Riscaldatori elettrici a infrarossi: come sceglierli e acquistarli

Sezioni dell’articolo



In questo articolo: come funzionano e funzionano i riscaldatori a infrarossi; tipi di riscaldatori IR; lampade a infrarossi e pannelli di pellicola; una panoramica di tre modelli di riscaldatori a soffitto e la scelta del miglior dispositivo tra loro; criteri per la scelta dei riscaldatori a infrarossi; brevemente sul funzionamento dei riscaldatori a infrarossi.

Riscaldatori elettrici a infrarossi: come sceglierli e acquistarli

Di gran lunga il miglior riscaldatore per il pianeta Terra era, è e rimane il Sole. Tuttavia, i suoi raggi riscaldano il pianeta in modo non uniforme – se nella stagione estate-primavera l’intensità dei raggi del sole nell’emisfero settentrionale è alta, quindi nella stagione autunno-inverno l’emisfero meridionale è più vicino alla nostra stella. Tuttavia, c’è un modo per restituire il calore del sole alla casa: un riscaldatore elettrico a infrarossi, che irradia calore con poca o nessuna luce. Sorprendentemente, solo questo dispositivo è in grado di riscaldarci non solo all’interno della casa, ma anche all’esterno – nel cortile, indipendentemente dalla quantità di neve e dall’intensità del vento. Indagheremo il dispositivo e il principio di funzionamento dei riscaldatori IR, confronteremo le caratteristiche di diversi modelli per scegliere il più adatto tra loro – la soluzione al problema del riscaldamento di una casa è nelle nostre mani.

Il dispositivo e il principio di funzionamento dei riscaldatori elettrici a infrarossi

Se i riscaldatori a convezione riscaldano l’aria, i riscaldatori a infrarossi riscaldano oggetti e pareti. La radiazione proveniente dai riscaldatori a infrarossi agisce allo stesso modo dell’energia solare: passa attraverso l’aria senza riscaldarla e viene assorbita da oggetti opachi, ad es. nessuna bozza interferirà con i raggi infrarossi. La radiazione a lunga lunghezza d’onda dei riscaldatori a infrarossi domestici corrisponde alle onde a infrarossi generate dal sole: non sono visibili agli occhi e sono percepite dalla nostra pelle come flussi di calore.

Come risultato della convezione, l’aria calda tende verso l’alto, raccogliendosi nella stanza vicino al soffitto, rispettivamente, dovrà essere riscaldata abbastanza a lungo in modo che la temperatura a livello del pavimento diventi confortevole per le famiglie. E se i riscaldatori a convezione impiegano del tempo per riscaldare l’aria nella misura in cui le persone possono sentirla, allora il calore dei raggi infrarossi viene percepito non appena il riscaldatore a infrarossi viene acceso..

Nonostante il nome leggermente spaventoso, il riscaldatore a infrarossi ha una struttura semplice: una cassa in acciaio, verniciata con vernice a polvere, all’interno della quale è presente un riflettore in alluminio (riflettore), sul quale è installato un elemento riscaldante. Il “cuore” del riscaldatore IR è un elemento riscaldante: può essere in ceramica, tubolare (dieci) o carbonio.

Un elemento riscaldante in ceramica è costituito da un conduttore resistivo racchiuso in una piastra di ceramica. Nichrome con una temperatura di riscaldamento massima di fino a 1000 ° C e fecrale (una lega di ferro, cromo e alluminio – FeCrAl), che riscalda fino a 800 ° C, viene utilizzato come conduttore con resistenza ohmica. La piastra in ceramica è composta da carburo di silicio, cromite di lantanio o disilicida di molibdeno, non conduce corrente elettrica e non interferisce con le radiazioni infrarosse. La durata media degli elementi riscaldanti in ceramica è di circa 4 anni.

Un elemento riscaldante tubolare a bassa temperatura (temperatura di riscaldamento non superiore a 300 ° C) nella sua forma “naturale” non viene utilizzato nei riscaldatori a infrarossi, ma è incorporato in un profilo in alluminio anodizzato. Il risultato è una piastra larga e lunga (di solito più di queste piastre sono installate in un riscaldatore), che emette raggi infrarossi su tutta la sua superficie durante il funzionamento. La durata degli elementi riscaldanti è di circa 7 anni.

Poco si sa dell’elemento riscaldante in carbonio, sviluppato solo pochi anni fa, quindi diamo un’occhiata più da vicino alle sue caratteristiche. Quindi, questo elemento riscaldante è un tubo di quarzo sigillato, da cui viene evacuata l’aria, con un filo a spirale di carbonio (carbonio) posizionato all’interno. Sarà pertinente notare qui che la frase diffusa “fibra di idrocarburo”, spesso usata per descrivere il dispositivo di riscaldatori a infrarossi con un elemento riscaldante in carbonio, è assolutamente sbagliata – non esiste “fibra di idrocarburo”.

Riscaldatori elettrici a infrarossi: come sceglierli e acquistarli

Una caratteristica distintiva di un filamento di carbonio è la sua elevata resistenza (2,5 GPa) e resistenza al calore (3000 ° C), e quest’ultimo valore è il doppio di quello dell’acciaio. Rispetto al nicromo (conducibilità termica 13,3 W / (m • K)) utilizzato negli elementi riscaldanti sopra descritti, l’elemento in carbonio ha una conduttività termica più volte superiore (70 W / (m • K)), vale a dire il suo funzionamento richiede un minor consumo di energia. Tuttavia, il contatto di una fibra di carbonio riscaldata a una temperatura superiore a 350 ° C con l’ossigeno presente nell’aria provoca l’ossidazione e quindi viene inserito in un tubo a vuoto in un elemento riscaldante in carbonio. In virtù delle loro caratteristiche e soggetti a prestazioni di qualità, gli elementi riscaldanti in carbonio hanno una durata illimitata.

A seconda della temperatura operativa massima dell’elemento riscaldante e della lunghezza delle onde infrarosse emesse, i riscaldatori a infrarossi sono classificati in:

  • bassa temperatura e onde lunghe, con riscaldamento da 100 a 600 ° C e lunghezza d’onda da 5,6 a 100 micron. Progettato per locali residenziali, uffici e tecnici con un’altezza del soffitto non superiore a 3 metri. Di norma, gli elementi riscaldanti con una temperatura di riscaldamento fino a 120 ° C sono sufficienti per riscaldare gli ambienti di una casa;
  • media temperatura e onda media, riscaldamento nell’intervallo da 600 a 1000 ° С, lunghezza d’onda – da 2,5 a 5,6 micron. Sono utilizzati in stanze con soffitti da 3 a 6 metri, ad esempio stanze con soffitti alti in case private, vari edifici pubblici;
  • alta temperatura e onde corte, con una temperatura di riscaldamento superiore a 1000 ° C e una lunghezza d’onda compresa tra 0,74 e 2,5 micron. Progettato per stanze con un’altezza del soffitto compresa tra 6 e 8 metri, ad es. per il riscaldamento di capannoni industriali, utilizzato anche per il riscaldamento esterno.

I riscaldatori a infrarossi del corpo domestico possono essere fissi e mobili: i modelli del primo tipo sono progettati per l’installazione permanente sul pavimento (inclusa l’opzione di installazione del battiscopa), pareti, soffitti, modelli del secondo tipo possono essere spostati ripetutamente negli ambienti, sono più piccoli di dimensioni e potenza … I riscaldatori a infrarossi sospesi e a soffitto sono installati sul soffitto: i primi sono integrati nel controsoffitto, i secondi sono sospesi a 50 mm dalla superficie del soffitto mediante speciali dispositivi di fissaggio. Gli apparecchi a parete sono installati a una certa distanza dal pavimento (il suo valore dipende dalla presenza di bambini piccoli in casa, più giovani sono – più alto è il riscaldatore installato), i modelli di battiscopa sono posizionati più comodamente sotto le aperture delle finestre, quindi possono bloccare in modo affidabile il flusso di aria fredda nella stanza da strade.

Riscaldatori elettrici a infrarossi: come sceglierli e acquistarli

Come i riscaldatori a convezione d’aria, i riscaldatori a infrarossi sono dotati di un termostato, un sensore di spegnimento automatico del surriscaldamento e, nel caso di modelli a pavimento, un sensore di arresto del ribaltamento..

Riscaldatori a infrarossi per tubi e pellicole

Oltre ai tipi di elementi riscaldanti descritti, le lampade alogene sono utilizzate come emettitori di raggi infrarossi, in un bulbo di vetro di cui un filamento di tungsteno è posto in un gas inerte, solitamente una miscela di azoto e argon. Le lampade a infrarossi vengono utilizzate come emettitore di infrarossi autonomo e vengono installate in un portalampada in ceramica E27. La temperatura del filamento delle lampade a infrarossi è compresa tra 2200 e 2500 ° C, la lunghezza d’onda dell’infrarosso è compresa tra 0,76 e 1,5 micron, ovvero sono classificati come emettitori di infrarossi ad alta temperatura e onde corte. Le lampade IR sono disponibili da 150 a 250 W..

Vengono prodotti due tipi di lampade a infrarossi: IKZ e IKZK. Le lampade IKZ (specchio a infrarossi) sono esternamente simili alle lampade alogene convenzionali, spesso utilizzate per illuminare uffici e locali residenziali in faretti. La differenza è che la luce che generano è più nell’infrarosso che nella parte visibile dello spettro..

Le lampade IKZK (specchio rosso a infrarossi) emettono più raggi infrarossi rispetto alla loro analogica IKZ – la loro lampadina è realizzata in vetro rosso scuro, a causa del quale queste lampade si illuminano molto debolmente ed emettono raggi infrarossi abbastanza intensamente.

Riscaldatori elettrici a infrarossi: come sceglierli e acquistarli

Le lampade a infrarossi sono ampiamente utilizzate nell’allevamento di pollame e bestiame, nelle imprese di lavorazione del legno – il loro prezzo è basso (in media, lampade IKZ – 50 rubli, IKZK – 90 rubli), ma non dureranno a lungo, non più di un anno. Tali lampade possono essere utilizzate in uffici e locali residenziali, ad esempio installando diversi pezzi in lunghi corridoi o agli ingressi degli edifici, come protezione contro la formazione di ghiaccio durante la stagione fredda. All’interno di una normale altezza del soffitto (fino a 3 m), dovrebbero essere utilizzate lampade a infrarossi con un rivestimento smerigliato del bulbo di vetro, che diffondono i raggi infrarossi: la radiazione infrarossa a onde corte generata dalle lampade è piuttosto dura e le persone non possono essere costantemente sotto di essa.

I riscaldatori a infrarossi a pellicola sono interessanti già perché non hanno una custodia: la pasta di carbonio viene applicata al film polimerico con uno strato di 1 micron, sopra il quale sono incollati sottili fili di carbonio, i contatti di lamina di rame sono collegati ad essi, su entrambi i lati il ​​film con elementi riscaldanti è laminato con poliestere speciale, con elevate caratteristiche antincendio e di isolamento elettrico. La temperatura di riscaldamento media di un riscaldatore a infrarossi a film è di 45 ° С (minimo – 30 ° С, massimo – 110 ° С), durante il funzionamento emette raggi infrarossi a onde lunghe (da 5 a 20 micron). Spessore film – 0,4 mm, potenza del riscaldatore – 500 W.

Riscaldatori elettrici a infrarossi: come sceglierli e acquistarli

I riscaldatori a infrarossi a film sono destinati all’installazione in ambienti residenziali e uffici come un “pavimento caldo” – sotto il rivestimento del pavimento di finitura, come parquet, laminato, moquette, linoleum. È consentita l’installazione sotto un rivestimento in ceramica o pietra, tuttavia solo gli specialisti possono eseguire questo lavoro. Il costo del film a infrarossi per l’installazione di un pavimento caldo è di circa 1100 rubli. per m2.

Oltre al rivestimento del film per l’installazione sotto la finitura del pavimento, vengono prodotti riscaldatori di film decorativi con varie immagini sul lato anteriore, progettati per l’installazione su pareti. La loro area, di regola, è piccola – circa 0,6 m2, prezzo medio – 850 rubli. per un dispositivo.

Il riscaldatore a pellicola IR viene fornito con un termostato regolabile e un cavo di alimentazione. La durata di tali riscaldatori è di oltre 20 anni, a causa delle loro prestazioni di alta qualità e dell’uso periodico (durante lo stoccaggio a lungo termine, il rivestimento del film potrebbe risentirne).

Revisione comparativa di tre modelli di riscaldatori IR chiusi

Studiamo le caratteristiche di tre modelli popolari di riscaldatori a infrarossi a soffitto dei marchi Ecoline, Rio e Ballu con una capacità di 1000 W.

specificazioniICO-10RIO-10Ballu BIH-1.0
alimentazione e consumo di energia
tensione, V220-230220-230220-230
frequenza Hz505050
corrente consumata, A4.64.64.5
potenza massima, W100010001000
controllo
termostato ambienteno (opzione aggiuntiva)no (opzione aggiuntiva)no (opzione aggiuntiva)
Caratteristiche generali
tipo di conchigliamonoblocco orizzontalemonoblocco orizzontalemonoblocco orizzontale
materiale corporeometallometallometallo
colori primaribiancabiancabianca
tipo di elemento riscaldanteelemento riscaldante a bassa temperaturaelemento riscaldante a bassa temperaturaelemento riscaldante a bassa temperatura
tipo di installazionesoffittosoffittosoffitto
protezione dall’umiditàimprecisatoimprecisatoIP 20
classe di protezione elettricaindefinedindefinedio
kit di montaggioc’èc’èc’è
per riscaldamento d’ambiente, m220 – in bassa stagione 10 – in inverno20 – in bassa stagione 10 – in inverno20 – in bassa stagione 12 – in inverno
altezza della sospensione, mpiù di 2.5più di 2.5più di 1.8
dimensioni LxAxL, cm16x4x10014x7x11015x45x163
Peso (kg4.74.15.2
proprietario del marchioEcoline LLC, RussiaRiolend LLC, RussiaBallu Industrial Group, Cina
Paese d’origineRussiaRussiaRussia
garanzia, annicinque33
durata stimata, anni778
costo medio, sfregamento.
320036002900

Riscaldatori elettrici a infrarossi: come sceglierli e acquistarli ICO-10

Analizziamo le informazioni tabulari al fine di determinare l’acquisto più redditizio tra i tre modelli considerati:

  • i modelli “Ecoline” e “Rio” differiscono l’uno dall’altro nelle linee di forma – il primo è tenuto in linee rigorosamente rette, il secondo ha una forma ovale. Il layout del modello Ballu è qualcosa in mezzo: le linee principali del suo corpo sono dritte, i lati terminali hanno una forma semi-ovale;
  • la maggior parte delle caratteristiche tecniche di tutti e tre i modelli considerati sono quasi identiche, tutte sono dotate di un elemento riscaldante tubolare a bassa temperatura collocato in una custodia di alluminio, tutti e tre mancano di un termostato nella confezione, che dovrà essere acquistato separatamente (il suo costo medio è di 950 rubli);
  • Va notato che le schede tecniche per i prodotti dei marchi Ecoline e Rio contengono pochissime informazioni tecniche, a mio avviso, in contrasto con le informazioni contenute nella scheda tecnica del modello considerato del riscaldatore Ballu;
  • la lunghezza del riscaldatore a infrarossi Ballu BIH-1.0 supera di un terzo la lunghezza degli altri due modelli, il che consente di aumentare la zona di riscaldamento;
  • Il periodo di garanzia dichiarato dai produttori dei modelli descritti di riscaldatori a infrarossi non può in questo caso servire da motivo per scegliere, poiché la durata di un elemento riscaldante tubolare – l’elemento principale di un riscaldatore a infrarossi – è determinata precisamente a 7-8 anni. Di conseguenza, ogni produttore può chiamare in modo sicuro qualsiasi periodo di garanzia, la cosa principale è che è inferiore alla vita media dell’elemento riscaldante;
  • il prezzo medio per il riscaldatore a infrarossi Ballu è inferiore rispetto agli altri due modelli recensiti.

Riscaldatori elettrici a infrarossi: come sceglierli e acquistarli RIO-10

Conclusione: considerando una presentazione più completa delle informazioni tecniche nella scheda tecnica, la maggiore lunghezza del corpo e dell’elemento riscaldante, nonché il costo inferiore con le stesse caratteristiche degli altri due modelli recensiti, il modello di riscaldatore a infrarossi Ballu BIH-1.0 è riconosciuto in base ai risultati della revisione come la migliore acquisizione, rispetto ai due altri modelli.

Riscaldatori elettrici a infrarossi: come sceglierli e acquistarli Ballu BIH-1.0

Come scegliere un riscaldatore a infrarossi

Tra i modelli di battiscopa, pavimento, parete e soffitto dei riscaldatori a infrarossi, i dispositivi a soffitto sono più adatti per il riscaldamento di una casa, poiché la loro radiazione opera in una gamma più ampia. Per coprire le “zone morte” in cui i raggi generati dal riscaldamento a soffitto non penetrano, è necessario utilizzare apparecchi da parete e da pavimento o lampade IKZ con una finitura opaca sulla lampadina. I criteri principali per la scelta dei riscaldatori a infrarossi a soffitto sono riportati in questo articolo..

Secondo l’area di riscaldamento, i modelli di riscaldatori a infrarossi a soffitto possono essere suddivisi in diversi tipi, a seconda della loro potenza:

  • Gli apparecchi da 400 W sono progettati per il riscaldamento di ambienti con una superficie non superiore a 4 m2 – ingresso, bagni (purché il riscaldamento sia impermeabile almeno IP 24), ripostigli, servizi igienici, ecc .;
  • I riscaldatori a infrarossi con una potenza di 500 W sono generalmente disponibili in forma di cassette e sono progettati per l’installazione in un controsoffitto del tipo Armstrong, ad es. utilizzato per il riscaldamento a zone in uffici e case;
  • I modelli da 600 W sono progettati per aree di riscaldamento non superiori a 12 m2 in bassa stagione e 6 m2 nella stagione invernale;
  • Una potenza di 1000 W consente al riscaldatore IR di riscaldare 15-20 m2 in autunno e primavera, in inverno – circa 10 m2;
  • i riscaldatori con una potenza di 1300 W non devono essere installati a un’altezza di 2,7 m dal livello del pavimento, perché la radiazione generata da loro è abbastanza forte e, a un’altezza di installazione inferiore, può causare un colpo di calore in una persona situata sotto di loro. In bassa stagione, questi riscaldatori scaldano 26 m2, con tempo freddo – 13-14 m2.

I riscaldatori industriali a infrarossi, la cui potenza varia da 2000 W a 4000 W, non possono essere utilizzati in edifici residenziali: sono progettati per altezze significative del soffitto.

I riscaldatori a infrarossi a pavimento sono meno efficienti di quelli a soffitto perché ci sono più ostacoli opachi nel percorso della radiazione che generano. Quando si sceglie un modello da pavimento, è necessario prestare attenzione al tipo di riscaldatore elettrico: l’elemento riscaldante e l’elemento in carbonio sono i più adatti, il meno importante è l’elemento in ceramica (a causa della minore durata) e l’elemento alogeno non è assolutamente adatto, perché genera onde corte e nei riscaldatori a infrarossi domestici è consentita solo la radiazione ad onde lunghe.

Va notato che il costo dei dispositivi a pavimento e a parete può essere lo stesso, e se dotato di un elemento in carbonio, e superare il costo dei più potenti riscaldatori a infrarossi a soffitto – i dispositivi con un elemento riscaldante a 700 W costano circa 3000 rubli, con un elemento in carbonio con una potenza di 900 W – circa 3800 rubli … Tuttavia, la maggior parte dei modelli a pavimento e a parete sono dotati di un termostato, sensori di surriscaldamento e ribaltamento, mentre per i modelli a soffitto queste sono opzioni aggiuntive..

Funzionamento del riscaldatore a infrarossi

I modelli a soffitto sono i meno esigenti: è solo necessario rimuovere periodicamente la polvere dalle loro superfici esterne.

Gli apparecchi da pavimento e parete non devono essere coperti da alcunché durante il loro funzionamento, la distanza minima dal pannello frontale del dispositivo a qualsiasi oggetto, incluso dalla presa di corrente, deve essere di almeno un metro. Si consiglia di collegare il dispositivo a una presa con messa a terra. Prima di utilizzare il dispositivo in ambienti con elevata umidità dell’aria, assicurarsi che la sua classe di protezione dall’umidità sia uguale o superiore a IP24 (la classe di protezione dall’umidità è indicata nel passaporto tecnico del riscaldatore).

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy