Pensioni per pensionati che lavorano nel 2018: notizie sull’indicizzazione dei pagamenti

Il contenuto dell’articolo



Le persone anziane rifiutano consapevolmente un meritato riposo e sono costrette ad andare al lavoro per procurarsi i prodotti, le medicine e i mezzi di sussistenza necessari. La questione dell’aumento dei benefici per tutti i pensionati che lavorano è stata sollevata ripetutamente nel 2018, ma i deputati della Duma di Stato non possono giungere a un denominatore comune. Pertanto, è interessante sapere se ci sarà un’indicizzazione a partire dal prossimo gennaio, cosa possono aspettarsi i dipendenti in età pensionabile e quanto aumenteranno i loro redditi medi..

Chi lavora pensionato

Questa categoria comprende i cittadini che hanno raggiunto l’età pensionabile, ma continuano a lavorare. Ricevono sia uno stipendio nell’azienda in cui sono impiegati sia i pagamenti dal bilancio, che non contraddice la legislazione corrente dello stato. Le detrazioni fiscali e i contributi assicurativi sono detratti dagli stipendi dei lavoratori in età pensionabile, che portano ad un aumento dell’importo dei risparmi pensionistici e al ricalcolo annuale delle pensioni.

Tra i cittadini che lavorano che ricevono un risarcimento dallo Stato includono:

  • disabili;
  • le persone che hanno diritto a indennità di lavoro lunghe
  • cittadini che hanno perso il capofamiglia;
  • cittadini che hanno raggiunto l’età pensionabile;
  • persone impegnate in attività imprenditoriale e che lavorano sotto contratto.

Tutte le suddette persone hanno il diritto di fare affidamento sulla protezione e il sostegno dello Stato. Se parliamo dell’età pensionabile, in Russia è rimasta invariata per molti anni. Le donne vanno in pensione all’età di 60 anni, gli uomini a 65 anni. L’indennità di servizio è ricevuta da militari, astronauti, dipendenti pubblici, tester, piloti, operatori sanitari che hanno lavorato per lo stato per più di 20-25 anni.

Legge sui pensionati che lavorano

Questo documento regola la procedura per il calcolo della compensazione per le persone che continuano a lavorare al raggiungimento dell’età pensionabile. Ha molti pro e contro. Norme di base della legge:

  • non è previsto l’accantonamento di supplementi ai pagamenti statali per esperienza lavorativa dopo la domanda di pensione (secondo il governo, si tratta di un uso inefficiente dei fondi di bilancio);
  • è stato creato un nuovo concetto di punteggio, le tariffe dipendono in gran parte da questo aspetto, quindi lo stato cerca di stimolare il desiderio dei cittadini di lavorare dopo che è arrivata l’età pensionabile (se una persona ha il diritto di ricevere una pensione, ma non si applica per essa, allora la legislazione tiene conto della sua anzianità e aumenta l’importo pagamenti pensionistici pari o superiori all’85%);
  • l’esperienza lavorativa minima per il calcolo dei pagamenti delle pensioni è attualmente di 6 anni, ma nel 2025 sarà aumentata a 15 anni, altrimenti l’indennità non sarà maturata;
  • i pensionati che lavorano con il diritto a pagamenti statali sono costretti a lasciare un posto di lavoro per le giovani generazioni o a rifiutare una pensione, nel qual caso riceveranno salari e indennità supplementari per future indennità dal paese.

Secondo lo stato, l’abolizione delle compensazioni per i cittadini che hanno diritto a benefici statali contribuirà a ridurre il deficit di bilancio a volte e ad aumentare le dimensioni dei futuri benefici statali al limite massimo. Cioè, nel 2018, i cittadini che continuano a lavorare per raggiungere l’età pensionabile non riceveranno alcuna indennità, poiché il sistema di ricalcolo per loro è stato annullato. L’indicizzazione delle pensioni per i pensionati che lavorano non è prevista nel 2018.

Le persone lavorano

Sono pensionati che lavorano pagati una pensione

Il governo russo in una crisi, un’economia instabile, un’inflazione elevata, un brusco cambiamento nel tasso di cambio della valuta estera rispetto al rublo, l’aumento dei prezzi, sta costantemente rivedendo il sistema pensionistico. I cittadini in età lavorativa in età pensionabile, come prima, percepiscono sia lo stipendio che l’indennità dallo stato, costituiti da un pagamento fisso, il cui importo è di 3935 rubli e un’indennità assicurativa, il cui valore dipende dal numero di punti e dalla durata del servizio.

Nel 2018, un aumento della pensione sarà effettuato per tutti coloro che ricevono pagamenti al di sotto del livello di sussistenza di una regione il cui stipendio è inferiore a 18.000 rubli. Inoltre, tali cittadini possono contare sul ricalcolo. Viene prodotto su richiesta. Nel 2018, lo stato rifiuterà i premi per quelle persone il cui stipendio totale per l’anno sarà pari a oltre 1 milione di rubli. Oggi, la pensione minima media è di 8803 rubli.

Come viene pagata una pensione?

Dopo aver elaborato la remunerazione dallo Stato, la procedura per riceverla è la seguente:

  • l’importo dovuto alla persona nel mese previsto viene calcolato tenendo conto dei documenti del caso archiviato, comprese le dichiarazioni della persona;
  • I documenti della Cassa pensione sono compilati sugli importi maturati in un determinato mese per un determinato cittadino;
  • il compenso maturato viene inviato al conto dell’organizzazione impegnata nella sua consegna;
  • i documenti della RF PF sono inviati all’istituzione che offre un risarcimento statale;
  • l’importo maturato viene consegnato direttamente al cittadino.

Una persona può ricevere denaro in diversi modi:

  • mediante consegna presso la cassa dell’organizzazione che eroga pensioni;
  • tramite trasferimento a casa;
  • accreditando una determinata somma di denaro sul conto di un determinato cittadino presso una banca o un istituto di credito.

I pagamenti vengono erogati da organizzazioni federali di servizi postali, autorità territoriale della Cassa pensione della Federazione Russa, banche e altre organizzazioni finanziarie. Ricevono il pagamento per i loro servizi sotto forma di una certa percentuale della pensione erogata dai destinatari. Le attività delle organizzazioni che erogano pagamenti ai pensionati che lavorano sono regolate dalla normativa vigente.

Come ricalcolare

Per essere sicuri che il PF non si sia sbagliato nel calcolo e nella contabilizzazione della compensazione statale, i pensionati che lavorano sono tenuti a conoscere la formula di calcolo. Prima degli emendamenti alla legge, era semplice, ora complicato, poiché richiede di tenere conto del livello di stipendio, salario di sussistenza, durata del servizio, ecc., Pertanto, è diventato più difficile calcolare l’importo delle prestazioni statali.

Una revisione costante dei pagamenti viene effettuata se una persona riceve un reddito aggiuntivo da cui vengono versati contributi alla Cassa pensione, questo vale per le indennità statali versate per invalidità e vecchiaia. Esistono due modi per ricalcolare:

  • non reclamante (effettuato una volta all’anno dalla Cassa pensione, comporta l’adeguamento automatico dei pagamenti in direzione di aumento o diminuzione);
  • domanda (effettuata sulla domanda, che il cittadino presenta all’UIF nel luogo di residenza non prima di un anno dopo l’accantonamento di indennità per invalidità o vecchiaia, il documento presuppone la cancellazione del ricalcolo automatico).

Le pensioni nel 2018 sono raccontate in tali condizioni:

  • al raggiungimento dell’età di 80 anni;
  • quando si cambia il gruppo di disabilità;
  • quando si modifica il numero di persone a carico;
  • se il figlio che ha ricevuto la pensione di reversibilità perde il secondo capofamiglia;
  • se un cittadino ha acquisito esperienza lavorativa aggiuntiva.

Sulla base del nuovo progetto pensionistico e di un’altra procedura per il calcolo dei pagamenti delle pensioni di vecchiaia, i deputati della Duma hanno proposto di annullare il ricalcolo delle indennità per i pensionati che lavorano. Ma il diritto di ricalcolare per i cittadini che continuano a lavorare è stato preservato. Dopo regolari appelli e controversie, il governo ha deciso di prendere in considerazione i premi assicurativi per i pensionati che lavorano, ma con le corrispondenti restrizioni.

Ricalcolo delle pensioni

Indicizzazione delle pensioni di anzianità

Dopo che una persona che continua a lavorare dopo l’età pensionabile parte per un meritato riposo, riceverà immediatamente un effettivo ricalcolo della compensazione statale. Se il datore di lavoro invia tempestivamente i dati all’UIF, il pagamento viene effettuato entro tre o più mesi dalla data del licenziamento in questo ordine:

  • a condizione di lasciare la sede di servizio nel mese di luglio, ad agosto, la Cassa pensione riceve segnalazioni che indicano che la persona è ancora registrata come lavoratrice;
  • a settembre, i dati che riflettono i dati in base ai quali la persona non è più impiegata;
  • a ottobre, la Cassa pensione decide di indicizzare a questo cittadino l’importo di una pensione fissa di pagamento e di assicurazione;
  • a novembre il PF inizia a ricalcolare i pagamenti.

Il compenso per i tre mesi durante i quali è stata effettuata l’indicizzazione non viene pagato. Se una persona è nuovamente assunta, la prestazione erogata non sarà ridotta, ma rimarrà al livello della nuova assegnazione. Non viene fornito il rendimento dei fondi maturati durante l’indicizzazione dopo il licenziamento in caso di successiva assunzione. Cioè, l’indennità calcolata non verrà detratta. Il licenziamento successivo dei pensionati che lavorano dal loro posto di lavoro comporta il rinnovo del diritto all’indicizzazione.

Notizie previdenziali per pensionati che lavorano oggi

Le pensioni nella Federazione Russa vengono cambiate tre volte l’anno, a febbraio vengono aumentati i pagamenti assicurativi, ad aprile le prestazioni sociali vengono indicizzate e ad agosto vengono calcolati i pagamenti aggiuntivi per le persone che continuano a lavorare. Cioè, il prossimo aumento delle pensioni per i pensionati che lavorano nel 2018 dovrebbe essere dal 1 ° agosto, ma non vi sarà alcun ricalcolo per salvare il bilancio statale e ridurne il deficit.

Indicizzazione

I pagamenti pubblici vengono costantemente contabilizzati tenendo conto del livello di inflazione sia per i pensionati non lavoratori che per quelli che continuano a lavorare. Le pensioni ai pensionati che lavorano dal 1 ° gennaio 2018 non saranno indicizzate. I cittadini possono contare sul suo ricalcolo solo dopo che hanno lasciato e se ne vanno per un meritato riposo. Ciò vale anche per i pensionati che lavorano a basso reddito. Il governo è costretto a respingere tutti i tentativi di restituire l’indicizzazione a causa della difficile situazione economica nel paese. Quando arriveranno miglioramenti, il problema verrà esaminato.

Quanto perderanno i pensionati che lavorano nel 2018

Secondo i dati ufficiali, quest’anno è previsto un aumento del 3,7% delle indennità statali per le persone non lavoratrici in età pensionabile. Se oggi la pensione media è di 13.657 rubli, nel 2018 aumenterà di 400 rubli. I pensionati che lavorano non riceveranno alcuna indennità, ma le loro perdite saranno insignificanti. Saranno in grado di accumulare punti che consentiranno loro di aumentare il loro compenso in futuro più volte. Nel 2018, si prevede di aumentare il valore monetario di un punto a 81,49 rubli. I punti sono calcolati in proporzione allo stipendio.

Banconote

La pensione sarà cancellata per i pensionati che lavorano

I deputati hanno prestato molta attenzione a questo problema. Dopo il successivo dibattito, è stata presa una decisione in base alla quale non era prevista l’abolizione delle pensioni per i pensionati che lavorano. Anche quei cittadini i cui stipendi all’anno superano 83 mila rubli riceveranno una compensazione monetaria. L’unica limitazione è l’abolizione dell’indicizzazione. Ma se si calcola la differenza tra i pagamenti ai disoccupati e i cittadini che si sono rifiutati di concedersi un meritato riposo, allora è insignificante.

Ci saranno 13 pagamenti all’anno o altri 5 mila rubli per il nuovo anno

Dal 1 ° gennaio 2018 entrerà in vigore un disegno di legge, in base al quale i pensionati che lavorano riceveranno un sussidio una tantum. La sua dimensione sarà di 5 mila rubli. Il pagamento verrà realizzato in modo non sollecitante. Tutti i cittadini potranno riceverlo dal 9 gennaio al 27 gennaio il giorno in cui ricevono l’indennità mensile. Il risarcimento verrà pagato secondo un programma speciale. Se, per motivi oggettivi, una persona non può riceverlo nel periodo specificato, verrà emesso successivamente.

Come aumentare la pensione

Esistono modi per aumentare le dimensioni della pensione:

  • ottenere ulteriore esperienza assicurativa;
  • rifiutare il risarcimento statale per un certo tempo;
  • inviare richieste di stipendio aggiornate.

Indipendentemente da quale dei metodi descritti è stato scelto, per ricevere un ricalcolo del pagamento della pensione, una persona dovrà contattare la PF nel luogo di residenza, scrivere una dichiarazione, allegare i documenti pertinenti. Se la domanda viene presentata prima del 15 ° giorno del mese di riferimento corrente, il pagamento verrà conteggiato dal 1 ° giorno di questo mese, se dopo il 15 ° giorno – dal 1 ° giorno del mese di riferimento successivo.

Valuta questo articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: