Installazione CCTV fai-da-te: installazione dell’attrezzatura

Sezioni dell’articolo



Dopo aver selezionato tutti i componenti del tuo sistema di videosorveglianza, di cui ti abbiamo parlato in dettaglio nell’articolo precedente, puoi procedere all’installazione del sistema di videosorveglianza con le tue mani. Come fare ciò che vogliamo dirti nella recensione di oggi..

Nel precedente articolo – “Installazione di videosorveglianza fai-da-te: progettazione del sistema e selezione delle apparecchiature”, abbiamo considerato le problematiche della selezione delle apparecchiature in modo sufficientemente dettagliato. Ora parliamo dell’installazione di sistemi di videosorveglianza.

Installazione CCTV fai-da-te

Percorsi dei cavi: tipo e metodo di installazione

Per collegare tutti i componenti del sistema di videosorveglianza e il loro funzionamento nel suo insieme, è necessario posare correttamente i percorsi dei cavi. Questo è il primo passo per l’installazione di un sistema di videosorveglianza.

Indipendentemente dalla posizione, sia all’interno che all’esterno, l’installazione viene eseguita utilizzando un cavo coassiale o “doppino intrecciato”. Il primo è single-core; viene utilizzato per collegare videocamere analogiche; non richiede ulteriori adattatori video sulla linea. In realtà, questo è un normale cavo “antenna”. Per ridurre l’influenza negativa dell’interferenza elettromagnetica, il cavo coassiale è dotato di un rivestimento schermato protettivo esterno affidabile.

Installazione CCTV fai-da-te1 – doppino intrecciato con schermatura per il passaggio dell’aria esterno; 2 – cavo coassiale combinato con un cavo di alimentazione a due conduttori

La coppia intrecciata è un cavo con una o più coppie di conduttori intrecciati. A causa del legame, l’influenza negativa dell’interferenza elettromagnetica è significativamente ridotta. La coppia intrecciata viene solitamente utilizzata per collegare telecamere IP digitali.

A seconda del metodo di installazione, il cavo può essere progettato per uso interno o esterno. Tipi di installazione – per via aerea, sotterranea, su superfici orizzontali e verticali, ecc..

Si consiglia di iniziare a posare le linee dei cavi dalle telecamere più lontane dal DVR, solo successivamente. Questo ti aiuterà a fare buon uso del cavo La pratica dimostra che, indipendentemente dal luogo (stanza o strada), il cavo deve essere posato con un margine.

Instradamento dei cavi interni

Installazione CCTV fai-da-te

L’installazione di telecamere all’interno dei locali implica il fatto che non vi siano significativi cambiamenti di temperatura in essi. In tali condizioni, è consentito l’uso di canali via cavo, in cui è possibile posizionare più linee contemporaneamente. In pratica, il canale del cavo non sarà in grado di garantire protezione contro gravi danni fisici, ma in cambio aiuterà a nascondere tutti i fili da occhi indiscreti. Inoltre, tale guarnizione è l’osservanza delle norme di sicurezza antincendio. Se nella struttura in cui si trova la videosorveglianza sono previste condizioni aggressive dell’ambiente interno, è preferibile utilizzare una speciale ondulazione, che proteggerà i cavi da fattori esterni negativi.

Installazione CCTV fai-da-te

Per fissare i cavi, è importante utilizzare morsetti di alta qualità e affidabili, che ti serviranno per più di un anno, ma per diversi decenni. Nel caso in cui l’aspetto estetico non sia importante, è possibile utilizzare un nastro elettrico resistente. Se le linee dei cavi devono essere posate su cartongesso o strutture in legno, si consiglia di utilizzare una pinzatrice speciale con punti metallici. Pertanto, il fissaggio sarà affidabile e allo stesso tempo estetico (a differenza di chiodi e viti).

Posa di una linea via cavo per strada

La videosorveglianza esterna richiede un approccio speciale alla posa del cavo e del cavo stesso (utilizzano solo un cavo speciale per l’installazione all’aperto). Metodi aperti (tirando lungo le pareti o le recinzioni dell’oggetto, tirando attraverso l’aria usando pali di linee elettriche o supporti aggiuntivi) e metodi nascosti (sotterranei, pareti interne) per installare linee di cavi.

Installazione CCTV fai-da-te

Se hai bisogno di allungare un cavo verso un edificio vicino, nascondendolo da viste indesiderate, viene posizionato sottoterra in un normale tubo dell’acqua di plastica o metallo-plastica, per il quale devono essere scavate le trincee. Ciò è economicamente vantaggioso e persino più pratico rispetto all’utilizzo di un tubo corrugato specializzato. Se è previsto il movimento di veicoli o altre attrezzature pesanti nell’area protetta, i tubi metallici vengono posati in trincee per garantire una protezione adeguata delle linee di trasmissione dei dati.

Installazione CCTV fai-da-te

Quando si posano i fili attraverso l’aria all’aperto, non trascurare le naturali condizioni sfavorevoli: forti raffiche di vento e fulmini durante un temporale: la linea deve essere dotata di mezzi di protezione contro i fulmini (isolamento) e la lunghezza totale del circuito “aria” non deve superare i 35-50 m.

Se durante la posa del cavo diventa necessario piegarlo, ricordare che l’angolo di curvatura massimo non deve superare i cinque diametri dello stesso cavo. Altrimenti, è inevitabile un’interruzione di linea in curva..

Installazione CCTV fai-da-te

È importante tenere conto del fatto che le linee dei cavi del sistema di videosorveglianza non devono passare in prossimità (meno di 40 cm) ad altri cavi di alimentazione. Sono fonti dirette di campi elettromagnetici, che certamente interferiranno con il segnale delle telecamere a circuito chiuso..

Importante! Se le telecamere si trovano a una distanza superiore a 100 (telecamere IP) o 300 m (ibrida), agli intervalli indicati, è necessario installare inoltre replicatori di amplificatori di segnale.

Installazione di telecamere

Una telecamera di videosorveglianza non dovrebbe solo fornire una panoramica efficace dell’oggetto protetto, ma allo stesso tempo rimanere discreta per la vista di potenziali intrusi. Inoltre, deve essere accessibile per la manutenzione, se necessario..

Installazione CCTV fai-da-te

Le videocamere digitali sono collegate mediante un cavo a doppino intrecciato, due alette RG-45 e cavi di alimentazione. L’installazione di videocamere analogiche e ibride richiede l’uso di un cavo coassiale con connettori a tulipano: rosso – rispettivamente per alimentazione, bianco e giallo – per ricevere un segnale da un dispositivo video.

È importante selezionare elementi di fissaggio robusti e affidabili in modo che la fissazione minimizzi le vibrazioni, le vibrazioni e la possibilità di caduta della fotocamera. I supporti forniti con le fotocamere sono spesso poco pratici e inaffidabili. Ciò è stato dimostrato dalla pratica di specialisti nell’installazione di sistemi di videosorveglianza. Non installare telecamere (soprattutto all’aperto) su superfici metalliche o utilizzando staffe metalliche: durante un temporale, la telecamera si trasforma da un dispositivo di videosorveglianza in un eccellente parafulmine. Se le telecamere sono installate per la sorveglianza in condizioni di costruzione a lungo termine, si consiglia di collegarle immediatamente al DVR (ci sono frequenti casi di furto e smantellamento non autorizzato di dispositivi video).

Installazione del DVR

Sebbene il DVR sia il nodo principale, che riceve informazioni da tutte le telecamere collegate al sistema, la sua installazione e connessione è un processo semplice. Tutto ciò che serve è collegare correttamente le telecamere ai connettori destinati a loro, un monitor per la visualizzazione di informazioni e altri dispositivi periferici (tastiera, mouse del computer), nonché una fonte di alimentazione.

Installazione CCTV fai-da-te

Raccomandiamo di posizionare il DVR in un luogo protetto, nascosto agli occhi di estranei, ma con una costante circolazione dell’aria. La temperatura in questa stanza non dovrebbe superare i 30 gradi Celsius. L’uso aggiuntivo di una resistente scatola antivandalo con una chiave non sarà superfluo. Non surriscaldare il dispositivo.

Oltre al regime di temperatura e all’uso di ulteriori dispositivi di protezione, il luogo in cui si prevede di posizionare il DVR deve essere dotato di una rete elettrica (220 V) e di accesso a Internet.

Installazione CCTV fai-da-te

Collegamento del sistema di videosorveglianza all’alimentazione

Dopo aver installato l’apparecchiatura e instradato i cavi, è possibile fornire energia all’apparecchiatura.

Prima il registratore e poi le telecamere stesse. Se l’alimentazione non viene utilizzata tramite PoE, ma con un cavo separato attraverso speciali connettori della videocamera, è importante osservare la polarità (da più a più, da meno a meno). Ciò è dovuto al fatto che nei sistemi di videosorveglianza, DC 12V viene utilizzato per alimentare le telecamere..

Installazione CCTV fai-da-te

In generale, l’ordine di alimentazione è il seguente: prima forniamo energia alle telecamere utilizzando alimentatori o un cavo separato, quindi dalle telecamere al DVR.

Tutti i connettori e le connessioni devono essere il più possibile isolati dall’ambiente esterno e, per evitare l’ossidazione, è consigliabile utilizzare scatole di derivazione.

Messa in servizio della videosorveglianza (installazione di un videoregistratore)

Ci siamo avvicinati alla fase finale: è stato elaborato il progetto del sistema di videosorveglianza, sono stati acquistati tutti i componenti necessari, sono state posate le linee dei cavi, le videocamere sono fissate nei punti calcolati su dispositivi di fissaggio affidabili e il cavo corrispondente è collegato a loro – coppia coassiale o attorcigliata, – resta da andare alla messa in servizio lavoro. L’algoritmo classico per la loro implementazione comprende le seguenti fasi:

  • installazione di marcatori di data e ora su ciascun registratore;
  • formattazione dei dischi rigidi che intendono utilizzare come memoria per i dati multimediali;
  • impostazione della modalità di registrazione;
  • impostazione dell’accesso remoto a ciascuna telecamera.

La messa a punto del DVR è un argomento per un articolo separato: ne possiamo parlare a lungo. Notiamo solo che sempre più spesso i cancelli automatici sono integrati con la videosorveglianza – questo consente di attivare il meccanismo di apertura riconoscendo la targa. Se lo desideri, puoi costruire autonomamente una vera “casa intelligente”.

Installazione CCTV fai-da-te

Questo completa l’installazione del sistema di videosorveglianza: è completamente pronto per il lavoro. Dopo aver installato la videosorveglianza, non dimenticare che le apparecchiature (in particolare le videocamere) necessitano di manutenzione periodica: pulizia delle custodie, pulizia della polvere dagli obiettivi, ecc. Secondo l’esperienza degli specialisti, i sistemi di videosorveglianza e controllo accessi devono essere sottoposti a manutenzione almeno due volte l’anno. Ciò preserverà l’affidabilità e la durata del sistema di videosorveglianza..

Valuta questo articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Installazione CCTV fai-da-te: installazione dell’attrezzatura
10 modi per prolungare la vita dei fiori recisi