piastrelle dovrebbe essere più scura delle successive, quindi si otterrà una transizione graduale del rivestimento delle piastrelle da più scuro a più chiaro. Al termine della posa e del rivestimento del forno, è necessario mettere da due a tre settimane per asciugare il forno – non è possibile accendere un fuoco prima che scada il periodo di asciugatura.

Piastrelle fornace

Solo pochi tipi di piastrelle sono adatti a questo compito: terracotta, maiolica, clinker e gres porcellanato. Terracotta – piastrelle con una base colorata, creata premendo. È estremamente resistente e ha una base altamente porosa. La maiolica è prodotta allo stesso modo della terracotta: la differenza è che uno strato di smalto viene applicato su questa piastrella. Le piastrelle del clinker sono realizzate con una miscela di diversi tipi di argille, con l’aggiunta di chamotte e coloranti. Le sue caratteristiche principali sono lo spessore elevato, l’elevata resistenza meccanica, la bassa porosità e la resistenza alle alte temperature. Il gres porcellanato, che ha una struttura monolitica e non porosa, ha proprietà simili..

Forni per piastrellatura

Prima di tutto, dovrai preparare la superficie della stufa e dei giunti in muratura per il rivestimento: nel primo caso, viene eseguita una pulizia accurata dello sporco e della polvere, nel secondo caso, la giunzione parziale dei giunti in muratura a una profondità di 10 mm. Se la superficie della stufa è stata verniciata, sarà necessario rimuovere completamente la vernice con una spazzola di setole metalliche o coprire la superficie sopra lo strato di vernice con una rete metallica (maglia non più di 150×150 mm).

Per fissare la rete metallica, utilizzare chiodi da 100 mm posizionando su di essi larghe rondelle metalliche e martellando le cuciture tra le file di mattoni. È possibile utilizzare il fissaggio su viti autofilettanti praticando dei fori nel mattone (trapano D 4-5 mm). Prima di posare le piastrelle, applicare uno strato di malta di cemento-argilla sulla superficie del forno coperta da una rete (composizione: cemento: sabbia: argilla, come 1: 0,2: 3 – utilizzare cemento con un grado di almeno 400).

Rivestimento della fornace con piastrelle

Attendere che lo strato sia completamente asciutto e procedere con il montaggio e l’incollaggio delle piastrelle di ceramica. Prima di incollare ogni nuova riga, regolare e tagliare le piastrelle (il taglio viene eseguito con un tagliavetro o una macchina speciale per il taglio di piastrelle in ceramica). Per una completa fiducia nella posizione orizzontale delle piastrelle disposte, contrassegnare la superficie del forno con un cavo orizzontale, la cui tensione è fornita dal carico alla sua estremità.

La prima fila di piastrelle è disposta sul fondo del forno. L’applicazione della malta cemento-argilla sul retro della piastrella viene eseguita utilizzando una spatola a denti rettangolari. La piastrella con la soluzione applicata deve essere premuta con le mani sulla superficie del forno, battuta, se necessario, con un martello di gomma. Prima di tutto, viene posata un’intera piastrella di ceramica, ultima volta.

Per allineare gli spazi vuoti, installare le stesse croci di plastica tra le piastrelle (i set di questi sono venduti in qualsiasi negozio di materiali da costruzione) – due sui lati verticale e orizzontale di ciascuna delle piastrelle incollate. Durante l’incollaggio, assicurarsi che le cuciture non siano completamente riempite – circa la metà. Ciò è necessario per conferire al rivestimento un migliore effetto decorativo..

Monitorare attentamente la posizione delle piastrelle, allinearle, se ci sono distorsioni – usare i livelli dell’edificio e controllare la posizione piatta delle piastrelle – una guida uniforme. Dopo aver completato l’installazione delle piastrelle, pulire la superficie del rivestimento con un panno pulito e asciutto, rimuovendo le strisce di malta e sporco.

Trascorsi 3 giorni dalla fine del rivestimento in piastrelle di ceramica del forno, è necessario riparare i giunti delle piastrelle. Per fare questo, preparare una malta cementizia che assomigli alla consistenza della plastilina, applicarla su una spatola di gomma e rivestire le cuciture. Dopo un altro giorno, il rivestimento del forno è completamente finito e il forno è pronto per l’uso..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy