Riscaldamento autonomo a pavimento d’acqua

Il riscaldamento a pavimento è un sogno di molte persone. Si ritiene che sia impossibile realizzare un piano del genere da soli. Tuttavia, non lo è. Anche una versione così complessa di un pavimento caldo, come un pavimento con riscaldamento dell’acqua, può essere eseguita in modo indipendente. Come è descritto in questo articolo.

Uno dei modi più efficaci per riscaldare le stanze è organizzare un pavimento caldo. In questo caso, l’intera superficie del pavimento funge da elemento riscaldante. Allo stesso tempo, la stanza si riscalda uniformemente. Oltre all’efficacia di questo metodo, un enorme aspetto positivo del pavimento caldo è il suo comfort incondizionato. Ciò è particolarmente vero per le stanze in cui vengono utilizzati tipi di pavimenti “freddi”: pietra o piastrelle. Inoltre, utilizzando un pavimento caldo per riscaldare piccole aree, ad esempio una toilette o un bagno, è possibile, anche se non significativamente, risparmiare spazio utile..

In generale, ci sono due tipi di pavimenti caldi:

  1. Elettrico. L’elemento principale è un cavo elettrico che si riscalda quando una corrente elettrica lo attraversa. È montato sulla superficie del pavimento esistente. Il rivestimento del pavimento è posato sopra: piastrelle, laminato, linoleum o moquette, gli ultimi due richiedono un massetto livellante con uno spessore minimo.
  2. Acqua: l’acqua calda che scorre attraverso i tubi installati nel massetto riscalda la superficie del pavimento.

Quando si sceglie l’una o l’altra opzione per un pavimento caldo, devono essere presi in considerazione diversi fattori.

Efficienza energetica.Da questo punto di vista, i pavimenti riscaldati ad acqua sono più economici. Ciò è dovuto al fatto che l’acqua viene riscaldata, di regola, da una caldaia a gas e che il costo del gas come vettore energetico è significativamente inferiore al costo dell’elettricità.

Prezzo.Il costo di un riscaldamento a pavimento elettrico consiste nel costo del cavo stesso della lunghezza richiesta, il costo di un sensore di temperatura, un termostato e un isolamento termico necessari affinché il calore vada solo verso l’alto, senza riscaldare l’intero spessore del pavimento. All’importo totale dovrebbe essere aggiunto il costo di un ramo separato di cablaggio elettrico necessario per fornire la potenza richiesta per gli elementi di riscaldamento elettrico. Il costo di un riscaldamento a pavimento ad acqua è il costo dei tubi attraverso i quali scorrerà acqua calda, isolamento termico e massetto, in cui questi tubi sono incorporati. I tubi sono collegati a una caldaia di riscaldamento a gas esistente. Un calcolo accurato del costo di tutti gli elementi può dare una risposta sull’opportunità di utilizzare uno o un altro tipo di pavimento caldo in un caso particolare.

producibilità.Il riscaldamento a pavimento elettrico, rispetto all’acqua, è più tecnologico. Per equipaggiarli, è necessario montare l’isolamento termico, fissare il cavo, installare un sensore di temperatura nel posto giusto, collegare i cavi elettrici ed estrarre il termostato. Successivamente, viene posato il rivestimento del pavimento. Per attrezzare i piani d’acqua, è necessario prima realizzare un massetto di cemento, sopra il quale posare l’isolamento termico, quindi montare i tubi, che, a loro volta, sono riempiti con un secondo massetto di cemento. Il rivestimento del pavimento è posato su di esso. Il massetto di cemento principale obbligatorio impone restrizioni sull’area di utilizzo dei pavimenti riscaldati ad acqua: di norma si tratta solo di case in pietra con pavimenti in cemento o dei primi piani di qualsiasi altra casa con solide fondamenta in cemento armato.

Nonostante la bassa producibilità dei pavimenti riscaldati ad acqua, un notevole risparmio nell’uso li rende più preferibili nei luoghi in cui la loro installazione è, in linea di principio, possibile. Di seguito viene descritto come realizzare pavimenti riscaldati ad acqua nella propria casa con le proprie mani.

Strumenti e materiali

1. Calcestruzzo. In generale, il lavoro concreto è il principale quando si organizza un pavimento riscaldato ad acqua, senza contare, ovviamente, l’installazione dei tubi stessi. Tuttavia, il calcolo della quantità di materiali necessari per la loro attuazione è individuale in ciascun caso. La cosa principale da ricordare è che il materiale dovrebbe essere sufficiente per due massetti in cemento: la base, almeno 10 cm di spessore e quella di finitura, 5 cm di spessore.Se il pavimento è realizzato sopra il pavimento di cemento esistente, quindi la base non deve essere eseguita, rimane solo quella di finitura.

2. Il tubo è in metallo-plastica. Per la disposizione di un pavimento caldo, viene utilizzato un tubo metallo-plastica senza saldatura di alta qualità con un diametro di 16 mm. Durante il calcolo, è necessario tenere presente che per un riscaldamento uniforme della superficie del pavimento, è necessario fornire un nuovo ramo del liquido di raffreddamento ogni 5 m2 superficie. Cioè, per una stanza di 15 m2 è necessario creare tre rami di tubo indipendenti. Per ogni 5 m2 dovresti comprare circa 30 m di tubo.

3. Elementi di fissaggio per tubi in metallo-plastica.

4. Isolamento termico – isolamento termico rivestito con pellicola. Dovrebbe coprire l’intera superficie del pavimento.

Disposizione di un pavimento riscaldato ad acqua

1. Prepariamo la base per il massetto di cemento. Al primo piano, in modo che l’umidità del terreno non salga attraverso i pori del calcestruzzo fino al livello del pavimento residenziale, impermeabilizziamo le fondamenta. Successivamente, riempiamo i piani al livello desiderato. Per fare questo, è possibile utilizzare qualsiasi rifiuto di costruzione in pietra – frammenti di mattoni o intonaco vecchio. Riempiamo l’ultimo strato di ghiaia. Allineamo attentamente tutto e ram.

2. Versare il primo strato di calcestruzzo di 10 cm di spessore Per semplificare il processo, installare i fari. I tubi metallici possono essere utilizzati nella loro capacità; in questo caso, svolgeranno il ruolo di rinforzo.

3. Non dimenticare di portare i tubi per fognatura nei posti giusti.

Stiamo aspettando che il calcestruzzo si alzi completamente. Il massetto di cemento si asciuga in circa quattro settimane.

4. Procediamo con il pavimento isolante in foglio. Fissiamo le giunture con nastro adesivo speciale.

5. Iniziamo a posare i tubi. Affinché il pavimento si riscaldi uniformemente, ha senso farlo a spirale. Per fare questo, partendo dal punto di entrata, ci muoviamo a spirale con una distanza di circa 40 cm tra i rami al centro della stanza. Al centro, girati e vai nella direzione opposta, posando il tubo tra i rami adiacenti. Quindi, finiamo con una distanza tra i tubi adiacenti di circa 20 cm.

6. Il tubo viene piegato con l’aiuto di una molla speciale – ce ne sono generalmente due tipi: interno – nel nostro caso, non adatto – ed esterno – ciò che è necessario. Il tubo è fissato con apposite clip avvitate al pavimento con un gradino di 80-90 cm.

7. Portiamo le estremità dei tubi nel luogo in cui è installata la caldaia a gas. Se l’area di riscaldamento a pavimento è superiore a 5 m2, quindi impiliamo il ramo successivo in modo simile al precedente.

8. I tubi vengono posati, si procede al versamento del secondo strato di calcestruzzo, di circa 5 cm di spessore I tubi del riscaldamento a pavimento rafforzeranno questo massetto.

9. Colleghiamo i tubi alla caldaia di riscaldamento.

È richiesta la presenza di collettori all’ingresso e all’uscita. Innanzitutto, si tratta di flessibilità nella regolazione della temperatura delle zone. Nel secondo, abbiamo la possibilità di disconnettere completamente qualsiasi ramo dal liquido di raffreddamento, ad esempio, se fallisce.

10. È possibile utilizzare il riscaldamento a pavimento non prima che il calcestruzzo si indurisca completamente – in condizioni diverse si tratterà di periodi diversi, ma in ogni caso dovrebbe passare almeno un mese. Nel frattempo, puoi posare le piastrelle del pavimento. Di conseguenza, otterrai un pavimento liscio e bello su cui è piacevole camminare e che riscalderà l’intera stanza e puoi dimenticare i radiatori a parete..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy