Utilizzando sistemi di condizionamento dell’aria

1. SCV basato su condizionatori d’aria a sistema diviso e un sistema di ventilazione di scarico naturale per locali residenziali (Fig. 1.)


Figura. 1

In fig. 1. è considerata l’opzione di fornitura autonoma di condizioni di temperatura interna in locali residenziali con l’uso di condizionatori d’aria a parete divisa.

Il vantaggio di questo tipo di condizionatori d’aria autonomi è la facilità di installazione e installazione..

L’unità interna è montata a parete ad un’altezza di h = 2,5 m.

L’unità esterna è sul balcone. La linea di freon tra le unità interna ed esterna è posta lungo il muro in scatole decorative.

La condensa formata nell’unità interna, quando il condizionatore d’aria funziona in modalità di raffreddamento, viene espulsa in strada usando un tubo di scarico.

La ventilazione dei locali residenziali viene eseguita in modo naturale.

L’aria fresca entra attraverso le finestre aperte. Scarico in strada – attraverso le griglie installate in cucina e in bagno, quindi attraverso i pozzi di scarico. Un purificatore d’aria viene utilizzato per pulire l’aria in cucina.

SCR basato su condizionatori d’aria a sistema diviso può essere utilizzato in molti casi:

  • negli edifici esistenti per mantenere un microclima nei singoli uffici o nei salotti;
  • nei nuovi edifici in costruzione, se è richiesto il mantenimento di condizioni termiche ottimali in un piccolo numero di camere, ad esempio in un numero limitato di suite in un piccolo hotel;
  • in edifici di nuova costruzione per singoli locali, il regime termico in cui è diverso da altri locali, ad esempio, in sale server sature di apparecchiature che generano calore. Poiché tali condizionatori d’aria funzionano, di regola, per il ricircolo, se necessario, la fornitura di aria fresca ai locali e la rimozione dell’aria di ripresa viene effettuata da un sistema di ventilazione di alimentazione e scarico separato..
  • 2. Il sistema di ventilazione tecnica basato su un’installazione precisa e un ventilatore sul tetto di scarico (Fig. 2.)


    Figura. 2

    In fig. 2. mostra un esempio di ventilazione meccanica degli alloggi di un cottage. L’unità di ventilazione di alimentazione garantisce condizioni meteorologiche ammissibili e norme sanitarie per l’aria interna secondo SNiP. L’unità di alimentazione comprende:

    – una valvola ad azionamento elettrico sulla presa d’aria;
    – filtro antipolvere;
    – fan;
    – sistema di automazione con centro di controllo.

    Tutti gli elementi di cui sopra sono montati in un unico contenitore metallico insonorizzato.

    Un design così compatto dell’unità di alimentazione consente di installarlo nell’area del controsoffitto nella stanza presidiata..

    In questo esempio, viene considerata l’opzione di installazione dell’unità di trattamento dell’aria sul pavimento tecnico. L’aria trattata entra nella stanza di servizio attraverso la rete di condotte dell’aria attraverso lampade a soffitto con un regolatore di flusso d’aria.

    Il sistema di ventilazione di scarico è risolto usando un ventilatore da tetto.

    Sistemi di ventilazione simili possono essere utilizzati in uffici con controsoffitti.

    3. SCV basato su un sistema split con ventilazione di mandata (Fig. 3).


    Figura. 3

    In fig. 3. mostra un esempio di aria condizionata in un negozio che utilizza un sistema split con ventilazione forzata. L’unità esterna (a condensazione del compressore) è installata all’esterno sulla parete di un edificio (o in un locale tecnico se l’unità esterna è dotata di un ventilatore centrifugo). L’unità interna (incluso: filtro, ventilatore, radiatore di freon, pannello di controllo elettronico, aerotermo) è montata nella stanza dietro il controsoffitto.

    L’aria fresca viene prelevata dalla strada e attraverso un condotto isolato termicamente viene fornita alla camera di miscelazione, dove viene miscelata con l’aria prelevata dalla stanza. Quindi la miscela d’aria viene filtrata ed elaborata nell’unità interna, a seconda della modalità impostata (raffreddamento o riscaldamento). Inoltre, l’aria trattata entra nei locali serviti attraverso il sistema di condotti dell’aria attraverso le griglie di distribuzione dell’aria. Allo stesso tempo, il design degli interni non è disturbato in alcun modo, poiché tutte le apparecchiature sono montate dietro un controsoffitto. Nell’abitacolo rimangono solo graziose griglie decorative per l’alimentazione dell’aria. Le unità interna ed esterna sono interconnesse da una tubazione freon in isolamento.

    Un sistema split con ventilazione di mandata, dotato di un sistema di controllo elettronico, mantiene i parametri di microclima richiesti in qualsiasi momento dell’anno. In estate, il condotto viene raffreddato e la temperatura ambiente viene mantenuta. In autunno e in primavera, il condizionatore d’aria passa a <pompa di calore> e riscalda efficacemente il condotto dell’aria senza accendere il riscaldatore. Se la temperatura esterna scende al di sotto di 0 ° C, viene attivato un riscaldatore di colore aggiuntivo. Il modulo di controllo elettronico del dispositivo di raffreddamento a colori consente di regolare uniformemente la sua potenza in base alla temperatura esterna, garantendo un consumo minimo di energia.

    Per creare un bilancio dell’aria nei locali del negozio, la ventilazione di scarico viene fornita utilizzando una ventola del condotto.

    4. SCR basato su unità chiller-fan coil, combinate con riscaldamento centralizzato e un sistema di ventilazione naturale di un edificio amministrativo (Fig. 4.)


    Figura. 4

    In questo sistema di climatizzazione, la fonte di raffreddamento è un chiller sul tetto.

    I condizionatori locali non autonomi-ventilconvettori per l’installazione a pavimento forniscono condizioni di temperatura ottimali nei locali dell’edificio per uffici.

    Le unità fan coil includono 2 scambiatori di calore e sono collegate in uno schema a quattro tubi, che consente di utilizzarle in inverno come dispositivi di riscaldamento centralizzato.

    L’installazione a quattro tubi presuppone l’uso tutto l’anno del ventilconvettore. Durante il periodo di raffreddamento, l’acqua fredda viene fornita allo scambiatore di calore principale dal chiller; in bassa stagione, l’acqua calda proviene anche dal chiller che funziona in modalità pompa di calore; nella stagione di riscaldamento (inverno), l’acqua calda circola attraverso uno scambiatore di calore aggiuntivo (con una temperatura del portatore di calore di 70-95 ° C) dal sistema di riscaldamento centrale.

    Lo scambio d’aria viene effettuato mediante ventilazione di scarico naturale. Il refrigeratore fornisce refrigerante alle unità fan coil di un edificio a più piani. L’acqua calda entra nel sistema dalla rete di riscaldamento della città attraverso un singolo punto di riscaldamento nel seminterrato.

    Chiller raffreddato ad aria con ventilatori assiali montati sul tetto. Questa opzione di installazione è la più economica, poiché non è necessario spazio nell’edificio o nel cortile. Allo stesso tempo, è stata scelta un’installazione con ventilatori assiali a basso rumore in modo che il loro rumore non penetrasse negli edifici serviti e adiacenti. La stazione di pompaggio, che fa circolare il refrigerante nel sistema del chiller-fan coil, è anche installata sul tetto.

    Il sistema di condizionamento dell’aria presentato è ampiamente utilizzato, di regola, nella costruzione o ricostruzione di un edificio nel suo insieme o almeno un piano separato in hotel, uffici, istituzioni mediche e scuole..

    5. Basato su SLE <chiller-fan coil> e un sistema di ventilazione forzata di alimentazione e scarico dei locali degli uffici (Fig. 5.)


    Figura. cinque

    In fig. 5. mostra un esempio di un complesso sistema di condizionamento d’aria per un tipo abbastanza comune di edifici per uffici.

    L’attrezzatura principale si trova al piano tecnico.

    Un refrigeratore viene utilizzato per preparare l’acqua fredda che entra nei radiatori dell’aria del condizionatore d’aria centrale e dei ventilconvettori. Il raffreddamento ad aria del condensatore di questo chiller monoblocco viene effettuato da una ventola radiale.

    L’aria per il raffreddamento del condensatore viene fornita e scaricata attraverso i condotti dell’aria che attraversano il tetto dell’edificio. Il refrigeratore ha un gruppo idraulico incorporato che pompa il liquido di raffreddamento, che viene utilizzato come acqua. Il chiller è progettato per passare alla modalità pompa di calore, e quindi nei giorni freddi, quando il sistema di riscaldamento non è ancora in funzione, viene fornita acqua al radiatore dell’aria del condizionatore d’aria centrale e agli scambiatori di calore dei ventilconvettori con una temperatura di circa 50 ° C per riscaldare l’aria di alimentazione, che successivamente entra nei locali..

    Le unità fan coil, simili all’unità interna del sistema split, operano sul ricircolo dell’aria nella stanza ed eseguono la regolazione individuale del regime termico in ogni stanza.

    Il condizionatore d’aria centrale aspira l’aria dalla strada attraverso una feritoia installata sulla facciata del pavimento tecnico.

    Il condizionatore d’aria centrale, oltre a due stadi del filtro dell’aria (cellulare e tascabile), comprende un riscaldatore d’aria, un radiatore dell’aria e una sezione della ventola, dopo di che vengono installati i silenziatori. Per la stagione fredda, il condizionatore d’aria ha un umidificatore di superficie. Un tale umidificatore è in grado di fornire l’umidità ambiente richiesta in un’ampia gamma. Inoltre, rispetto alla camera dell’irrigatore, è più compatta e gli sprinkler non hanno bisogno di mantenere la pressione in eccesso, come gli ugelli nella camera dell’irrigatore. Nella stagione calda, l’umidità dell’aria fornita diminuisce a causa della condensa sulla superficie di scambio termico dei ventilconvettori.

    L’aria di mandata dal condizionatore d’aria centrale attraverso la rete di condotte dell’aria viene fornita da canali indipendenti ai locali su ogni piano attraverso le griglie di alimentazione. L’aria di scarico viene rimossa da ogni piano attraverso una rete di condotti d’aria attraverso le griglie delle pareti e quindi un ventilatore radiale di scarico viene scaricato nell’atmosfera.

    La figura non mostra in modo condizionale le partizioni tra le camere di ventilazione di mandata ed estrazione e il chiller.

    6. Basato su SLE <chiller-fan coil> e il sistema di alimentazione e scarico della ventilazione forzata dell’edificio dell’hotel (Fig. 6.)


    Figura. 6

    In fig. 6. Ha preso in considerazione l’opzione di installare un condizionatore d’aria centrale nel seminterrato, un chiller e una stazione di pompaggio sul tetto dell’edificio. Questo sistema utilizza unità fan coil ad incasso in un controsoffitto.

    L’aria esterna entra nel condizionatore d’aria attraverso un condotto di aspirazione dell’aria ad un’altezza di 2 metri dal livello del suolo.

    L’aria fredda (estiva) o riscaldata (invernale) nel condizionatore d’aria viene fornita attraverso il sistema di condotte a ciascun ventilconvettore. I ventilconvettori forniscono il mantenimento individuale della temperatura impostata in ogni stanza. A sua volta, lo scambiatore di calore del condizionatore d’aria centrale viene alimentato con acqua refrigerata (o glicole etilenico) dal refrigeratore.

    Circolazione dell’acqua nel sistema <chiller-fan coil – scambiatore di calore del condizionatore d’aria centrale> fornisce una stazione di pompaggio, nonché un refrigeratore, installato sul tetto di un edificio e regola un regime termico individuale in ogni stanza.

    I ventilconvettori in questo caso funzionano con una miscela di aria esterna e di ricircolo..

    La rimozione dell’aria dai bagni e dai bagni viene effettuata attraverso una rete di condotti dell’aria in modo centralizzato da un ventilatore installato sul tetto dell’edificio.

    7. SCR della sala cinematografica sulla base di un condizionatore d’aria di ricircolo e di alimentazione centrale (Fig. 7.)


    Figura. 7

    Edificio pubblico <tipo di sala> dotato di un sistema di aria condizionata centralizzato basato su un condizionatore d’aria centrale e refrigeratore. Il rapporto tra i flussi di ricircolo e di mandata dell’aria è variabile e dipende dal periodo dell’anno (inverno-estate).

    Il condizionatore d’aria di mandata e ricircolo, le apparecchiature di ventilazione e un refrigeratore per la preparazione del refrigerante sono installati nel seminterrato e separati dalla sala da strutture edilizie. Per mezzo di un gruppo di pompaggio incorporato nel refrigeratore, il refrigerante viene fornito ai raffreddatori d’aria.

    Una fontana viene utilizzata come torre di raffreddamento aperta nel sistema di alimentazione dell’acqua circolante per raffreddare i condensatori del refrigeratore.

    L’afflusso di aria nella sala viene effettuato da un condizionatore d’aria centrale attraverso i diffusori d’aria a soffitto. Lo scarico dalla sala è naturale, attraverso un pozzo installato sul tetto.

    8. SCR di un locale tecnologico basato su un condizionatore d’aria di precisione (Fig. 8.)


    Figura. 8

    Apparecchiature tecnologiche con significativa emissione di calore sono installate nella stanza presidiata. Per mantenere con precisione la temperatura e l’umidità impostate dell’aria interna, un condizionatore d’aria autonomo di tipo mobile.

    Viene utilizzato un sistema di ventilazione naturale. Se necessario, può essere fornita una miscela di aria fresca nel condizionatore d’aria (in piccoli volumi).

    L’unità interna del condizionatore d’aria è installata in un locale tecnico adiacente (può essere installata direttamente nel locale di manutenzione).

    Il design del pavimento sopraelevato nella stanza ha permesso di posare una rete di condotti d’aria nel pavimento e di distribuire l’aria trattata nel condizionatore d’aria direttamente sotto le scaffalature delle attrezzature tecnologiche. L’aria di ricircolo viene prelevata dalla zona superiore della stanza e fluisce anche attraverso la rete del condotto dell’aria per l’elaborazione verso l’unità interna del condizionatore d’aria.

    L’unità di condensazione raffreddata ad aria si trova sulla parete esterna dell’edificio.

    9. SCR della sala espositiva basato su un condizionatore d’aria centrale con recupero di calore dall’aria di scarico in uno scambiatore di calore a flusso incrociato (Fig. 9.)


    Figura. nove

    I parametri ottimali nello showroom vengono mantenuti con un condizionatore d’aria centrale.

    Il condizionatore d’aria centrale include una sezione aggiuntiva della ventola di scarico, nonché un sistema di recupero del calore dall’aria di scarico in uno scambiatore di calore a flusso incrociato. In questo caso, le sezioni del condizionatore d’aria stesso e della ventilazione di scarico sono disposte su due livelli. La fonte di refrigerazione per il condizionatore d’aria centrale è un chiller installato sul tetto.

    La stazione di pompaggio, anch’essa installata sul tetto dell’edificio, pompa il refrigerante attraverso il sistema di scambiatori di calore e refrigeratore del condizionatore d’aria. L’aria entra nello showroom attraverso i diffusori d’aria a pavimento e viene rimossa attraverso le tende a soffitto attraverso il sistema di condotti utilizzando un’unità di ventilazione di scarico. L’aria rimossa dalla stanza cede il suo calore all’aria di mandata in uno scambiatore di calore a flusso incrociato.

    10. Sala operatoria SLE basata su un condizionatore d’aria autonomo di mandata e scarico (Fig. 10.)


    Figura. dieci

    Per la climatizzazione della sala operatoria è stato utilizzato un condizionatore autonomo di mandata e scarico monoblocco. Il design del condizionatore d’aria utilizza un layout a due livelli.

    Un livello di aria condizionata con un radiatore di freon si trova nella parte inferiore. L’aria esterna entra nel condizionatore d’aria, si raffredda o si riscalda al suo interno, a seconda della temperatura dell’aria esterna, passa due fasi di pulizia ed entra nella sala operatoria attraverso il sistema di canali. L’aria viene scaricata nella parte superiore attraverso speciali griglie dotate di speciali filtri fini. Le griglie di scarico interne sono installate nelle zone superiore e inferiore della sala operatoria per rimuovere gas anestetici leggeri e pesanti da essa. Attraverso la rete di condotti dell’aria, l’aria di scarico entra nelle sezioni del condizionatore d’aria situate nel secondo livello. Il refrigeratore del condizionatore d’aria ha un condensatore raffreddato ad aria. Per raffreddare il condensatore, l’aria proveniente dall’impianto di scarico viene utilizzata con una miscela aggiuntiva di aria esterna. L’aria di scarico viene rimossa nell’atmosfera attraverso uno speciale condotto sul tetto dell’edificio.

    11. Sistema di ventilazione di un edificio amministrativo basato su unità di alimentazione pavimento-per-pavimento e di ventilazione con recupero di calore dall’aria di scarico (Fig. 11.)


    Figura. undici

    Il sistema di ventilazione di alimentazione e scarico di un edificio per uffici a due piani comprende unità di alimentazione e scarico installate su ogni piano.

    Le unità di ventilazione (installazioni) includono uno scambiatore di calore aria-aria (scambiatore di calore), in cui, durante la stagione fredda, il calore dell’aria di ripresa viene trasferito all’aria di mandata. Oltre allo scambiatore di calore, alle ventole di alimentazione e di scarico, le unità di ventilazione sono dotate di filtri dell’aria per rimuovere la polvere da entrambi i flussi d’aria all’ingresso dell’unità e uno scaldabagno per il riscaldamento aggiuntivo dell’aria di mandata. Le unità dispongono inoltre di valvole dell’aria di aspirazione e ricircolo per regolare il flusso d’aria in ciascun flusso.

    La presa d’aria viene effettuata dalla facciata dell’edificio di fronte alla zona verde, l’aria di scarico viene scaricata su un’altra facciata non udente (senza finestre). Per distribuire l’aria di alimentazione nella stanza e rimuovere l’aria di ripresa, vengono utilizzati i paralumi di alimentazione e di scarico.

    12. SCV basato su condizionatori d’aria sul tetto e un sistema di ventilazione di scarico naturale dell’area di vendita (Fig. 12.)


    Figura. 12

    Un condizionatore d’aria sul tetto indipendente installato sul tetto di un edificio a un piano.

    Il condizionatore d’aria funziona con una miscela di aria esterna e di ricircolo.

    La quantità richiesta di aria esterna entra nella camera di miscelazione, dove si mescola con l’aria prelevata dalla stanza.

    La quantità totale di aria passa attraverso il radiatore dell’aria freon ed entra nella stanza attraverso un sistema di condotti dell’aria e distributori d’aria.

    L’aria di scarico viene rimossa da un sistema di ventilazione di scarico naturale attraverso il deflettore del tetto.

    13. SCR di un palazzetto dello sport basato su condizionatori d’aria sul tetto con una sezione del ventilatore di scarico (Fig. 13.)


    Figura. 13

    I condizionatori d’aria autonomi sul tetto sono installati sul tetto di un edificio a un piano e funzionano con una miscela di aria esterna e di ricircolo. I condizionatori d’aria sono dotati di un ventilatore centrifugo aggiuntivo per il collegamento della ventilazione di scarico. Questo design di condizionatori d’aria consente di risolvere contemporaneamente il problema della ventilazione e del condizionamento d’aria di un palazzetto dello sport.

    L’aria condizionata viene fornita attraverso le griglie di ventilazione a parete; rimozione dell’aria di scarico – attraverso lampade a soffitto.

    14. Condizionatore d’aria basato su SCR <sistemi split con ventilazione forzata> e il sistema di ventilazione di scarico naturale del cottage (Fig. 14.)


    Figura. quattordici

    Il condizionatore d’aria a sistema diviso con ventilazione di mandata è costituito da un’unità interna (evaporativa) e esterna (condensazione compressore). In questo esempio, viene utilizzata un’unità di condensazione con un ventilatore centrifugo. Si trova al piano tecnico. Per raffreddarlo, l’aria viene prelevata dalla strada. L’unità interna è installata sul pavimento tecnico e funziona con una miscela di aria esterna e di ricircolo. Il raffreddamento ad aria in estate viene effettuato utilizzando un radiatore ad aria libera e il riscaldamento ad aria in inverno – usando un riscaldatore ad acqua (o elettrico). In questo caso, viene utilizzato uno scaldabagno, che funziona durante il periodo di riscaldamento da una caldaia a gas. L’aspirazione dell’aria esterna nel condizionatore d’aria e la sua distribuzione all’interno dei locali vengono effettuate attraverso la rete di condotte dell’aria. L’aria per il raffreddamento del condensatore viene fornita da un ventilatore centrifugo attraverso il sistema di condotti dell’aria. La ventilazione di scarico è fornita per compensare l’aria di mandata dai bagni e dalla cucina.

    15. SLE alla base <chiller-fan coil> e un’unità di trattamento dell’aria con recupero di calore dall’aria di scarico di un cottage (Fig. 15.)


    Figura. 15

    L’aria condizionata e le apparecchiature di ventilazione si trovano al piano tecnico.

    Il sistema di aria condizionata utilizza un refrigeratore raffreddato ad aria. L’aria di raffreddamento viene fornita al condensatore da una ventola centrifuga attraverso il sistema di canali.

    Nei locali residenziali sono presenti ventilconvettori verticali a pavimento (ventilconvettori). Eseguono il controllo individuale della temperatura in ogni stanza. Il sistema di tubazioni del fan coil è a due tubi, ma nel periodo invernale (riscaldamento) vengono passati dal chiller a una singola caldaia a gas installata in una stanza separata. I ventilconvettori funzionano come termosifoni in inverno.

    Valuta l'articolo
    ( Ancora nessuna valutazione )
    Condividi con gli amici
    Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
    Aggiungi un commento

    Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy