Porte tagliafuoco

Sezioni dell’articolo



In questo articolo considereremo le caratteristiche di design delle moderne porte resistenti al fuoco, capiremo come funzionano, dove vengono utilizzate, come sono montate e gestite. Presteremo particolare attenzione a norme e standard, problemi di certificazione e problemi di prezzo.

Porte tagliafuoco

Le statistiche sul fuoco indicano inequivocabilmente che il tasso di propagazione del fuoco diventa la causa di enormi perdite materiali, nonché di casi di morte in massa di persone. Le alte temperature deformano rapidamente porte e finestre e bloccano le vie di fuga e impediscono ai soccorritori di svolgere rapidamente il proprio lavoro. I prodotti di combustione tossici stanno diventando un grosso problema, sono loro che penetrano facilmente attraverso le aperture e sono il principale fattore dannoso per le persone in difficoltà. Si scopre che il compito più importante delle moderne strutture edilizie antincendio sarà quello di localizzare l’incendio, preservare l’operabilità di tutte le porte dell’edificio..

Cosa sono le “porte tagliafuoco”

Le porte tagliafuoco (DP) possono anche essere definite resistenti al fuoco, al fuoco, al fuoco o al fuoco. Inoltre, parleremo direttamente delle porte, anche se nel settore delle costruzioni questa categoria comprende anche portelli, finestre, cancelli, tende, tende, schermi, chiusure …

Pertanto, le porte tagliafuoco sono considerate prodotti installati nelle aperture delle strutture degli edifici e servono a creare una barriera antincendio. I compiti svolti da tali porte sono semplici e chiari:

  • non permettere al fuoco e alle alte temperature di diffondersi tra le stanze;
  • non lasciare che fumo e prodotti di combustione gassosa attraversino la porta;
  • impedire l’inceppamento dell’anta nel telaio della porta e preservare la funzionalità di serrature, ferramenta e accessori.

Come capire il termine “resistenza al fuoco” PD

Fatto: nessuna porta può resistere al fuoco per sempre. Anche speciali sistemi di porte antincendio funzionano per un certo periodo di tempo, dopo di che appare uno degli “stati limite” nella struttura. In effetti, questa è la perdita di una proprietà importante per noi:

  1. Integrità (E).
  2. Capacità di isolamento termico (I).
  3. Limitazioni del livello di trasferimento di calore attraverso il vetro (W).
  4. Tenuta al fumo e gas (S).

A seconda del tempo trascorso il quale si verifica uno di questi stati critici, le categorie di porte tagliafuoco si distinguono in base al limite di resistenza al fuoco. Qui sono indicati gli indici delle lettere di specifici stati limite e i numeri sono il tempo di stabilità in minuti (di solito da 15 a 120). Gli indicatori di integrità e isolamento termico sono considerati i principali per la certificazione, pertanto la marcatura di tipo più comune è: EI-30, EI-60. Ma tali opzioni sono anche possibili: EIW-45, EIS-30 o, ad esempio, EIWS-15.

Quali materiali vengono utilizzati per la produzione di porte resistenti al fuoco

In questo caso, stiamo parlando della struttura spaziale del potere delle porte – scatole e foglie. Stranamente, ci sono diverse opzioni. Immediatamente, notiamo che le porte in metallo-plastica (almeno per ora) non possono essere ignifughe, il che è spiegato dalla bassa resistenza del PVC alle alte temperature.

Porte tagliafuoco

Il leader indiscusso tra i vari tipi di prodotti sono le porte tagliafuoco in metallo. La stragrande maggioranza dei PDM sono realizzati in acciaio laminato in metallo con uno spessore delle pareti di un millimetro. Ma gli sviluppatori ottengono anche risultati abbastanza buoni dalle porte in alluminio, sebbene questo materiale abbia un punto di fusione relativamente più basso.

Le porte tagliafuoco in legno (DPD) non sono un mito. I produttori ottengono EI-30 o EI-60 senza problemi, ma affinché il legno diventi non combustibile, è necessario adottare una serie di misure tecnologiche.

Le porte traslucide ignifughe, in vetro e vetrate, differiscono l’una dall’altra per la percentuale di spazio in bianco e aperto. I prodotti vetrati sono prodotti con finestre fino al 25 percento dell’area di apertura e prodotti in vetro con un’apertura leggera superiore al 25%.

Porte tagliafuoco

Dove si consiglia di installare porte tagliafuoco

Le porte tagliafuoco possono essere utilizzate come ingresso esterno e come interno (interroom, interfloor, tecnico …), sono installate in edifici residenziali e pubblici, nonché in produzione. Esiste un elenco di locali che devono essere protetti da porte resistenti al fuoco, in Russia è contenuto in SNiP 21-01-97.

La pratica mostra che i DP più utili saranno dove:

  • esiste il pericolo di incendi (colorifici, laboratori chimici, locali caldaie, cucine, ecc.);
  • valori e documenti materiali sono archiviati (bancomat, magazzini, archivi, fondi, ecc.);
  • si trovano importanti apparecchiature e comunicazioni di ingegneria (generazione, server, centralino, pompaggio, ecc.);
  • è probabile che il fuoco e il fumo si diffondano (condotti di ventilazione, pozzi degli ascensori, aperture della soffitta, passaggi / corridoi, ecc.);
  • c’è un gran numero di persone (ospedali, scuole, uffici, negozi, condomini, ecc.);
  • attraversare percorsi per l’evacuazione di emergenza (scale di emergenza, vestiboli, uscite ausiliarie, ecc.).

Porte tagliafuoco

Di recente, c’è stata la tendenza delle persone a iniziare attivamente a installare porte ignifughe negli appartamenti e persino nei cottage privati..

Caratteristiche di progettazione dei blocchi resistenti al fuoco

I modelli ignifughi non presentano differenze fondamentali rispetto ai sistemi di porte convenzionali. In realtà, si tratta di prodotti appositamente modificati, nella progettazione di quali materiali e componenti speciali vengono utilizzati. Possono anche essere a foglia singola e a doppia foglia (identici o multi-dimensionali, attivi e statici), compresi i traversi, vetrati, arcuati. Con il metodo di apertura: incernierato, scorrevole, pieghevole.

La resistenza al fuoco del blocco porta può essere combinata con altre proprietà utili per le porte senza problemi. Ad esempio, i DP sono: alta classe di resistenza al furto con scasso, antiproiettile, resistente al gelo, antideflagrante, resistente agli urti …

È interessante notare che la finitura della tela e della cornice non deve limitarsi alla pittura laconica: la tela PD è spesso rivettata con legno massello, impiallacciatura, laminato resistente al fuoco, pelle artificiale, pannelli MDF impregnati di ritardanti di fiamma. Tuttavia, la nebulizzazione in polvere, resistente alle alte temperature, è il leader indiscusso..

La foglia delle porte tagliafuoco in metallo viene creata rivestendo le nervature di rinforzo (di norma, questo è un tubo profilato) con lamiere di acciaio di spessore 1-3 mm. Questi fogli sono fissati su entrambi i lati della tela, dall’esterno, di solito il metallo è realizzato con un afflusso del telaio – con uno sconto, una piega. In totale, lo spessore dell’anta è raramente inferiore a 50 mm e, con alti tassi di resistenza al fuoco, tende al segno di 100 mm (naturalmente, aumenta anche il peso).

Porte tagliafuoco

Le tele di legno sono realizzate anche su una cornice spaziale da una barra o da un solido impiombato.

Le porte traslucide non sono mai interamente in vetro; c’è sempre una cornice metallica attorno all’anta. I prodotti di grandi dimensioni, di regola, sono divisi in sezioni da un profilo orizzontale intermedio: un’impostazione. Il vetro stesso, ovviamente, è resistente al fuoco, le sue proprietà speciali sono raggiunte usando pellicole resistenti al calore o speciali riempitivi di elio situati tra gli strati di una “torta” complessa. A proposito, può far parte di un’unità di vetro a una e due camere resistente al fuoco.

L’elemento più importante nell’anta del blocco di fuoco è l’isolante. In questo caso, schiuma, polistirolo espanso, cartone cellulare non sono adatti. L’opzione ideale per DPM e DPD è la lana minerale, che può resistere a lungo a temperature inferiori ai mille gradi. Inoltre, interferisce con il trasferimento di calore, il che significa che non consente alla tela di surriscaldarsi dal lato interno (rispetto al fuoco). In precedenza, veniva utilizzato l’amianto, ma a causa delle sue proprietà dannose si rifiutavano.

Il telaio PDM è realizzato in rotolo di metallo saldato di alta qualità o con un profilo piegato. Per porte resistenti al fuoco in legno, è possibile utilizzare sia telai in legno massello / giuntato che profili curvi. Tutti gli elementi cavi della scatola, come la tela, sono riempiti con materiale isolante non combustibile.

Una soglia in una forma o nell’altra è parte integrante di una porta tagliafuoco, anche se il prodotto viene utilizzato come porta interna. Non ci sono problemi con le strutture di ingresso in legno o metallo, qui la soglia viene sempre applicata. I blocchi delle porte interne sono dotati di soglie di mortasa automatiche che, essendo caricate a molla, toccano sempre il pavimento con la loro guarnizione. Per le porte di vetro sottili, vengono utilizzate soglie automatiche aeree, poiché è impossibile costruire tali elementi nella tela.

La soglia DP è necessaria per fornire un circuito completo di protezione da fumo e gas. Risolve anche altri compiti più tradizionali: isola il calore e il suono, diventa un ostacolo per polvere, insetti e correnti d’aria..

Il profilo di tenuta è l’elemento direttamente incaricato delle funzioni di sigillare l’apertura in caso di incendio. Tradizionalmente, vengono utilizzati due contorni, che si trovano sulla tela o sui bordi della scatola. Esistono anche sistemi a tre circuiti, se la configurazione del telaio e dell’anta lo consente. Un nastro profilato in gomma funge da guarnizione “fredda” funzionante, ma in casi di emergenza funzionano materiali stampati termoindurenti. Il sigillo termoindurente a temperature elevate durante un incendio si espande e “sigilla” completamente gli spazi tra la tela e la scatola, blocca la diffusione di fumo, sostanze tossiche, aria calda.

Porte tagliafuoco

Un elemento obbligatorio di una porta tagliafuoco è un chiudiporta (da pavimento, da esterno, da incasso), poiché solo un blocco di porte chiuse adempirà alla sua funzione. Inoltre, le doppie porte dovrebbero essere dotate di dispositivi che coordinano l’ordine di chiusura delle ante. La particolarità di questi accessori, adatti per sistemi PD, è la resistenza al fuoco.

Porte tagliafuoco

Per quanto riguarda i raccordi, è anche necessario prestare attenzione alla sua resistenza alle alte temperature. I modelli resistenti al fuoco di serrature e maniglie mantengono le loro prestazioni e forma quando riscaldati, mentre i prodotti convenzionali possono espandersi e bloccare le porte. Le maniglie specializzate, anche se sono fatte, diciamo, di ottone, hanno un nucleo di acciaio all’interno che non si scioglierà troppo rapidamente.

Nei DP in legno, i raccordi metallici sono protetti da speciali guarnizioni termoisolanti e da materiali termoindurenti per fogli. Quindi il metallo non si riscalda e non brucia attraverso la struttura elettrica della porta.

Un altro punto degno di nota è il collaudato sistema antipanico, che semplifica notevolmente l’evacuazione di un gran numero di persone, anche in condizioni di fumo elevato..

Installazione di porte tagliafuoco

DP può essere installato sia sul bordo dell’apertura, sia end-to-end – tra due pareti. Non ci sono requisiti tecnici speciali rispetto ai design convenzionali. Il fissaggio viene effettuato attraverso la scatola o attraverso le piastre di montaggio; per il fissaggio vengono utilizzati ancoraggi o perni in acciaio. Ma l’approccio per colmare i vuoti di montaggio è più complicato: sono sigillati con cemento o schiuma antincendio specializzata.

Attenzione! Affinché le porte antincendio siano accettate dalle autorità di regolamentazione, la loro installazione deve essere effettuata da organizzazioni autorizzate dal Ministero delle Emergenze della Russia.

Porte tagliafuoco

Standard e supporto documentale per PD

La produzione di porte tagliafuoco viene effettuata sulla base di GOST generali “porta”, rilevanti per strutture in acciaio, vetro, legno. Tuttavia, affinché il blocco delle porte sia considerato resistente al fuoco, deve essere conforme alle disposizioni del “Regolamento tecnico sulla sicurezza antincendio” (Legge federale n. 123 del 22 luglio 2008). Un documento altrettanto importante per quanto riguarda il funzionamento della DP è SNiP 21-01-97 “Sicurezza antincendio di edifici e strutture”.

È possibile scoprire la presenza di speciali proprietà antincendio della porta solo dai risultati del test, che vengono eseguiti in conformità con GOST R 53307-2009 e GOST R 53303-2009.

I test antincendio e antifumo del blocco della porta vengono eseguiti in laboratorio (FGBU VNIIPO EMERCOM della Russia), la loro essenza è semplice: il campione è esposto ad alta temperatura e pressione. Non appena si nota uno degli stati limite, questa volta viene indicato nella marcatura del livello di resistenza al fuoco.

Le porte sono generalmente testate per ottenere un certificato di sicurezza antincendio. A proposito, secondo i requisiti delle “Norme tecniche sulla sicurezza antincendio” – la sua presenza è obbligatoria affinché la porta possa essere venduta come resistente al fuoco e il consumatore può far funzionare legalmente la DP nei locali designati in SNiP 21-01-97.

Le informazioni su tutti i parametri di una porta tagliafuoco specifica sono indicate nel passaporto del prodotto (richiesto da GOST 2.601-2006). Nel passaporto, l’utente può trovare:

  • informazioni generali sul prodotto;
  • informazioni sui certificati;
  • specifiche;
  • completezza;
  • requisiti per lo stoccaggio, il trasporto, la sicurezza;
  • raccomandazioni per l’installazione e il funzionamento;
  • condizioni di garanzia.

Quanto costa una porta tagliafuoco

Abbiamo già detto che la DP è, in linea di principio, una porta ordinaria, solo leggermente modernizzata. Ovviamente, costerà più della sua controparte “fredda”. L’ordine generale dei prezzi è il seguente: i campioni più semplici costeranno circa 10.000 rubli. Questo è un design a un piano con un piccolo limite di resistenza al fuoco, mentre i modelli a due piani nella versione base partono da 20 mila.

È necessario comprendere che maggiore è il limite di resistenza al fuoco richiesto, maggiore sarà la porta massiccia e costosa:

  1. L’esecuzione a tenuta di gas e fumo della DP è più di 1000 rubli al prezzo.
  2. La vetratura nel 25% dell’area per altri 800-900 rubli alleggerirà il portafoglio del consumatore.
  3. Da 1,5 a 4 mila è necessario pagare per un più vicino.
  4. Più di 4000 rubli – sincronizzatore di foglie in sistemi a due piani.
  5. 7-10 mila è la mortasa “antipanico”.

Naturalmente, gli algoritmi tradizionali per l’aumento dei costi funzionano anche per porte resistenti al fuoco. Il blocco della porta diventa più costoso con: un aumento delle dimensioni, l’implementazione di geometrie insolite (ad esempio, ad arco), il rivestimento con una finitura “più elite”, l’uso di serrature con maggiore segretezza, l’installazione di accessori di marca, l’uso di accessori speciali (forgiatura, rivestimenti, paraurti, paraurti, dispositivi di osservazione, SINDROME CORONARICA ACUTA …).

È interessante notare che le porte tagliafuoco in acciaio sono spesso più economiche dei modelli in legno e traslucidi..

Valuta l'articolo
( Ancora nessuna valutazione )
Condividi con gli amici
Suggerimenti su qualsiasi argomento da parte di esperti
Aggiungi un commento

Cliccando sul pulsante "Invia commento" acconsento al trattamento dei dati personali e accetto la informativa sulla privacy