Ancora una volta sulla riparazione dei condizionatori d’aria

La situazione in cui è necessario sostituire un compressore del condizionatore d’aria difettoso, nella maggior parte dei casi, è associata alla negligenza delle regole per l’installazione e il funzionamento del condizionatore d’aria.

Molto spesso, il reparto di assistenza rileva persino l’oscuramento dell’isolamento termico, dell’olio del condizionatore d’aria o della perdita di refrigerante, nella migliore delle ipotesi, l’installazione di un filtro sulla linea del liquido o l’eliminazione della perdita e il riempimento del condizionatore d’aria, mentre sono necessarie misure radicali per salvare il compressore, che non può essere eseguito nel luogo di installazione condizionatore. Il risultato di questo atteggiamento è sempre lo stesso: guasto del compressore. Vorrei condividere l’esperienza di riparazione dei condizionatori d’aria in tali situazioni in cui è ancora possibile salvare il compressore del condizionatore d’aria.

La necessità di riparare il compressore – unità di condensazione del condizionatore d’aria in officina sorge non solo in caso di emergenza, ad esempio in caso di guasto del compressore, ma anche in base ai risultati di un’ispezione preventiva del condizionatore d’aria.

Tali situazioni possono verificarsi nei seguenti casi:

1. Secondo i risultati dell’analisi espressa dell’olio del compressore.
2. In caso di perdita di tenuta del circuito freon del condizionatore d’aria.
3. Se l’umidità penetra nel circuito di freon del condizionatore d’aria.

In questi casi, anche se il compressore del climatizzatore è ancora in funzione, i suoi giorni sono numerati. La rianimazione urgente contribuirà a prolungare la vita del condizionatore d’aria.

Esprimi l’analisi dell’olio.

Queste belle parole nascondono azioni abbastanza semplici:

1. È necessario ottenere un campione (prelevare un campione) di olio di refrigerazione dal circuito freon.
2. Confronta il suo colore e il suo odore con un buon campione di olio disponibile.
3.Utilizzando un test dell’acido esistente, testare l’olio per l’acido.

Come prelevare un campione di olio per l’analisi?

È noto che l’olio circola insieme al refrigerante nel circuito freon di un condizionatore d’aria. Quando il condizionatore d’aria si arresta, l’olio sulle pareti della tubazione scorre attraverso di loro. Questo olio può essere campionato attraverso la porta di servizio del condizionatore d’aria.

Per questo avrai bisogno di:

1. Valvola a sfera con pulsante 1/4 “.
2. Un tubo corto con raccordo da 1/4 “(va bene un tubo da un collettore di livello).
3. Contenitore per la raccolta dell’olio.
4. Pulire la provetta da laboratorio.

La procedura è la seguente:

1. Arrestare il condizionatore d’aria, lasciare scaricare l’olio lungo le pareti della tubazione per 10-15 minuti.
2. Collegare la valvola a sfera alla porta di servizio.
3. Collegare il tubo alla valvola a sfera. Posizionare l’estremità libera del tubo in un contenitore per raccogliere l’olio.
4. Apri il rubinetto. Il gas che fuoriesce dal tubo trasporta l’olio. Resta solo da raccoglierlo in un contenitore. Un po ‘di allenamento, qualche macchia d’olio in più sul tuo abbigliamento da lavoro e già prelevare un campione d’olio non è un problema per te.
5. Lasciar depositare l’olio (poiché l’olio contiene refrigerante disciolto, schiume).
6. Svuotare il campione in una provetta.

Il prossimo passo dell’analisi espressa è quello di confrontare il campione di olio con il campione esistente in termini di colore e odore. Per questo, la stessa quantità di olio dal campione e l’olio di riferimento viene collocata in due provette identiche e confrontate tra loro..

  • un colore ad olio scuro e un odore bruciante indicano che il compressore A / C si è surriscaldato. Il motivo del surriscaldamento potrebbe essere una perdita di refrigerante dal condizionatore d’aria o il funzionamento del condizionatore d’aria nella modalità di riscaldamento a basse temperature negative. In questo caso, l’olio perde le sue proprietà lubrificanti. A seguito della decomposizione dell’olio sulle pareti delle tubazioni e delle parti interne del condizionatore d’aria, si possono depositare sostanze resinose, che possono successivamente causare il guasto del compressore del condizionatore d’aria.
  • una tinta verdastra dell’olio indica la presenza di sali di rame. La causa principale è l’umidità nel circuito. Anche il test di acidità di un tale olio è generalmente positivo. Un olio chiaro con un leggero odore, non molto diverso dal colore del campione, indica che il condizionatore non necessita di rianimazione.
  • Infine, un test dell’acido eliminerà completamente le nostre preoccupazioni se il campione differisce poco dal campione o confermerà la necessità di un intervento di emergenza..

    Se si scopre che l’olio è buono e il compressore del condizionatore d’aria funziona normalmente, è necessario restituire l’olio campionato al condizionatore d’aria.

    La sequenza di azioni è la seguente:

    1. È necessario trovare piatti adatti. Un bicchiere alto trasparente con un diametro di 3-4 cm è il più adatto.
    2. Collegare una valvola a sfera con un tubo flessibile alla porta di servizio, come quando si preleva un campione di olio.
    3. Abbassare l’estremità libera del tubo nel vetro.
    4. Versare abbastanza olio nel bicchiere in modo che copra la connessione del tubo..
    5. Contrassegnare il livello dell’olio sul vetro.
    6. Aprire brevemente la valvola a sfera in modo che il freon rimuova l’aria dal flessibile.
    7. Aggiungere la stessa quantità di olio al bicchiere utilizzata per il campione.
    8. Accendere il condizionatore d’aria per Cold.
    9. Chiudere la porta del liquido del condizionatore d’aria.
    10. Quando la pressione nella linea di aspirazione scende al di sotto dell’atmosfera, aprire la valvola e l’olio fluirà attraverso la porta di servizio nel condizionatore d’aria..
    11. Chiudere il rubinetto quando il livello dell’olio raggiunge il segno.
    12. Spegnere il condizionatore d’aria.
    13. Aprire la porta del liquido del condizionatore d’aria.

    La perdita di tenuta del circuito freon può essere causata da vari motivi e non porta sempre a risultati catastrofici. Qui sono importanti la posizione della perdita, la quantità di refrigerante che è riuscita a perdere, l’intervallo di tempo tra il verificarsi e il rilevamento della perdita, la modalità operativa del condizionatore d’aria e altri fattori..

    Qual è il pericolo di una perdita di refrigerante?

    1. Il compressore del condizionatore d’aria, raffreddato dal refrigerante a seguito della diminuzione della densità di quest’ultimo, si surriscalda.
    2. La temperatura di scarico del compressore aumenta, il gas caldo può danneggiare la valvola a quattro vie.
    3. Il sistema di lubrificazione del compressore è disturbato, l’olio viene portato via al condensatore.
    4. L’aria contenente umidità può entrare nel condizionatore d’aria attraverso l’apertura..

    Segni associati alla perdita:

    1. Oscuramento dell’isolamento del compressore.
    2. Attivazione periodica della protezione termica del compressore.
    3. Burnout dell’isolamento sulla tubazione di scarico.
    4. Olio di colore scuro con un odore bruciante.
    5. Spesso un test con acido oleoso positivo.

    Se la perdita viene rilevata in tempo, il refrigerante non è completamente uscito, il condizionatore d’aria non ha funzionato a lungo senza refrigerante, non ci sono sintomi di accompagnamento – non è necessaria la riparazione del condizionatore d’aria in officina.

    La percentuale di perdite improvvise e catastrofiche causate dalla distruzione delle tubazioni è molto piccola, le perdite si verificano più spesso attraverso piccole perdite sui giunti rotanti e se si controlla costantemente il funzionamento del condizionatore d’aria, le perdite possono essere rilevate in modo tempestivo.

    A cosa dovresti prestare attenzione:

    1. Non più di 5 minuti dopo l’accensione del condizionatore d’aria, a seconda della modalità selezionata, dovrebbe fornire aria fredda o calda. Se ciò non accade, spegnere immediatamente il condizionatore d’aria e chiamare un riparatore.
    2. Se i tubi sull’unità esterna sono coperti di brina durante il funzionamento del condizionatore d’aria, si verifica una perdita, è necessario un master.

    Seguire queste semplici regole eviterà costi elevati per le riparazioni del condizionatore d’aria..
    L’ingresso di umidità nel circuito freon si verifica più spesso quando vengono violate le regole per l’installazione del condizionatore d’aria. Una delle fasi dell’installazione – l’evacuazione della linea frenante, mira non solo a rendere la vita difficile all’installatore, ma anche a rimuovere aria e vapore acqueo dalla linea installata. Tali surrogati di questa procedura, come soffiare la linea installata con refrigerante, non possono affatto rimuovere l’umidità, ma la trasforma solo in ghiaccio sulle pareti dei tubi di rame, che poi si scioglie, si trasforma in acqua e fa il suo sporco lavoro..

    Test dell’olio acido


    privo di acidi


    con acido

    Il pericolo che l’umidità penetri all’interno del condizionatore d’aria è che spesso non si manifesta in alcun modo fino a quando il compressore del condizionatore d’aria si guasta. Il fatto è che tutti i processi in un condizionatore d’aria che funzionano in modalità fredda si verificano a temperature positive e l’acqua si manifesta solo quando si congela, causando un malfunzionamento del tubo capillare o della valvola termostatica.

    Tuttavia, con segni indiretti, la presenza di umidità nel condizionatore d’aria può essere determinata:

  • Uno dei segni della presenza di umidità nel circuito freon è già stato discusso; questa è una tinta verdastra dell’olio e un test di acidità positivo. Va notato che questa è già una condizione pre-infarto del condizionatore d’aria ed è necessario un intervento urgente.
  • Nelle fasi precedenti, l’umidità si manifesta a temperature di evaporazione negative, ad esempio quando il condizionatore d’aria funziona a calore a basse temperature esterne o quando si verificano perdite di refrigerante. Ciò trasforma l’umidità in ghiaccio e ostruisce il tubo capillare o l’ugello della valvola di espansione. Di conseguenza, la pressione di aspirazione del condizionatore d’aria diminuisce, la temperatura del compressore aumenta e viene attivata la protezione termica. Questo ciclo si ripete fino allo spegnimento del compressore..
  • La rimozione dell’umidità dal circuito di freon può essere eseguita anche solo in officina..

    Quali controlli e con quale frequenza devono essere effettuati al fine di rilevare la malattia del condizionatore d’aria nel tempo?

    1. Verifica del funzionamento del condizionatore d’aria ogni volta che viene acceso. È stato menzionato sopra. Circa 5 minuti dopo l’accensione, verificare se il condizionatore d’aria produce freddo o caldo (a seconda della modalità). Se è possibile vedere i rubinetti dell’unità esterna, vedere se c’è del gelo su di essi. Se i risultati sono negativi, spegnere il condizionatore d’aria e chiamare il master.

    2. È richiesto un campione di olio nei seguenti casi:

  • Per i condizionatori d’aria ammessi al servizio, durante l’audit delle condizioni tecniche del condizionatore d’aria.
  • Per le attrezzature che funzionavano in inverno ma non sono state revisionate.
  • Quando si richiede la riparazione di un condizionatore d’aria non sottoposto a manutenzione.
  • Quando viene rilevata una perdita di refrigerante dal condizionatore d’aria.
  • In qualsiasi altra situazione sospetta.
  • L’olio è il sangue di un compressore e per un maestro curioso può dire molto sulle malattie di un condizionatore d’aria. Qual è la stessa procedura per rianimare il condizionatore d’aria in officina ed è davvero necessaria? È noto, ad esempio, che ci sono vari metodi per pulire il circuito freon del condizionatore d’aria, basato sull’uso di filtri installati nell’interruzione del circuito freon e raccogliere sostanze nocive.

    Perché non è possibile utilizzare tali metodi? Perché hai bisogno di fare questo lavoro necessariamente in officina?

    Il fatto è che nelle situazioni sopra descritte, prima di tutto, l’olio del compressore è contaminato o le sue proprietà cambiano. Le tecniche basate sull’uso dei filtri sono purtroppo inefficaci e non esistono filtri in grado di ripristinare le proprietà lubrificanti dell’olio sottoposto a decomposizione termica; anche la rimozione dell’umidità presente nel compressore sotto lo strato di olio mediante filtri è estremamente inefficace. Pertanto, l’unico modo per pulire l’olio del compressore è sostituirlo. Questa procedura può essere eseguita solo dopo aver smontato il compressore ed è quindi possibile solo in un’officina ben attrezzata..

    In questo caso, vengono svolte le seguenti attività:

    1. Evacuazione del refrigerante, smantellamento del compressore.
    2. Liberare il compressore dall’olio, lavare il compressore.
    3. Evacuazione del compressore.
    4. Riempimento olio compressore, test compressore.
    5. Lavaggio del circuito di ingresso dell’unità di condensazione.
    6. Rimozione del filtro essiccatore, installazione del filtro di processo.
    7. Installazione del compressore nell’unità di condensazione.
    8. Installazione dell’unità di condensazione sul supporto.
    9. Ricarica con refrigerante.
    10. Lavare la coppa del compressore-condensatore sul supporto.
    11. Evacuazione del freon.
    12. Sostituzione del filtro tecnologico dell’essiccatore con uno funzionante.
    13. Evacuazione dell’unità di condensazione.
    14. Ricarica con refrigerante, test di funzionamento dell’unità riparata.

    Poiché l’olio contaminato è distribuito in tutti gli elementi del condizionatore d’aria, una parte della pulizia del circuito freon deve essere effettuata nel luogo di installazione del condizionatore d’aria. Lo scopo di queste misure è impedire all’olio sporco di entrare nell’unità riparata..

    Questi includono:

    1. Spurgo delle linee di freon e dell’evaporatore con azoto secco.
    2. Installazione di un filtro di processo nella linea freon.
    3. Aspirare la linea di freon e l’evaporatore.
    4. Avvio del condizionatore d’aria per raccogliere lo sporco sul filtro.
    5. Condensa del refrigerante nell’unità di condensazione.
    6. Rimozione del filtro di processo.
    7. Aspirazione della linea freon.
    8. Avvio del condizionatore d’aria (prova di funzionamento).

    Valuta l'articolo
    ( Ancora nessuna valutazione )
    Condividi con gli amici
    Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
    Aggiungi un commento

    Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy