Posa di piastrelle su colla epossidica: regole e scelta dei materiali

Sezioni dell’articolo



Le proprietà del normale adesivo per piastrelle non sono sempre sufficienti per soddisfare le condizioni operative. Dalla recensione imparerai quali adesivi dovrebbero essere usati per i rivestimenti che vengono utilizzati sott’acqua o in un ambiente aggressivo e quali regole devono essere seguite quando si posano le piastrelle..

Posa di piastrelle su colla epossidica: regole e scelta dei materiali

Proprietà e portata della colla

Il rivestimento in piastrelle ha solo proprietà protettive sulla superficie. Il punto debole di tale finitura sono le cuciture tra le piastrelle, che alla fine collassano sotto l’influenza dell’erosione e delle vibrazioni meccaniche. Allo stesso tempo, l’accesso alla giuntura adesiva viene aperto per l’umidità, a causa della quale il peeling della piastrella e la perdita di proprietà impermeabili sono inevitabili.

L’adesivo bicomponente per piastrelle epossidiche ha una maggiore duttilità, quindi le cuciture non si rompono. L’elevata resistenza e resistenza ai prodotti chimici aggressivi assicurano un funzionamento a lungo termine anche in condizioni molto difficili. Inoltre, l’adesivo epossidico ha una maggiore adesione, il che riduce l’effetto dei difetti del substrato sulle proprietà finali del rivestimento..

Posa di piastrelle su colla epossidica: regole e scelta dei materiali

Gli adesivi per piastrelle epossidiche sono in genere a base poliuretanica. L’adesivo contiene due componenti: un indurente liquido e una pasta tixotropica. La tixotropia è la proprietà che fornisce alla composizione un’alta viscosità a riposo, tuttavia, sotto l’azione meccanica, la colla si liquefa in modo significativo. Ciò aumenta l’usabilità della miscela adesiva e semplifica il processo di allineamento..

Usando l’adesivo epossidico per piastrelle, è possibile fornire contemporaneamente elevate proprietà impermeabilizzanti del rivestimento e la sua resistenza al funzionamento in ambienti aggressivi. Lo scopo diretto di tale colla è quello di rivestire serbatoi con liquidi e pavimenti in ambienti periodicamente esposti a forte umidità. Nella vita di tutti i giorni, l’adesivo per piastrelle epossidiche viene utilizzato nella costruzione di docce, decorazioni di piscine e pavimenti di garage..

Posa di piastrelle su colla epossidica: regole e scelta dei materiali

L’alto costo della colla bicomponente non ne consente l’utilizzo ovunque. Spesso è più semplice applicare una barriera al substrato e utilizzare una miscela adesiva altamente resistente all’umidità elevata. Tuttavia, se nella struttura sotto le piastrelle vengono utilizzati materiali per i quali l’ingresso di acqua è inaccettabile o il rivestimento verrà utilizzato a contatto costante con il liquido, la colla epossidica fornisce il primo circuito di impermeabilizzazione affidabile con elevata resistenza alle influenze esterne.

La colla epossidica è adatta per incollare quasi tutti i tipi di piastrelle, compresi gres porcellanato e mosaici, che il nostro sito Soviets.RU ha già descritto in dettaglio. Esistono alcune peculiarità nel lavorare con rivestimenti di grande formato, perché la miscela deve essere preparata in porzioni separate e tenere conto del suo tempo di vita limitato. Non è assolutamente consentito mescolare una composizione fresca con una preparata in precedenza, come si pratica quando si usano miscele secche.

Regole di preparazione di base

Nonostante il fatto che dopo la polimerizzazione dell’adesivo epossidico mantenga la sua plasticità, esistono requisiti piuttosto rigidi per la preparazione del sottofondo. Si riferiscono a livellamento, densità e resistenza, assorbimento d’acqua e pulizia.

Posa di piastrelle su colla epossidica: regole e scelta dei materiali

Il metodo di preparazione deve essere scelto in base al tipo di base:

  • Per il calcestruzzo cellulare, si consiglia di applicare uno strato di intonaco resistente all’umidità come Ceresit CT 25 per murature senza soluzione di continuità o budget Polimin ШВ-1 su base cemento-calce per giunture sottili.
  • Le superfici in calcestruzzo delle strutture monolitiche devono essere fatturate prima di applicare lo strato preparatorio. Dopo aver realizzato numerose tacche con uno scalpello, la superficie deve essere coperta con intonaco polimero-cemento – Ceresit CT29 o una miscela di cemento-sabbia convenzionale secondo GOST 57984-2017, seguita da un rivestimento con un idrorepellente.
  • I muri di mattoni sono preparati mediante intonacatura con una rete di rinforzo o spruzzatura senza rinforzo. Sono adatte miscele standard con superplasticizzante aggiunto.
  • La preparazione del muro a secco consiste nel taglio corretto dei giunti, incollando il nastro di rinforzo e applicando l’adesivo per piastrelle resistente al gelo con uno strato di 5-10 mm. Dopo l’asciugatura, la superficie deve essere completamente impregnata di primer acrilico per superfici altamente assorbenti..

Posa di piastrelle su colla epossidica: regole e scelta dei materiali

Come puoi vedere, una delle qualità più importanti di una superficie ruvida è la resistenza all’acqua. A causa della sua elevata viscosità, l’adesivo per piastrelle su base epossidica non è in grado di penetrare in profondità nei pori del materiale, lo strato di contatto è di poco più di un millimetro. Pertanto, la superficie deve essere solida, priva di crepe e abbastanza densa da sostenere bene il carico di strappo. L’aumento dell’umidità della base, la presenza di polvere o sporcizia su di essa, riducono l’adesione a quasi zero. E anche se dopo la posa su un substrato non pulito, viene creata l’impressione di un rivestimento forte e affidabile, in condizioni operative estreme, le piastrelle si staccano quasi immediatamente..

Prima di utilizzare l’adesivo epossidico per piastrelle, leggere i requisiti di preparazione del produttore. Determinano non solo le tolleranze di allineamento, ma anche metodi di preparazione speciali e materiali compatibili..

Preparazione e caratteristiche dell’uso della colla

L’adesivo per piastrelle viene fornito in un contenitore di plastica rigida in forma quasi finita, basta mescolare la base con l’indurente usando un miscelatore da costruzione o una punta da trapano. Tuttavia, il processo di cottura ha una serie di funzioni. Ad esempio, si consiglia vivamente di versare la porzione preparata della miscela in un contenitore pulito e rimescolare. Questa regola, che è considerata comune per tutte le miscele multicomponente, eviterà la formazione di una massa scarsamente mista che si raccoglie sul fondo e sulle pareti..

Posa di piastrelle su colla epossidica: regole e scelta dei materiali

Come già accennato, non è categoricamente permesso mescolare composizioni preparate in tempi diversi, ciò riduce significativamente la durata della miscela. A seconda del produttore e del marchio, può durare 60-120 minuti, il che è abbastanza per esaurire l’intera porzione di colla. Ciò consente di miscelare la base con l’indurente senza dividersi in porzioni, il che significa che il rapporto consigliato tra gli ingredienti è garantito. Se per qualche motivo è necessario preparare piccole porzioni, si consiglia di utilizzare una bilancia elettronica per il dosaggio..

Qualsiasi contenitore a base di polietilene è adatto per la miscelazione. Dopo l’asciugatura, i residui di colla si staccano facilmente dalle pareti e dal fondo, quindi non ci saranno problemi speciali con la pulizia. Tuttavia, è necessario prestare attenzione in altri aspetti: rimuovere i residui di colla secca dal pavimento e lo strumento sarà un grosso problema, quindi è necessario pulire immediatamente la colla e lavare periodicamente lo strumento durante il funzionamento.

Tecnica per la posa di piastrelle su adesivo bicomponente

Lavorare con la colla a base epossidica ha solo due sfumature. In primo luogo, quando si posano le piastrelle, è indispensabile pulire a fondo le cuciture, evitando che i residui di colla si induriscano al loro interno, che, dopo l’asciugatura, sarà estremamente difficile da rimuovere. In secondo luogo, si dovrebbe tener conto delle proprietà tixotropiche della miscela e comprendere che una maggiore viscosità non è un segno di indurimento troppo rapido. La colla stabilizzata e addensata deve solo essere agitata intensamente, dopo di che può essere facilmente applicata con un pettine, per analogia con le miscele convenzionali. È meglio attendere circa un minuto prima di posizionare le piastrelle sulla colla in modo che la viscosità della miscela aumenti. Per il livellamento, è sufficiente spostare leggermente la piastrella: regolando l’intensità dell’effetto meccanico, è possibile ottenere diversi gradi di liquefazione. Non è consigliabile piantare le piastrelle con colpi di mazzuolo..

Posa di piastrelle su colla epossidica: regole e scelta dei materiali

Le piastrelle possono essere piastrellate 24 ore dopo la posa, il rivestimento può assumere il carico operativo dopo 7 giorni. Come riempitivo comune (fuga), puoi usare la colla su cui sono posate le piastrelle. Lo svantaggio di questa malta è la gamma limitata di colori: la maggior parte dei produttori offre fino a una dozzina di tonalità universali, il che non è sufficiente per creare un rivestimento con qualità estetiche davvero elevate. La speciale fuga epossidica ha la stessa base della colla, ma differisce nell’uso di pigmenti di qualità superiore e un riempitivo finemente disperso. Questa malta fornirà una grande varietà di tonalità e la loro saturazione..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy