Scegliere una porta impiallacciata: cosa cercare

Sezioni dell’articolo



In questo articolo: Tecnologia per porte impiallacciate tela vuota e solida; tipi di impiallacciatura e metodi per ottenerlo; pro e contro di diversi tipi di impiallacciatura; caratteristiche positive e negative delle porte impiallacciate; criteri per la scelta di una porta impiallacciata.

Scegliere una porta impiallacciata: cosa cercare

Le porte interne sono un attributo obbligatorio di qualsiasi casa; sono progettate per delimitare lo spazio, compresi quelli privati ​​e pubblici. Sembrerebbe che il design delle porte moderne e la varietà di materiali con cui sono realizzati ti consentano di realizzare qualsiasi capriccio della casa, tuttavia, le porte in vetro e metallo caratteristiche degli stili moderni e high-tech sono popolari solo negli uffici. E nelle case e negli appartamenti privati, il legno naturale rimane popolare, il cui svantaggio principale è il prezzo elevato. Per dotare le porte interne di porte esterne in legno e non sostenere costi eccessivi, le porte impiallacciate lo consentiranno.

Tecnologia di produzione di porte impiallacciate

Le porte interne impiallacciate sono prodotte in due versioni: un’anta cava (piatta, con pannelli sagomati o rivestiti) in una struttura solida e un’anta in legno massiccio incollato in una struttura in legno.

La creazione di un’anta porta vuota inizia con la costruzione di un telaio in legno di pino (di solito con una sezione di 30×33 mm), la cui umidità non è superiore all’8%, che evita putrefazione, crepe e curvature del telaio durante il funzionamento della porta. Se una finestra con doppi vetri viene inserita nell’anta, sarà necessario un telaio aggiuntivo, esposto lungo il perimetro del vetro, i suoi montanti orizzontali sono fissati con una scanalatura al telaio principale (esterno).

Il telaio finito su un lato dell’anta futura viene incollato con un pannello MDF da 4 mm, quindi un riempitivo a nido d’ape in cartone o, in alcuni modelli, piastre in schiuma di polistirene estruso viene posizionato nella cavità tra le nervature del telaio, dopo che il riempimento della cavità viene sigillato con un secondo pannello MDF.

Scegliere una porta impiallacciata: cosa cercare

Prima di impiallacciare le superfici delle ante finite con impiallacciatura, è necessario preparare il materiale di finitura. Il fatto è che la larghezza delle strisce di impiallacciatura naturale raramente supera i 300 mm ed è necessario formare fogli da loro, la cui larghezza è leggermente più grande della larghezza dell’anta. L’impiallacciatura è ordinata per trama e colore in modo che le strisce adiacenti si specchino a vicenda – ogni seconda striscia viene ruotata di 180 ° per questo. Le strisce così raccolte vengono posizionate in una macchina speciale in cui sono incollate: un nastro adesivo (filo) viene inserito nella linea di una cucitura diritta o a zig-zag e le strisce di impiallacciatura vengono incollate insieme a baffi o sovrapposte.

Scegliere una porta impiallacciata: cosa cercare

Al termine di questa operazione, i fogli di impiallacciatura formati vengono puliti lungo la linea di cucitura dalla colla in eccesso e ruotati secondo il modello dell’anta..

Ora le superfici dell’anta assemblata sono incollate (impiallacciate) con fogli preparati di impiallacciatura naturale, il cui spessore è di 1-2 mm. La colla viene applicata su entrambi i lati dell’anta, vengono posati i fogli da impiallacciatura e l’anta viene posizionata in una pressa a caldo, che preme strettamente l’impiallacciatura sulla base in MDF e accelera l’indurimento dello strato adesivo. Quindi l’anta viene posizionata in una pressa finale, dopo aver incollato l’impiallacciatura lungo il perimetro delle estremità dell’anta. L’anta impiallacciata della futura porta interna subisce una smerigliatura delle superfici fino a quando non diventano perfettamente lisce, dopo di che le sue superfici sono coperte con due strati di vernice incolore bicomponente. Il rivestimento con vernice consente di migliorare le proprietà decorative dello strato di impiallacciatura (colore e trama), nonché di aumentare la protezione dell’anta dalla penetrazione dell’umidità.

La foglia solida dell’anta della porta è assemblata da travi di pino, ben montate e incollate insieme in uno scudo mediante pressatura a caldo. La base dell’anta finita viene sottoposta a fresatura e rettifica del profilo, quindi incollata con pannelli in MDF, quindi con fogli da impiallacciatura simili alle ante vuote – queste e le fasi successive della loro produzione coincidono.

Le ante vuote delle porte, rivestite con impiallacciatura naturale, pesano molto meno di quelle realizzate in legno massiccio incollato, il che consente di utilizzare cerniere e elementi del telaio della porta meno potenti per appenderle, sono relativamente economiche – circa 3.500 rubli. dietro l’anta (senza scatola). Lo svantaggio delle porte cave impiallacciate è l’insufficiente rigidità dell’anta – un colpo accidentale può causare un buco, che è quasi impossibile da chiudere senza danneggiare l’aspetto della porta.

Rispetto alle porte cave, le porte impiallacciate con una base impiallacciata laminata sono estremamente difficili da perforare; sarà solo possibile graffiare la finitura dell’impiallacciatura. A causa del loro peso significativo, le ante con una struttura in legno massiccio incollato devono essere appese a una struttura rinforzata utilizzando accessori particolarmente resistenti. Il costo delle porte impiallacciate con una solida cornice incollata è di circa 6.000 rubli. dietro l’anta – sono più costosi di quelli cavi, poiché sono più difficili da fabbricare.

Scegliere una porta impiallacciata: cosa cercare

Oltre alle porte interne impiallacciate, ci sono porte d’ingresso in metallo, anche rifinite con impiallacciatura naturale. Innanzitutto, i pannelli in MDF sono fissati all’anta di una porta di metallo mediante viti autofilettanti, quindi i fogli da impiallacciatura vengono incollati su di essi. Una scelta razionale sarebbe una porta di metallo, il cui interno (rivolto verso l’interno della casa) è rifinito con impiallacciatura naturale, e l’esterno – con un pannello in plastica o MDF, poiché la sostituzione di un tale pannello è molto più semplice rispetto alla sostituzione del rivestimento impiallacciato.

Esistono tre modi per rifinire la superficie della porta con impiallacciatura: rivestimento a freddo, caldo e vuoto a membrana. La tecnologia più semplice è l’impiallacciatura a freddo: l’impiallacciatura è incollata alle superfici sotto una pressa. La pressatura a caldo comporta l’uso di una pressa a caldo e di adesivi speciali e i suoi risultati superano le caratteristiche del rivestimento a freddo. Il metodo di rivestimento con membrana a vuoto consente di rifinire sia le superfici piane che quelle con rilievo complesso con impiallacciatura naturale, ed è quindi la più efficace tra le altre.

Tipi di impiallacciatura

Le impiallacciature a fette, segate e sbucciate si distinguono per il metodo di produzione. Piallando una trave di legno su macchine speciali, le impiallacciature sono ottenute da pregiate specie di legno (noce, betulla careliana, mogano, acacia, ecc.) Con una trama particolarmente bella, 0,2-5 mm di spessore. L’impiallacciatura segata, spessa 1-10 mm, si ottiene segando il legno tenero, è costosa e viene utilizzata principalmente nella creazione di strumenti musicali. Peeling – tagliando a spirale dai trucioli di spessore 0,1-10 mm – produce l’impiallacciatura pelata più economica, per la quale vengono utilizzati legno di quercia, betulla, ontano e pino.

Scegliere una porta impiallacciata: cosa cercare

L’impiallacciatura ottenuta con uno dei metodi sopra descritti si chiama naturale, perché durante la sua produzione, la trama del legno rimane invariata e non subisce alcuna modifica. Altri due tipi di impiallacciatura – linea sottile e multi-impiallacciatura – subiscono una lavorazione speciale al fine di migliorare le caratteristiche decorative.

Le impiallacciature di linea sottile sono realizzate in legno naturale di specie di basso valore: alberi che crescono rapidamente (molto spesso pioppi). La tecnologia di produzione di impiallacciature di linea sottile consente di creare una trama e colori speciali che non corrispondono a nessuna delle specie di alberi conosciute. La produzione di impiallacciature di linea sottile avviene in più fasi: peeling e taglio a misura dei fogli ottenuti; essiccazione e selezione per colore; attraverso la pittura per immersione in una vasca di vernice; incollare fogli da impiallacciatura con identica direzione delle fibre in blocchi sotto pressione; piallatura del blocco risultante per ottenere un’impiallacciatura di una certa trama. Vantaggi dell’impiallacciatura fine – un determinato motivo, completa assenza di difetti sotto forma di nodi, ecc. Contro: l’impiallacciatura ricostruita risulta fragile e eccessivamente porosa, il che aumenta il consumo dell’adesivo quando posizionato sull’anta.

Scegliere una porta impiallacciata: cosa cercare

La ricostruzione di una multi-impiallacciatura viene eseguita secondo un metodo generalmente simile alla tecnologia di produzione di impiallacciature di linea sottile, tuttavia i blocchi vengono assemblati in modo che la trama finale del modello abbia una forma geometrica. Di conseguenza, le caratteristiche positive e negative dell’impiallacciatura multipla sono le stesse dell’impiallacciatura fine..

Caratteristiche delle porte impiallacciate

Il vantaggio principale delle ante delle porte rifinite con impiallacciatura naturale è la bellezza naturale del legno a un prezzo relativamente basso. una fascia fatta di una serie naturale di specie preziose costerà molte volte di più. Inoltre, le caratteristiche positive delle porte impiallacciate includono:

  • unicità della trama, varietà di colori;
  • resistenza a temperature estreme e alta umidità negli ambienti;
  • manutenibilità per lievi danni alla superficie;
  • suono basso e trasferimento di calore;
  • sicurezza ambientale per le famiglie.

Ci sono alcuni svantaggi delle porte impiallacciate:

  • Difficoltà a trovare più porte con una trama simile
  • la superficie si scurisce con un’esposizione prolungata alla luce solare.

Le caratteristiche operative delle porte impiallacciate dipendono in gran parte dalla professionalità di un particolare produttore, dalla precisione con cui i processi tecnologici sono stati seguiti e dai materiali di cui è stata utilizzata la produzione durante il montaggio.

Come scegliere una porta impiallacciata?

Le porte impiallacciate sono prodotte da molte aziende con capacità diverse: il criterio di “attività a lungo termine” potrebbe non funzionare, poiché le giovani aziende, i cui laboratori sono dotati di attrezzature moderne prodotte dall’UE, tecnicamente superano i produttori con un “nome”, ma con attrezzature e tecnologie obsolete. Anche la solita scelta “per il prezzo” non funziona: i prodotti più economici possono rivelarsi di qualità molto migliore rispetto agli analoghi costosi. Inoltre, l’acquirente può provare a vendere porte rifinite con impiallacciatura artificiale (eco-impiallacciatura, laminato), che è difficile da distinguere dal naturale.

Scegliere una porta impiallacciata: cosa cercare

La scelta di una porta è più corretta basarsi su un’ispezione visiva dei modelli di ante proposti:

  • apprezzare la trama e il motivo delle superfici impiallacciate. Se la trama viene ripetuta, soprattutto su due o più ante, vengono rifinite con impiallacciatura artificiale. Non può esserci una completa coincidenza di trama per due ante rifinite con impiallacciatura naturale dello stesso tipo di legno;
  • verificare la qualità dell’impiallacciatura nelle sezioni terminali dell’anta. Se l’impiallacciatura, leggermente raccolta da un’unghia, si ritarda facilmente dietro la base, la porta è di scarsa qualità;
  • le superfici impiallacciate non devono contenere incrinature o cavità nella loro struttura;
  • controlliamo la qualità della verniciatura: i pori sulla superficie dell’impiallacciatura non devono sporgere da sotto la vernice, se visti sotto un flusso di luce, lo strato di vernice dovrebbe essere uniforme su tutta l’area dell’anta, ad es. non sono ammesse macchie;
  • l’anta non deve emettere un forte odore “chimico”. Non ascoltare le assicurazioni dei venditori che “l’odore passerà presto”.

Prima di pagare per un’anta che ti piace, assicurati di scoprire se il suo prezzo include un telaio, accessori (in tal caso, quale qualità e con quali garanzie), consegna e installazione.

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy