Le fondamenta della casa: lastra monolitica fai-da-te

Sezioni dell’articolo



A causa del rapido sviluppo del mercato immobiliare privato, si stanno sviluppando aree con condizioni idrogeologiche sempre più inadatte. Se ti trovi di fronte a un tale problema personalmente – studia la tecnologia del dispositivo di uno dei tipi più stabili di fondazione – una lastra monolitica.

Le fondamenta della casa: lastra monolitica fai-da-te

Caratteristiche del comportamento di base

Su terreni sospesi, subsidenza e saturi d’acqua, il modo principale per garantire la stabilità di un edificio è considerato una base galleggiante. L’idea principale di una tale fondazione è che il suolo abbia, seppur basso, una densità relativamente uniforme. Per questo motivo, la probabilità di concentrazione dello stress viene generalmente trascurata. Tuttavia, non bisogna dimenticare che, sebbene il terreno sotto la fondazione abbia una reazione uniforme, il carico dalle pareti stesse sarà concentrato in qualsiasi condizione..

Fondazione lastre

Questo è il motivo per cui, nel calcolare una lastra monolitica come base, dovrebbe essere garantita almeno la sua resistenza strutturale per la deflessione sotto l’influenza delle pareti attorno al perimetro. Con una pianificazione competente e responsabile, viene fissato un margine di sicurezza di circa il 20-30% per la lastra in caso di un cambiamento imprevisto della situazione idrogeologica. L’approccio più scrupoloso tiene conto di tutti i carichi e gli impatti secondo SP 20.13330.2011:

  1. Costante: il peso delle strutture edilizie, compresa la lastra stessa, il carico operativo degli edifici (150-200 kg / m2), peso dell’attrezzatura installata o del trasporto.
  2. Temporaneo: neve, il peso dei materiali da costruzione immagazzinati all’interno dell’edificio prima del completamento della costruzione, le forze del gelo che solleva il suolo e la concentrazione di carichi costanti da essi causati.
  3. Speciale: sovraccarichi della fondazione dovuti a cambiamenti irreversibili nella struttura del suolo, sismici, nonché sollecitazioni derivanti da una fiamma di fuoco.

I due modi principali per aumentare la resistenza della base della lastra ai carichi è di aumentarne lo spessore e aumentare il contenuto di elementi di rinforzo. Una lastra monolitica è una fondazione di tipo superficiale o generalmente non sepolto, il che significa che la sua reale stabilità è limitata dalla capacità di supporto del suolo alla profondità dello strato preparatorio. Se il carico per l’edificio supera il prodotto della capacità di supporto dell’area della base, nessun trucco con il rinforzo della lastra aiuterà: l’edificio si abbasserà inevitabilmente fino a quando non colpisce uno strato sufficientemente denso di rocce sedimentarie. È impossibile prevedere l’uniformità dell’insediamento con tale comportamento, al contrario – l’apparizione di un rotolo durante tali processi è praticamente garantita.

Schema di fondazione della lastra Schema di fondazione della lastra: 1 – terreno compatto; 2 – geotessile; 3 – cuscino di sabbia; 4 – geotessile; 5 – tampone di ghiaia; 6 – impermeabilizzazione; 7 – isolamento termico (polistirolo espanso); 8 – rinforzo; 9 – lastra monolitica

L’analisi della resistenza di una lastra di fondazione monolitica può essere eseguita esattamente come per una lastra da pavimento, a condizione che il carico applicato sia considerato distribuito. La lastra di fondazione, indipendentemente dalle dimensioni, non può avere uno spessore inferiore a 200 mm: questo è l’indicatore minimo per garantire gli strati superiore e inferiore di calcestruzzo e la corretta separazione del rinforzo dal centro. La forza di una tale lastra è più che sufficiente per la costruzione di una casa a un piano con una soffitta fatta di blocchi leggeri o una struttura del telaio ancora più leggera. Per gli edifici a due piani, è consuetudine assumere lo spessore nell’intervallo 220-230 mm con un corrispondente aumento delle dimensioni delle aste di rinforzo, in presenza di un piano seminterrato – 300 mm. È anche possibile aumentare la rigidità della lastra senza aumentare lo spessore, ma a causa di una configurazione spaziale più favorevole, ad esempio, con il posizionamento di irrigidimenti sotto le pareti portanti..

Costruzione e preparazione della fossa

Per la lastra di fondazione, di solito si pratica per rimuovere lo strato di terreno fertile superiore. Una fondazione fluttuante può anche poggiare su terreno sciolto, tuttavia, migliore è la preparazione, meno pronunciate saranno inizialmente le manifestazioni di restringimento. La compattazione è necessaria per la preparazione ed è molto problematico eseguirla se il terreno presenta elevata plasticità e viscosità. Ma l’approfondimento risolve non solo questo problema: questo riduce la perdita di calore dell’edificio, inoltre la lastra può trovarsi a quasi tutte le profondità, il che consente di costruire un seminterrato.

Pozzo di fondazione per fondazione di lastre

Le dimensioni della fossa e del cuscino dovrebbero essere maggiori di 70–100 cm rispetto alla lastra su ciascun lato per la costruzione tecnologica dell’area cieca. Quando il terreno del cantiere è stato rimosso e rimosso, il fondo e le pareti vengono pulite a mano per ottenere la geometria corretta. Una lastra monolitica può essere installata solo su sezioni orizzontali con una pendenza naturale non superiore a 2: 100, altrimenti si dovrà ricorrere al terrazzamento.

La preparazione per la lastra consiste nel disporre un substrato igroscopico incomprimibile. In alcuni casi, ha senso rimuovere e trasferire strato per strato e tamponando uno strato di supporto di terreno di 50-70 cm, ma nella pratica normale, la sua superficie è semplicemente compressa senza arare. Successivamente, la fossa viene coperta con geotessili con una densità di almeno 200 g / m2, evitando che l’argine venga spinto nel terreno. Uno strato di sabbia fluviale viene versato in cima con una TAZZA di non più di 1,1. Lo strato di preparazione della sabbia è approssimativamente uguale allo spessore della lastra, ma può essere più spesso. La sabbia deve essere versata in strati di 50-70 mm e accuratamente compattata dalle vibrazioni. Ogni strato è livellato con una regola secondo i fari compattati precedentemente versati impostati a livello o livello idraulico. Lo strato di finitura superiore deve essere rimosso con un livello sul piano orizzontale con una tolleranza non superiore a 2 mm / m.

Posa di geotessili sotto una base di lastre

Sulla parte superiore della sabbia, viene posato un altro strato di geotessile e viene versata ghiaia di granito con uno spessore totale dello strato fino a 15 cm. È ottimale se l’argine di ghiaia è disposto in due strati: quello inferiore con una frazione di 15–25 e quello superiore con una frazione di 5–20. La preparazione della ghiaia può essere sostituita con una fondazione del marchio M100 o M150, il suo compito principale è distribuire il carico sul cuscino e fornire un piano piatto per il dispositivo della torta della lastra. Entrambi gli strati di sabbia e ghiaia dovrebbero essere assolutamente densi dopo il completamento del riempimento in modo che non rimangano segni di scarpa sulla sabbia e la ghiaia non prema sotto il peso dell’attrezzatura da costruzione. Se lo strato di supporto del terreno non è rappresentato da argilla densa, si può compattare sciacquando con piccole porzioni di acqua..

Installazione della cassaforma

A causa della piccola altezza della lastra, la cassaforma per essa è disposta secondo lo schema più semplice. Nella maggior parte dei casi, è rappresentato da una fila di ponti attorno al perimetro, assemblati da materiali in fogli su un telaio in legno 60×60 mm. Dovresti essere consapevole che durante la costruzione di una lastra monolitica, le pareti della fossa non vengono utilizzate come stampo di colata..

A causa della bassa altezza del prodotto in calcestruzzo, la cassaforma non subisce una pressione statica significativa, tuttavia, a causa della grande massa di calcestruzzo, è soggetta a forti colpi d’ariete. Per questo motivo, sia la parte superiore che inferiore della cassaforma richiedono un supporto affidabile contro il suolo. Ciò si ottiene guidando traversine di legno a una distanza di 80–100 cm dall’esterno dei ponti. I distanziali dalle assi sono avvitati ai traversine: uno orizzontale per sostenere la cintura inferiore del ponte e uno inclinato per la parte superiore.

Cassaforma per solaio

La principale vulnerabilità della cassaforma per la lastra di fondazione è considerata come angoli esterni ed interni diritti. Oltre a supportare i ponti convergenti, sono inoltre fissati con bretelle o angoli metallici sospesi. Le parentesi graffe devono rimanere fino alla fine dello scarico del calcestruzzo nello stampo, possono essere rimosse prima del livellamento.

Drenaggio, impermeabilizzazione e isolamento

Poiché la fondazione della lastra si trova di solito nello strato di terreno gelido, è necessaria la sua impermeabilizzazione. Il grado di capacità di localizzazione dell’idrobarrier è determinato dall’altezza GWL. Per impedire la penetrazione capillare dell’umidità nel calcestruzzo, sono sufficienti impermeabilizzanti per film o feltro per coperture con saldatura di una sovrapposizione di tessuti di circa 100 mm.

Se il livello delle acque sotterranee sale al piano di assestamento del preparato, è necessario l’uso di membrane impermeabilizzanti, la cui sovrapposizione viene sigillata con un rivestimento impermeabilizzante. L’idro-barriera è posata con una sovrapposizione sulle pareti della cassaforma, negli angoli interni il materiale deve essere accuratamente rifilato in modo da non violare la geometria dello stampo di colata.

Impermeabilizzazione della fondazione della lastra

In alcuni casi, invece di utilizzare membrane costose, ha senso abbassare artificialmente il GWL mediante drenaggio. Questo deve essere fatto anche prima della preparazione della sabbia e della ghiaia: lungo il contorno della fossa viene scavata una trincea profonda circa 25-30 cm, coperta da geotessili. I tubi del sistema di drenaggio sono inseriti all’interno con una pendenza verso un punto di raccolta comune, dove è montato un pozzo di drenaggio. Prima di avviare il dispositivo di preparazione, le trincee del sistema di drenaggio sono riempite con una grande pietra frantumata, che viene accuratamente speronata.

Drenaggio della fondazione della lastra

L’isolamento di una lastra monolitica non è richiesto nei casi in cui l’edificio verrà riscaldato in inverno. Due fonti di calore – geotermica e permeare la stufa – mantengono una temperatura positiva sotto l’edificio. Le perdite di calore da sotto il solaio possono anche essere evitate isolando l’area cieca. Per edifici non riscaldati, si pratica la posa di polistirene espanso PSB-S 25, che ha una resistenza a compressione di almeno 120 kPa, sopra lo strato di preparazione delle piastre. Quando si posa l’isolamento sotto il solaio, l’impermeabilizzazione è sempre posta sotto protezione termica.

Isolamento termico della fondazione della lastra

Schemi di rinforzo utilizzati

Lo schema classico di rinforzo di una lastra monolitica è costituito da due file di maglie costituite da aste AIII con un diametro da 12 a 16 mm. La dimensione della cella di entrambe le maglie è compresa tra 20 e 25 mm, quindi lo spessore dell’armatura viene scelto in base al contenuto minimo di acciaio di circa lo 0,2% in entrambe le sezioni trasversali della lastra.

L’installazione dei raccordi inizia con l’installazione di tappi distanziatori che forniscono uno spessore dello strato protettivo di 50 mm. Le aste di rinforzo longitudinali sono posate sui tappi, situati con un passo di 20–25 cm, e su di essi – trasversali, formando così una maglia. Tutte le intersezioni del rinforzo sono collegate, una barra verticale è saldata a ogni terzo per distanziare la fila superiore del rinforzo.

Rinforzo della fondazione della lastra

Le barre longitudinali della terza fila sono saldate alle barre, quindi quelle che non hanno un fissaggio rigido al rinforzo strutturale verticale vengono posizionate nello stampo. Sulle aste longitudinali saldate vengono applicate e legate le aste trasversali, quindi le restanti vengono sollevate e legate ad esse dal basso, mantenendo il passo di installazione nominale. Se necessario, aumentare la lunghezza delle aste di rinforzo, sono legate con una sovrapposizione di almeno 50 diametri nominali.

Rinforzo della fondazione della lastra

Se, secondo il progetto, la lastra presenta nervature di irrigidimento inferiori, esse sono formate mediante trincee nello strato di preparazione, rinforzate con cassaforma permanente in lamiera. Allo stesso tempo, lo spazio tra le trincee – i cosiddetti sandbox – è compattato e allineato lungo i bordi superiori della cassaforma delle nervature. Il rinforzo delle sporgenze viene eseguito con inserti incorporati a forma di U, che vengono successivamente collegati a entrambe le file della rete di rinforzo della lastra. Come rinforzo di lavoro per le nervature, vengono utilizzate due file di aste, situate negli angoli inferiori delle ancore a forma di U. Quando si installa il rinforzo delle costole, non si deve dimenticare lo strato protettivo minimo di 50 mm..

Colata e compattazione del calcestruzzo

La lastra di fondazione viene colata con calcestruzzo di classe di resistenza almeno B25. Se necessario, è possibile utilizzare plastificanti che trascinano l’aria, in caso di auto-preparazione della miscela: impostare ritardanti per eliminare le articolazioni fredde. La frazione di riempimento nel calcestruzzo non deve superare 1/5 della dimensione della maglia della maglia di rinforzo.

Riempimento delle fondamenta della lastra

Il calcestruzzo viene versato da uno degli angoli esterni. In questo caso, una compattazione sistematica della miscela viene eseguita con un vibratore profondo mentre il modulo viene riempito. Il livellamento della lastra viene effettuato con una lunga striscia dopo il completamento del riempimento del modulo o della sua sezione separata, limitato dalla cassaforma da almeno tre lati..

Riempimento delle fondamenta della lastra

Se il caldo tempo soleggiato persiste nella prima settimana dopo il versamento, la piastra deve essere mantenuta bagnata e / o coperta con un foglio. Di solito, per un migliore dispositivo di pavimentazione, la lastra viene levigata prima di iniziare la costruzione delle pareti, ma è meglio farlo non prima del 20 ° giorno di esposizione.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy