Convettori elettrici per il riscaldamento delle nostre case

Sezioni dell’articolo



In questo articolo: come funziona e funziona il termoconvettore; caratteristiche positive e negative; tipi di convettori elettrici; criteri per la scelta di un termoconvettore elettrico; requisiti di installazione e funzionamento.

Convettori elettrici

Tra tutti i mezzi e i metodi per riscaldare le nostre case, i più semplici si basano su apparecchi elettrici. Nonostante l’alto, rispetto ad altri vettori energetici, il costo dell’elettricità, facciamo ricorso al riscaldamento elettrico: il classico riscaldamento dell’acqua delle nostre case e dei nostri appartamenti spesso non è in grado di mantenere la temperatura ottimale al livello adatto a noi. Nella linea di riscaldatori elettrici, non l’ultimo posto è occupato da convettori elettrici: questo articolo è dedicato a questi dispositivi di riscaldamento.

Il principio di funzionamento e dispositivo dei convettori elettrici

La produzione in serie di tali riscaldatori è iniziata più di un secolo fa. I convettori elettrici assomigliano esternamente ai riscaldatori d’olio, solo il loro corpo è più piatto. Questi apparecchi sono montati a parete, a circa 100-150 mm dal livello del pavimento, oppure a pavimento, se dotati di ruote e piedini.

Nella custodia metallica piatta dei convettori elettrici, una o due griglie: la prima è stretta e invisibile, situata nella parte inferiore del dispositivo e rivolta verso il piano del pavimento. La seconda griglia si trova nella parte superiore del convettore e occupa circa il 15-20% della sua superficie verticale. All’interno del corpo del convettore è presente un elemento riscaldante, lungo la lunghezza delle cui piastre sono installate o è collocato in un involucro di alluminio – in entrambi i casi questa misura aumenta la superficie dell’elemento riscaldante e distribuisce meglio il calore generato da esso, aumentando così la durata dell’elemento riscaldante stesso. Il tubo dell’elemento riscaldante, realizzato in acciaio inossidabile, contiene un riempimento in magnesite ed è ermeticamente sigillato. Il convettore elettrico non richiede messa a terra, perché tutti i cavi elettrici in essi contenuti sono chiusi in doppio isolamento. La temperatura di riscaldamento dell’elemento riscaldante raggiunge i 1.000 ° C (a seconda del modello), mentre le pareti del corpo del convettore durante il suo funzionamento vengono riscaldate a non più di 65 ° C e non possono bruciare una persona se toccate accidentalmente. Nel caso di questo dispositivo è presente un sensore di controllo che interrompe l’alimentazione elettrica dell’elemento riscaldante in caso di surriscaldamento di emergenza.

Vengono prodotti modelli di convettori elettrici che ne consentono l’installazione in ambienti con elevata umidità dell’aria – il corpo di tali dispositivi è protetto dalla penetrazione di umidità all’interno.

Il termoconvettore elettrico viene riscaldato per convezione aerea. L’aria fredda entra attraverso la griglia inferiore nella sua sede verso il radiatore della resistenza, si riscalda ed esce attraverso la griglia superiore. Avendo dato calore alle pareti e al soffitto, l’aria si raffredda e sprofonda al livello del pavimento, da dove entra di nuovo nel convettore – e così via … I convettori elettrici con un corpo piatto non sono dotati di un ventilatore, quindi funzionano silenziosamente. Questi riscaldatori sono dotati di un termostato che mantiene la temperatura interna a un determinato livello.

Pro e contro dei convettori elettrici

Caratteristiche positive:

  1. Innanzitutto, facilità di installazione e utilizzo. È sufficiente posizionare il termoconvettore sulle gambe di supporto o fissarlo a parete, collegare il cavo di alimentazione alla presa e ora produce già calore;
  2. Il termoconvettore elettrico è progettato per una durata di servizio di 15 anni e non necessita di alcuna manutenzione speciale durante questo periodo. A meno che non sia necessaria una pulizia periodica dalla polvere;
  3. Costo relativamente basso – circa 4.000 rubli;
  4. Mantenendo la temperatura impostata nella stanza, il suo semplice compito è attraverso un set sul pannello elettronico del dispositivo. Non richiede un costante controllo umano;
  5. L’assenza di elementi mobili, a differenza dei convettori dotati di un ventilatore – e poiché non ce ne sono, non c’è nemmeno rumore. L’eccezione sono i convettori elettrici dotati di termostato meccanico: quando il riscaldatore viene acceso e spento quando viene raggiunta la temperatura impostata, si udirà un lieve clic nella stanza. I convettori con una centralina elettronica sono completamente silenziosi;
  6. Alta efficienza – circa il 95%;
  7. A differenza dei radiatori ad olio, i convettori elettrici riscaldano la stanza immediatamente dopo l’accensione, il periodo di riscaldamento medio per l’elemento riscaldante è di 30 secondi.

Caratteristiche negative:

  1. Consumo energetico significativo. Il consumo effettivo di elettricità da parte del termoconvettore dipenderà dalla perdita di calore nella stanza che riscalda: l’area delle finestre, il tipo di vetri e il materiale dei telai delle finestre, le dimensioni della stanza e la qualità del suo isolamento;
  2. Il riscaldamento costruito solo su convettori elettrici non è adatto per locali di grandi dimensioni. Sarà razionale utilizzare solo per il riscaldamento aggiuntivo locale;
  3. Con ogni anno di funzionamento, le caratteristiche di riscaldamento di questi dispositivi diminuiscono, la loro efficienza diminuisce;
  4. Insieme ad altri dispositivi di riscaldamento che utilizzano il riscaldamento ad aria radiante e convettivo, i convettori asciugano l’aria. Inoltre, il flusso di aria calda da essi formato trasporta polvere in tutta la stanza..

Tipi di convettori elettrici

In termini di dimensioni e posizione, i convettori elettrici sono divisi in due gruppi: a parete e indipendenti, alti fino a 65 cm; pavimento (battiscopa), alto fino a 20 cm Un elemento riscaldante di maggiore potenza e che sviluppa una temperatura più elevata rispetto agli elementi riscaldanti nei convettori a pavimento viene introdotto nella progettazione di convettori elettrici “alti”. Il riscaldamento significativo dell’elemento riscaldante insieme all’altezza del corpo creano nei convettori “alti” l’effetto del tiraggio della stufa, che accelera lo scambio di calore nella stanza. Pertanto, la larghezza di tali convettori elettrici è piccola – non più di 7 cm. Il peso dei convettori elettrici, a seconda della potenza e delle dimensioni, sarà di 3-9 kg.

Pro e contro dei convettori elettrici

I convettori a pavimento hanno una larghezza maggiore – da 300 mm a 3000 mm in alcuni modelli e in essi la temperatura di riscaldamento inferiore viene compensata dagli elementi di riscaldamento più lunghi. Sono destinati all’installazione sotto aperture vetrate del tipo “portafinestra”. Vantaggi dei convettori elettrici a pavimento: creano flussi di convezione di minore intensità, grazie ai quali il riscaldamento della stanza è più uniforme; a differenza dei convettori “alti”, i riscaldatori a pavimento sono più efficaci nel riscaldare lo strato d’aria inferiore nell’atmosfera della stanza. L’unico problema è che per il termoconvettore elettrico a pavimento è difficile trovare un posto per posizionarlo in modo da non urtarlo quando si cammina o si sposta un mobile. L’opzione migliore sarebbe installare un convettore a pavimento in una nicchia nel pavimento e coprirlo in cima con una griglia, ma ciò è possibile solo con la pianificazione iniziale dei locali per l’installazione di tali convettori..

Come scegliere un termoconvettore elettrico?

Prima di tutto, un convettore elettrico viene selezionato per un’area specifica della stanza in base al rapporto di 80-90 W per 1 m2, quelli. per riscaldare una stanza con una superficie di 10 m2 avrai bisogno di un dispositivo da 800 W. Se la stanza ha soffitti più alti dei 2,4-3 m più standard – la potenza deve essere sopravvalutata di 1,5-2 volte, se il convettore elettrico verrà utilizzato come ausiliario – inferiore.

Il secondo criterio è se il termostato è elettronico o meccanico. I convettori con termostato meccanico, che vengono impostati manualmente su un quadrante o una tastiera, sono più economici. Tuttavia, durante il funzionamento, sono meno precisi e non sono in grado di rispondere rapidamente a una diminuzione della temperatura ambiente al di sotto di un livello prestabilito. Il costo dei convettori elettrici con un termostato elettronico è superiore di circa il 25-30% rispetto ai loro omologhi con un termostato meccanico. Esiste un altro tipo di termostati per convettori elettrici: programmabile, la cui impostazione è più flessibile e consente di impostare il livello orario della temperatura ambiente. Ad esempio, in assenza di inquilini, è possibile impostare la temperatura a +12 ° C e, qualche tempo prima del loro ritorno, istruire il termoconvettore per aumentarlo a un livello più confortevole livello adeguato.

Pro e contro dei convettori elettrici

Sarà conveniente acquistare un termoconvettore di installazione universale – dotato di gambe rimovibili (ruote) e di alette per il fissaggio fisso al muro. Se necessario, un tale riscaldatore può essere rimosso dalla parete e installato in un posto prioritario per il riscaldamento. I convettori fissi richiedono una determinazione precisa del luogo in cui verranno installati – c’è abbastanza spazio libero sulla parete, c’è una presa di corrente nelle vicinanze.

L’elemento del termoconvettore elettrico, da cui dipende effettivamente la durata del dispositivo di riscaldamento – dieci. Gli elementi riscaldanti di alta qualità dureranno almeno 15 anni, pertanto i produttori i cui prodotti sono dotati di elementi riscaldanti di alta qualità possono facilmente fornire lunghi periodi di garanzia per il termoconvettore, a partire da 2 anni o più. Teng in un termoconvettore elettrico deve avere una cassa in acciaio di alta qualità, che è garantita per resistere alle temperature sviluppate dal filamento al suo interno.

Importante: scoprire se questo termoconvettore è dotato di una protezione elettrica da surriscaldamento automatico – deve esserlo!

In base al grado di resistenza all’umidità, il termoconvettore elettrico deve avere un IP di almeno 21 (protetto da gocce d’acqua). Se intendi installare in ambienti con elevata umidità (bagno, stanza da bagno), avrai bisogno di un dispositivo con IP 24 (protetto contro gli spruzzi d’acqua) e superiore – può essere installato vicino a una fonte d’acqua (piscina, vasca) a una distanza di oltre 60 cm.

Produttori di convettori elettrici sul mercato russo: tedesco Siemens, Unitherm, Stiebel Eltron e Vaillant, norvegese Adax e Nobo, Atlantico francese, Noirot, Campa e Thermor “, finlandese” Ensto “, sloveno” IMP Klima “. I convettori elettrici domestici sono prodotti da Saturn Teplo LLC, Delsot CJSC, Tekhnoholod LLC, Warmann LLC, società Eva, ecc..

In custodia

Quando si sceglie un termoconvettore con un termostato elettronico o programmabile, è necessario privilegiare marchi noti e comprovati.

Non dovresti ignorare i requisiti dei produttori per l’installazione di convettori elettrici: la distanza dalla presa più vicina non dovrebbe essere inferiore a 10 cm e la presa dovrebbe essere posizionata sul lato o sotto il corpo del convettore, ma non sopra di esso. Il cavo di alimentazione non deve entrare in contatto con il corpo del convettore, la distanza tra il riscaldatore e la parete in caso di posizionamento fisso deve essere di almeno 5 mm.

Non coprire la griglia superiore del termoconvettore elettrico con alcun oggetto: non sarà possibile asciugare le cose su questo dispositivo, il surriscaldamento attiva il sensore di arresto di emergenza.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy